Gran Premio del Brasile 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brasile Gran Premio del Brasile 1989
469º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 16 del Campionato 1989
Il tracciato di Jacarepagua
Il tracciato di Jacarepagua
Data 26 marzo 1989
Nome ufficiale XVIII Grande Prêmio do Brasil
Circuito Jacarepaguà
Percorso 5,031[1] km
circuito permanente
Distanza 61 giri, 306,981[1] km
Clima Sereno, con clima molto caldo[2]
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Italia Riccardo Patrese
McLaren - Honda in 1'25.302[1] Williams - Renault in 1'32.507[1]
(nel giro 47[1])
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
FerrariFerrari
2. Francia Alain Prost
McLaren - Honda
3. Brasile Maurício Gugelmin
March - Judd

Il Gran Premio del Brasile 1989 fu la prima gara della stagione 1989, disputata il 26 marzo sul Circuito di Jacarepaguà. La manifestazione venne vinta dal pilota dalla Ferrari Nigel Mansell, al debutto con la scuderia di Maranello. Completarono il podio Alain Prost su McLaren e il brasiliano Maurício Gugelmin, classificatosi per la prima volta terzo in un Gran Premio.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

  • In una sessione di test poco prima del Gran Premio Philippe Streiff, alla guida di una vettura dell'AGS, ebbe un gravissimo incidente, che lo paralizzò dalla vita in giù. La scuderia francese schierò per questa gara solo la monoposto di Joachim Winkelhock.
  • La Ferrari portò per la prima volta in gara un innovativo cambio semi-automatico.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo[3] Distacco[1]
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1'25"302
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1'26"172 +0"870
3 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1'26"271 +0"969
4 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 1'26"459 +1"157
5 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 1'26"620 +1"318
6 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 1'26"772 +1"470
7 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 1'27"035 +1"733
8 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 1'27"408 +2"006
9 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 1'27"437 +2"135
10 20 Regno Unito Johnny Herbert Benetton - Ford Cosworth 1'27"626 +2"324
11 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 1'27"865 +2"563
12 15 Brasile Maurício Gugelmin March - Judd 1'27"956 +"2754
13 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 1'28"274 +2"972
14 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 1'28"621 +3"319
15 22 Italia Andrea De Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1'29"005 +3"703
16 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 1'29"435 +4"133
17 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth 1'29"455 +4"153
18 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 1'29"573 +4"271
19 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 1'30"146 +4"844
20 4 Italia Michele Alboreto Tyrrell - Ford Cosworth 1'30"255 +4"953
21 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 1'30"375 +5"073
22 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 1'30"410 +5"108
23 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 1'30"643 +5"341
24 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 1'30"657 +5"355
25 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha 1'30"861 +5"559
26 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 1'31"009 +5"707
NQ 29 Francia Yannick Dalmas Lola Larrousse - Lamborghini 1'31"260 +5"958
NQ 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 1'31"376 +6"074
NQ 33 Svizzera Gregor Foitek EuroBrun - Judd 1'31"791 +6"489
NQ 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 1'32"561 +7"259

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Senna scattò piuttosto male, perdendo la testa della corsa a favore di Patrese e venendo poi a contatto con Berger: entrambi uscirono di pista, compromettendo così in modo definitivo la propria gara. Alle spalle di Patrese si inserirono quindi Mansell e Prost. L'ordine rimase invariato fino al 16º giro, quando Mansell sopravanzò il leader della corsa prendendo il comando; poche tornate più tardi il pilota della Ferrari effettuò il primo cambio gomme, imitato poco dopo dagli altri due.

Patrese perse contatto con i rivali, mentre Mansell continuò a condurre davanti a Prost; il francese rimase in prima posizione per due tornate dopo il secondo cambio gomme del rivale, ma dovette poi cedere nuovamente il comando all'inglese. Mansell continuò senza problemi fino al traguardo, nonostante le preoccupazioni del box Ferrari sulla durata dell'innovativo cambio semi-automatico e vinse la gara davanti a Prost, Gugelmin (al primo podio in carriera), Herbert (a punti già nella gara di debutto nonostante facesse ancora fatica a camminare per i postumi di un incidente subito in F3000 l'anno precedente), Warwick e Nannini.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa ritiro Pos Partenza Punti
1 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 61 1h38'58"744 6 9
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 61 + 7"809 5 6
3 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 61 + 9"370 12 4
4 20 Regno Unito Johnny Herbert Benetton - Ford Cosworth 61 + 10"493 10 3
5 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 61 + 17"866 8 2
6 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 61 + 18"241 11 1
7 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 60 + 1 giro 18
8 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 60 + 1 giro 21
9 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 60 + 1 giro 22
10 4 Italia Michele Alboreto Tyrrell - Ford Cosworth 59 + 2 giri 20
11 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 59 + 2 giri 1
12 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 58 + 3 giri 30
13 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 57 Motore 15
14 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth 56 Cambio 17
15 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 51 Alternatore 2
Rit 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 37 Incidente 24
Rit 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha 36 Incidente 25
Rit 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 27 Trasmissione 13
Rit 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 22 Sospensioni 7
Rit 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 10 Pompa benzina 9
SQ 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 10 Squalificato[4] 19
Rit 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 9 Trasmissione 14
Rit 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 3 Motore 4
Rit 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 2 Telaio 16
Rit 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 0 Incidente 3
Rit 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 0 Incidente 23
NQ 29 Francia Yannick Dalmas Lola Larrousse - Lamborghini
NQ 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth
NQ 33 Svizzera Gregor Foitek Eurobrun - Judd
NQ 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth
NPQ 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth
NPQ 39 Germania Volker Weidler Rial - Ford Cosworth
NPQ 32 Francia Pierre-Henri Raphanel Coloni - Ford
NPQ 41 Germania Joachim Winkelhock AGS - Ford Cosworth
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha
NPQ 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth
NPQ 37 Belgio Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 9
2 Regno Unito McLaren - Honda 6
3 Regno Unito March - Judd 4
3 Regno Unito BenettonFord Cosworth 4
5 Regno Unito ArrowsFord Cosworth 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Darren Galpin, 1989 Grand Prix of Brazil, Teamdan.org. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  2. ^ (EN) Grand Prix Results: Brazilian GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  3. ^ (EN) Brazil 1989 - Starting Grid, STATS F1. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  4. ^ Larini fu squalificato perché partito dalla piazzola sbagliata.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1988
Gran Premio del Brasile
Edizione successiva:
1990
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1