Maurício Gugelmin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauricio Gugelmin
Gugelmin.jpg
Dati biografici
Nazionalità Brasile Brasile
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1, CART
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1988, 1992
Scuderie Leyton House, Jordan
Miglior risultato finale 13° (1988)
GP disputati 80 (74 partenze)
GP vinti 0
Podi 1
Pole position 0
Giri veloci 1
 

Mauricio Gugelmin (Joinville, 20 aprile 1963) è un ex pilota di Formula 1 brasiliano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Le formule minori[modifica | modifica sorgente]

Gugelmin esordì nei kart ove vinse il campionato brasiliano nel 1980. L'anno seguente si impose nella Formula FIAT, e nel 1982 in Gran Bretagna vinse il campionato di Formula Ford 1600. Passò poi alla Formula Ford 2000, aggiudicandosi nel 1984 il Campionato Europeo. Nel 1985 passò in Formula 3 dove conquistò la vittoria nel prestigioso Gran Premio di Macao.

La carriera, fino a quel momento esaltante, s'arrestò quando Gugelmin l'anno seguente passò in Formula 3000: in due stagioni conquistò solo una vittoria.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986 Gugelmin aveva avuto contatti con la Lotus, che alla fine preferì Johnny Dumfries.[1] Nel 1988 passò alla March, insieme a Ivan Capelli. La vettura, progettata da Adrian Newey, era piuttosto competitiva e, dopo un inizio di stagione negativo, Gugelmin ottenne i primi punti nel Gran Premio di Gran Bretagna, con il quarto posto. Il brasiliano giunse quinto in Ungheria, concludendo il campionato in tredicesima posizione, con cinque punti.

Nel 1989 Gugelmin conquistò l'unico podio della sua carriera in Brasile (terzo) e fece segnare il giro più veloce nel Gran Premio di Francia; tuttavia il team aveva difficoltà economiche e questo ne limitò il potenziale.

Nel 1990 la March fu acquisita dallo sponsor principale, la casa finanziaria giapponese Leyton House; la nuova CG901, progettata da Adrian Newey, era però una vettura molto difficile da assettare[2], e Gugelmin fallì la qualificazione in quattro delle prime sei gare. Tuttavia nel Gran Premio di Francia la vettura, grazie ad alcune modifiche, si dimostrò molto competitiva, tanto da permettere a Capelli e Gugelmin, che non avevano effettuato il cambio gomme, di mantenere a lungo la prima e la seconda posizione. Il brasiliano fu però costretto al ritiro per la rottura del motore e nella stagione ottenne solo un punto al Gran Premio del Belgio.

La stagione seguente fu ancora peggiore: il progettista Newey se n'era andato, la vettura era assai scarsaa e il team aveva problemi economici; Gugelmin chiuse la stagione a zero punti. Il passaggio alla Jordan per il 1992 non migliorò le cose: anche il team irlandese aveva difficoltà economiche e una vettura poco competitiva, con un motore Yamaha debole e inaffidabile. Come l'anno precedente, Gugelmin chiuse la stagione senza punti e a fine anno si ritirò dalla Formula 1.

CART[modifica | modifica sorgente]

Abbandonata la Formula 1 corse per molte stagioni nel campionato nordamericano di Formula CART, ottenendo nel 1997 una vittoria a Vancouver.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 abbandonò le corse dopo essere uscito fortunosamente quasi illeso da un incidente nell'ovale di Texas-Fort Worth e dopo la perdita del figlio Giuliano che, tetraplegico dalla nascita, era morto per arresto cardiaco a soli quattro anni.

Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
March 881 Rit 15 Rit Rit Rit Rit 8 4 8 5 Rit 8 Rit 7 10 Rit 5 13º
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
March 881 e CG891 3 Rit Rit NQ Rit Rit NC Rit Rit Rit 7 Rit 10 Rit 7 7 4 16º
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Leyton House CG901 14 NQ Rit NQ NQ NQ Rit NP Rit 8 6 Rit 12 8 Rit Rit 1 18º
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Leyton House CG911 Rit Rit 12 Rit Rit Rit 7 Rit Rit 11 Rit 15 7 7 8 14 0
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Jordan 192 11 Rit Rit Rit 7 Rit Rit Rit Rit 15 10 14 Rit Rit Rit Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mauricio Gugelmin, GrandPrix.com. URL consultato il 5 novembre 2008.
  2. ^ Adriano Cimarosti, Grand Prix Story, Milano, Giorgio Nada editore, 1990, p.410, ISBN 88-7911-025-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]