Gran Premio del Brasile 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brasile Gran Premio del Brasile 1991
502º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 16 del Campionato 1991
Circuit Interlagos.svg
Data 24 marzo 1991
Circuito Circuito di Interlagos
Percorso 4,325 km / 2,687 US mi
circuito permanente
Distanza 71 giri, 307,075 km/ 190,807 US mi
Clima nuvoloso[1]
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Regno Unito Nigel Mansell
McLaren - Honda in 1:16.392 Williams - Renault in 1:20.436
(nel giro 35)
Podio
1. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda
2. Italia Riccardo Patrese
Williams - Renault
3. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda

Il Gran Premio del Brasile 1991 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 24 marzo 1991 all'autodromo José Carlos Pace di San Paolo. La gara è stata vinta da Ayrton Senna su McLaren.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:16.392
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:16.775 +0.383
3 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:16.843 +0.451
4 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:17.471 +1.079
5 28 Francia Jean Alesi Ferrari 1:17.601 +1.209
6 27 Francia Alain Prost Ferrari 1:17.739 +1.347
7 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 1:18.577 +2.185
8 15 Brasile Mauricio Gugelmin Leyton House - Ilmor 1:18.664 +2.272
9 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 1:18.847 +2.455
10 34 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 1:18.882 +2.490
11 29 Francia Eric Bernard Larrousse - Ford 1:19.291 +2.899
12 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 1:19.305 +2.913
13 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 1:19.339 +2.947
14 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 1:19.360 +2.968
15 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 1:19.517 +3.125
16 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 1:19.546 +3.154
17 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 1:19.832 +3.440
18 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 1:19.868 +3.476
19 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 1:19.954 +3.562
20 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 1:20.175 +3.783
21 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 1:20.502 +4.110
22 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 1:20.611 +4.219
23 26 Francia Erik Comas Ligier - Lamborghini 1:21.168 +4.776
24 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford 1:21.219 +4.827
25 7 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 1:21.230 +4.838
26 8 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 1:21.280 +4.888
NQ 10 Italia Alex Caffi Footwork - Porsche 1:22.190 +5.798
NQ 18 Svezia Stefan Johansson AGS - Ford 1:22.432 +6.040
NQ 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Porsche 1:22.739 +6.347
NQ 12 Regno Unito Julian Bailey Lotus - Judd 1:23.590 +7.198

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Senna mantiene il comando davanti a Mansell, Patrese, Alesi, Berger e Prost, guadagnando poi un margine di circa tre secondi nei primi otto giri. A partire da questo momento, però, Mansell comincia ad avvicinarsi e per il ventesimo giro il vantaggio del brasiliano è ridotto a sette decimi. Al 17º giro Prost, temendo di rimanere bloccato dietro alla Benetton di Piquet, effettua un pit stop; Mansell lo imita al 26º passaggio, ma la sua sosta dura ben quattordici secondi e questo lo fa scendere in quarta posizione, alle spalle di Patrese ed Alesi. Dopo i pit stop di questi ultimi, Mansell si trova a sette secondi dal leader della gara Senna; il pilota britannico rimonta lo svantaggio dal rivale e sembra poterlo superare, ma al 50º giro è costretto ad una seconda sosta da una foratura.

Senna ha però problemi con il cambio, che per il 60º passaggio ha perso la quarta marcia; Mansell potrebbe ancora rappresentare un'insidia per il brasiliano, ma il pilota della Williams è costretto al ritiro al 61º giro proprio per un problema al cambio. Il cambio di Senna perde via via tutte le marce ad eccezione della sesta; il brasiliano, pur a costo di grandi sforzi (a fine gara dovrà essere aiutato ad uscire dalla vettura e faticherà ad alzare la coppa del vincitore) riesce a rimanere in gara, nonostante diverse volte nelle curve lente la sua McLaren quasi si fermi. Tuttavia Patrese, anch'egli afflitto da problemi al cambio, non riesce ad approfittare delle difficoltà del rivale e Senna vince la gara di casa davanti a Patrese, Berger, Prost, Piquet ed Alesi.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritirato Partenza Punti
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 71 1:38:28.128 1 10
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 71 + 2.991 2 6
3 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 71 + 5.416 4 4
4 27 Francia Alain Prost Ferrari 71 + 18.369 6 3
5 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 71 + 21.960 7 2
6 28 Francia Jean Alesi Ferrari 71 + 23.641 5 1
7 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 70 + 1 giro 14
8 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 69 + 2 giri 21
9 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 68 + 3 giri 22
10 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 68 + 3 giri 18
11 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 68 + 3 giri 12
12 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 67 + 4 giri 26
13 32 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 63 Alimentazione 10
Ritirato 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 59 Cambio 3
Ritirato 26 Francia Érik Comas Ligier - Lamborghini 50 Motore 23
Ritirato 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 47 Uscita di pista 20
Ritirato 8 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 34 Motore 25
Ritirato 29 Francia Éric Bernard Larrousse - Ford 33 Radiatore 11
Ritirato 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 22 Problema elettrico 19
Ritirato 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 20 Motore 13
Ritirato 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 19 Cambio 9
Ritirato 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 16 Trasmissione 15
Ritirato 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 12 Uscita di pista 16
Ritirato 15 Brasile Maurício Gugelmin Leyton House - Ilmor 9 Problema fisico 8
Ritirato 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford 0 Sospensione 24
Ritirato 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 0 Pompa della benzina 17
NQ 10 Italia Alex Caffi Footwork - Porsche
NQ 18 Svezia Stefan Johansson AGS - Ford
NQ 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Porsche
NQ 12 Regno Unito Julian Bailey Lotus - Judd
NPQ 14 Francia Olivier Grouillard Fondmetal - Ford
NPQ 35 Belgio Eric van de Poele Modena Team - Lamborghini
NPQ 34 Italia Nicola Larini Modena Team - Lamborghini
NPQ 31 Portogallo Pedro Chaves Coloni - Ford

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 24
2 Italia Ferrari 10
3 Regno Unito Williams - Renault 6
3 Regno Unito Benetton - Ford 6
5 Regno Unito Tyrrell - Honda 5
6 Francia Larrousse - Ford 1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1991
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1990
Gran Premio del Brasile
Edizione successiva:
1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ f1pulse.com. URL consultato il 5 maggio 2009.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1