Gran Premio di San Marino 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marino Gran Premio di San Marino 1989
470º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 16 del Campionato 1989
Imola
Imola
Data 23 aprile 1989
Nome ufficiale IX Gran Premio di San Marino
Circuito Imola, Italia Italia
Percorso 5,040[1] km
Distanza 58[1] giri, 292,32[1] km
Clima Sereno[2]
Note Gara sospesa per incidente al 3º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Francia Alain Prost
McLaren - Honda in 1'26.010[1] McLaren - Honda in 1'26.795[1]
(nel giro 45)
Podio
1. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda
2. Francia Alain Prost
McLaren - Honda
3. Italia Alessandro Nannini
Benetton - Ford Cosworth

Il Gran Premio di San Marino 1989 fu la seconda gara della stagione 1989, disputata il 23 aprile sul Circuito di Imola. La manifestazione venne vinta dal pilota dalla McLaren Ayrton Senna, seguito dal compagno di squadra Alain Prost e dall'italiano Alessandro Nannini su Benetton - Ford Cosworth.

Al terzo giro Gerhard Berger fu vittima di un drammatico incidente alla curva Tamburello. A causa di un cedimento meccanico la sua Ferrari finì a muro a 290 km/h e prese fuoco. L'intervento tempestivo dei "Leoni" della CEA (gli addetti alla sicurezza antincendio di Imola) salvò il pilota, che se la cavò sorprendentemente con lievi danni ritornando in pista nel Gran Premio del Messico un mese dopo.

La gara venne sospesa e ripartì in seguito con il completamento dei 55 giri mancanti.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pre Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pos. No Pilota Costruttore Tempo
1 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 1:27.350
2 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 1:28.197
3 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:29.346
4 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 1:29.787
NPQ 37 Belgio Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth 1:30.384
NPQ 33 Svizzera Gregor Foitek EuroBrun - Judd 1.30.620
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth 1:30.631
NPQ 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 1:30.647
NPQ 41 Germania Joachim Winkelhock AGS - Ford Cosworth 1:32.071
NPQ 32 Francia Pierre-Henri Raphanel Coloni - Ford Cosworth 1:32.267
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha 1:32.287
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha 1:32.855
NPQ 39 Germania Volker Weidler Rial - Ford Cosworth 1:36.480

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pos. N. Pilota Costruttore Q1 Q2[3] Distacco[1]
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:42.939 1:26.010
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 1:44.538 1:26.235 +0.225
3 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 1:49.665 1:27.652 +1.642
4 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:47.486 1:27.920 +1.910
5 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1:42.781 1:28.089 +2.079
6 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 1:49.451 1:28.308 +2.298
7 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 1:45.536 1:28.854 +2.844
8 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 1:48.124 1:29.057 +3.047
9 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:48.868 1:29.069 +3.059
10 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 1:47.371 1:29.104 +3.094
11 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 1:47.321 1:29.152 +3.142
12 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 1:47.859 1:29.281 +3.271
13 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 1:48.178 1:29.385 +3.375
14 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 1:47.577 1:29.488 +3.478
15 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 1:46.800 1:29.503 +3.493
16 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:53.681 1:29.669 +3.659
17 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 1:48.415 1:29.761 +3.751
18 40 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth 1:48.795 1:29.913 +3.903
19 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 1:52.119 1:30.163 +4.153
20 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 2:00.293 1:30.168 +4.158
21 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 1:45.375 1:30.233 +4.223
22 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 1:46.279 1:30.271 +4.261
23 20 Regno Unito Johnny Herbert Benetton - Ford Cosworth 2:05.126 1:30.347 +4.337
24 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 1:46.483 1:30.697 +4.687
25 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 1:51.229 1:30.928 +4.918
26 29 Francia Yannick Dalmas Lola Larrousse - Lamborghini 1:58.083 1:31.137 +5.127
NQ 4 Italia Michele Alboreto Tyrrell - Ford Cosworth 1:51.329 1:31.206 +5.196
NQ 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 1:48.091 1:31.268 +5.258
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth 1:47.967 1:31.342 +5.332
NQ 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 1:50.947 1:31.775 +5.765

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Senna mantenne la testa della corsa, davanti a Prost, Mansell, Patrese e Berger; nel corso del quarto giro quest'ultimo andò a sbattere violentemente contro le barriere alla curva del Tamburello, a causa di un cedimento meccanico della sua Ferrari. La vettura dell'austriaco prese fuoco e il pilota si salvò solo grazie al tempestivo intervento degli uomini del servizio antincendio del circuito di Imola, che spensero il fuoco in meno di venti secondi[4]; Berger se la cavò con una costola rotta e delle ustioni alle mani.

La gara fu sospesa e si decise di organizzare una nuova procedura di partenza, disputando poi altri 55 giri oltre ai 3 già percorsi e stilando la classifica finale in base ai risultati complessivi. Al secondo via Prost scattò meglio del compagno di squadra, ma questi lo sopravanzò alla Tosa, nonostante i due avessero stabilito di non superarsi tra loro in quella curva nel corso del primo passaggio: a fine gara il francese criticò aspramente Senna per la manovra, che diede inizio ad un'aperta rivalità tra i due[4]. Il brasiliano condusse senza problemi fino al traguardo, precedendo il suo compagno di squadra; Nannini approfittò dei ritiri di Mansell e Patrese per conquistare il terzo gradino del podio, mentre i piazzamenti a punti andarono a Boutsen, Warwick e Palmer.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa ritiro Pos Partenza Punti
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 58 1:26:51.245 1 9
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 58 + 40.225 2 6
3 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 57 + 1 Giro 7 4
4 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 57 + 1 Giro 6 3
5 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 57 + 1 Giro 12 2
6 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 57 + 1 Giro 25 1
7 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 57 + 1 Giro 9
8 40 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth 57 + 1 Giro 18
9 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 56 + 2 Giri 21
10 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 56 + 2 Giri 16
11 20 Regno Unito Johnny Herbert Benetton - Ford Cosworth 56 + 2 Giri 23
12 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 52 Uscita di pista 14
Rit 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 51 Alim. combustibile 22
NC 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 46 Non classificato 24
Rit 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 43 Uscita di pista 15
Rit 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 39 Trasmissione 19
Rit 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 29 Motore 8
Rit 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 23 Cambio 3
Rit 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 21 Motore 4
Rit 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 19 Uscita di pista 17
Rit 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 6 Cambio 11
SQ[5] 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 4 Squalificato 10
Rit 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 3 Incidente 5
Rit 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 1 Uscita di pista 13
Rit 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 0 Impianto elettrico 20
Rit 29 Francia Yannick Dalmas Lola Larrousse - Lamborghini 0 Impianto elettrico 26
NQ 4 Italia Michele Alboreto Tyrrell - Ford Cosworth
NQ 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth
NQ 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth
NPQ 37 Belgio Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth
NPQ 33 Svizzera Gregor Foitek EuroBrun - Judd
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth
NPQ 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth
NPQ 41 Germania Joachim Winkelhock AGS - Ford Cosworth
NPQ 32 Francia Pierre-Henri Raphanel Coloni - Ford Cosworth
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha
NPQ 39 Germania Volker Weidler Rial - Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 21
2 Italia Ferrari 9
3 Regno Unito Benetton - Ford Cosworth 8
4 Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 4
4 Regno Unito March - Judd 4
6 Regno Unito Williams - Renault 3
7 Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Darren Galpin, 1989 Grand Prix of San Marino, Teamdan.org. URL consultato il 19 febbraio 2010.
  2. ^ (EN) San Marino 1989, STATS F1. URL consultato il 19 febbraio 2010.
  3. ^ (EN) San Marino 1989 - Starting grid, STATSF1. URL consultato il 19 febbraio 2010.
  4. ^ a b (EN) Grand Prix Results: San Marino GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 19 febbraio 2010.
  5. ^ Grouillard fu squalificato perché il suo team lavorò sulla sua vettura nell'intervallo tra le due partenze.
  • Tutti i risultati di gara sono tratti dal sito ufficiale Formula 1.com. URL consultato il 22 settembre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1988
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
1990
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1