Gran Premio di San Marino 1999

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marino Gran Premio di San Marino 1999
633º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1999
Imola.svg
Data 2 maggio 1999
Circuito Autodromo Enzo e Dino Ferrari
Percorso 4.930 km / 3.064 US mi
circuito permanente
Distanza 62 giri, 305.660 km/ 189.937 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Mika Häkkinen Germania Michael Schumacher
McLaren - Mercedes in 1:26.362 Ferrari in 1:28.362
(nel giro 45)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Regno Unito David Coulthard
McLaren - Mercedes
3. Brasile Rubens Barrichello
Stewart - Ford

Il Gran Premio di San Marino 1999 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 2 maggio 1999 sull'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. La gara è stata vinta da Michael Schumacher, che firma il 34° successo in Formula 1, su Ferrari; secondo e terzo sono giunti rispettivamente Coulthard e Barrichello. Il brasiliano ha partecipato in questa occasione alla 100ª gara della sua carriera nella massima categoria.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

  • Badoer, sostituito nel Gran Premio del Brasile da Sarrazin per un infortunio ad una mano riportato durante dei test con la Ferrari, torna alla guida della Minardi.
  • La BAR sostituisce Zonta, infortunatosi durante le prove del Gran Premio del Brasile, con Salo; il pilota finlandese sostituisce il brasiliano anche a Monaco e in Spagna.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Häkkinen e Coulthard monopolizzano la prima fila per la terza gara consecutiva, con il finlandese che batte il compagno di squadra per appena ventidue millesimi; terzo è Michael Schumacher, staccato di meno di due decimi dai piloti della McLaren. Seguono Irvine, il sorprendente Villeneuve (quinto con la BAR), Barrichello, Frentzen, Hill, Ralf Schumacher e Zanardi. In difficoltà le Benetton, con Fisichella sedicesimo e Wurz diciassettesimo.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giro Gap
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:26.362
2 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:26.384 +0.022
3 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:26.538 +0.176
4 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:26.993 +0.631
5 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Supertec 1:27.313 +0.951
6 16 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:27.409 +1.047
7 8 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen-Honda 1:27.613 +1.251
8 7 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 1:27.708 +1.346
9 6 Germania Ralf Schumacher Williams - Supertec 1:27.770 +1.408
10 5 Italia Alessandro Zanardi Williams - Supertec 1:28.142 +1.780
11 18 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 1:28.205 +1.843
12 17 Regno Unito Johnny Herbert Stewart - Ford 1:28.246 +1.884
13 11 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 1:28.253 +1.891
14 19 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 1:28.403 +2.041
15 12 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 1:28.599 +2.237
16 9 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 1:28.750 +2.388
17 10 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 1:28.765 +2.403
18 14 Spagna Pedro de la Rosa Arrows 1:29.293 +2.931
19 23 Finlandia Mika Salo BAR - Supertec 1:29.451 +3.089
20 15 Giappone Toranosuke Takagi Arrows 1:29.656 +3.294
21 21 Spagna Marc Gené Minardi - Ford 1:30.035 +3.673
22 20 Italia Luca Badoer Minardi - Ford 1:30.945 +4.583

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via rimane fermo sulla griglia di partenza Villeneuve; il pilota canadese si deve ritirare immediatamente. Häkkinen mantiene la testa della corsa davanti al compagno di squadra; il finlandese comincia subito a distanziare i rivali, arrivando ad avere un vantaggio di circa tredici secondi. Nel corso del diciassettesimo passaggio, però, Häkkinen va largo all'ultima curva, sbandando sul cordolo e andando a sbattere contro le barriere; passa così in testa Coulthard, seguito da Michael Schumacher. Il pilota della Ferrari effettua il suo pit stop al 31º giro, mentre Coulthard rifornisce quattro tornate più tardi; quando torna in pista, lo scozzese è alle spalle del rivale. Rallentato da alcuni doppiati, Coulthard non riesce a riguadagnare la prima posizione neanche quando Schumacher si ferma nuovamente ai box.

Al 46º giro sulla Ferrari di Irvine, che occupava la terza posizione, si rompe il motore; Frentzen, che lo seguiva da vicino, scivola sull'olio perso dalla vettura del nordirlandese, andando in testacoda e ritirandosi. Alle spalle di Michael Schumacher e Coulthard chiude quindi Barrichello, che porta il primo podio stagionale alla Stewart; quarto è Hill, seguito da Fisichella ed Alesi. Questi ultimi approfittano del doppio ritiro, a quattro tornate dal termine, di Herbert e Zanardi, rispettivamente quinto e sesto; curiosamente, l'abbandono dei due avviene più o meno allo stesso modo di quello di Irvine e Frentzen, con Zanardi che scivola sull'olio perso dalla vettura di Herbert.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 62 1:33:44.792 3 10
2 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 62 +4.265 2 6
3 16 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 61 +1 giro 6 4
4 7 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 61 +1 giro 8 3
5 9 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 61 +1 giro 16 2
6 11 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 61 +1 giro 13 1
7 23 Finlandia Mika Salo BAR - Supertec 59 +3 giri 19
8 20 Italia Luca Badoer Minardi - Ford 59 +3 giri 22
9 21 Spagna Marc Gené Minardi - Ford 59 +3 giri 21
10 17 Regno Unito Johnny Herbert Stewart - Ford 58 Motore 12
11 5 Italia Alessandro Zanardi Williams - Supertec 58 Testacoda 10
Rit 12 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 49 Testacoda 15
Rit 18 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 48 Acceleratore 11
Rit 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 46 Motore 4
Rit 8 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen-Honda 46 Testacoda 7
Rit 15 Giappone Toranosuke Takagi Arrows 29 Pressione benzina 20
Rit 6 Germania Ralf Schumacher Williams - Supertec 28 Acceleratore 9
Rit 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 17 Incidente 1
Rit 14 Spagna Pedro de la Rosa Arrows 5 Collisione con A.Wurz 18
Rit 10 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 5 Collisione con P.de la Rosa 17
Rit 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Supertec 0 Cambio 14
Rit 19 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 0 Testacoda 5

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 28
2 Regno Unito McLaren - Mercedes 16
3 Irlanda Jordan - Mugen-Honda 13
4 Regno Unito Williams - Supertec 7
5 Regno Unito Stewart - Ford 6
6 Italia Benetton - Playlife 5
7 Regno Unito Arrows 1
7 Francia Prost - Peugeot 1
7 Svizzera Sauber - Petronas 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1999
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1998
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
2000
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1