Stefan Johansson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefan Johannson
Stefan Johansson 2009 Indy 500 Carb Day.JPG
Dati biografici
Nome Stefan Nils Edwin Johansson
Nazionalità Svezia Svezia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1, CART
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1980, 1983-1991
Scuderie Shadow, Spirit, Tyrrell, Toleman, Ferrari, McLaren, Ligier, Onyx, AGS, Footwork
Miglior risultato finale 5° (1986)
GP disputati 103 (79 partenze)
Podi 12
Punti ottenuti 88
 

Stefan Nils Edwin Johansson (Växjö, 8 settembre 1956) è un pilota automobilistico svedese, vincitore della 24 ore di Le Mans nel 1997 dopo aver partecipato a 79 Gran Premi di Formula 1.

Il suo miglior risultato in F1 è stato un 2º posto, risultato raggiunto per 4 volte. Ha mantenuto per anni il poco invidiabile record di piazzamenti a podio (12) senza alcuna vittoria in Formula 1. Tale record è stato superato il 10 aprile 2011 da Nick Heidfeld, che con il terzo posto ottenuto nel Gran Premio della Malesia, ottiene il 13° podio della sua carriera senza vittorie.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

La carriera vera e propria di Johansson in Formula 1 iniziò nel 1983 (dopo una tentata qualificazione al Gran Premio dell'Argentina del 1980) alla guida della modesta Spirit.

L'anno successivo venne ingaggiato dalla Tyrrell e alcune gare anche in Toleman, in sostituzione di Johnny Cecotto, infortunatosi in un grave incidente durante le prove del Gran Premio di Gran Bretagna 1984, e di Ayrton Senna in un'occasione. Proprio con quest' ultima scuderia conquista i primi punti della carriera, arrivando quarto a Monza.

Gli anni in Ferrari e McLaren[modifica | modifica wikitesto]

1985
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1985.

Nel 1985, dopo aver corso il primo Gran Premio stagionale con la Tyrrell venne chiamato dalla Ferrari per sostituire René Arnoux, licenziato dalla casa italiana per motivazioni mai chiarite.[1] Dopo un ottavo posto in Portogallo, al Gran Premio di San Marino riuscì a rimontare dalla quindicesima posizione fino a portarsi alla testa della corsa. A tre giri dalla fine, però, fu costretto a ritirarsi in quanto rimase senza benzina, anche a causa di un'errata gestione della strategia.[2] L'episodio gli attirò comunque grande simpatia sia da parte dei tifosi,[3] che dei giornalisti, che lo paragonarono a Gilles Villeneuve.[2] La squalifica di Prost gli permise comunque di ottenere il primo punto dell'anno. In Canada, poi, arrivò secondo dietro all'altro ferrarista Alboreto, risultato che replicò anche al successivo appuntamento mondiale, dopo che il compagno di squadra gli aveva dato strada in quanto lo svedese era più veloce,[4] e nonostante fosse afflitto da problemi ai freni.[5] Dopo questa gara si rese protagonista di un'altra rimonta che lo portò a raggiungere il quarto posto in Francia, ma non riuscì più a salire sul podio. A settembre gli venne quindi rinnovato il contratto per l'anno seguente, scacciando le voci di un probabile arrivo di De Cesaris o di De Angelis.[6] A fine stagione rischiò anche di non partecipare al Gran Premio del Sudafrica per la protesta delle varie federazioni sportive nazionali contro l'apartheid, ma alla fine riuscì a prendervi parte concludendo quarto.[7] A causa del calo di prestazioni della vettura concluse settimo la stagione con ventisei punti ottenuti.

1986
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1.

Per 1986 la Ferrari dichiarò di non poter lottare per il titolo e per questo Johansson si ritrovò nelle condizioni di poter combattere ad armi pari con il compagno di squadra, in quanto non era più considerato secondo pilota.[8] Conquistò il primo podio al Gran Premio del Belgio, giungendo terzo. Nelle successive corse non riuscì più a raggiungere la zona punti e solo a partire dal Gran Premio d'Ungheria riuscì a tornare in zona punti, conquistando altri tre podi. Ottenne comunque il miglior risultato in carriera in classifica piloti: 5°.

1987
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1.

Appiedato dalla Ferrari, nel 1987 Johansson passò in McLaren, anche grazie all'appoggio della Marlboro.[9] Nelle prime tre gare salì due volte sul podio e al Gran Premio del Belgio realizzò con il compagno di squadra Alain Prost una doppietta, giungendo secondo. Replicò poi questo risultato al Gran Premio di Germania e riuscì a salire sul podio in altre due occasioni, chiudendo la stagione con trenta punti.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Quello fu l'ultimo anno nelle posizioni alte della classifica, infatti l'anno dopo lo svedese passò ad una ormai decaduta Ligier, che lasciò nel 1989 per la Onyx. Portò però alla debole scuderia un terzo posto di grande valore in Portogallo. L'anno dopo tentò invano di qualificare la medesima vettura nei primi due gran premi della stagione, venendo poi rimpiazzato dallo svizzero Gregor Foitek. Nel 1991 si ritira dalla Formula 1, dopo aver tentato invano di qualificare AGS e Footwork.


Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1980 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Shadow DN11 NQ NQ 0
1983 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
Spirit 201 Rit Rit 12 7 Rit 14 0
1984 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of France.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of the United States.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Portugal.svg Punti Pos.
Tyrrell
Toleman[10]
012
TG184
SQ SQ NQ SQ 4 Rit 11 3 17º
1985 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Portugal.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Tyrrell
Ferrari[11]
012
156-85
7 8 6 Rit 2 2 4 Rit 9 4 Rit 5 Rit Rit 4 5 26
1986 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Ferrari F1-86 Rit Rit 4 10 3 Rit Rit Rit Rit 11 4 3 3 6 12 3 23
1987 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
McLaren MP4/3 3 4 2 Rit 7 8 Rit 2 Rit 7 6 5 3 Rit 3 Rit 30
1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Ligier JS31 9 NQ Rit 10 Rit Rit NQ NQ NQ Rit 11 NQ Rit Rit NQ 9 0
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Onyx ORE-1 NPQ NPQ NPQ Rit Rit SQ 5 NPQ Rit Rit 8 NPQ 3 NPQ NPQ NPQ 6 12º
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Onyx ORE-1 NQ NQ 0
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS
Footwork[12]
JH25
FA12
NQ NQ Rit NQ NQ NQ 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Cremonesi, L'ultimo titolo, poi il digiuno. Il successo di Imola con la C2 B, dopo arrivò la sorella C3 in La Gazzetta dello Sport, 24 novembre 1999, p. 20.
  2. ^ a b È Johansson il nuovo Villeneuve? in La Repubblica, 07 maggio 1985, p. 31.
  3. ^ Mapelli, pag. 53.
  4. ^ "Ma il futuro è tutto nostro" in La Repubblica, 25 giugno 1985, p. 38.
  5. ^ Carlo Marincovich, Sfida alla Ferrari via radio in La Repubblica, 25 giugno 1985, p. 38.
  6. ^ La Ferrari conferma piloti e promette 'macchine migliori' in La Repubblica, 21 settembre 1985, p. 37.
  7. ^ Carlo Marincovich, 'Correremo in Sudafrica in La Repubblica, 08 settembre 1985, p. 27.
  8. ^ Le fatiche di Alboreto per il mondiale più duro in La Repubblica, 22 marzo 1986, p. 19.
  9. ^ (EN) 8W - Who? - Alain Prost, Forix.com Paragraph 18. URL consultato il 16 agosto 2006.
  10. ^ Con la Toleman dal GP d'Italia.
  11. ^ Con la Ferrari dal GP del Portogallo.
  12. ^ Con la Footwork dal GP del Canada.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea De Adamich, Oscar Orefici, F1'87, Vallardi&associati, 1987.
  • Enrico Mapelli, I dati della Formula 1, Giorgio Nada Editore, 1999, ISBN 88-7911-217-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]