Gran Premio di San Marino 1990

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marino Gran Premio di San Marino 1990
487º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1990
Imola 1981.jpg
Data 13 maggio 1990
Circuito Autodromo Enzo e Dino Ferrari
Percorso 5,040 km / 3,132 US mi
circuito permanente
Distanza 61 giri, 307,440 km/ 191,033 US mi
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Italia Alessandro Nannini
McLaren - Honda in 1:23.220 Benetton - Ford in 1:27.156
(nel giro 60)
Podio
1. Italia Riccardo Patrese
Williams - Renault
2. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda
3. Italia Alessandro Nannini
Benetton - Ford

Il Gran Premio di San Marino 1990 è stato la terza prova del Campionato mondiale di Formula 1 1990. Disputato il 13 maggio 1990 all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, la gara fu caratterizzata da diversi duelli tra i piloti, alcuni dei quali al limite del regolamento, e vide la terza vittoria in carriera di Riccardo Patrese su Williams, che precedette Gerhard Berger su McLaren e Alessandro Nannini su Benetton. In zona punti finirono anche Alain Prost, Nelson Piquet e Jean Alesi.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione dell'evento[modifica | modifica wikitesto]

L'evento venne organizzato dalla società Sagis ed ebbe una buona risposta da parte del pubblico, tanto che per il fine settimana era prevista una partecipazione di circa duecentomila persone. I biglietti delle tribune, infatti, erano già esauriti da tempo con una previsione di incasso pari a 10 miliardi di lire.[1] Come eventi di contorno furono previsti il Volvo Hole in One, ossia un mini torneo di golf che vide come vincitori tra i piloti Nigel Mansell e tra i giornalisti Ercole Colombo, e un torneo di tennis in cui prevalse Riccardo Patrese, che batté in finale il presidente della Volvo Italia Luc Bracke.[2] Il sabato pomeriggio venne anche consegnato da un deputato del dicastero del Turismo e dello sport della Repubblica di San Marino il Premio Villeneuve ad Ayrton Senna.[2]

Per l'occasione vennero allestiti convogli ferroviari speciali da Bologna, Milano, Venezia e Rimini.[1] Diversi anche i volti noti presenti, tra cui Edi Orioli, Michael Mair, l'ingegnere della Porsche Hans Mezger e il direttore generale della FIAT Cesare Romiti.[2]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Durante il fine settimana venne reso noto ai team il nuovo regolamento sportivo che sarebbe entrato in vigore a partire dal Gran Premio di Monaco.[3] Le modifiche riguardavano vari articoli, tra cui l'art. 26 che eliminò i limiti di cambi di propulsore nell'arco di una stagione, il 31 e 32, che specificarono meglio le modalità di svolgimento delle prequalifiche e aumentò a tre i numeri di treni di pneumatici utilizzabili in questa sessione.[3] La parte più corposa di novità riguardò comunque la procedura di partenza, stabilendo nel nuovo art. 111, che se un pilota non riusciva a schierarsi o sceglieva di partire dalla pitlane, gli altri concorrenti avrebbero guadagnato una posizione sulla griglia e il suo posto non sarebbe più dovuto essere lasciato vuoto;[3] inoltre chi faceva ripetere la procedura di partenza veniva automaticamente retrocesso in ultima posizione. Se più piloti non riuscivano a partire si schieravano in fondo allo schieramento seguendo l'ordine di qualifica.[3]

Fu inoltre resa nota la collaborazione tra Brabham e Yamaha per il 1991. A giugno, infatti, un telaio della BT58 sarebbe stato inviato in Giappone per eseguire i primi test.[4]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Lo 036/2 utilizzato dalla Ferrari durante la gara

Per la gara di Imola diverse scuderie apportarono modifiche alle proprie vetture, introducendo diverse novità; tra queste la Ferrari portò il nuovo motore, marchiato Tipo 037, più compatto rispetto al precedente e costruito in modo da garantire una maggiore possibilità di sviluppo dello stesso. Venne comunque utilizzato per cautela solo durante le prove, mentre durante la gara si continuò a usare lo 036/2.[5] Fu inoltre montato il nuovo alternatore della Magneti Marelli.[5] La Tyrrell, invece, portò al debutto la nuova 019, caratterizzata da un rivoluzionario profilo anteriore, risultando la prima vettura di Formula 1 a muso rialzato.[6] La casa inglese montò anche nuove prese dei freni Carbon Industrie e utilizzò un motore evoluto.[5] Anche la Williams fece modifiche in questo ambito, modificando le prese d'aria in modo da raffreddare meglio l'impianto frenante. Applicò inoltre alcune modifiche aerodinamiche al posteriore.[5]

La Tyrrell 019 con il suo rivoluzionario profilo alare anteriore, qui guidata da Satoru Nakajima durante un'esibizione

Minori le novità portate dagli altri team; la McLaren era impegnata nel testare nuove prese d'aria per il raffreddamento dei freni e una pinza dei freni più grande, mentre la Scuderia Italia portò un nuovo radiatore sulla vettura di De Cesaris e modificò l'avantreno in quella di Pirro per ridurre le turbolenze.[5] La Lotus utilizzò un telaio nuovo, riservato a Derek Warwick e modificò il cofano motore.[5] Diverse squadre, tra cui Minardi, Arrows e Ligier (quest'ultima aveva modificato pure le fiancate) portarono una vasta selezione di alettoni;[5] modifiche aerodinamiche vennero fatte anche dalla Leyton House che, dopo che Ivan Capelli aveva danneggiato il nuovo telaio, trasferì le novità tecniche sul vecchio, comprese le nuove sospensioni anteriori caratterizzate dalla particolare posizione dei bilanceri.[5] La Larrousse utilizzò invece un nuovo cambio, mentre la Coloni alleggerì la vettura di 21 chilogrammi.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La prima gara della stagione europea portò alcuni cambiamenti nello schieramento: la Brabham licenziò Foitek, sostituendolo con David Brabham, figlio del fondatore Jack, mentre Stefan Johansson lasciò la Onyx, scontento della gestione del team e venne sostituito proprio da Foitek, il cui padre aveva acquisito una partecipazione del 25% del team.[7]

Dopo le prime due disastrose gare, Gary Brabham lasciò la Life, che ingaggiò al suo posto l'esperto Bruno Giacomelli, che non correva dal 1983. Infine Emanuele Pirro tornò alla guida per la Scuderia Italia, dopo esser stato tenuto lontano dalle corse da un'epatite.[8]

Ad Imola era inoltre prevista l'entrata in vigore della procedura antidoping per i piloti, poi annullato all'ultimo momento e rinviato a data da destinarsi. I piloti ritenevano comunque la procedura inutile e dettata da ragioni demagogiche, in quanto a loro parere una sostanza dopante avrebbe avuto un effetto molto limitato e il suo utilizzo non sarebbe stato conveniente.[9]

Prequalifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La Eurobrun ER189B di Roberto Moreno, con cui il brasiliano corse le prime gare 1990. A Imola riuscì a superare le prequalifiche agguantando l'ultimo posto disponibile

A pochi minuti dall'inizio delle prequalifiche Gabriele Tarquini, appena uscito dai box fu costretto a fermarsi a causa di un problema di pressione della benzina. Nonostante lo sforzo del pilota, che cercò egli stesso di riparare il guasto, non riuscì più a girare nella sessione e venne quindi eliminato.[10] Non poté prendere parte alle prequalifiche nemmeno il suo compagno di squadra, Yannick Dalmas, ancora dolorante dai postumi di un incidente occorsogli la settimana precedente proprio sul tracciato romagnolo.[10] Anche Bruno Giacomelli ebbe una sessione tormentata, potendo compiere appena un giro, prima che una rottura del motore, che inondò di olio la pista, lo fermasse.[10]

Tra gli altri piloti Éric Bernard e Aguri Suzuki, su Larrousse, risultavano i più competitivi e si contesero il miglior tempo, ottenuto poi dal francese. Al terzo posto vi era Olivier Grouillard su Osella che, insieme a Roberto Moreno, riuscì ad accedere alla sessione di qualifica. Vennero invece eliminati Bertrand Gachot su Coloni, che seppur portasse una vettura evoluta e più leggera ancora non era competitiva,[10] e Claudio Langes sulla seconda Eurobrun.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 29 Francia Éric Bernard Francia Larrousse-Lamborghini 1:26.475
2 30 Giappone Aguri Suzuki Francia Larrousse-Lamborghini 1:27.344
3 14 Francia Olivier Grouillard Italia Osella-Ford 1:28.155
4 33 Brasile Roberto Moreno Italia EuroBrun-Judd 1:28.178
5 31 Belgio Bertrand Gachot Italia Coloni-Subaru 1:33.554
6 34 Italia Claudio Langes Italia EuroBrun-Judd 1:34.272
7 39 Italia Bruno Giacomelli Italia Life 7:16.212
8 17 Italia Gabriele Tarquini Francia AGS-Ford Senza tempo
9 18 Francia Yannick Dalmas Francia AGS-Ford Senza tempo

Prove libere[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Durante le prove del venerdì mattina Alessandro Nannini fu protagonista di un incidente piuttosto violento con la sua nuova Benetton. Il pilota senese, alla curva del Tamburello, venne stretto da De Cesaris e poi spinto fuori pista; l'incidente portò al danneggiamento della scocca che dovette essere rispedita a Enstone per essere riparata e costrinse il team angloitaliano a rinunciare alla terza vettura.[11] De Cesaris giustificò l'accaduto affermando di non essersi accorto del sopraggiungere del collega.[11] Per quel che riguarda i tempi sul giro, il più veloce fu Ayrton Senna che girò in 1:24.496, staccando di circa sei decimi Nigel Mansell. Berger invece fu rallentato da problemi di natura elettronica, mentre Alesi e Warwick furono costretti ad interrompere la sessione di prove a causa della rottura dei rispettivi propulsori.[12]

Il sabato fu invece Patrese a girare più veloce di tutti, fermando i cronometri in 1:24.610 e staccando Senna di un decimo e Alesi di cinque. Il brasiliano, così come Berger, era però impegnato nel collaudo di una nuova pinza dei freni arrivata nella notte.[12] Anche Mansell svolse dei test di carattere aerodinamico, testando un nuovo assetto, rivelatosi però peggiore del precedente in termini di prestazioni.[12]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella giornata di venerdì,[13] si si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Brasile Ayrton Senna McLaren-Honda 1:24.496
2 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 1:25.107
3 Italia Riccardo Patrese Williams-Renault 1:25.344

Nella giornata di sabato,[13] si si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Italia Riccardo Patrese Williams-Renault 1:24.610
2 Brasile Ayrton Senna McLaren-Honda 1:24.784
3 Francia Jean Alesi Tyrrell-Ford 1:25.179

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Ayrton Senna, qui fotografato a Imola nel 1989, ottenne sul tracciato romagnolo la sua cinquantacinquesima pole position in carriera, migliorando un record già suo

Durante le prove del venerdì le McLaren monopolizzarono la prima fila, con Berger che staccò il miglior tempo in 1:24.027, staccando di pochi centesimi il compagno di squadra, Ayrton Senna. Il pilota brasiliano non poté migliorare il suo crono a causa di un grave l'incidente capitato a Pierluigi Martini mentre si stava lanciando con il suo secondo set di gomme da qualifica.[12] Il pilota della Minardi, infatti uscì di pista alle Acque Minerali andandosi a schiantare violentemente contro le barriere, tanto che la sua vettura si ruppe in due parti lasciandogli scoperte le gambe.[12] Soccorso immediatamente dai commissari, venne estratto dopo nove minuti e trasportato all'ospedale dove gli venne diagnosticata una microfrattura del malleolo con una prognosi di 25 giorni.[14][12] A quattro decimi di distanza seguiva Patrese, a suo agio sulla pista romagnola, seguito da Nigel Mansell, protagonista di una sessione tormentata: l'inglese venne infatti ostacolato da ben quattro vetture nel suo giro veloce e dovette compiere una manovra istintiva per evitare Paolo Barilla, intraversatosi lungo la pista mentre l'inglese stava sopraggiungendo.[12] Quinto Boutsen, rallentato da un problema ai freni, precedeva Alain Prost, parecchio in difficoltà: il francese, dopo aver iniziato le prove con la nuova 641/2 F1, decise di utilizzare il vecchio telaio con cui si trovava meglio e avvertiva minori turbolenze, ma lamentava comunque una scarsa aderenza e risultò staccato di ben due secondi rispetto a Berger.[12] A chiudere i primi dieci seguivano Jean Alesi, favorito dal nuovo motore da qualifica,[12] Piquet, Martini, però impossibilitato a gareggiare, e Nannini.

Nella sessione di sabato, Senna conquistò la sua seconda pole position stagionale, migliorando il suo tempo di circa otto decimi e girando in 1:23.220. Riuscì quindi a scavalcare Berger, secondo e staccato di oltre tre decimi. La seconda fila era invece occupata dalle due Williams di Patrese e Boutsen, mentre le Ferrari non andarono oltre la terza fila. Se Mansell aveva trovato traffico nel suo giro lanciato o comunque aveva commesso alcuni errori, Prost non era riuscito a trovare ancora il giusto feeling con la vettura, tanto che operò anche un cambio del tipo di pneumatico nel tentativo di migliorarsi.[12] Le posizioni a seguire rimasero invariate, salvo per il fatto che Nannini si portò al nono posto e Warwick entrò tra i primi dieci, entrambi favoriti dall'infortunio di Martini, il quale seppur avesse ottenuto il decimo crono non poteva prendere parte alla gara. Impressionò Gugelmin, che dopo la mancata qualificazione in Brasile riuscì a qualificarsi in sesta fila davanti a Éric Bernard e Stefano Modena, passato dal 24° posto al 14°. L'ottava fila fu invece occupata da Aguri Suzuki e Philippe Alliot, che precedevano Andrea De Cesaris, protagonista nuovamente nella sessione di sabato di una serie di contestate manovre che avrebbero ostacolato Piquet; fatto che portò il team Benetton a sporgere un reclamo ufficioso al direttore di corsa per il comportamento del pilota romano.[12] Riuscirono a qualificarsi anche i piloti della Onyx, Osella e Roberto Moreno sulla sua Eurobrun. L'infortunio di Martini permise anche il ripescaggio di Paolo Barilla, primo tra i non qualificati.

Al termine delle due sessioni Senna si dimostrò tranquillo per la gara e non risparmiò una frecciata a Prost, che non rispose alla provocazione.[15] Berger, invece, affermò di aver avuto problemi al cambio e di non essere riuscito a fare il miglior tempo per aver commesso un errore nell'inserimento di una marcia, ma si dimostrava fiducioso per la prestazione della domenica, così come Patrese.[15] Mansell, seppur seccato dagli errori in qualifica, promise una gara all'attacco, mentre Prost evidenziò un problema nell'utilizzo degli pneumatici da qualifica che, a sua detta, non riuscivano a garantire le prestazioni sperate.[15]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Q1 Q2
1 27 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 1:24.079 1:23.220
2 28 Austria Gerhard Berger Regno Unito McLaren - Honda 1:24.027 1:23.781
3 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 1:24.486 1:24.444
4 5 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Williams - Renault 1:25.832 1:25.039
5 2 Regno Unito Nigel Mansell Italia Ferrari 1:25.539 1:25.095
6 1 Francia Alain Prost Italia Ferrari 1:26.080 1:25.179
7 4 Francia Jean Alesi Regno Unito Tyrrell - Ford 1:26.138 1:25.230
8 20 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Benetton - Ford 1:26.316 1:25.761
9 19 Italia Alessandro Nannini Regno Unito Benetton - Ford 1:26.889 1:26.042
10[16] 23 Italia Pierluigi Martini Italia Minardi - Ford 1:26.466 Senza tempo
11 11 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Lotus - Lamborghini 1:28.055 1:26.682
12 12 Regno Unito Martin Donnelly Regno Unito Lotus - Lamborghini 1:27.151 1:26.714
13 15 Brasile Maurício Gugelmin Regno Unito Leyton House - Judd 1:29.339 1:26.836
14 29 Francia Éric Bernard Francia Larrousse - Lamborghini 1:26.988 1:26.838
15 8 Italia Stefano Modena Regno Unito Brabham - Judd 1:28.763 1:27.008
16 30 Giappone Aguri Suzuki Francia Larrousse - Lamborghini 1:27.211 1:27.068
17 26 Francia Philippe Alliot Francia Ligier - Ford 1:27.533 1:27.214
18 22 Italia Andrea de Cesaris Italia Scuderia Italia - Ford 1:27.570 1:27.217
19 16 Italia Ivan Capelli Regno Unito Leyton House - Judd 1:29.904 1:27.521
20 3 Giappone Satoru Nakajima Regno Unito Tyrrell - Ford 1:27.746 1:27.532
21 25 Italia Nicola Larini Francia Ligier - Ford 1:27.642 1:27.564
22 21 Italia Emanuele Pirro Italia Scuderia Italia - Ford 1:27.849 1:27.613
23 14 Francia Olivier Grouillard Italia Osella - Ford 1:28.590 1:28.009
24 35 Svizzera Gregor Foitek Regno Unito Onyx - Ford 1:28.111 1:28.435
25 33 Brasile Roberto Moreno Italia EuroBrun - Judd 1:28.603 1:31.653
26 36 Finlandia Jyrki Järvilehto Regno Unito Onyx - Ford 1:28.625 Non valido
27 [16] 24 Italia Paolo Barilla Italia Minardi - Ford 1:29.566 1:28.667
NQ 10 Italia Alex Caffi Regno Unito Arrows - Ford 1:29.242 1:28.699
NQ 9 Italia Michele Alboreto Regno Unito Arrows - Ford 1:29.615 1:28.797
NQ 7 Australia David Brabham Regno Unito Brabham - Judd 1:31.282 1:28.927

Warm up[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima dell'inizio del warm up la direzione gara comunicò alla Minardi che Paolo Barilla non avrebbe preso il via, in quanto non veniva ritenuto possibile ammettere una vettura sulla griglia di partenza in sostituzione di quella di Martini, infortunatosi il venerdì.[2] La Minardi riuscì poi a far valere le proprie ragioni e Barilla poté gareggiare.[2]

Nel warm up le McLaren fecero nuovamente segnare i tempi migliori, con Senna che precedeva Berger di pochi centesimi. Leggermente più staccato Boutsen, autore del terzo tempo.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nel warm up[13] si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Brasile Ayrton Senna McLaren-Honda 1:27.497
2 Austria Gerhard Berger McLaren-Honda 1:27.587
3 Belgio Thierry Boutsen Williams-Renault 1:27.754

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nigel Mansell, protagonista di una lunga rimonta nella prima parte di gara, venne costretto al ritiro mentre occupava la seconda posizione

La gara si svolse in condizioni di tempo soleggiato davanti a circa 140.000 spettatori.[17] Alla partenza molti piloti scattarono anticipatamente rispetto al verde (anche se nei fatti non venne penalizzato nessuno),[17] Senna e Berger mantennero la testa della corsa, ma alle loro spalle un errore di Mansell, che mise due gomme nella sabbia, portò diversa polvere in pista, costringendo Capelli a una brusca frenata; l'italiano venne tamponato da Nakajima che distrusse completamente la sua vettura.[17] Poco dopo, alla Tosa, Donnelly uscì di pista, evitando per poco di colpire qualche altro pilota. Nel frattempo Boutsen superava Berger, senza comunque riuscire ad avvicinarsi a Senna, mentre Alesi passò le due Ferrari. L'ordine di gara vedeva quindi Senna in testa, seguito da Boutsen, Berger, Patrese, Alesi, Mansell e Prost e rimase pressoché invariato fino al terzo giro, quando Senna si dovette ritirare con un cerchione rotto, lasciando la prima posizione a Boutsen. Contemporaneamente Mansell sopravanzò Alesi, riprendendosi il quarto posto, e poco dopo il francese mandò fuori pista Piquet in un tentativo di sorpasso, ma il pilota brasiliano riuscì a continuare. Nonostante il contatto gli avesse creato problemi di bilanciamento della vettura,[17] rimontò diverse posizioni passando Alliot, le due Larrousse, Warwick e, infine, anche Alesi, che nel frattempo era andato in testacoda e accusava guai agli pneumatici.[17]

Riccardo Patrese, qui fotografato nel 1991, vinse a Imola il suo terzo Gran Premio in carriera, a sette anni dall'ultima vittoria

Contemporaneamente, Berger, che aveva forzato la propria andatura annullando il distacco di circa cinque secondi che aveva su Boutsen, cominciò a pressare il pilota belga che commise un errore, inserendo la prima marcia al posto della terza, e danneggiò il cambio.[17] Al 17º passaggio fu costretto al ritiro per la rottura del motore; l'austriaco passò quindi in testa alla corsa, seguito da Patrese e Mansell, che stava rimontando piuttosto velocemente.[17] Il pilota inglese, dopo che aveva visto il proprio attacco respinto alla Tosa al 19º giro,[17] ritentò l'azione due tornate più tardi e, stavolta, riuscì a portarsi in seconda piazza. La classifica vedeva quindi Berger in testa con un vantaggio vicino ai cinque secondi su Mansell, che precedeva Patrese, Prost, Nannini e Piquet.[17] Al 27º giro, l'inglese della Ferrari incappò nel doppiaggio di de Cesaris che gli chiuse improvvisamente la traiettoria alla Rivazza, arrivando al contatto, poi rivelatosi innocuo, e facendogli perdere tempo.[17] Liberatosi dell'italiano Mansell cominciò a forzare il ritmo e al 34º giro passaggio raggiunse l'austriaco. Pochi giri più tardi cercò di attaccarlo all'esterno sulla salita che porta alla curva Villeneuve, ma Berger chiuse la traiettoria, mandandolo fuori pista; il ferrarista riuscì comunque a proseguire, riavvicinandosi nuovamente al rivale, ma poche tornate più tardi il motore della sua monoposto cedette, surriscaldato a causa dei detriti e dalla terra penetrati al suo interno nell'uscita di strada.[18]

A questo punto, il ritiro di Mansell permise a Patrese di portarsi alle spalle di Berger. Dietro di loro seguivano Nannini, Prost, Piquet e Alesi. Patrese cominciò quindi a forzare l'andatura e al 43º passaggio raggiunse il rivale, ma commise un errore arrivando lungo alla Rivazza e dovette temporaneamente rallentare il suo ritmo gara.[17] Intanto, più indietro, si stava accendendo il duello per la terza posizione tra Nannini e Prost; entrambi accusavano alcune difficoltà, visto che l'italiano aveva problemi ai freni e il francese all'acceleratore.[17] Al 51º giro, poi, Patrese passò al comando superando Berger alla Tosa tra l'entusiasmo del pubblico[19] e condusse la gara fino al termine, conquistando la prima vittoria dopo sette anni. Dietro i due battistrada seguivano Nannini, autore del giro più veloce al penultimo passaggio, Prost, Piquet ed Alesi.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritirato Partenza Punti
1 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams-Renault 61 1:30:55.478 3 9
2 28 Austria Gerhard Berger Regno Unito McLaren-Honda 61 +5.117 2 6
3 19 Italia Alessandro Nannini Regno Unito Benetton-Ford 61 +6.240 9 4
4 1 Francia Alain Prost Italia Ferrari 61 +6.843 6 3
5 20 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Benetton-Ford 61 +53.112 8 2
6 4 Francia Jean Alesi Regno Unito Tyrrell-Ford 60 +1 giro 7 1
7 11 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Lotus-Lamborghini 60 +1 giro 10
8 12 Regno Unito Martin Donnelly Regno Unito Lotus-Lamborghini 60 +1 giro 11
9 26 Francia Philippe Alliot Francia Ligier-Ford 60 +1 giro 16
10 25 Italia Nicola Larini Francia Ligier-Ford 59 +2 giri 20
11 24 Italia Paolo Barilla Italia Minardi-Ford 59 +2 giri 26
12 36 Finlandia Jyrki Järvilehto Regno Unito Onyx-Ford 59 +2 giri 25
13 29 Francia Éric Bernard Francia Larrousse-Lamborghini 56 Frizione 13
Rit 14 Francia Olivier Grouillard Italia Osella-Ford 52 Ruota 22
Rit 2 Regno Unito Nigel Mansell Italia Ferrari 38 Motore 5
Rit 35 Svizzera Gregor Foitek Regno Unito Onyx-Ford 35 Motore 23
Rit 8 Italia Stefano Modena Australia Brabham-Judd 31 Freni 14
Rit 22 Italia Andrea de Cesaris Italia Scuderia Italia-Ford 29 Ruota 17
Rit 15 Brasile Maurício Gugelmin Regno Unito Leyton House-Judd 24 Problema elettrico 12
Rit 5 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Williams-Renault 17 Motore 4
Rit 30 Giappone Aguri Suzuki Francia Larrousse-Lamborghini 17 Frizione 15
Rit 27 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren-Honda 3 Ruota 1
Rit 21 Italia Emanuele Pirro Italia Scuderia Italia-Ford 2 Uscita di pista 21
Rit 16 Italia Ivan Capelli Regno Unito Leyton House-Judd 0 Collisione 18
Rit 3 Giappone Satoru Nakajima Regno Unito Tyrrell-Ford 0 Collisione 19
Rit 33 Brasile Roberto Moreno Regno Unito EuroBrun-Judd 0 Acceleratore 24
NP [16] 23 Italia Pierluigi Martini Italia Minardi-Ford Incidente
NQ 10 Italia Alex Caffi Regno Unito Arrows-Ford
NQ 9 Italia Michele Alboreto Regno Unito Arrows-Ford
NQ 7 Australia David Brabham Australia Brabham-Judd
NPQ 31 Belgio Bertrand Gachot Italia Coloni-Subaru
NPQ 34 Italia Claudio Langes Italia EuroBrun-Judd
NPQ 39 Italia Bruno Giacomelli Italia Life
NPQ 17 Italia Gabriele Tarquini Francia AGS-Ford
NPQ 18 Francia Yannick Dalmas Francia AGS-Ford

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 25
2 Italia Ferrari 15
2 Regno Unito Williams - Renault 15
4 Regno Unito Benetton - Ford 10
5 Regno Unito Tyrrell - Ford 8
6 Regno Unito Brabham - Judd 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cristiano Chiavegato, Prezzi e disagi: una guida per chi va in Formula 1 in Stampa Sera, 12 maggio 1990, p. 1.
  2. ^ a b c d e Barilla ha rischiato di non partire in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 69.
  3. ^ a b c d Partirà ultimo chi farà ripetere il via in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 71.
  4. ^ A giugno motore Yamaha sulla Brabham in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 69.
  5. ^ a b c d e f g h i Giorgio Piola, E' compatto il super V12 in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, pp. 62-64.
  6. ^ (EN) Constructors: Tyrrell Racing Organisation, grandprix.com. URL consultato il 30 ottobre 2011.
  7. ^ (EN) Gregor Foitek - Biography, f1rejects.com. URL consultato il 26 novembre 2011.
  8. ^ (EN) GRAND PRIX RESULTS: SAN MARINO GP, 1990, grandprix.com. URL consultato il 18 settembre 2014.
  9. ^ Giuliano Capecelatro, L'antidoping in Formula 1 resta ancora un fantasma. A Imola sfuma l'ora zero in L'Unità, 10 maggio 1990, p. 28.
  10. ^ a b c d Giorgio Piola, Tarquini meccanico, ma tutto resta inutile in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 61.
  11. ^ a b Diego Forti, Per Martini Monaco in forse in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 59.
  12. ^ a b c d e f g h i j k Giorgio Piola, Il gioiello di Ayrton in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, pp. 58-60.
  13. ^ a b c Tutti i tempi delle prove e delle prequalifiche in Autosprint, nº 20, 15 maggio 1990, p. 55.
  14. ^ Cristiano Chiavegato, Martini, solo una frattura in La Stampa, 14 maggio 1990, p. 17.
  15. ^ a b c Cristiano Chiavegato, E la sfida continua ai box in La Stampa, 13 maggio 1990, p. 19.
  16. ^ a b c Pierluigi Martini si sarebbe qualificato in decima posizione, ma non prende parte alla gara in quanto infortunato dopo un incidente nella sessione di venerdì. Questo permette a Paolo Barilla, primo dei non qualificati, di partecipare al Gran Premio
  17. ^ a b c d e f g h i j k l Giorgio Piola, Lezione di Patrese in Autosprint, 15 maggio 1990, pp. 50-52.
  18. ^ Diego Forti, Ora viene il bello in Autosprint, 15 maggio 1990, pp. 45-47.
  19. ^ Casamassima, pag. 539.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1, Bologna, Calderini Edagricole, 1996, ISBN 88-8219-394-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1990
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1989
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
1991
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1