Gran Premio di Germania 1992

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Gran Premio di Germania 1992
526º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 16 del Campionato 1992
Circuito di Hockenheim
Circuito di Hockenheim
Data 16 luglio 1992
Nome ufficiale LIV Grosser Preis von Deutschland
Circuito Hockenheimring
Percorso 6.815 km
Circuito permanente
Distanza 45 giri, 306.675 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Italia Riccardo Patrese
Williams - Renault in 1:37.960 Williams - Renault in 1:41.591
(nel giro 36)
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault
2. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda
3. Germania Michael Schumacher
Benetton - Ford

Il Gran Premio di Germania 1992 si è svolto domenica 16 luglio 1992 sull'Hockenheimring a Hockenheim. La gara è stata vinta da Nigel Mansell su Williams seguito da Ayrton Senna su McLaren e da Michael Schumacher su Benetton.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Come consueto le due Williams dominano le qualifiche, con Mansell che conquista la pole position davanti al compagno di squadra Patrese. Terzo tempo per Senna, seguito da Berger, Alesi, Schumacher e dalle due Ligier di Comas e Boutsen. Chiudono la top ten Brundle e Wendlinger.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:37.960
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:38.510 +0.550
3 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:39.106 +1.146
4 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:39.716 +1.756
5 27 Francia Jean Alesi Ferrari 1:40.959 +2.999
6 19 Germania Michael Schumacher Benetton - Ford 1:41.132 +3.172
7 26 Francia Erik Comas Ligier - Renault 1:41.945 +3.985
8 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Renault 1:42.112 +4.152
9 20 Regno Unito Martin Brundle Benetton - Ford 1:42.136 +4.176
10 16 Austria Karl Wendlinger March - Ilmor 1:42.357 +4.397
11 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Ford 1:42.645 +4.685
12 28 Italia Ivan Capelli Ferrari 1:42.748 +4.788
13 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Ford 1:42.749 +4.789
14 3 Francia Olivier Grouillard Tyrrell - Ilmor 1:42.797 +4.837
15 10 Giappone Aguri Suzuki Footwork - Mugen-Honda 1:42.838 +4.878
16 30 Giappone Ukyo Katayama Venturi Larrousse - Lamborghini 1:43.079 +5.119
17 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Mugen-Honda 1:43.171 +5.211
18 22 Italia Pierluigi Martini Scuderia Italia - Ferrari 1:43.556 +5.596
19 15 Italia Gabriele Tarquini Fondmetal - Ford 1:43.777 +5.817
20 4 Italia Andrea de Cesaris Tyrrell - Ilmor 1:43.790 +5.830
21 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Ferrari 1:43.931 +5.971
22 17 Francia Paul Belmondo March - Ilmor 1:44.130 +6.170
23 33 Brasile Mauricio Gugelmin Jordan - Yamaha 1:44.521 +6.561
24 23 Italia Alessandro Zanardi Minardi - Lamborghini 1:44.593 +6.633
25 29 Belgio Bertrand Gachot Venturi Larrousse - Lamborghini 1:44.596 +6.636
26 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Lamborghini 1:44.762 +6.802
NQ 32 Italia Stefano Modena Jordan - Yamaha 1:45.088 +7.128
NQ 7 Belgio Eric van de Poele Brabham - Judd 1:45.098 +7.138
NQ 14 Svizzera Andrea Chiesa Fondmetal - Ford 1:45.459 +7.499
NQ 8 Regno Unito Damon Hill Brabham - Judd 1:45.871 +7.911

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Patrese prova ad attaccare Mansell, senza però riuscire a superarlo. Nei primi giri si verifica una situazione curiosa, con le due Williams che occupano le prime posizioni, seguite dalle due McLaren di Senna e Berger, dalle Benetton di Schumacher e Brundle, dalle due Ferrari di Alesi e Capelli, dalle Ligier di Comas e Boutsen e dalle Lotus di Häkkinen e Herbert. I piloti della Williams hanno previsto un pit stop, mentre gli altri piloti di testa sono partiti per arrivare fino in fondo senza cambi gomme; al 15º giro Mansell è il primo a fermarsi e torna in pista alle spalle di Senna, che sopravanza dopo pochi giri. Patrese torna ai box cinque passaggi più tardi, rientrando in pista quarto dietro a Schumacher, mentre Berger è rallentato da problemi al motore, che lo costringeranno al ritiro. Patrese ha la meglio su Schumacher e rimonta lo svantaggio nei confronti di Senna; il pilota italiano attacca il rivale nel corso dell'ultima tornata, ma sbaglia ed esce di pista, dovendosi ritirare. Mansell conquista l'ottava vittoria stagionale davanti a Senna, Schumacher, Brundle, Alesi e Comas; il pilota inglese può conquistare matematicamente il suo primo titolo mondiale già dalla gara successiva, in Ungheria.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams - Renault 45 1:18'22.032 1 10
2 1 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 45 +4.500 3 6
3 19 Germania Michael Schumacher Regno Unito Benetton - Ford 45 +34.462 6 4
4 20 Regno Unito Martin Brundle Regno Unito Benetton - Ford 45 +36.959 9 3
5 27 Francia Jean Alesi Italia Ferrari 45 +1'12.607 5 2
6 26 Francia Érik Comas Francia Ligier - Renault 45 +1'36.498 7 1
7 25 Belgio Thierry Boutsen Francia Ligier - Renault 45 +1'37.180 8
8 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 44 Testacoda 2
9 9 Italia Michele Alboreto Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 44 +1 giro 17
10 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Italia Scuderia Italia - Ferrari 44 +1 giro 21
11 22 Italia Pierluigi Martini Italia Scuderia Italia - Ferrari 44 +1 giro 18
12 24 Italia Gianni Morbidelli Italia Minardi - Lamborghini 44 +1 giro 26
13 17 Francia Paul Belmondo Regno Unito March - Ilmor 44 +1 giro 22
14 29 Belgio Bertrand Gachot Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 44 +1 giro 25
15 33 Brasile Mauricio Gugelmin Irlanda Jordan - Yamaha 43 +2 giri 23
16 16 Austria Karl Wendlinger Regno Unito March - Ilmor 42 +3 giri 10
Ritirato 15 Italia Gabriele Tarquini Italia Fondmetal - Ford 33 Motore 19
Ritirato 4 Italia Andrea de Cesaris Regno Unito Tyrrell - Ilmor 25 Motore 20
Ritirato 12 Regno Unito Johnny Herbert Regno Unito Lotus - Ford 23 Motore 11
Ritirato 28 Italia Ivan Capelli Italia Ferrari 21 Motore 12
Ritirato 11 Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito Lotus - Ford 21 Motore 13
Ritirato 2 Austria Gerhard Berger Regno Unito McLaren - Honda 16 Elettrico 4
Ritirato 3 Francia Olivier Grouillard Regno Unito Tyrrell - Ilmor 8 Motore 14
Ritirato 30 Giappone Ukyo Katayama Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 8 Testacoda 16
Ritirato 10 Giappone Aguri Suzuki Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 1 Testacoda 15
Ritirato 23 Italia Alessandro Zanardi Italia Minardi - Lamborghini 1 Cambio 24
NQ 32 Italia Stefano Modena Irlanda Jordan - Yamaha
NQ 7 Belgio Eric van de Poele Regno Unito Brabham - Judd
NQ 14 Svizzera Andrea Chiesa Italia Fondmetal - Ford
NQ 8 Regno Unito Damon Hill Regno Unito Brabham - Judd
NPQ 34 Brasile Roberto Moreno Italia Moda - Judd
NPQ 35 Regno Unito Perry McCarthy Italia Moda - Judd

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 126
2 Regno Unito Benetton - Ford 49
3 Regno Unito McLaren - Honda 44
4 ItaliaFerrari 15
5 Regno Unito Lotus - Ford 7
6 Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 5
7 Regno Unito Tyrrell - Ilmor 4
7 Francia Ligier - Renault 4
9 Regno Unito March - Ilmor 3
10 Italia Scuderia Italia - Ferrari 2
11 Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1992
Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1991
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
1993
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1