Gran Premio del Giappone 1992

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giappone Gran Premio del Giappone 1992
531º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 16 del Campionato 1992
Circuito di Suzuka
Circuito di Suzuka
Data 25 ottobre 1992
Nome ufficiale XIX Japanese Grand Prix
Circuito Circuito di Suzuka
Percorso 5,864 km
Circuito permanente
Distanza 53 giri, 310,792 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault in 1'37"360 Williams - Renault in 1'40"646
(nel giro 44)
Podio
1. Italia Riccardo Patrese
Williams - Renault
2. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda
3. Regno Unito Martin Brundle
Benetton - Ford

Il Gran Premio del Giappone 1992 si è svolto domenica 25 ottobre 1992 sul Circuito di Suzuka. Riccardo Patrese su Williams ha raggiunto per la sesta ed ultima volta in carriera il primo gradino del podio ed è stato seguito da Gerhard Berger su McLaren e da Martin Brundle su Benetton.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

La sessione di qualifiche del sabato è resa pressoché inutile dalla pioggia e la griglia è quindi formata in base ai tempi fatti segnare il venerdì. Mansell conquista la tredicesima pole position stagionale, davanti al compagno di squadra Patrese; seguono Senna, Berger, Schumacher, Herbert, Häkkinen, Comas, de Cesaris e Boutsen. In difficoltà le Ferrari, con Larini undicesimo e Alesi addirittura quindicesimo; male anche Brundle, colpito da un'intossicazione alimentare e solo tredicesimo.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:37.360
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:38.219 +0.859
3 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:38.375 +1.015
4 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:40.296 +2.936
5 19 Germania Michael Schumacher Benetton - Ford 1:40.922 +3.562
6 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Ford 1:41.030 +3.670
7 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Ford 1:41.415 +4.055
8 26 Francia Erik Comas Ligier - Renault 1:42.187 +4.827
9 4 Italia Andrea de Cesaris Tyrrell - Ilmor 1:42.361 +5.001
10 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Renault 1:42.428 +5.068
11 28 Italia Nicola Larini Ferrari 1:42.488 +5.128
12 23 Brasile Christian Fittipaldi Minardi - Lamborghini 1:42.617 +5.257
13 20 Regno Unito Martin Brundle Benetton - Ford 1:42.626 +5.266
14 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Lamborghini 1:42.627 +5.267
15 27 Francia Jean Alesi Ferrari 1:42.824 +5.464
16 10 Giappone Aguri Suzuki Footwork - Mugen-Honda 1:43.029 +5.669
17 32 Italia Stefano Modena Jordan - Yamaha 1:43.117 +5.757
18 29 Belgio Bertrand Gachot Venturi Larrousse - Lamborghini 1:43.156 +5.796
19 22 Italia Pierluigi Martini Scuderia Italia - Ferrari 1:43.251 +5.891
20 30 Giappone Ukyo Katayama Venturi Larrousse - Lamborghini 1:43.488 +6.128
21 3 Francia Olivier Grouillard Tyrrell - Ilmor 1:43.941 +6.581
22 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Ferrari 1:44.037 +6.677
23 16 Paesi Bassi Jan Lammers March - Ilmor 1:44.075 +6.715
24 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Mugen-Honda 1:44.149 +6.789
25 33 Brasile Mauricio Gugelmin Jordan - Yamaha 1:44.253 +6.893
26 17 Italia Emanuele Naspetti March - Ilmor 1:47.303 +9.943

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Mansell mantiene il comando della corsa, guadagnando subito un gran vantaggio sul compagno di squadra Patrese. Dietro ai due piloti della Williams Senna si ritira quasi subito col motore in fumo, mentre Berger effettua un pit stop anticipato, lasciando così il terzo posto a Schumacher. Il tedesco di ritira dopo tredici giri, cedendo la posizione al sorprendente Herbert; tuttavia il pilota della Lotus deve abbandonare la gara appena due passaggi più tardi, tradito dal cambio della sua vettura. Dopo i cambi gomme Mansell mantiene la prima posizione, davanti a Patrese, Berger, Häkkinen, Brundle, Comas e de Cesaris; al 36º giro il pilota inglese rallenta improvvisamente, lasciando passare il compagno di squadra e cominciando poi a tallonarlo. Mansell si ritira però al 44º giro per problemi al motore, proprio nel momento in cui anche Häkkinen è costretto all'abbandono per lo stesso inconveniente; Patrese conquista così la testa della corsa, mantenendola fino alla fine e andando a vincere per la prima volta nella stagione, davanti a Berger, Brundle, de Cesaris, Alesi e Fittipaldi.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 53 1:33'09.533 2 10
2 2 Austria Gerhard Berger Regno Unito McLaren - Honda 53 +13.729 4 6
3 20 Regno Unito Martin Brundle Regno Unito Benetton - Ford 53 +1'15.503 13 4
4 4 Italia Andrea de Cesaris Regno Unito Tyrrell - Ilmor 52 +1 giro 9 3
5 27 Francia Jean Alesi Italia Ferrari 52 +1 giro 15 2
6 23 Brasile Christian Fittipaldi Italia Minardi - Lamborghini 52 +1 giro 12 1
7 32 Italia Stefano Modena Irlanda Jordan - Yamaha 52 +1 giro 17
8 10 Giappone Aguri Suzuki Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 52 +1 giro 16
9 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Italia Scuderia Italia - Ferrari 52 +1 giro 22
10 22 Italia Pierluigi Martini Italia Scuderia Italia - Ferrari 52 +1 giro 19
11 30 Giappone Ukyo Katayama Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 52 +1 giro 20
12 28 Italia Nicola Larini Italia Ferrari 52 +1 giro 11
13 17 Italia Emanuele Naspetti Regno Unito March - Ilmor 51 +2 giri 26
14 24 Italia Gianni Morbidelli Italia Minardi - Lamborghini 51 +2 giri 14
15 9 Italia Michele Alboreto Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 51 +2 giri 24
Ritirato 5 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams - Renault 44 Motore 1
Ritirato 11 Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito Lotus - Ford 44 Motore 7
Ritirato 29 Belgio Bertrand Gachot Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 39 Collisione 18
Ritirato 26 Francia Érik Comas Francia Ligier - Renault 36 Motore 8
Ritirato 16 Paesi Bassi Jan Lammers Regno Unito March - Ilmor 27 Frizione 23
Ritirato 33 Brasile Mauricio Gugelmin Irlanda Jordan - Yamaha 22 Testacoda 25
Ritirato 12 Regno Unito Johnny Herbert Regno Unito Lotus - Ford 15 Cambio 6
Ritirato 19 Germania Michael Schumacher Regno Unito Benetton - Ford 13 Cambio 5
Ritirato 3 Francia Olivier Grouillard Regno Unito Tyrrell - Ilmor 6 Testacoda 21
Ritirato 25 Belgio Thierry Boutsen Francia Ligier - Renault 3 Cambio 10
Ritirato 1 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 2 Motore 3

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 164
2 Regno Unito McLaren - Honda 89
3 Regno Unito Benetton - Ford 81
4 Italia Ferrari 18
5 Regno Unito Lotus - Ford 13
6 Regno Unito Tyrrell - Ilmor 8
7 Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 6
8 Francia Ligier - Renault 4
9 Regno Unito March - Ilmor 3
10 Italia Scuderia Italia - Ferrari 2
11 Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 1
11 Italia Minardi - Lamborghini 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1992
Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1991
Gran Premio del Giappone
Edizione successiva:
1993
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1