Gran Premio del Giappone 2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giappone Gran Premio del Giappone 2011
854º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 19 del Campionato 2011
Suzuka circuit map--2005.svg
Data 9 ottobre 2011
Nome ufficiale XXXVII Japanese Grand Prix
Circuito Suzuka International Racing Course
Percorso 5,807 km / 3,608 US mi
Pista permanente
Distanza 53 giri, 307,573 km/ 191,224 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Regno Unito Jenson Button
RBR-Renault in 1'30"466 McLaren-Mercedes in 1'36"568
(nel giro 52)
Podio
1. Regno Unito Jenson Button
McLaren-Mercedes
2. Spagna Fernando Alonso
Ferrari
3. Germania Sebastian Vettel
RBR-Renault

Il Gran Premio del Giappone 2011 si è corso domenica 9 ottobre 2011 sul Circuito di Suzuka, quindicesima prova della stagione 2011 del Campionato mondiale di Formula 1 ed è stato vinto da Jenson Button su McLaren-Mercedes, davanti a Fernando Alonso e Sebastian Vettel. Con il terzo posto il tedesco si aggiudica il suo secondo titolo mondiale consecutivo.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi oltre il 2011[modifica | modifica wikitesto]

La Mercedes GP si assicura l'operato di Aldo Costa, ex direttore tecnico della Ferrari, che diventerà direttore della engineering, e di Geoff Willis, già direttore tecnico della HRT e della Red Bull Racing, che diventerà responsabile aerodinamico, dei sistemi di controllo e delle funzioni di simulazione.[1]

Jenson Button prolunga il suo contratto alla McLaren-Mercedes come pilota titolare.[2]

Analisi per il campionato piloti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vinto anche a Singapore, a Sebastian Vettel manca soltanto un punto per laurearsi campione del mondo piloti di Formula 1 per la seconda volta consecutiva. Il tedesco può vincere il titolo piloti classificandosi decimo, ma se non finirà la gara in zona punti, Jenson Button, suo unico rivale per la corsa al titolo, non dovrà vincere la gara.

Invece, al contrario, per poter vincere il campionato piloti, Jenson Button dovrà vincere ogni gara fino al termine del campionato mondiale, quindi tutte e cinque le gare rimanenti prima della fine di quest'ultima, mentre Vettel in questo caso dovrà classificarsi almeno in una posizione uguale o peggiore all'undicesima, o non finire le gare.

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo morbido e medio.[3]

Da inizio stagione molti piloti, per prevenire incidenti come quello patito da Felipe Massa nel Gran Premio d'Ungheria 2009, pongono sulla visiera una striscia di Zylon. Questa nuova tipologia di casco pesa 50 gr in più della precedente. Da questo gran premio diventano obbligatori[4]

Le conseguenze della fuga radioattiva dalla centrale di Fukushima, a seguito del terremoto dell'11 marzo 2011, provocano delle preoccupazioni nei team che affrontano la trasferta in Giappone. La Red Bull decide di portare tutto il cibo per la scuderia dall'Europa. La situazione è comunque tale da non mettere in dubbio lo svolgimento del gran premio, a differenza di quanto accade per il Gran Premio motociclistico, programmato una sola settimana prima di quello della Formula 1. Per quella gara infatti, da correre sul Circuito di Motegi, a soli 130 km da Fukushima, era stato messo fortemente in dubbio lo svolgimento dell'evento e gli stessi piloti e team furono fortemente preoccupati dalla situazione.[5]

La FIA pone la zona per l'attivazione del DRS sul rettilineo principale. Il detection point è posto prima dell'inizio del Casio Triangle.[6]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

L'ex campione del mondo di F1, l'australiano Alan Jones è nominato commissario aggiunto da parte della FIA.[7]

Nella prima sessione del venerdì Narain Karthikeyan ha preso il posto di Vitantonio Liuzzi all'HRT-Cosworth, Nico Hülkenberg quello di Adrian Sutil alla Force India-Mercedes e Karun Chandhok quello di Heikki Kovalainen alla Lotus-Renault.[8]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione di prove libere del venerdì il miglior tempo è fatto segnare da Jenson Button che precede il compagno di scuderia alla McLaren-Mercedes Lewis Hamilton. Il leader della classifica mondiale Sebastian Vettel è protagonista di un'uscita di pista alla Degner, senza conseguenze fisiche.[8]

Nella seconda sessione il duo della McLaren-Mercedes si è posto in testa alla classifica dei tempi già nella prime fasi della sessione. Successivamente sia Fernando Alonso su Ferrari che Mark Webber su RBR-Renault hanno battuto i tempi dei due piloti inglesi. Incidente per Rubens Barrichello, che è finito nelle barriere alla Degner. Poco dopo Button ha fatto segnare il tempo migliore, che non è stato battuto da altri piloti.

Nella parte finale i team hanno testato le gomme morbide nel long run. Vitantonio Liuzzi ha potuto effettuare solo due giri per un problema alla pressione dell'acqua.[9][10] Michael Schumacher è multato di 5.000 per aver superato, in fase di ingresso della corsia dei box, il segnalatore che delimita la corsia stessa.[11]

Nella sessione del sabato Jenson Button si è portato in testa già nella prima parte. Negli ultimi minuti le scuderie si sono concentrate nell'utilizzo di gomme morbide. Il primo team a utilizzare tali coperture è stata la Mercedes GP che ha fatto segnare il tempo migliore prima con Nico Rosberg poi con Michael Schumacher. Un incidente di Bruno Senna allo Spoon ha costretto i commissari ad esporre le bandiere rosse per qualche minuto.[12]

Successivamente si è riportato al comando Button, seguito dal compagno di scuderia Lewis Hamilton e da Sebastian Vettel. La HRT di Vitantonio Liuzzi ha scontato nuovamente dei problemi idraulici.[13]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[14] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'33"634 20
2 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'33"725 +0"091 18
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'34"090 +0"456 22

Nella seconda sessione del venerdì[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"901 32
2 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'32"075 +0"174 33
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'32"095 +0"194 35

Nella sessione del sabato mattina[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"255 13
2 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"762 +0"507 16
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'32"122 +0"867 18

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella Q1 va in testa nei primi minuti Sebastian Vettel su RBR-Renault, seguito dal compagno di scuderia Mark Webber; poco dopo è Fernando Alonso a far segnare il tempo migliore, mentre Lewis Hamilton è autore di una divagazione in una via di fuga.

Nico Rosberg della Mercedes GP non riesce a prendere parte alla sessione per un problema idraulico al cambio, così come Vitantonio Liuzzi dell'Hispania, che sconta ancora problemi, della stessa natura, sulla sua monoposto. Miglior sorte per Bruno Senna, della Renault, a cui i meccanici riparano la vettura danneggiata nelle libere della mattina.

Negli ultimi minuti della sessione Kamui Kobayashi, su Sauber-Ferrari strappa il tempo migliore. Vengono eliminati, oltre a Rosberg e Liuzzi, anche l'altra HRT, le due Virgin-Cosworth e le due Lotus-Renault. Rosberg e Liuzzi vengono ammessi alla gara dai commissari pur non avendo fatto segnare tempi validi in prova.[17]

Nella fase iniziale della Q2 prevale Vettel, passato poi da Hamilton. Nelle fasi finali prima Pastor Maldonado sale al nono posto, portando Jaime Alguersuari fuori dalla top ten. Il messicano della Sauber, Pérez, sconta invece noie idrauliche. Nell'ultimo tentativo Kobayashi passa ottavo, poi Adrian Sutil si piazza nono, infine Senna entra tra i primi dieci. Vengono eliminati quindi, oltre a Pérez, i due della Force India-Mercedes, i due della Williams-Cosworth e i due della STR-Ferrari.

Nella Q3 va in testa Hamilton mentre Button è secondo. Vettel è solo terzo, davanti al compagno Webber. Nel secondo tentativo Vettel strappa il tempo migliore, Button abbassa il suo tempo, battendo Hamilton, ma fermandosi a soli 9 millesimi da Vettel. Per lui è la pole 27, per la Red Bull la pole numero 35, la quindicesima su quindici gare della stagione.[18] Kamui Kobayashi, pur non avendo fatto segnare un tempo in Q3 è qualificato settimo in quanto aveva iniziato un giro cronometrato, a differenza di Michael Schumacher, Bruno Senna e Vitalij Petrov che, quindi, sono stati classificati seguendo la loro numerazione.[19]

Al termine delle qualifiche Lewis Hamilton si è lamentato con Michael Schumacher per essere stato danneggiato dal tedesco durante il suo ultimo tentativo, con un rischio di contatto fra i due. Schumacher ha risposto dicendo che le responsabilità sono da attribuire al britannico.[20]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'33"051 1'31"424 1'30"466 1
2 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'32"947 1'31"434 1'30"475 2
3 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'32"843 1'31"139 1'30"617 3
4 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'33"235 1'31"909 1'30"804 4
5 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'32"817 1'31"612 1'30"886 5
6 2 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'33"135 1'31"576 1'31"156 6
7 16 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'32"626 1'32"380 senza tempo 7[19]
8 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'33"748 1'32"116 senza tempo 8
9 9 Brasile Bruno Senna Regno Unito Renault 1'33"359 1'32"297 senza tempo 9
10 10 Russia Vitalij Petrov Regno Unito Renault 1'32"877 1'32"245 senza tempo 10
11 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'32"761 1'32"463 11
12 15 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'33"499 1'32"746 12
13 11 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 1'33"921 1'33"079 13
14 12 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Cosworth 1'33"781 1'33"224 14
15 18 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'33"064 1'33"227 15
16 19 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'35"111 1'33"427 16
17 17 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'34"704 senza tempo 17
18 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Renault 1'35"454 18
19 21 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Renault 1'35"514 19
20 25 Belgio Jérôme d'Ambrosio Russia Virgin-Cosworth 1'36"439 20
21 24 Germania Timo Glock Russia Virgin-Cosworth 1'36"507 21
22 22 Australia Daniel Ricciardo Spagna HRT-Cosworth 1'37"846 22
Tempo limite 107%: 1'39"109
23 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP senza tempo 23[17]
24 23 Italia Vitantonio Liuzzi Spagna HRT-Cosworth senza tempo 24[17]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al via Sebastian Vettel mantiene la testa della gara, riuscendo a resistere all'attacco di Jenson Button. L'inglese, chiuso dal tedesco, cede una posizione al compagno di scuderia Lewis Hamilton. Per la manovra su Button, Vettel viene posto sotto indagine dai commissari, che però non decidono nessuna sanzione. Dietro i primi tre vi sono le due Ferrari di Felipe Massa e Fernando Alonso, seguite da Mark Webber, Michael Schumacher e le due Force India. Parte male, per un problema con l'antistallo,[22] l'unico giapponese in gara, Kamui Kobayashi che da settimo si ritrova dodicesimo.

Al sesto giro le due Ferrari si scambiano la posizione. Al giro 8 stessa sorte per le due McLaren: Jenson Button passa Hamilton che è però penalizzato da una foratura che lo costringe a una sosta ai box. Due giri dopo vanno al cambio gomme i tre di testa, che mantengono la posizione.

Al giro 12 la STR di Sébastien Buemi perde una ruota male avvitata ed è costretta al ritiro.[23] Al ventesimo giro le due RBR rientrano una dopo l'altra per il cambio gomme, ma entrambi i piloti riescono a ripartire senza conseguenze. Button va al pit stop il giro seguente e riesce a tenere dietro Vettel, che è molto vicino al britannico.

Al giro seguente Lewis Hamilton attacca Felipe Massa all'ultima chicane: i due si toccano e la Ferrari perde un pezzo di alettone. I detriti rimangono in traiettoria tanto che i commissari decidono per l'entrata della vettura di sicurezza. Alla ripartenza della gara le posizioni di testa rimangono invariate con Button davanti a Vettel, Alonso, Webber, Massa, Hamilton e Schumacher.

Al giro 34 Vettel anticipa il cambio gomme. Alonso compie il suo cambio gomme quattro giri dopo, e rientra in pista davanti al tedesco. Lewis Hamilton passa Felipe Massa portandosi in quinta posizione, dopo che anche Button e Schumacher effettuano il loro pit stop. Schumacher, nella girandola dei cambi gomme, si trova anche per tre giri in testa alla gara, per la prima volta dal Gran Premio del Giappone 2006.[24]

Negli ultimi giri Jenson Button riesce a mantenere il vantaggio su Fernando Alonso, a sua volta tallonato da Sebastian Vettel. Per l'inglese è la vittoria numero dodici (all'ultimo giro Button conquista anche il giro più veloce della gara, con un tempo di un solo millesimo più rapido del miglior tempo fatto segnare da Sergio Pérez), mentre, con questi punti, Vettel conquista matematicamente il suo secondo titolo piloti consecutivo, diventando il più giovane bi-campione del mondo nella storia del Campionato mondiale di Formula 1.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[25] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 53 1h30'53"427 2 25
2 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 53 +1"160 5 18
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 53 +2"006 1 15
4 2 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 53 +8"071 6 12
5 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 53 +24"268 3 10
6 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 53 +27"120 8 8
7 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 53 +28"240 4 6
8 17 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 53 +39"377 17 4
9 10 Russia Vitalij Petrov Regno Unito Renault 53 +42"607 10 2
10 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 53 +44"322 23 1
11 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 53 +54"447 11
12 15 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 53 +1'02"326 12
13 16 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 53 +1'03"705 7
14 12 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Cosworth 53 +1'04"194 14
15 19 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 53 +1'06"623 16
16 9 Brasile Bruno Senna Regno Unito Renault 53 +1'12"628 9
17 11 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 53 +1'14"191 13
18 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Renault 53 +1'27"824 18
19 21 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Renault 53 +1'36"140 19
20 24 Germania Timo Glock Russia Virgin-Cosworth 51 +2 giri 21
21 25 Belgio Jérôme d'Ambrosio Russia Virgin-Cosworth 51 +2 giri 20
22 22 Australia Daniel Ricciardo Spagna HRT-Cosworth 51 +2 giri 22
23 23 Italia Vitantonio Liuzzi Spagna HRT-Cosworth 50 +3 giri 24
Rit 18 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 11 Ruota 15

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Austria RBR-Renault 518
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 388
3 Italia Ferrari 292
4 Germania Mercedes GP 123
5 Regno Unito Renault 72
6 India Force India-Mercedes 48
7 Svizzera Sauber-Ferrari 40
8 Italia STR-Ferrari 29
9 Regno Unito Williams-Cosworth 5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Costa e Willis alla Mercedes, italiaracing.net, 30-9-2011. URL consultato il 1-10-2011.
  2. ^ Jenson Button: “La McLaren è il posto migliore per vincere” in f1grandprix.motorionline.com, 5-10-2011. URL consultato il 7-10-2011.
  3. ^ F1: Le mescole Pirelli per i prossimi Gran Premi in Giappone e Corea, f1grandprix.motorionline.com, 16-9-2011. URL consultato il 23-9-2011.
  4. ^ Davide Reinato, Da Suzuka caschi con Zylon obbligatori, blogf1.it, 4-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  5. ^ (FR) Faut-il craindre la radioactivité au Japon ?, motorsport.nextgen-auto.com, 3-10-2011. URL consultato il 3-10-2011.
  6. ^ GP Giappone: una sola zona DRS a Suzuka, sul rettilineo principale, f1grandprix.motorionline.com, 6-10-2011. URL consultato il 7-10-2011.
  7. ^ Formula 1, Jones nominato commissario aggiunto dalla FIA per il week-end in Giappone, sportsbook24.net, 6-10-2011. URL consultato il 7-10-2011.
  8. ^ a b GP Giappone, Prove Libere 1: Button davanti, incidente per Vettel, f1grandprix.motorionline.com, 7-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  9. ^ GP Giappone, Prove Libere 2: Button davanti ad Alonso, f1grandprix.motorionline.com, 7-10-2011. URL consultato il 7-10-2011.
  10. ^ HRT: Solo due giri per Liuzzi nelle prove libere in Giappone, f1grandprix.motorionline.com, 7-10-2011. URL consultato il 7-0-2011.
  11. ^ Schumacher multato per un episodio in pitlane, f1grandprix.motorionline.com, 7-10-2011. URL consultato il 7-10-2011.
  12. ^ Andrea Facchinetti, GP Giappone 2011, Libere 3: ancora Button davanti, blogf1.it, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  13. ^ GP Giappone, Prove Libere 3: Button ancora davanti, f1grandprix.motorionline.com, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  14. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  15. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  16. ^ Sessione di prove libere del sabato
  17. ^ a b c Su decisione degli steward, Nico Rosberg e Vitantonio Liuzzi vengono ammessi alla gara nonostante non abbiano registrato nessun tempo in Q1 a causa di problemi tecnici e nonostante l'italiano non abbia fatto segnare nel corso del week-end tempi entro il 107%. GP Giappone, Rosberg e Liuzzi: via libera dai commissari per la gara, f1grandprix.motorionline.com, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  18. ^ Massimo Costa, Suzuka - Qualifica -Vettel batte Button di 9 millesimi, italiaracing.net, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  19. ^ a b Kamui Kobayashi parte settimo in quanto ha iniziato un giro cronometrato. GP Giappone, Kobayashi partirà settimo, f1grandprix.motorionline.com, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  20. ^ Davide Reinato, Hamilton accusa Schumacher: “Mi ha ostacolato”, blogf1.it, 8-10-2011. URL consultato l'8-10-2011.
  21. ^ Sessione di qualifica
  22. ^ Sauber, Kamui Kobayashi tradito dall’anti-stallo al via in Giappone, f1grandprix.motorionline.com, 9-10-2011. URL consultato il 9-10-2011.
  23. ^ Toro Rosso: Sebastien Buemi costretto al ritiro in Giappone per un errore al pitstop, f1grandprix.motorionline.com, 9-10-2011. URL consultato il 9-10-2011.
  24. ^ (FR) Michael SCHUMACHER Tour en tête / Kms en tête, statsf1.com. URL consultato il 9-10-2011.
  25. ^ Risultati del gran premio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2011
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2010
Gran Premio del Giappone
Edizione successiva:
2012
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1