Aldo Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aldo Costa (Parma, 5 giugno 1961) è un ingegnere italiano, responsabile del Progetto e Sviluppo della squadra di Formula 1 Mercedes AMG. È stato direttore tecnico della Scuderia Ferrari Formula 1 dal 1 gennaio 2008 al 24 maggio 2011[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi presso l'Università di Bologna in Ingegneria meccanica, ha iniziato la carriera in F1 come capo progettista della Minardi nel 1988. Nella scuderia faentina Costa ha rivestito diversi incarichi: ingegnere addetto ai calcoli strutturali fino al 1989, responsabile del progetto della vettura fino al 1991 e direttore tecnico.

Approda in Ferrari nel 1995 e il suo primo incarico è quello di sviluppare il progetto della versione GT-Le Mans della F50. Nel 1996 diventa responsabile della progettazione autotelaio nell'ambito della Gestione Sportiva e nel 1998 viene nominato assistente del capo progettista Rory Byrne, al quale è succeduto nel 2004. Nel 2006 è stato nominato capo della Direzione Autotelaio; dal 1 gennaio 2008 è divenuto il nuovo direttore tecnico della casa di Maranello: ha mantenuto l'incarico fino al 24 maggio 2011. Nel 2011, a casua della crisi di risultati della scuderia Ferrari, dopo 5 GP (nel quinto gran premio Alonso fu addirittura doppiato da Vettel) Costa è stato licenziato dalla Ferrari.

Il 30 settembre 2011 la scuderia Mercedes GP annuncia l'arrivo di Costa nel ruolo di Direttore dell'Ingegneria, e responsabile della Progettazione e Sviluppo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— 22 ottobre 2002[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crisi Ferrari, via il direttore tecnico, Corriere della Sera. URL consultato il 24-5-2011.
  2. ^ Quirinale.it - Dettaglio decorato - Costa Ing. Aldo