John Elkann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Philip Jacob Elkann

John Philip Jacob Elkann (New York, 1º aprile 1976) è un imprenditore italiano, attualmente presidente della Fiat S.p.A., della Exor S.p.A. e della Giovanni Agnelli e C. s.a.p.a.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia e formazione[modifica | modifica sorgente]

John Elkann nasce a New York il 1º aprile 1976[1], primogenito di Margherita Agnelli e del suo primo marito Alain Elkann. I genitori divorzieranno nel 1981. Ha un fratello, Lapo, e una sorella, Ginevra e altri cinque fratelli nati dalle seconde nozze della madre con Serge de Pahlen. Ha conseguito la maturità scientifica al Liceo pubblico Victor Duruy di Parigi[2] e la laurea in Ingegneria Gestionale al Politecnico di Torino nel 2000. Grazie alla permanenza in vari paesi, Elkann parla correttamente quattro lingue.[3] Durante il periodo universitario ha maturato esperienze di lavoro in numerose società: montaggio dei fari in una fabbrica della Magneti Marelli di Birmingham, Inghilterra (1996), linea di montaggio della Panda a Tychy, Polonia (1997), concessionaria di auto a Lilla, Francia (1998). Inoltre ha preparato la sua tesi (sulle aste on line) lavorando presso la CIG (corporate initiatives group) di General Electric (1999).

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997 John Elkann fu scelto da suo nonno Gianni Agnelli come suo successore[4], a fronte della morte di Giovanni Alberto Agnelli, figlio di Umberto Agnelli e nipote di Gianni, morto a soli 33 anni, mentre si avviava a succedere allo zio a capo del Gruppo Fiat. John Elkann fece dunque ingresso a 21 anni nel Consiglio di Fiat e dell’Accomandita Giovanni Agnelli e C.[5]

Dopo la Laurea al Politecnico di Torino, nel 2001 è entrato alla General Electric, come membro del Corporate Audit Staff, con incarichi in Asia, Stati Uniti ed Europa. Nel 2003 è entrato all’IFIL e ha lavorato al piano di rilancio del Gruppo Fiat, del quale ha assunto la Vice Presidenza nel 2004 (è stato Consigliere di Fiat Spa dal dicembre 1997).

Nel maggio del 2004 ha avuto un ruolo chiave nella nomina di Sergio Marchionne a amministratore delegato di Fiat, carica che Marchionne tuttora ricopre.[6]

Nel maggio 2008, per decisione unanime dei Soci e del Consiglio di Amministrazione, viene eletto presidente dell'IFIL che – raggruppata poi con IFI – il 1º marzo 2009 è stata rinominata Exor. Il 21 aprile 2010 è stato designato presidente di Fiat Group. Il 28 aprile nomina suo cugino Andrea Agnelli presidente della Juventus Football Club. Il 14 maggio 2010 è stato nominato presidente della Giovanni Agnelli e C. Sapaz. Dal 1º gennaio 2011 è presidente di Fiat SpA, società nata in seguito al deconsolidamento di Fiat Industrial. L'11 febbraio ha assunto anche la carica di amministratore delegato di Exor.

È inoltre presidente dell'Editrice La Stampa e di Cushman & Wakefield[7], membro del Consiglio di Amministrazione di CNH Industrial, The Economist, News Corporation e Banca Leonardo. È membro dell’international Advisory Council del Brookings Institution e trustee del Museum of Modern Art (MoMA). Ha fatto parte del comitato di presidenza di Confindustria, dimettendosi dopo l'uscita di Fiat dal gruppo "nell'interesse dell'autonomia e dell'indipendenza dell'Associazione". È inoltre vice presidente dell’Aspen Institute Italia e della Fondazione Giovanni Agnelli ed è tra i fondatori della Scuola di Alta Formazione al Management - Collège des Ingénieurs Italia.

Nel 2013 Fortune lo ha inserito al 4º posto nella classifica dei manager under 40 più influenti al mondo.[8]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Il 4 settembre 2004 Elkann ha sposato Lavinia Borromeo[9]: la cerimonia si è svolta nella cappella dell’Isola Madre, una delle isole Borromee sul lago Maggiore, nel Comune di Stresa - VCO. Al ricevimento, che si è svolto nella vicina Isola Bella, hanno partecipato più di 500 ospiti, tra cui Henry Kissinger, Mario Monti, Michel Platini, Valentino Garavani, Carla Bruni e Elle McPherson.[10] Il 27 agosto 2006 è diventato padre di Leone Mosé, l'11 novembre 2007 è nato Oceano Noah e il 23 gennaio 2012 è nata la sua terzogenita Vita Talita; tutti e tre i figli sono nati nell'ospedale S. Anna di Torino.

Nel 2012 ha partecipato alla riunione del Gruppo Bilderberg presso Chantilly, Virginia, USA.[11]

Nel marzo del 2012 John Elkann ha preso parte come armatore alla traversata Miami-New York sul monoscafo Maserati del team di Giovanni Soldini, con l'obiettivo di percorrere le 947 miglia e stabilire il nuovo record nella categoria monoscafi.[12]

Nel maggio dello stesso anno Elkann ha partecipato insieme alla moglie Lavinia Borromeo alla 30ª rievocazione storica della Mille Miglia[13], gara di regolarità per auto storiche, che si svolge su strade pubbliche da Brescia a Roma e ritorno. La loro Fiat 8V compare nella classifica generale al posto n. 147 (due posizioni prima del collega tedesco della Mercedes, Dieter Zetsche).

Cariche[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Premio Appeal Of Conscience, settembre 2010

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Borella "Annuario della Nobiltà Italiana" Edizione XXXI Teglio (SO) 2010 S.A.G.I. Casa Editrice vol. 1 pag. 783-785
  2. ^ Agnelli: per J.Elkann il momento delle responsabilità in www.ilsole24ore.com, 24 gennaio 2003.
  3. ^ Fiat, l' Avvocato chiama John Elkann in www.corriere.it, 19 dicembre 1997.
  4. ^ John Elkann: “Avanti veloce. I miei primi dieci anni nel solco tracciato dal nonno” in www.lastampa.it, 20 gennaio 2013.
  5. ^ Elkann nel Cda Fiat a 22 anni come Gianni Agnelli nel '43 in www.repubblica.it, 30 maggio 2004.
  6. ^ Unlikely heir who saved the family jewels in www.ft.com, 06 marzo 2011.
  7. ^ John Elkann nominato presidente Cda di Cushman & Wakefield in www.lastampa.it, 15 aprile 2014.
  8. ^ 40 under 40 in money.cnn.com, 30 settembre 2013.
  9. ^ Andrea Borella "Annuario della Nobiltà Italiana" Edizione XXXI Teglio (SO) 2010 S.A.G.I. Casa Editrice vol. 1 pag. 783-785
  10. ^ Unioni eccellenti: il matrimonio di John Elkann e Lavinia Borromeo in www.panorama.it, 27 agosto 2004.
  11. ^ bilderbergmeetings.org/.
  12. ^ Soldini ed Elkann: la strana coppia tenta l'impresa in www.tg1.rai.it, 23 marzo 2012.
  13. ^ Mille Miglia, è festa sulle strade italiane in La Stampa, 18 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]