Chris Dyer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Chris Dyer (Bendigo, 12 febbraio 1968[1]) è un ingegnere australiano, ex responsabile degli ingegneri di pista della Scuderia Ferrari.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato in Australia nell'ambito delle competizioni per vetture turismo, nel 1997 Dyer è passato in Formula 1 alla Arrows, dapprima nel ruolo di ingegnere addetto all'analisi dei dati e in seguito in quello di ingegnere di pista.[2]

Trasferitosi alla Ferrari nel 2001, Dyer ha seguito Michael Schumacher come ingegnere di vettura e poi di pista,[2] successivamente è stato l'ingegnere di pista di Kimi Räikkönen[3] e fino al gennaio 2011 ha ricoperto l'incarico di capo ingegnere di pista.[4]

Nel 2012 è stato ingaggiato dalla BMW come capo ingegnere nel DTM.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutti gli uomini che hanno fatto volare il Cavallino, La Stampa, 19 ottobre 2003, p. 20. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  2. ^ a b (EN) Guiding the world champion in thescuderia.net. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  3. ^ Niente Cina per Baldisserri, La Gazzetta dello Sport, 14 aprile 2009. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  4. ^ Nuovi arrivi e modifiche organizzative in Ferrari.com, 4 gennaio 2011. URL consultato il 5 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2011).
  5. ^ Chris Dyer torna in pista: nuovo capo ingegnere BMW nel DTM in stopandgo.tv, 16 ottobre 2012. URL consultato il 4 gennaio 2015.