Minardi M02

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minardi M02
Mazzacane en Minardi F1 2000.jpg
Mazzacane alla guida della Minardi M02
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Minardi
Categoria Formula 1
Progettata da Gustav Brunner
Sostituisce Minardi M01
Sostituita da Minardi PS01
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore V10 Fondamental Cosworth a 72°
Trasmissione Minardi in titanio longitudinale semi-automatico a 6 rapporti + retro
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4429 mm
Larghezza 1800 mm
Passo 3020 mm
Altro
Carburante Elf
Pneumatici Bridgestone
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2000
Piloti 20.Marc Gené
21.Gaston Mazzacane
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
17 0 0 0
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La Minardi M02 fu la vettura dell'omonimo team che disputò la stagione 2000 di Formula 1. Progettata da Gustav Brunner e guidata da Marc Gené e Gaston Mazzacane risultava essere la monoposto con il maggior numero di soluzioni inedite.[1]

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

La M02 venne presentata il 16 febbraio 2000 a Bilbao vicino al Museo Guggenheim.[2] Il titolare della scuderia, Gabriele Rumi, si dichiarò molto ottimista[2], così come Marc Gené, soddisfatto della vettura, ma preoccupato per la scarsa potenza del motore.[2] L'altro pilota, il neoassunto Gaston Mazzacane, dichiarò invece di essere contento di poter gareggiare in Formula 1 e di poter adattarsi velocemente alla vettura.[2] Anche Gustav Brunner affermò di essere molto soddisfatto della vettura.[2]

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2000, la Minardi modificò i colori della sua livrea, adottando il giallo come elemento principale, oltre al blu.[3] Il cambio di colorazione era dovuto, soprattutto, al maggior peso acquisito dallo sponsor principale, Telefónica, che pareva dovesse acquistare una rilevante quota del team (operazione, poi, non concretizzatasi).[3] La Minardi poté contare anche su alcuni sponsor nuovi, tra cui il network televisivo sudamericano PSN e la linea di abbigliamento spagnola Lois.[3]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2000 fu caratterizzata da pochissime modifiche ai regolamenti, che, di fatto, non comportarono stravolgimenti riguardo al modo di concepire le vetture rispetto all'anno precedente.[4] Al contrario di molte vetture concorrenti, la M02 presentava invece moltissime nuove soluzioni innovative.[1]

La progettazione e lo sviluppo della monoposto furono affidati a Gustav Brunner, il quale aveva a disposizione un budget di 50 milioni di dollari, sette volte inferiore a quello delle squadre di vertice, e un personale di cento unità a coadiuvarlo.[5] Nonostante un miglioramento delle prestazioni rispetto all'anno precedente,[5] però, la vettura scontava problemi di competitività legati ad un motore poco potente ed obsoleto e i due piloti, Marc Gené e Gaston Mazzacane, non furono mai in grado di lottare per ottenere punti.

Cambio e sospensioni[modifica | modifica wikitesto]

La più importante novità della Minardi M02 risultava nuovo il cambio. A partire dal Gran Premio di Spagna ne venne infatti introdotto uno la cui scatola era costruita completamente in titanio.[6] Sviluppato con la collaborazione della CRP, un'azienda di Modena, il nuovo cambio risultava poco ingombrante e leggero.[7] La scuderia italiana calcolò un risparmio di peso pari al 25% oltre ad una maggiore rigidità torsionale.[6] Nello stesso pacchetto erano compresi anche gli attacchi delle sospensioni, i cui portamozzi erano costruiti con lo stesso materiale,[1] permettendo un'ulteriore razionalizzazione in termini di riduzione del peso.[6] Tra l'altro, le sospensioni posteriori erano costruite sul modello di quelle anteriori adottate dalla Ferrari, seguendo il modello già adottato l'anno precedente.[8]

Aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Modifiche vennero fatte pure nell'abitacolo, che venne abbassato grazie ad un'inedita forma, creata per facilitare l'entrata nel posto di guida ai piloti.[1] Inedito risultò poi il fondo della vettura in cui veniva aggiunta un'appendice esterna ed una centrale.[1] Anche l'avantreno e le fiancate, entrambi molto squadrati,[1] subirono dei cambiamenti, così come gli scarichi del motore, sistemati più in alto,[1] e il cofano motore, molto basso.[1] Inalterate rimasero invece le pinze dei freni.[1]

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Il punto più problematico della vettura era rappresentato dal motore Ford (rinominato Fondmetal), scarsamente potente, visto che disponeva di oltre cinquanta CV in meno rispetto a quello degli altri concorrenti,[9] ingombrante e pesante.[10] Nonostante fosse stata spesa una cifra rilevante per il suo sviluppo,[7] non risultò affatto competitivo. Nel gennaio del 2000, infatti, Rumi aveva concluso un accordo con la casa americana per la fornitura dei propulsori Cosworth utilizzati nella stagione di Formula 1 1998, acquisendo anche il diritto a svilupparli tramite una squadra di tecnici appositamente messagli a disposizione.[11] L'operazione, di fatto, era diretta ad una riduzione dei costi, visto che lo scopo di Rumi era quello di rivendere il motore aggiornato a scuderie militanti in altre categorie dell'automobilismo, come il campionato sport prototipi.[11]

Il propulsore, poi, siccome pesava più trenta chilogrammi rispetto a quello dei concorrenti richiedeva un impianto di raffreddamento più ampio, il che andava a danno dell'aerodinamica della monoposto.[5]

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione i due piloti Minardi non riuscirono ad ottenere alcun punto, ottenendo come miglior risultato tre ottavi posti, e concludendo il campionato al decimo posto nel campionato costruttori, davanti alla sola Prost.

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Punti Pos.
2000 M02 Fondmetal V10 B Gené 8 Rit Rit 14 14 Rit Rit 16 15 8 Rit 15 14 9 12 Rit Rit 0 10º
Mazzacane Rit 10 13 15 15 8 Rit 12 Rit 12 11 Rit 17 10 Rit 15 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Piola, op. cit., pag. 107.
  2. ^ a b c d e Andrea Cremonesi, Scommessa Minardi con super-Gené e Mazzacane in La Gazzetta dello Sport, 17 febbraio 2000, p. 26.
  3. ^ a b c (EN) Mazzacane and Alonso join Gene at Minardi, Grandprix.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  4. ^ Piola, op. cit., pag. 22.
  5. ^ a b c (EN) Minardi Acts To Move Up Or Move Out in NY Times, 6 maggio 2000. URL consultato il 21 giugno 2013.
  6. ^ a b c Piola, op. cit., pag.30
  7. ^ a b D'Alessio, Williams, op. cit., pag. 150.
  8. ^ Piola, op. cit., pag.44
  9. ^ AA.VV:, Tutti in prova in Quattroruote Speciale, nº 17, Domus, marzo 2000, p. 8.
  10. ^ AA.VV:, Tutti in prova in Quattroruote Speciale, nº 17, Domus, marzo 2000, p. 46.
  11. ^ a b (EN) Fondmetal buys rights to old Ford engines, Grandprix.com. URL consultato il 20 giugno 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo D'Alessio, Bryn Williams, F1 2000. Campioni del mondo!, Cernusco sul Naviglio, SEP, 2000, ISBN 88-87110-22-0.
  • Giorgio Piola, Formula 1 2000. Analisi tecnica, Giorgio Nada Editore, 2000, ISBN 88-7911-241-4.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1