Gran Premio del Canada 1992

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canada Gran Premio del Canada 1992
523º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 16 del Campionato 1992
Circuito Gilles Villeneuve
Circuito Gilles Villeneuve
Data 14 giugno 1992
Nome ufficiale XXX Grand Prix du Canada
Circuito Circuito di Montreal
Percorso 4.430 km
Circuito semi-permanente
Distanza 69 giri, 305.670 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda in 1:19.775 McLaren - Honda in 1:22.325
(nel giro 61)
Podio
1. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda
2. Germania Michael Schumacher
Benetton - Ford
3. Francia Jean Alesi
Ferrari

Il Gran Premio del Canada 1992 si è svolto domenica 14 giugno 1992 sul Circuito di Montreal. La gara è stata vinta da Gerhard Berger su McLaren seguito da Michael Schumacher su Benetton e da Jean Alesi su Ferrari.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta nella stagione Senna conquista la pole position, battendo di poco meno di un decimo Patrese. Mansell, reduce da sei pole position di fila, è terzo, davanti a Berger, Schumacher e al sorprendente Herbert, sesto con la nuova Lotus 107. Chiudono la top ten Brundle, Alesi, Capelli e Häkkinen.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:19.775
2 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:19.872 +0.097
3 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:19.948 +0.173
4 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:20.145 +0.370
5 19 Germania Michael Schumacher Benetton - Ford 1:20.456 +0.681
6 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Ford 1:21.645 +1.870
7 20 Regno Unito Martin Brundle Benetton - Ford 1:21.738 +1.963
8 27 Francia Jean Alesi Ferrari 1:21.777 +2.002
9 28 Italia Ivan Capelli Ferrari 1:22.297 +2.522
10 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Ford 1:22.360 +2.585
11 30 Giappone Ukyo Katayama Venturi Larrousse - Lamborghini 1:22.510 +2.735
12 16 Austria Karl Wendlinger March - Ilmor 1:22.566 +2.791
13 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Lamborghini 1:22.594 +2.829
14 4 Italia Andrea de Cesaris Tyrrell - Ilmor 1:22.635 +2.860
15 22 Italia Pierluigi Martini Scuderia Italia - Ferrari 1:22.850 +3.075
16 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Mugen-Honda 1:22.878 +3.103
17 32 Italia Stefano Modena Jordan - Yamaha 1:23.023 +3.248
18 15 Italia Gabriele Tarquini Fondmetal - Ford 1:23.063 +3.288
19 29 Belgio Bertrand Gachot Venturi Larrousse - Lamborghini 1:23.138 +3.363
20 17 Francia Paul Belmondo March - Ilmor 1:23.189 +3.414
21 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Renault 1:23.203 +3.428
22 26 Francia Erik Comas Ligier - Renault 1:23.212 +3.437
23 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Ferrari 1:23.249 +3.474
24 33 Brasile Mauricio Gugelmin Jordan - Yamaha 1:23.431 +3.656
25 23 Brasile Christian Fittipaldi Minardi - Lamborghini 1:23.433 +3.658
26 3 Francia Olivier Grouillard Tyrrell - Ilmor 1:23.469 +3.694
NQ 10 Giappone Aguri Suzuki Footwork - Mugen-Honda 1:23.721 +3.946
NQ 7 Belgio Eric van de Poele Brabham - Judd 1:24.499 +4.724
NQ 14 Svizzera Andrea Chiesa Fondmetal - Ford 1:25.044 +5.269
NQ 8 Regno Unito Damon Hill Brabham - Judd 1:25.812 +6.037

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Senna mantiene il comando della corsa, seguito da Mansell, Patrese, Berger, Schumacher, Brundle, Herbert e Häkkinen. Nei primi giri non ci sono cambiamenti nelle prime posizioni, mentre a centro gruppo Gachot tampona il compagno di squadra Katayama; entrambi i piloti della Larrousse proseguono, ma Gachot sarà squalificato più tardi per essere stato aiutato a ripartire dopo un altro incidente.

Al 15º giro Mansell prova un attacco a Senna all'ultima chicane, ma arriva con una velocità eccessiva e finisce per insabbiarsi. Senna continua indisturbato, mentre alle sue spalle Berger approfitta della confusione per sopravanzare Patrese. Non ci sono altri cambi di posizione (con l'eccezione del ritiro delle due Lotus per problemi al cambio) fino al 38º passaggio, quando Senna è costretto al ritiro per problemi elettrici. Poche tornate più tardi anche Patrese e Brundle (che aveva superato il compagno di squadra, portandosi in terza posizione) devono abbandonare a causa di rotture meccaniche; Berger passa così al comando davanti a Schumacher e Alesi. I tre concludono in quest'ordine, seguiti da Wendlinger (che porta i primi punti alla March), de Cesaris e Comas. Sfortunata la gara di Katayama, che si ritira a pochi giri dal termine mentre occupava la quinta posizione.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2 Austria Gerhard Berger Regno Unito McLaren - Honda 69 1:37'08.299 4 10
2 19 Germania Michael Schumacher Regno Unito Benetton - Ford 69 +12.401 5 6
3 27 Francia Jean Alesi Italia Ferrari 69 +1'07.327 8 4
4 16 Austria Karl Wendlinger Regno Unito March - Ilmor 68 +1 giro 12 3
5 4 Italia Andrea de Cesaris Regno Unito Tyrrell - Ilmor 68 +1 giro 14 2
6 26 Francia Érik Comas Francia Ligier - Renault 68 +1 giro 22 1
7 9 Italia Michele Alboreto Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 68 +1 giro 16
8 22 Italia Pierluigi Martini Italia Scuderia Italia - Ferrari 68 +1 giro 15
9 21 Finlandia Jyrki Järvilehto Italia Scuderia Italia - Ferrari 68 +1 giro 23
10 25 Belgio Thierry Boutsen Francia Ligier - Renault 67 +2 giri 21
11 24 Italia Gianni Morbidelli Italia Minardi - Lamborghini 67 +2 giri 13
12 3 Francia Olivier Grouillard Regno Unito Tyrrell - Ilmor 67 +2 giri 26
13 23 Brasile Christian Fittipaldi Italia Minardi - Lamborghini 65 +4 giri 25
14 17 Francia Paul Belmondo Regno Unito March - Ilmor 64 +5 giri 20
Ritirato 30 Giappone Ukyo Katayama Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 61 Motore 11
Ritirato 20 Regno Unito Martin Brundle Regno Unito Benetton - Ford 45 Trasmissione 7
Ritirato 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 43 Cambio 2
Ritirato 1 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 37 Elettrico 1
Ritirato 32 Italia Stefano Modena Irlanda Jordan - Yamaha 36 Trasmissione 17
Ritirato 11 Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito Lotus - Ford 35 Cambio 10
Ritirato 12 Regno Unito Johnny Herbert Regno Unito Lotus - Ford 34 Frizione 6
Ritirato 28 Italia Ivan Capelli Italia Ferrari 18 Testacoda 9
Ritirato 5 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams - Renault 14 Testacoda 5
Ritirato 33 Brasile Mauricio Gugelmin Irlanda Jordan - Yamaha 14 Trasmissione 24
DSQ 29 Belgio Bertrand Gachot Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 14 Squalificato 19
Ritirato 15 Italia Gabriele Tarquini Italia Fondmetal - Ford 0 Trasmissione 11
NQ 10 Giappone Aguri Suzuki Regno Unito Footwork - Mugen-Honda
NQ 7 Belgio Eric van de Poele Regno Unito Brabham - Judd
NQ 14 Svizzera Andrea Chiesa Italia Fondmetal - Ford
NQ 8 Regno Unito Damon Hill Regno Unito Brabham - Judd
NQ 34 Brasile Roberto Moreno Italia Moda - Judd

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 84
2 Regno Unito McLaren - Honda 36
3 Regno Unito Benetton - Ford 31
4 Italia Ferrari 13
5 Regno Unito Footwork - Mugen-Honda 5
6 Regno Unito Tyrrell - Ilmor 4
7 Regno Unito March - Ilmor 3
8 Regno Unito Lotus - Ford 2
8 Italia Scuderia Italia - Ferrari 2
10 Francia Venturi Larrousse - Lamborghini 1
10 Francia Ligier - Renault 1

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1992
Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1991
Gran Premio del Canada
Edizione successiva:
1993
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1