Gran Premio del Canada 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canada Gran Premio del Canada 2013
885º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 19 del Campionato 2013
Circuit Gilles Villeneuve.svg
Data 9 giugno 2013
Nome ufficiale L Grand Prix du Canada
Circuito Montréal
Percorso 4,361 km / 2,710 US mi
Circuito cittadino
Distanza 70 giri, 305,270 km/ 189,686 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Australia Mark Webber
Red Bull-Renault in 1'25"425 Red Bull-Renault in 1'16"182
(nel giro 69)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Red Bull-Renault
2. Spagna Fernando Alonso
Ferrari
3. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes

Il Gran Premio del Canada 2013 è stata la settima prova della stagione 2013 del campionato mondiale di Formula 1. Si è disputato domenica 9 giugno 2013 sul Circuito Gilles Villeneuve di Montréal. La gara è stata vinta dal tedesco Sebastian Vettel su Red Bull-Renault; per il vincitore si è trattato del ventinovesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo lo spagnolo Fernando Alonso su Ferrari e il britannico Lewis Hamilton su Mercedes.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Frank Williams annuncia che, dal 2014, la sua scuderia utilizzerà motori forniti dalla Mercedes. L'accordo prevede anche la fornitura della tecnologia ERS, nuovo sistema per il recupero dell'energia che sostituisce il KERS. Il cambio invece continuerà a essere prodotto in proprio dalla scuderia inglese.[1]

Christian Horner, team principal della Red Bull, ha annunciato che dal 2014 verranno nuovamente consentiti i test durante la stagione. Le scuderie, nel corso del fine settimana del GP di Monaco, hanno raggiunto un accordo per disputare 4 sessioni di due giorni, su circuiti europei.[2]

Il caso dei test Pirelli[modifica | modifica sorgente]

La FIA ha deciso di deferire dinnanzi al Tribunale Internazionale della stessa federazione la Mercedes AMG F1 e la Pirelli, fornitrice degli pneumatici, in merito al test compiuto dalla scuderia tedesca, con una vettura del 2013, sul Circuito di Barcellona, subito dopo il Gran Premio di Spagna, tra il 15 e il 17 maggio. La questione, sollevata nel corso del fine settimana del GP di Monaco da Red Bull Racing e Scuderia Ferrari, era stata inviata dai commissari monegaschi alla FIA, per una decisione in merito. La Ferrari, a sua volta, è stata scagionata dalla FIA per dei test compiuti tra il 23 e 24 aprile, sempre a Barcellona. La casa italiana, infatti, ha utilizzato una vettura del 2011.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, annuncia che per il Gran Premio porterà gomme di mescola supersoft e di mescola media.[4] La casa italiana aveva reso nota la volontà di modificare gli pneumatici a partire da questo Gran Premio. I nuovi pneumatici avrebbero avuto una durata più lunga e un'anima in kevlar.[5] La casa italiana, dal Gran Premio di Spagna, aveva già modificato la mescola hard, con prestazioni simili a quelle della stagione 2012.[4] Dopo le prime gare della stagione infatti molti team si erano lamentati per questo eccessivo degrado.[6]

Successivamente la Pirelli ha comunicato che per la gara canadese fornirà solo due nuovi tipi di mescola, che potranno essere utilizzati durante le prove del venerdì. Sulla base delle risultanze di queste prove la Pirelli stabilirà le mescole da portare nel successivo Gran Premio di Gran Bretagna.[7]

La FIA modifica la zona per l'utilizzo del DRS, rispetto all'edizione 2012 del Gran Premio. In questa stagione lo strumento potrà essere usato sul lungo rettilineo del Casino, e sul rettilineo di partenza, come l'edizione 2011, anche se per una percorrenza più breve rispetto a quella edizione. Il punto per la determinazione del distacco fra piloti è stabilito a L'Epingle.[8]

La Ferrari sostituisce la scocca della F138 di Felipe Massa, incidentata nel corso del fine settimana del GP di Monaco.[9] Anche la Williams è costretta a una soluzione dello stesso tipo per la vettura di Pastor Maldonado.[10]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

La FIA penalizza di dieci posizioni in griglia il pilota della Lotus Romain Grosjean per aver causato un tamponamento con Daniel Ricciardo durante il Gran Premio di Monaco.[11] Martin Donnelly, ex pilota di Formula 1, è nominato commissario aggiunto per questo Gran Premio.[12]

La Force India festeggia il centesimo Gran Premio nel mondiale di F1. La scuderia indiana ha fatto il suo esordio nel Gran Premio d'Australia 2008, nascendo dalle ceneri della Spyker F1. In 99 gare ha conquistato 1 pole (con Giancarlo Fisichella nel Gran Premio del Belgio 2009), 2 giri veloci e un podio (sempre con Fisichella nello stesso Gran Premio, dove giunse secondo).[13] Alla Caterham Alexander Rossi ha preso il posto di Charles Pic nella prima sessione di prove libere del venerdì.[14]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La prima sessione è caratterizzata da pista umida; ciò consente alle scuderie di testare i nuovi pneumatici portati dalla Pirelli solo nella fase conclusiva della stessa. I piloti, grazie all'assenza di pioggia, sono comunque riusciti a utilizzare sia le gomme da bagnato che le intermedie che, infine, le gomme slick.

Il più rapido è stato Paul di Resta su Force India; il britannico ha preceduto il connazionale Jenson Button e Romain Grosjean. Con pista bagnata il più rapido si era invece confermato Nico Rosberg. Pastor Maldonado, della Williams, è andato a impattare contro le barriere alla curva 3, danneggiando la vettura.[15]

Nella seconda sessione, corsa su pista asciutta, i piloti hanno potuto testare più a lungo le nuove coperture sperimentali. Il più veloce della sessione è stato Fernando Alonso, che ha preceduto per 15 millesimi Lewis Hamilton: i due sono stati i soli conduttori a scendere sotto il muro del 1'15". Ben tredici piloti però sono racchiusi in un solo secondo.

Romain Grosjean ha chiuso terzo, mentre Rosberg, in testa per lunga parte della FP2, è scivolato al quinto posto. Le coperture supersoft sembrano subire un forte degrado nell'anteriore sinistra, cosa che ha penalizzato l'altro pilota della Lotus Kimi Räikkönen, solo undicesimo.[16]

La terza sessione, disputata al sabato mattina, è accorciata a soli trenta minuti, per la necessità degli organizzatori di ripristinare le barriere alla curva 11, distrutte da un'uscita di pista accaduta in una gara di contorno al Gran Premio. Il miglior tempo è ottenuto da Mark Webber, che ha sfruttato gli ultimi minuti della sessione, quando la pista si stava asciugando dalla pioggia caduta nelle ore precedenti. Nella prima parte della sessione, quando i piloti montavano gomme intermedie, il più rapido è stato Esteban Gutiérrez.[17]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del venerdì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 14 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'21"020 10
2 5 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'21"108 +0"088 20
3 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'21"258 +0"238 21

Nella seconda sessione del venerdì[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'14"818 48
2 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'14"830 +0"012 45
3 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'15"083 +0"265 40

Nella sessione del sabato mattina[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'17"895 7
2 15 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'18"248 +0"353 8
3 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'18"732 +0"837 7

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La qualifica inizia con pista bagnata e con una leggera pioggia che colpisce il circuito. La maggior parte dei piloti però decide di affrontare il primo giro con gomme supersoft: tutti decidono di rientrare ai box subito, per montare le gomme intermedie. Il tempo migliore della prima fase è di Sebastian Vettel. Vengono eliminati i due piloti della Caterham, i due della Marussia, assieme a Romain Grosjean e Paul di Resta.

Nella seconda fase la pioggia è ancora intensa, così che i piloti sono costretti a montare ancora gomme intermedie. A poco meno di due minuti dalla fine della sessione Felipe Massa esce di pista alla prima chicane. I commissari espongono le bandiere rosse che interrompono le qualifiche. Alla ripartenza tutti i piloti cercano di far segnare un tempo valido ma Mark Webber e Jenson Button passano sul traguardo, al termine del loro giro di lancio, quando è stata già esposta la bandiera a scacchi. Il britannico è eliminato, assieme a Massa, l'altra McLaren di Sergio Pérez, Nico Hülkenberg, Pastor Maldonado ed Esteban Gutiérrez.

Nella fase decisiva Sebastian Vettel prende il comando, e nessuno sarà capace poi, nella fase finale della Q3, di battere il suo tempo. Per il tedesco è la trentanovesima pole position nel mondiale, la quarantanovesima per la Red Bull Racing. In prima fila chiude Lewis Hamilton, mentre la seconda fila è conquistata da Valtteri Bottas (sua miglior prestazione) e Nico Rosberg.[21] Al termine delle prove Kimi Räikkönen e Daniel Ricciardo sono stati penalizzati di due posizioni in griglia in quanto, al momento della ripartenza della sessione nella Q2, dopo la bandiera rossa, non hanno rispettato la fila ma si sono posti a fianco di vetture già pronte per la partenza. Di fatto il finlandese perde una sola posizione in quanto la sua penalizzazione è stata decisa dopo quella inflitta all'australiano.[22]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[23] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'22"318 1'28"166 1'25"425 1
2 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'23"801 1'27"649 1'25"512 2
3 17 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Renault 1'23"446 1'28"419 1'25"897 3
4 9 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'23"840 1'28"420 1'26"008 4
5 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'23"247 1'28"145 1'26"208 5
6 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'23"224 1'28"788 1'26"504 6
7 18 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'24"159 1'28"527 1'26"543 7
8 15 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'24"551 1'28"799 1'27"348 8
9 7 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'24"451 1'28"667 1'27"432 10[22]
10 19 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'24"770 1'29"359 1'27"946 11[22]
11 11 Germania Nico Hülkenberg Svizzera Sauber-Ferrari 1'23"899 1'29"435 9
12 6 Messico Sergio Pérez Regno Unito McLaren-Mercedes 1'24"176 1'29"761 12
13 16 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'24"776 1'29"917 13
14 5 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'24"021 1'30"068 14
15 12 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 1'24"408 1'30"315 15
16 4 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'23"735 1'30"354 16
17 14 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'24"908 17
18 20 Francia Charles Pic Malesia Caterham-Renault 1'25"626 18
19 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'25"716 22[11]
20 22 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Cosworth 1'26"508 19
21 23 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Cosworth 1'27"062 20
22 21 Paesi Bassi Giedo van der Garde Malesia Caterham-Renault 1'27"110 21
Tempo limite 107%: 1'28"080

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alla partenza Sebastian Vettel mantiene il comando, seguito dalle due Mercedes, poi da Mark Webber, Valtteri Bottas e Fernando Alonso: lo spagnolo all'inizio del secondo giro passa il finlandese. Bottas al quinto passaggio, tocca Adrian Sutil, mandandolo in testacoda. Il pilota della Williams è passato anche da Jean-Éric Vergne.

Al giro 13 Webber va al primo cambio gomme, seguito al giro 14 da Rosberg e, al giro 16, da Vettel e Alonso. Tra i battistrada l'ultimo a fermarsi è Hamilton, al giro 19. La classifica rimane immutata con Sebastian Vettel davanti a Hamilton, Rosberg (l'unico che opta ancora per supersoft), Webber, Alonso. Dietro c'è Kimi Räikkönen (che va al cambio gomme solo al giro 22), poi Vergne e di Resta, anche lui non ha cambiato ancora le coperture.

Al trentesimo giro Rosberg è infilato prima da Webber e, subito dopo, anche da Fernando Alonso. Un giro dopo Nico Rosberg effettua il secondo cambio di gomme, montando questa volta la mescola media. Sei giri dopo Webber ha un contatto con il doppiato Giedo van der Garde al tornante del Casino. L'olandese è penalizzato con uno stop&go di dieci secondi. Al giro 41 una piccola sbavatura dell'australiano permette a Fernando Alonso di avvicinarsi e di superarlo subito dopo la linea dell'arrivo.

Tra il giro 46 e il giro 49 vanno al secondo cambio gomme i migliori cinque della classifica, che però resta invariata. Vergne si conferma sesto, mentre settimo è ancora Paul di Resta, che non ha effettuato nessun cambio gomme. Lo scozzese cambia le coperture al giro 57, mantenendo la posizione. Nello stesso giro Rosberg effettua il suo terzo pit stop. Al giro 62 drive through per Sutil, che perde due posizioni, a favore di Kimi Räikkönen e Felipe Massa.

Al sessantaduesimo giro Fernando Alonso conquista la seconda piazza, con un sorpasso su Hamilton. L'inglese tenta di ripassare lo spagnolo nel giro seguente, ma senza successo. A sette giri dal termine la Sauber di Esteban Gutiérrez esce alla S iniziale. Un commissario di pista, accorso per spostare la monoposto, è travolto da un caterpillar giunto sul luogo per effettuare l'operazione di spostamento. Il commissario decede nella notte all'ospedale.[24] Al giro 68 Felipe Massa passa Räikkönen per l'ottava posizione.

Sebastian Vettel conquista la ventinovesima vittoria, mentre Fernando Alonso, secondo, il novantesimo podio.[25][26] Kimi Räikkönen conquista il ventiquattresimo arrivo a punti consecutivo, eguagliando così la striscia di Michael Schumacher tra il 2001 e il 2003.[27] S'interrompe invece, dopo 64 gare, la fila di risultati nei punti per la McLaren, striscia record nella storia del mondiale.[28]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del Gran Premio[29] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 70 1h32'09"143 1 25
2 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 70 +14"408 6 18
3 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 70 +15"942 2 15
4 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 70 +25"731 5 12
5 9 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 70 +1'09"725 4 10
6 18 Francia Jean-Éric Vergne Italia Toro Rosso-Ferrari 69 +1 giro 7 8
7 14 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 69 +1 giro 17 6
8 4 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 69 +1 giro 16 4
9 7 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 69 +1 giro 10 2
10 15 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 69 +1 giro 8 1
11 6 Messico Sergio Pérez Regno Unito McLaren-Mercedes 69 +1 giro 12
12 5 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 69 +1 giro 14
13 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 69 +1 giro 22
14 17 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Renault 69 +1 giro 3
15 19 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 68 +2 giri 11
16 16 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 68 +2 giri 13
17 22 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Cosworth 68 +2 giri 19
18 20 Francia Charles Pic Malesia Caterham-Renault 67 +3 giri 18
19 23 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Cosworth 67 +3 giri 20
20 12 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 63 Incidente[30] 15
Rit 11 Germania Nico Hülkenberg Svizzera Sauber-Ferrari 45 Collisione 9
Rit 21 Paesi Bassi Giedo van der Garde Malesia Caterham-Renault 43 Collisione 21

Classifiche mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Austria Red Bull Racing-Renault 201
2 Italia Ferrari 145
3 Germania Mercedes 134
4 Regno Unito Lotus-Renault 114
5 India Force India-Mercedes 51
6 Regno Unito McLaren-Mercedes 37
7 Italia STR-Ferrari 20
8 Svizzera Sauber-Ferrari 5

Decisioni della FIA[modifica | modifica sorgente]

Giedo van der Garde è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza del prossimo Gran Premio di Gran Bretagna per aver danneggiato, in una collisione durante il Gran Premio, Nico Hülkenberg.[31]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Williams con i motori Mercedes dal 2014, omnicorse.it, 30 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013.
  2. ^ Tornano i test collettivi-Quattro sessioni di due giorni nel 2014, italiaracing.net, 5 giugno 2013. URL consultato il 6 giugno 2013.
  3. ^ Matteo Nugnes, FIA: Mercedes e Pirelli a giudizio, Ferrari scagionata, omnicorse.it, 30 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013.
  4. ^ a b Pirelli cambia le mescole Hard, italiaracing.net, 25 aprile 2013. URL consultato il 7 maggio 2013.
  5. ^ Ufficiale: dal Canada la Pirelli cambia le gomme, omnicorse.it, 14 maggio 2013. URL consultato il 21 maggio 2013.
  6. ^ Matteo Nugnes, Mateschitz duro: "Queste non sono più gare!", omnicorse.it, 13 maggio 2013. URL consultato il 21 maggio 2013.
  7. ^ Le nuove Pirelli solo a Silverstone, italiaracing.net, 29 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013.
  8. ^ Accorciate le "DRS Zone" del tracciato di Montreal, omnicorse.it, 4 giugno 2013. URL consultato il 6 giugno 2013.
  9. ^ Franco Nugnes, Massa sostituisce il telaio della Ferrari F138, omnicorse.it, 4 giugno 2013. URL consultato il 6 giugno 2013.
  10. ^ Nuovo telaio anche per Pastor Maldonado a Montreal, omnicorse.it, 5 giugno 2013. URL consultato il 6 giugno 2013.
  11. ^ a b Romain Grosjean è penalizzato di dieci posizioni nella griglia di partenza per aver causato un tamponamento con Daniel Ricciardo durante il Gran Premio di Monaco. Grosjean penalizzato, reprimenda per Raikkonen, omnicorse.it, 26 maggio 2013. URL consultato il 29 maggio 2013.
  12. ^ Eleonora Ottonello, Martin Donnely steward al Gran Premio del Canada 2013, fernandoalonso-fanclub.it, 6 giugno 2013. URL consultato l'8 giugno 2013.
  13. ^ La Force India festeggia i suoi 100 Gp a Montreal, omnicorse.it, 4 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  14. ^ Rossi sulla Caterham nelle Libere di Montreal, omnicorse.it, 30 maggio 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  15. ^ Matteo Nugnes, Montreal, Libere 1: di Resta ok con la pista umida, omnicorse.it, 7 giugno 2013. URL consultato l'8 giugno 2013.
  16. ^ Matteo Nugnes, Montreal, Libere 2: Alonso porta la Ferrari in testa, omnicorse.it, 7 giugno 2013. URL consultato l'8 giugno 2013.
  17. ^ Franco Nugnes, Montreal, Libere 3: Webber nella sessione di mezz'ora, omnicorse.it, 8 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  18. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  19. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  20. ^ Sessione di prove libere del sabato
  21. ^ Franco Nugnes, Vettel fa la pole sul bagnato in Canada, male Alonso, omnicorse.it, 8 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  22. ^ a b c Kimi Räikkönen e Daniel Ricciardo penalizzati di due posizioni in griglia per essersi affiancati a vetture ferme in pitlane prima dell'apparizione del semaforo verde durante la Q2. Raikkonen e Ricciardo penalizzati dopo le qualifiche, omnicorse.it, 9 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  23. ^ Sessione di qualifica
  24. ^ Tragedia a Montreal: è morto un commissario, omnicorse.it, 10 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  25. ^ Montreal - La cronaca-Dominio di Vettel, Alonso secondo, italiaracing.net, 9 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  26. ^ (FR) Canada 2013, statsf1.com. URL consultato il 10 giugno 2013.
  27. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Point Consécutivement, statsf1.com. URL consultato il 10 giugno 2013.
  28. ^ (FR) Statistiques Constructores-Point Consécutivement, statsf1.com. URL consultato il 10 giugno 2013.
  29. ^ Risultati del Gran Premio
  30. ^ Esteban Gutiérrez, ritirato, è ugualmente classificato avendo coperto più del 90% della distanza.
  31. ^ Van der Garde penalizzato sulla griglia di Silverstone, omnicorse.it, 10 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2013
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2012
Gran Premio del Canada
Edizione successiva:
2014
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1