Gran Premio del Canada 2005

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canada Gran Premio del Canada 2005
739º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 19 del Campionato 2005
Circuit Gilles Villeneuve.svg
Data 12 giugno 2005
Nome ufficiale XLIII Grand Prix du Canada
Circuito Circuit Gilles Villeneuve
Percorso 4,361 km / 2,710 US mi
Distanza 70 giri, 305,270 km/ 189,686 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Jenson Button Finlandia Kimi Räikkönen
BAR-Honda in 1:15.217 McLaren-Mercedes in 1:14.384
(nel giro 23)
Podio
1. Finlandia Kimi Räikkönen
McLaren-Mercedes
2. Germania Michael Schumacher
Ferrari
3. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari

Il Gran Premio del Canada 2005 è stata l'ottava prova della stagione 2005 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corso domenica 12 giugno 2005 al Circuit Gilles Villeneuve di Montréal. La gara è stata vinta da Kimi Räikkönen, su McLaren, che ha preceduto sul traguardo il tedesco Michael Schumacher e il brasiliano Rubens Barrichello.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Vitantonio Liuzzi aveva corso i quattro Gran Premi precedenti, alla Red Bull fa il suo ritorno come pilota titolare Christian Klien, mantenendo questo ruolo per il resto della stagione.

Per quanto riguarda le sessioni di prove libere del venerdì, scendono in pista con una terza vettura anche Pedro de la Rosa con la McLaren, Scott Speed con la Red Bull e Ricardo Zonta con la Toyota.

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[1] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:16.415 26
2 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:16.584 +0.169 27
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:16.677 +0.262 10

Nella seconda sessione del venerdì[2] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:14.662 30
2 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:14.858 +0.196 33
3 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:15.376 +0.714 33

Nella prima sessione del sabato[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:15.582 13
2 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:15.758 +0.176 8
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:15.826 +0.244 9

Nella seconda sessione del sabato[4] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:14.232 12
2 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:14.670 +0.438 15
3 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:14.745 +0.513 13

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le positive prestazioni di McLaren e Renault, che hanno concluso in testa tutte le sessioni di prove libere, la sessione di qualifica ha avuto un esito diverso e ha visto la BAR di Jenson Button conquistare la pole position davanti alla Ferrari di Michael Schumacher: l'inglese e il tedesco sono separati da due decimi e mezzo; in seconda fila si posizionano le due Renault del leader del campionato Fernando Alonso e di Giancarlo Fisichella, mentre Kimi Räikkönen si piazza in quarta fila, dietro al compagno Juan Pablo Montoya e pure all'altra BAR di Takuma Sato. Rubens Barrichello non completa i suoi giri a causa di un problema al cambio, che lo costringe a partire in fondo al gruppo. Nelle retrovie emerge l'ottimo tempo fatto registrare da Albers, che porta la modesta Minardi al quindicesimo posto a soli cinque decimi dalla più competitiva Williams di Mark Webber.[5]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[6] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Distacco Griglia
1 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 1:15.217 1
2 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:15.475 +0.258 2
3 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:15.571 +0.344 3
4 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:15.577 +0.360 4
5 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:15.669 +0.452 5
6 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda 1:15.729 +0.512 6
7 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:15.923 +0.706 7
8 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 1:16.116 +0.899 8
9 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:16.201 +0.984 9
10 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 1:16.362 +1.145 10
11 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 1:16.661 +1.444 11
12 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth 1:16.890 +1.673 12
13 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 1:17.081 +1.864 13
14 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 1:17.749 +2.532 14
15 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 1:18.214 +2.997 15
16 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth 1:18.249 +3.032 16
17 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 1:18.664 +3.447 17
18 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 1:19.034 +3.817 18
19 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth 1:19.574 +4.357 19
20 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari senza tempo 20

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Azione del quarto giro di gara: Räikkönen precede Schumacher, seguito da Trulli che attacca Sato alla penultima variante.

Al via le due Renault sono autrici di una grande partenza che le proietta nelle prime due posizioni, davanti a Jenson Button e Michael Schumacher, il quale viene superato anche dalle McLaren di Juan Pablo Montoya e di Kimi Räikkönen; il colombiano e il finlandese sopravanzano successivamente il britannico della BAR, approfittando della sua prima sosta.

Nel corso del trentatreesimo giro Fisichella, in testa fino a quel momento, è costretto al ritiro per un problema idraulico sopravvenuto sulla sua vettura: Alonso eredita la prima posizione, che deve però lasciare dopo soli sei giri, quando a sua volta deve fermarsi per i danni ad una sospensione provocati da un contatto con un muretto. Si tratta del primo ritiro in stagione per lo spagnolo.

Dopo l'uscita di scena delle due Renault, Montoya si ritrova al comando precedendo Räikkönen e Button: al termine del quarantasettesimo giro il britannico commette però un errore all'ultima variante, toccando il celebre Muro dei campioni e danneggiando irrimediabilmente la sua vettura, la cui sull'erba lungo il rettilineo d'arrivo impone l'ingresso della safety car. La maggioranza ne approfitta per effettuare una sosta, Montoya invece si ferma nel corso del quarantanovesimo passaggio, uscendo però dalla pit-lane con il semaforo rosso: a causa di tale infrazione al colombiano verrà esposta la bandiera nera. Räikkönen, salito in prima posizione, gestisce il vantaggio e vince il Gran Premio davanti alle Ferrari di Michael Schumacher e Rubens Barrichello, giunto sul podio dopo essere partito dai box approfittando del ritiro di Jarno Trulli per problemi ai freni a soli otto giri dalla fine.

Concludono in zona punti Felipe Massa con la Sauber, Mark Webber con la Williams, Ralf Schumacher con la Toyota e le due Red Bull di David Coulthard e Christian Klien.[7]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[8] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Gomme Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes M 70 1:32:09.290 7 10
2 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari B 70 +1.137 2 8
3 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari B 70 +40.483 20 6
4 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas M 70 +55.139 11 5
5 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW M 70 +55.779 14 4
6 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota M 69 +1 giro 10 3
7 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth M 69 +1 giro 12 2
8 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth M 69 +1 giro 16 1
9 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas M 69 +1 giro 8
10 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota B 67 +3 giri 16
11 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth B 67 +3 giri 15
Rit 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota M 62 Freni 9
SQ 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes M 52 Bandiera nera 5
Rit 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda M 46 Incidente 1
Rit 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW M 43 Motore 13
Rit 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda M 40 Freni 6
Rit 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth B 39 Idraulica 19
Rit 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault M 38 Sospensione 3
Rit 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault M 32 Idraulica 4
Rit 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota B 24 Sospensione 17
Note

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Francia Renault 76
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 63
3 Regno Unito Williams-BMW 47
4 Giappone Toyota 47
5 Italia Ferrari 45
6 Austria RBR-Cosworth 22
7 Svizzera Sauber-Petronas 12

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2005
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2004
Gran Premio del Canada
Edizione successiva:
2006
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1