Gran Premio della Malesia 2005

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Malesia Gran Premio della Malesia 2005
733º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 19 del Campionato 2005
Sepang.svg
Data 20 marzo 2005
Nome ufficiale VII Petronas Malaysian Grand Prix
Circuito Sepang International Circuit
Percorso 5,543 km / 3,444 US mi
Distanza 56 giri, 310,408 km/ 192,879 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen
Renault in 3:07.672 McLaren-Mercedes in 1:35.483
(nel giro 23)
Podio
1. Spagna Fernando Alonso
Renault
2. Italia Jarno Trulli
Toyota
3. Germania Nick Heidfeld
Williams-BMW

Il Gran Premio della Malesia 2005 è stata la seconda prova della stagione 2005 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è svolto domenica 20 marzo 2005 e ha visto la seconda vittoria in carriera per Fernando Alonso e la seconda consecutiva per la Renault. Dietro ad Alonso un ottimo Jarno Trulli e un sorprendente Nick Heidfeld, al suo primo podio. Seguono la McLaren di Juan Pablo Montoya, l'altra Toyota di Ralf Schumacher, le Red Bull di David Coulthard (6°) e di Christian Klien (8°), mentre arriva settimo Michael Schumacher. La gara poteva essere anche doppietta Renault, se non fosse stato per un incidente tra Giancarlo Fisichella e Mark Webber che ha abbandonato ogni speranza, per il romano, di conservare la vetta della classifica.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del precedente Gran Premio d'Australia, le due BAR-Honda di Jenson Button e Takuma Sato si erano fermate ai box, senza attraversare la linea del traguardo. In questo modo, avevano potuto usufruire della regola che permette il cambio di motore senza penalità a chi non avesse attraversato il traguardo in pista. La FIA, volendo limitare l'abuso di questa pratica, pubblicò una chiarificazione della regola, secondo cui la penalità non sarebbe stata comminata solo in caso di ritiro per motivi tecnici e non per ritiro volontario. La FIA avrebbe richiesto, tramite i commissari di percorso, di fornire una giustificazione al proprio ritiro, nei casi in cui fosse nato il sospetto di un ritiro volontario e non forzato.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prove libere del venerdì corrono come terzi piloti Pedro de la Rosa con la McLaren, Vitantonio Liuzzi con la Red Bull, Ricardo Zonta con la Toyota e Robert Doornbos con la Jordan.

Alla BAR, dopo le sessioni di prove libere del venerdì, il titolare Takuma Sato viene colpito da una forma virale, in seguito alla quale i medici sconsigliano la sua partecipazione alla gara. Pertanto, dalle prove libere del sabato, la seconda vettura viene affidata al terzo pilota Anthony Davidson.[2]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:34.092 17
2 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:35.144 +1.052 15
3 37 Italia Vitantonio Liuzzi Austria RBR-Cosworth 1:35.691 +1.599 18

Nella seconda sessione del venerdì[4] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 1:35.608 19
2 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:35.620 +0.012 13
3 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:35.677 +0.069 30

Nella prima sessione del sabato[5] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:34.715 5
2 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:34.883 +0.168 10
3 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:34.930 +0.215 6

Nella seconda sessione del sabato[6] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:32.832 12
2 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth 1:32.870 +0.038 9
3 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:32.880 +0.048 11

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione di qualifica evidenzia subito i due favoriti per la gara, Fernando Alonso e Jarno Trulli, distanziati da soli novanta millesimi. Alle lore spalle, distanziato di circa due decimi, il terzo tempo di Giancarlo Fisichella e il quarto tempo di Kimi Räikkönen. In difficoltà le due Ferrari, dodicesime e quattordicesime ad un secondo e mezzo dalla vetta. Continua anche il momento di crisi delle BAR, distanziate di un secondo da Alonso.

La seconda sessione conferma i valori espressi dagli stessi due protagonisti, Alonso e Trulli, anche se questa volta il distacco è più ampio arrivando ad un decimo e mezzo. Fisichella ottiene il terzo tempo a mezzo secondo dal compagno di squadra, mentre al suo fianco si posiziona Mark Webber. Le Ferrari non ottengono sensibili miglioramenti e rimangono nella parte bassa dello schieramento, distanziate di oltre due secondi da Alonso.

La somma dei due tempi delle due sessioni vedrà allora la pole position di Fernando Alonso, seguito da Jarno Trulli, Giancarlo Fisichella, Mark Webber, Ralf Schumacher e Kimi Räikkönen. Michael Schumacher e Rubens Barrichello partono rispettivamente tredicesimo e dodicesimo.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sessioni di qualifica[7][8] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Totale Distacco Griglia
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:32.582 1:34.967 3:07.672 1
2 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:32.672 1:35.308 3:07.925 +0.253 2
3 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:32.765 1:35.678 3:08.448 +0.776 3
4 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 1:33.204 1:35.693 3:08.904 +1.232 4
5 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 1:33.106 1:35.939 3:09.007 +1.335 5
6 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:32.839 1:36.680 3:09.483 +1.811 6
7 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth 1:33.724 1:35.871 3:09.589 +1.917 7
8 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth 1:33.809 1:35.934 3:09.700 +2.028 8
9 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 1:33.616 1:36.209 3:09.832 +2.160 9
10 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 1:33.464 1:36.473 3:09.917 +2.245 10
11 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:33.333 1:36.839 3:10.090 +2.418 11
12 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 1:34.162 1:37.315 3:10.502 +3.830 12
13 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:34.072 1:37.601 3:10.633 +3.961 13
14 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 1:34.151 1:37.729 3:11.884 +4.212 14
15 4 Regno Unito Anthony Davidson Regno Unito BAR-Honda 1:34.866 1:37.031 3:11.890 +4.218 15
16 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 1:34.887 1:38.163 3:12.995 +5.323 16
17 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 1:37.806 1:39.872 3:17.656 +9.984 17
18 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 1:37.856 1:40.136 3:17.962 +10.290 18
19 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth 1:39.268 1:41.902 3:21.586 +13.514 19
20 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 1:40.432 1:42.661 3:23.001 +15.329 20

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza Fernando Alonso e Trulli scattando bene mantenendo le rispettive posizioni in griglia di partenza, seguiti da Giancarlo Fisichella e Mark Webber. Più indietro Nick Heidfeld, autore di un ottimo scatto, supera le due Red Bull e si porta alle spalle di Kimi Räikkönen.

All'inizio del secondo giro Button attacca Räikkönen sul rettilineo di partenza e lo supera, ma arriva lungo a causa della rottura del motore: è il primo ritirato della gara. Contemporaneamente, alla prima curva, l'austriaco Friesacher, alla guida della Minardi, esce di pista e si ritira; sorte analoga per l'altro motore Honda, quello di Anthony Davidson, che provoca un piccolo incendio.

Nel corso del ventitreesimo passaggio Räikkönen, in sesta posizione in quel momento, fora uno pneumatico e deve abbandonare ogni velleità di vittoria. Tre giri più tardi Jacques Villeneuve esce di pista alla prima curva e si ritira. Sei giri più tardi, sul rettifilo principale, Ralf Schumacher e Mark Webber si toccano senza però riportare conseguenze alle vetture. A diciannove giri dal termine, all'ultima curva, Webber tenta il sorpasso ai danni Fisichella all'esterno, ma entra troppo forte e i due si toccano: il pilota italiano finisce sopra all'australiano ed entrambi sono costretti al ritiro.

Di ciò ne beneficia Nick Heidfeld, che eredità così la terza posizione. Lo spagnolo Fernando Alonso vince il Gran Premio malese: a completare un podio inaspettato alla vigilia della stagione, ci sono l'italiano Jarno Trulli e il sopracitato Nick Heidfeld.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[9] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 56 1:31:33.736 1 10
2 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 56 +24.327 2 8
3 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 56 +32.188 10 6
4 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 56 +41.631 11 5
5 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 56 +51.854 5 4
6 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth 56 +1:12.543 8 3
7 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 56 +1:19.988 13 2
8 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth 56 +1:20.835 7 1
9 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 56 +1:21.580 6
10 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 55 +1 giro 14
11 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 54 +2 giri 17
12 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 53 +3 giri 18
13 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 52 +4 giri 20
Rit 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 49 Assetto 12
Rit 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 36 Collisione 3
Rit 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 36 Collisione 4
Rit 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 26 Uscita di pista 16
Rit 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 2 Motore 9
Rit 4 Regno Unito Anthony Davidson Regno Unito BAR-Honda 2 Motore 15
Rit 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth 2 Uscita di pista 19

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Francia Renault 26
2 Giappone Toyota 12
3 Austria RBR-Cosworth 11
4 Italia Ferrari 10
5 Regno Unito Williams-BMW 10
6 Regno Unito McLaren-Mercedes 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2005
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2004
Gran Premio della Malesia
Edizione successiva:
2006
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1