David Coulthard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Coulthard
David Coulthard 2009.jpg
Dati biografici
Nome David Marshall Coulthard
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Altezza 183 cm
Peso 72,5 kg
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1993-2009
Scuderie Williams, McLaren, Red Bull
Miglior risultato finale 2º (2001)
GP disputati 247 (246 partenze)
GP vinti 13
Podi 62
Punti ottenuti 535
Pole position 12
Giri veloci 18
Statistiche aggiornate al Gran Premio del Brasile 2008

David Marshall Coulthard (Twynholm, 27 marzo 1971) è un ex pilota automobilistico scozzese, vice campione di Formula 1 nel 2001.

Dopo una proficua carriera nelle formule minori, fece il suo debutto nella massima serie automobilistica nel 1994 e vi rimase fino al 2008, Nel corso della sua carriera ha corso per Williams, McLaren e Red Bull, vincendo 13 Gran Premi.

Oltre che in Formula 1 Coulthard ha corso anche nel DTM per alcune stagioni, pur senza cogliere grandi risultati e conta anche una partecipazione alla 24 Ore di Le Mans.

Ritenuto un buon collaudatore, seppure non tra i migliori,[1] aveva, soprattutto nel periodo in cui gareggiava nelle categorie minori, uno stile di guida molto particolare, che gli permetteva di avere una maggiore accelerazione in uscita di curva.[2] Secondo diversi commentatori, però, durante la sua carriera non riuscì mai ad esprimere completamente le proprie qualità.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Le formule minori[modifica | modifica wikitesto]

La Pacific che Coulthard utilizzò durante la stagione 1993 di Formula 3000.

Proveniente dalla regione scozzese di Dumfries, Coulthard cominciò a gareggiare con i kart all'età di otto anni, ottenendo diversi successi nelle gare nazionali e vincendo il titolo di campione di Scozia.[4]

Nel 1988 passò quindi alla Formula Ford, in cui dominò il campionato britannico 1989 e concluse, sempre nello stesso anno, al terzo posto nel Formula Ford Festival. Nel 1990 era tra i principali pretendenti al titolo, ma sul circuito di Spa-Francorchamps fu protagonista di un incidente in cui riportò la frattura di una gamba, fatto che lo costrinse a fermarsi per il resto della stagione, ma ebbe comunque la possibilità di svolgere il suo primo test su una vettura di Formula 1, guidando una McLaren.[4] L'anno successivo disputò il campionato di Formula 3, lottando a lungo per la conquista del titolo con Rubens Barrichello. Il brasiliano ebbe la meglio, ma lo scozzese riuscì comunque a vincere il Gran Premio di Macao.

Ottenne quindi un contratto con il team PSR per disputare la stagione 1992 del campionato Internazionale di Formula 3000. La scarsa competitività della vettura, però, limitò le prestazioni del pilota che ottenne due podi e concluse al nono posto in classifica.[4] Nel 1993 passò invece alla Pacific e vinse la sua prima corsa, terminando in terza posizione in campionato, dietro a Olivier Panis e Pedro Lamy. Contemporaneamente prese parte alla 24 Ore di Le Mans; l'equipaggio, giunto primo nella classe GT, venne però squalificato.

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1993-1995: Williams[modifica | modifica wikitesto]

David Coulthard al volante della Williams nel 1995

Nel 1993 divenne anche tester per la scuderia Williams.

Nel 1994 Coulthard mantenne il suo ruolo di collaudatore nel team inglese, ma la morte di Ayrton Senna al Gran Premio di San Marino gli permise di disputare diverse gare durante la stagione. Frank Williams cercava infatti un pilota disposto ad accettare un contratto a termine e, dopo il rifiuto di Derek Warwick, si rivolse allo scozzese, che accettò l'offerta.[5] Dopo un ritiro in Spagna, ottenne i suoi primi punti iridati in Canada, concludendo quinto. Sostituito da Nigel Mansell al Gran Premio di Francia tornò a correre a partire dalla gara in Gran Bretagna e ottenne il suo miglior risultato stagionale in Portogallo, concludendo secondo alle spalle di Damon Hill. Nelle ultime tre corse lasciò quindi nuovamente il posto all'inglese e terminò il campionato ottavo.

La Williams lo ingaggiò come pilota ufficiale anche per il 1995, anno in cui giunse terzo nel mondiale dietro Michael Schumacher e il compagno di squadra Damon Hill. Sempre nel 1995 ottenne la sua prima vittoria in Formula 1 nel Gran Premio del Portogallo.

1996-2004: McLaren[modifica | modifica wikitesto]

Coulthard su McLaren nel 1998

Nel 1996 Coulthard si trasferì alla McLaren motorizzata Mercedes che veniva da anni di scarsi risultati; durante questa stagione lo scozzese si rese protagonista di un fatto curioso quando, rimasto senza casco al Gran Premio di Monaco, disputò la gara con uno prestatogli da Michael Schumacher, arrivando tra l'altro a podio. Insieme al compagno di squadra Mika Hakkinen portò la McLaren ad essere la vettura dominante nelle stagioni 1998 e 1999, ma fu il finlandese a laurearsi per due volte campione del mondo battendo i piloti della Ferrari Eddie Irvine e Michael Schumacher. La stagione 1998 fu inoltre macchiata da un controverso incidente nel Gran Premio del Belgio, quando lo scozzese, doppiato, fu tamponato da Michael Schumacher, che era al comando della corsa; il tedesco accusò Coulthard di aver rallentato apposta causando la collisione.

Il 2000 fu un'altra stagione con gli stessi protagonisti, ma questa volta furono Michael Schumacher e la Ferrari a conquistare il titolo. Lo scozzese si rese però protagonista di ottime gare, come il Gran Premio di Francia, che vinse dopo aver effettuato due bei sorpassi su Barrichello e Michael Schumacher e si aggiudicò comunque tre vittorie.

Nel 2001 la Ferrari si dimostrò irraggiungibile sul piano delle prestazioni; ciononostante Coulthard riuscì a vincere due gran premi e ad ottenere il suo miglior risultato in carriera, giungendo secondo in campionato, pur molto distanziato dal campione del mondo Michael Schumacher.

Coulthard sulla McLaren nel 2000

Nel 2002 la superiorità della Ferrari fu ancora più netta e la McLaren risultò anche meno competitiva della Williams; Coulthard si dovette accontentare del quinto posto nella classifica finale, vincendo però il Gran Premio di Monaco. Il 2003 iniziò bene per Coulthard, che si aggiudicò il Gran Premio d'Australia; nel prosieguo della stagione, però, il pilota scozzese fu nettamente battuto dal compagno di squadra Kimi Raikkonen, anche a causa del nuovo metodo di qualifica sul giro singolo, che mal si adattava al suo stile di guida. Coulthard concluse il campionato in settima posizione, ottenendo solo due piazzamenti a podio dopo la prima gara.

La stagione 2004 fu ancora peggiore: la McLaren sbagliò completamente il progetto della vettura, che si rivelò lenta e scarsamente affidabile; la situazione migliorò nettamente dopo il Gran Premio di Francia, quando la scuderia inglese introdusse una "versione B" della propria monoposto, ma nonostante questo il pilota scozzese non riuscì a salire sul podio neanche una volta, concludendo il Campionato al decimo posto.

2005-2009: Red Bull[modifica | modifica wikitesto]

Coulthard su Red Bull nel 2005.

Nel 2005 fu sostituito alla McLaren da Juan Pablo Montoya, dopo ben nove stagioni nel team inglese. Coulthard fu ingaggiato dal nuovo team Red Bull (erede della Jaguar) con un contratto di un anno che si dice avesse una buona parte dell'ingaggio legata ai punti conquistati. La giovane scuderia ha beneficiato dell'arrivo di Coulthard, che ha conquistato una serie regolare di buoni piazzamenti, e per questo motivo ha esteso per la stagione 2006 il contratto del pilota scozzese, che grazie anche alla sua notevole esperienza ha regolarmente staccato i due giovani compagni di squadra, Christian Klien e Vitantonio Liuzzi.

Nella stagione 2006 la Red Bull a motore Ferrari sembrava destinata a pochi acuti, ma al Gran Premio di Monaco Coulthard è riuscito a cogliere il primo podio della scuderia con un 3º posto proprio nella sua 200ª gara disputata.

Anche nella stagione 2007 lo scozzese è sulla Red Bull, ma come compagno di squadra ha l'australiano Mark Webber; questa coppia è confermata anche per la stagione successiva.

Il 2008 non inizia in maniera molto positiva, ma in un rocambolesco Gran Premio del Canada, alla guida della sua Red Bull, ottiene il terzo posto, tornando sul podio dopo due anni.

Nel corso della stagione il pilota scozzese conferma che al termine della stagione 2008 si ritirerà dalle corse[6].

In Brasile, il 2 novembre 2008, conclude la sua ultima gara alla seconda curva del tracciato a causa di un tamponamento avvenuto con la Williams di Kazuki Nakajima.

Per i primi quattro appuntamenti del campionato 2009, Australia, Malesia, Cina e Bahrain, lo scozzese è stato indicato come pilota di riserva al posto del neozelandese Brendon Hartley che non ha ottenuto la superlicenza.[7]

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

1994 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW16 Rit 5 5 Rit Rit 4 6 2 14
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW17 2 Rit 4 Rit Rit Rit 3 3 2 2 Rit Rit 1 3 2 Rit Rit 49
1996 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4/11 Rit Rit 7 3 Rit 2 Rit 4 6 5 5 Rit Rit Rit 13 8 18
1997 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg Punti Pos.
McLaren MP4/12 1 10 Rit Rit Rit 6 7 7 4 Rit Rit Rit 1 2 Rit 10 2 36
1998 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4-13 2 2 6 1 2 Rit Rit 6 Rit 2 2 2 7 Rit 3 3 56
1999 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4/14 Rit Rit 2 Rit 2 7 Rit 1 2 5 2 1 5 Rit Rit Rit 48
2000 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Punti Pos.
McLaren MP4/15 Rit SQ 3 1 2 3 1 7 1 2 3 3 4 Rit 5 3 2 73
2001 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4-16 2 3 1 2 5 1 5 Rit 3 4 Rit Rit 3 2 Rit 3 3 65
2002 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4-17 Rit Rit 3 6 3 6 1 2 Rit 10 3 5 5 4 7 3 Rit 41
2003 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
McLaren MP4-17D 1 Rit 4 5 Rit 5 7 Rit 15 5 5 2 5 Rit Rit 3 51
2004 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
McLaren MP4-19 8 6 Rit 12 10 Rit Rit 6 7 6 7 4 9 7 6 9 Rit 11 24 10º
2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Red Bull RB1 4 6 8 11 8 Rit 4 7 NP 10 13 7 Rit 7 15 Rit Rit 6 9 24 12º
2006 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB2 10 Rit 8 Rit Rit 14 3 12 8 7 9 11 5 15 12 9 Rit Rit 14 13º
2007 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Europe.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB3 Rit Rit Rit 5 14 Rit Rit 13 11 5 11 10 Rit Rit 4 8 9 14 10º
2008 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Turkey.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB4 Rit 9 18 12 9 Rit 3 9 Rit 13 11 17 11 16 7 Rit 10 Rit 8 16º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

2010-2012: DTM[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, oltre a prendere parte alla Mille Miglia di Brescia insieme a Mika Häkkinen con una Mercedes-Benz 300 SLR, Coulthard ritorna a correre debuttando nella DTM con la Mercedes del team Mücke Motorsport sponsorizzata Deutsche Post. Nonostante qualche exploit, come il terzo posto in griglia nella penultima gara ad Adria, il pilota scozzese ottenne risultati deludenti conquistando solo un punto ottenuto con l'ottavo posto a Shanghai nell'ultima gara della stagione[8]. Tuttavia lo stesso team tedesco lo riconferma anche per la stagione 2011[9], che termina con un solo punto come l'anno precedente.

Nel 2012, sempre con la stessa squadra, ottiene un punto nella prima gara, e sul circuito del Norisring ottiene un sorprendente 5º posto. Il 18 ottobre, prima dell'ultima prova del campionato, annuncia il suo ritiro dalle competizioni a fine stagione[10].

Casco[modifica | modifica wikitesto]

Coulthard correva con un casco che ricordava la bandiera scozzese (con la croce di Sant'Andrea ben visibile sull'alto del casco). Negli anni passati alla McLaren venne aggiunto un anello bianco, che circondava la croce sull'alto del casco.

Nel Gran Premio di Monaco 1996 il pilota scozzese disputò la gara con un casco prestatogli dal campione del mondo in carica Michael Schumacher, poiché la visiera del suo si appannava[11]. Curiosamente in quell'occasione Coulthard ottenne il suo miglior risultato stagionale, piazzandosi secondo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 12 giugno 2010[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vandone, pag. 71
  2. ^ Vandone, pag. 63
  3. ^ David Coulthard, il grande incompiuto del Circus in Il Messaggero Veneto, 28 settembre 2008, p. 13.
  4. ^ a b c (EN) Drivers: David Coulthard, grandprix.com. URL consultato il 12 aprile 2012.
  5. ^ Cristiano Chiavegato, La Williams di Senna allo scozzese Coulthard in La Stampa, 21 maggio 1994, p. 29.
  6. ^ Ritiro a fine 2008
  7. ^ Coulthard sarà pilota di riserva della Red Bull, f1.gpupdate.net, 25 marzo 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  8. ^ Ordine di arrivo gara di Shanghai - DTM 2010, eracemotorblog.it. URL consultato il 20 maggio 2011.
  9. ^ David Coulthard e Ralf Schumacher con Mercedes nel DTM 2011, 422race.com. URL consultato il 20 maggio 2011.
  10. ^ David Coulthard si ritira dalle competizioni, formula1news.info. URL consultato il 10 novembre 2012.
  11. ^ (EN) David Coulthard, David Coulthard column in news.bbc.uk, 23 maggio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  12. ^ London Gazette: (Supplement) no. 59446. p. 15. 12 giugno 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bryn Williams, Colin McMaster, F1 '95. World championship photographic review, Milano, Vallardi&Associati, 1995, ISBN 88-85202-48-4 .
  • Bryn Williams, Colin McMaster, Roberto Boccafogli, F1 96, Vallardi&Associati, 1996, ISBN 88-86869-02-9.
  • Roberto Boccafogli; Bryn Williams, F1 1997, SEP Editrice, 1997, ISBN 88-87110-01-8.
  • Roberto Boccafogli, Paolo D'Alessio, Bryn Williams, F1 '98. La prima volta di Hakkinen, SEP Editrice, 1998, ISBN 88-87110-03-4.
  • Paolo D'Alessio, Bryn Williams, F1 2000. Campioni del mondo!, Cernusco sul Naviglio, SEP Editrice, 2000, ISBN 88-87110-22-0.
  • Fabiano Vandone, I protagonisti della F1, Edidea, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 72246132