Gran Premio del Canada 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canada Gran Premio del Canada 2000
654º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 17 del Campionato 2000
Circuit Gilles Villeneuve (1996-2001).svg
Data 18 giugno 2000
Circuito Circuito di Montreal
Percorso 4,421 km
Circuito permanente
Distanza 69 giri, 305,049 km
Clima Pioggia ad intermittenza
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Finlandia Mika Häkkinen
Ferrari in 1'18"439 McLaren - Mercedes in 1'19"049
(nel giro 37)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
3. Italia Giancarlo Fisichella
Benetton - Supertec

Il Gran Premio del Canada 2000 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 18 giugno 2000 sul tracciato di Montreal, in Canada. La gara è stata vinta da Michael Schumacher.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Le qualifiche furono caratterizzate da un testa a testa per la conquista della pole position tra David Coulthard e Michael Schumacher; il pilota tedesco ebbe la meglio proprio all'ultimo tentativo, precedendo il rivale di meno di un decimo. In seconda fila si piazzarono Barrichello e Häkkinen, in difficoltà con l'assetto della propria McLaren.

La terza e la quarta fila furono occupate dalle due Jordan e dalle due BAR, con Frentzen davanti a Villeneuve, Trulli e Zonta. Chiudevano la top ten de la Rosa e Fisichella, mentre Ralf Schumacher e Button, alla guida delle due Williams, non riuscirono a fare meglio del dodicesimo e del diciottesimo posto.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'18"439
2 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'18"537 +0"098
3 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'18"801 +0"362
4 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'18"985 +0"546
5 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 1'19"483 +1"044
6 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 1'19"544 +1"105
7 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 1'19"581 +1"142
8 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 1'19"742 +1"303
9 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec 1'19"912 +1"473
10 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Supertec 1'19"932 +1"493
11 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 1'19"954 +1"515
12 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1'20"073 +1"34
13 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 1'20"107 +1"668
14 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Supertec 1'20"113 +1"674
15 17 Finlandia Mika Salo Sauber - Petronas 1'20"445 +2"006
16 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 1'20"500 +2"061
17 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 1'20"512 +2"073
18 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 1'20"534 +2"095
19 16 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 1'20"692 +2"253
20 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 1'21"058 +2"619
21 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 1'21"680 +3"241
22 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 1'22"091 +3"652

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Prima del giro di ricognizione sulla vettura di Coulthard si spense il motore: i meccanici della McLaren riuscirono a riavviarlo, ma dovettero continuare a lavorare sulla monoposto anche dopo il limite dei 15 secondi dal via del giro di ricognizione, violando il regolamento; questo costò al pilota scozzese uno stop&go.

Alla partenza Michael Schumacher e Coulthard mantennero le proprie posizioni, mentre alle loro spalle Villeneuve si inserì in terza posizione, precedendo Barrichello, Häkkinen e Frentzen, quasi subito sopravanzato da de la Rosa. Più indietro Irvine rimase fermo sullo schieramento, ricongiungendosi col gruppo con due giri di ritardo. Dopo poche tornate Coulthard fu messo sotto inchiesta dai commissari di gara per l'irregolarità sulla griglia di partenza, dovendo scontare uno stop&go al decimo passaggio. Il primo a fermarsi ai box fu De la Rosa, al 20º giro, costretto ad una tattica a due soste dalle ridotte dimensioni del serbatoio della sua Arrows; poco più tardi cominciò a piovere, ma nessuno montò le gomme da bagnato e la pista si asciugò in fretta.

Al 26º giro Barrichello superò Villeneuve, che faceva da tappo, e si ritrovò in seconda posizione davanti al pilota canadese e ad Häkkinen, Trulli e Frentzen; il pilota tedesco si ritirò però poco dopo per un problema ai freni. Al 34º giro Schumacher tornò ai box, cedendo temporaneamente il comando al compagno di squadra; Häkkinen sopravanzò Villeneuve, cominciando a rimontare sulle due Ferrari. Il pilota finlandese compì la sua prima sosta al 42º giro, dopo essere arrivato a tallonare Schumacher; tuttavia, dopo pochi giri ricominciò a piovere, stavolta in modo più consistente, e tutti i piloti si dovettero fermare per montare pneumatici da bagnato. Si avvantaggiarono così enormemente i due piloti della Benetton, che effettuarono il loro unico rifornimento proprio mentre ricominciò a piovere: Fisichella rientrò addirittura in seconda posizione, approfittando del fatto che Barrichello fosse rimasto bloccato dietro al compagno di squadra ai box e che Häkkinen avesse scelto di rimanere in pista un giro in più di tutti gli altri con coperture da asciutto, perdendo così molto tempo.

Dopo i cambi gomme Schumacher si trovò in testa, seguito da Fisichella, Barrichello, Häkkinen, Trulli, Wurz e Verstappen; Barrichello sopravanzò Fisichella grazie ad un errore del pilota romano, mentre ad Häkkinen non riuscì la stessa manovra. Verstappen superò Trulli e Wurz e conquistò il quinto posto; al 66º giro Ralf Schumacher, nono, fu speronato da Villeneuve, ed entrambi furono costretti al ritiro. Due giri più tardi, Coulthard attaccò Wurz per la settima posizione: l'austriaco resistette, entrambi uscirono di pista, ma il pilota della Benetton fu costretto a ritirarsi. Schumacher e Barrichello conclusero in parata, seguiti da Fisichella, che conquistò il terzo podio stagionale; solo quarto Häkkinen, che precedette Verstappen e Trulli. Coulthard concluse settimo, perdendo molti punti importanti per il Campionato Piloti, nel quale Michael Schumacher aumentò il proprio vantaggio sui rivali.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 69 1h41'12"313 1 10
2 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 69 +0"137 3 6
3 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Supertec 69 +15"365 10 4
4 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 69 +18"561 4 3
5 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 69 +52"208 13 2
6 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 69 +1'01"687 7 1
7 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 69 +1'02"216 2
8 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 69 +1'10"455 8
9 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Supertec 69 +1'19"899 14
10 16 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 69 +1'29"544 19
11 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 68 + 1 giro 18
12 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 68 + 1 giro 22
13 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 66 + 3 giri 16
14 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 64 Collisione (9°) 12
15 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 64 Collisione (10°) 6
16 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 64 Collisione (13°) 20
Ritirato 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec 48 Collisione (12°) 9
Ritirato 17 Finlandia Mika Salo Sauber - Petronas 42 Motore (13°) 15
Ritirato 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 38 Impianto idraulico (17°) 17
Ritirato 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 34 Perdita d'olio (19°) 21
Ritirato 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 32 Freni (7°) 5
Ritirato 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 14 Trasmissione (15°) 11

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 84
2 Regno Unito McLaren - Mercedes 63
3 Italia Benetton - Supertec 18
4 Regno Unito Williams - BMW 15
5 Irlanda Jordan - Mugen Honda 10
6 Regno Unito BAR - Honda 6
7 Regno Unito Arrows - Supertec 3
7 Regno Unito Jaguar - Cosworth 3
7 Svizzera Sauber - Petronas 3

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.25/2000

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2000
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1999
Gran Premio del Canada
Edizione successiva:
2001
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1