Gran Premio di Spagna 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spagna Gran Premio di Spagna 2000
651º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 17 del Campionato 2000
Circuit Catalunya 1995-2003.svg
Data 7 maggio 2000
Circuito Barcellona
Percorso 4,730 km
Distanza 65 giri, 307,450 km
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Finlandia Mika Häkkinen
Ferrari in 1'20"974 McLaren - Mercedes in 1'24"470
(nel giro 28)
Podio
1. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren - Mercedes
2. Regno Unito David Coulthard
McLaren - Mercedes
3. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari

Il Gran Premio di Spagna 2000 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 7 maggio 2000 sul circuito Catalunya di Barcellona, in Spagna. La gara venne vinta da Mika Häkkinen su McLaren.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Per la seconda volta consecutiva la Ferrari conquistò la pole position, in quest'occasione con Michael Schumacher, mentre nel Gran Premio precedente a partire in prima posizione era stato Barrichello. Il tedesco precedette di pochi centesimi di secondo Mika Häkkinen, alle spalle del quale si piazzarono Barrichello, Coulthard, Ralf Schumacher e Jacques Villeneuve.

La quarta fila fu occupata dalle due Jordan di Trulli e Frentzen. I piloti locali, Gené e De la Rosa, si dovettero accontentare delle ultime posizioni: l'alfiere della Minardi ottenne il ventesimo tempo, mentre il secondo, pur avendo fatto segnare un ottimo nono tempo, fu retrocesso in ultima posizione per avere utilizzato del carburante non omologato dalla FIA.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'20"974
2 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'21"052 +0"078
3 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'21"416 +0"442
4 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'21"422 +0"448
5 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1'21"605 +0"631
6 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 1'21"963 +0"989
7 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 1'22"006 +1"032
8 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 1'22"135 +1"161
9 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 1'22"370 +1"396
10 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 1'22"385 +1"411
11 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 1'22"421 +1"447
12 17 Finlandia Mika Salo Sauber - Petronas 1'22"443 +1"468
13 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Supertec 1'22"569 +1"595
14 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 1'22"781 +1"807
15 16 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 1'22"841 +1"867
16 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 1'22"882 +1"908
17 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 1'22"894 +1"920
18 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Supertec 1'23"010 +2"036
19 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 1'23"033 +2"059
20 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 1'23"486 +2"512
21 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 1'24"257 +3"283
22 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec s.t. /

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza Schumacher ed Häkkinen mantennero le loro posizioni, mentre alle loro spalle Coulthard e Barrichello furono superati da Ralf Schumacher, scattato molto bene dalla terza fila. Alle loro spalle si inserirono Villeneuve, Frentzen, Trulli e Button. Il duo di testa guadagnò un certo margine sul resto del gruppo e come già accaduto nei Gran Premi precedenti la gara fu decisa dalle soste ai box: durante la sua prima sosta, per un malinteso, Schumacher travolse l'addetto al rifornimento Nigel Stepney, che riportò una distorsione alla caviglia sinistra. Il pilota tedesco riuscì comunque a mantenere la testa della corsa, mentre alle sue spalle Barrichello approfittò del pit stop per superare Coulthard; i due rimasero però bloccati dietro a Ralf Schumacher. Si ritirarono Villeneuve e Verstappen, sesto e nono, ma fino alla seconda tornata di soste ai box non successe praticamente nulla.

Al 38º giro, rifornì Coulthard, seguito due giri dopo da Ralf Schumacher e Barrichello: il pilota scozzese della McLaren riuscì a passare entrambi gli avversari, mentre il ferrarista rimase ancora alle spalle del pilota della Williams. Al 41º giro si fermarono contemporaneamente Häkkinen e Schumacher: quest'ultimo ebbe però un problema con il bocchettone del carburante, che gli costò parecchio tempo e gli fece perdere la prima posizione. Il giro successivo i due erano staccati, sotto il traguardo, di circa 10 secondi. Tuttavia Schumacher, in difficoltà a causa di una perdita d'aria alla gomma posteriore sinistra, subì la rimonta di Coulthard, che lo sopravanzò nel corso del 47º giro. Iniziò quindi una lotta molto accesa per il terzo posto tra i fratelli Schumacher della quale approfittò Barrichello, che superò entrambi al 49º giro. Nella stessa tornata Michael Schumacher rientrò ai box per cambiare le gomme.

Häkkinen poté quindi tagliare agevolmente il traguardo in prima posizione seguito da Coulthard, consegnando alla McLaren la seconda doppietta consecutiva. Terzo concluse Barrichello, seguito da Ralf e Michael Schumacher; l'ultimo punto disponibile fu conquistato da Frentzen, che approfittò del ritiro di Button avvenuto negli ultimi giri.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 65 1h33'55"390 2 10
2 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 65 +16"066 4 6
3 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 65 +29"112 3 4
4 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 65 +37"311 5 3
5 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 65 +47"983 1 2
6 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 65 +1'21"925 8 1
7 17 Finlandia Mika Salo Sauber - Petronas 64 + 1 giro 12
8 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 64 + 1 giro 16
9 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Supertec 64 + 1 giro 13
10 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Supertec 64 + 1 giro 18
11 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 64 + 1 giro 9
12 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 64 + 1 giro 7
13 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 64 + 1 giro 14
14 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 63 + 2 giri 20
15 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 63 + 2 giri 21
16 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 62 + 3 giri 19
17 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 61 Motore (6°) 10
Ritirato 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 25 Cambio (9°) 11
Ritirato 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 21 Motore (8°) 6
Ritirato 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 1 Collisione con P de laRosa (17°) 17
Ritirato 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec 1 Collisione con J.Alesi (18°) 22
Ritirato 16 Brasile Pedro Diniz Sauber - Petronas 0 Testacoda 15

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 49
2 Regno Unito McLaren - Mercedes 42
3 Regno Unito Williams - BMW 15
4 Irlanda Jordan - Mugen Honda 9
5 Italia Benetton - Supertec 8
6 Regno Unito BAR - Honda 6
7 Svizzera Sauber - Petronas 1

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.19/2000

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2000
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1999
Gran Premio di Spagna
Edizione successiva:
2001
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1