Gran Premio di Spagna 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spagna Gran Premio di Spagna 2014
902º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 19 del Campionato 2014
Catalunya.svg
Data 11 maggio 2014
Nome ufficiale LVI Gran Premio de España Pirelli
Circuito Barcellona
Percorso 4,655 km / 2,892 US mi
Pista permanente
Distanza 66 giri, 307,104 km/ 190,826 US mi
Clima Nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Germania Sebastian Vettel
Mercedes in 1'25"232 Red Bull Racing-Renault in 1'28"918
(nel giro 55)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Germania Nico Rosberg
Mercedes
3. Australia Daniel Ricciardo
Red Bull Racing-Renault

Il Gran Premio di Spagna 2014 è stata la quinta prova della stagione 2014 del campionato mondiale di Formula 1. La gara, disputatasi domenica 11 maggio 2014 sul circuito di Catalogna a Barcellona, è stata vinta da Lewis Hamilton su Mercedes, al ventiseiesimo successo nel mondiale, il quarto consecutivo; Hamilton ha preceduto sul traguardo il suo compagno di squadra, Nico Rosberg, e Daniel Ricciardo, al primo podio in Formula 1, su Red Bull Racing-Renault.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Gli organizzatori del Gran Premio propongono di modificare, dal 2015, l'intitolazione della gara. Da Gran Premio di Spagna a Gran Premio di Barcellona, al fine di sfruttare meglio la notorietà internazionale della città catalana.[1]

Il 1º maggio si tiene a Londra una riunione tra i team del campionato al fine di individuare delle proposte che riducano i costi della competizione.[2] Gli organizzatori del circuito di Long Beach allungano il contratto col campionato nordamericano di IndyCar, mettendo così fine alla possibilità che il tracciato venga riutilizzato, nel futuro prossimo, dalla F1. Il circuito californiano ha ospitato la massima formula tra il 1978 e il 1983.[3]

Viceversa il ministro dello Sport dell'Azerbaigian annuncia che, dal 2015, il suo Paese ospiterà una gara del campionato mondiale, da tenersi su un circuito cittadino disegnato per le vie di Baku. È stato anche ipotizzato che il Gran Premio possa essere anticipato già al 2014, in sostituzione del previsto Gran Premio di Russia, messo in dubbio dalla crisi ucraina.[4]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli fornitrice unica degli pneumatici, decide di utilizzare, per questo Gran Premio, gomme di tipo hard e di tipo medium.[5] Sul circuito viene asfaltata la via di fuga alla curva 11, così come alla curva Elf, dove sono anche cambiati i cordoli. La FIA conferma le due zone dove è possibile l'utilizzo del Drag Reduction System: una sul rettilineo principale, e l'altra sul lungo dritto tra la Campsa e La Caixa.[6]

La Red Bull fornisce a Sebastian Vettel un nuovo telaio.[7] La Sauber porta in pista per Esteban Gutiérrez una versione alleggerita nel peso della C33.[8]

Al fine di rendere più forte il rumore prodotto dal motore era stato prospettato il test del sound box sullo scarico di alcune monoposto. Tale test è stato successivamente posticipato alla sessione di prove che si terranno sul circuito catalano nella settimana dopo il Gran Premio.[9]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La FIA indica Danny Sullivan come commissario aggiunto per la gara. Lo statunitense ha già svolto in passato tale funzione, l'ultima nel Gran Premio d'Italia 2013.[10]

Da questa stagione il Gran Premio viene sponsorizzato dalla Pirelli, nome che rientra anche nella denominazione ufficiale della gara. La casa italiana sponsorizza anche il Gran Premio d'Ungheria.[11]

Alla Sauber, nelle prime prove libere, il pilota di riserva Giedo van der Garde prende il posto di Esteban Gutiérrez, mentre Felipe Nasr prende quello di Valtteri Bottas in Williams.[12]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo turno di prove libere il più rapido è Lewis Hamilton della Mercedes. Il britannico ha staccato di quasi nove decimi il suo connazionale Jenson Button della McLaren e Daniel Ricciardo della Red Bull Racing. L'altro pilota della Mercedes, Nico Rosberg, è stato limitato da un problema di raffreddamento dell'ERS. Anche Sebastian Vettel ha avuto gravi problemi tecnici all'impianto elettrico, tanto da compiere solo 4 giri.[12]

Hamilton si è confermato il più rapido anche nella seconda sessione. L'inglese ha ottenuto un buon riscontro cronometrico sia con gomme dure che con gomme medie. Si è classificato secondo in graduatoria il compagno di scuderia Nico Rosberg, staccato di 4 decimi. Terzo ha chiuso ancora Ricciardo, che ha preceduto le due Ferrari. L'altro pilota della Red Bull, Sebastian Vettel, non ha preso parte alla sessione, per i problemi tecnici riscontrati nel corso della sessione precedente. Jean-Éric Vergne è stato invece fatto partire dai box con la ruota anteriore sinistra non bene fissata alla vettura. La ruota si è staccata alla curva 2.[13] Per questo incidente il pilota è stato penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza, mentre la scuderia ha subito una multa da 30 000 euro.[14]

Nico Rosberg è risultato invece il pilota più rapido nella sessione del sabato mattina. Il tedesco ha preceduto Hamilton di otto decimi. Al terzo posto ha chiuso invece Fernando Alonso, staccato di un secondo e tre decimi da Rosberg. Vettel ha compiuto invece ben 20 giri, per recuperare il tempo perso col problema tecnico del venerdì.[15]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'27"023 17
2 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'27"891 +0"868 26
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'27"973 +0"950 21

Nella seconda sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'25"524 33
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'25"973 +0"449 36
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'26"509 +0"985 38

Nella sessione del sabato mattina[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'25"887 16
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'26"756 +0"869 9
3 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'27"188 +1"301 15

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La Q1 viene interrotta per l'uscita di pista di Pastor Maldonado, della Lotus, che esce alla curva 3. Il venezuelano non riporta danni fisici ma viene eliminato nella sessione. Assieme a lui sono esclusi i due piloti della Caterham, i due della Marussia e Adrian Sutil. La classifica è ancora condotta da i due piloti della Mercedes, che per passare alla Q2 non hanno nemmeno il bisogno di montare gomme medie.[19]

Nella seconda parte le due vetture tedesche confermano la loro velocità, precedendo le due Red Bull. Fernando Alonso ha conquistato l'accesso alla fase decisiva per soli 83 millesimi di vantaggio su Nico Hülkenberg. Sono risultati eliminati, oltre al tedesco, anche l'altro pilota della Force India Sergio Pérez, i due piloti della Scuderia Toro Rosso (con Vergne che non ha compiuto nessun giro per preservare le gomme per la gara), Esteban Gutiérrez e Kevin Magnussen. Anche il danese non ha potuto effettuare nessun giro valido per il problema al suo sistema di propulsione.[20]

Nella Q3 il più rapido, dopo il primo tentativo, è Lewis Hamilton. Col secondo tentativo il compagno di scuderia Nico Rosberg scavalca il britannico, che però è capace di riprendersi la pole position. La seconda fila viene occupata da Daniel Ricciardo e Valtteri Bottas. Sebastian Vettel, per un problema al cambio non ottiene nessun tempo cronometrato. Hamilton conquista la pole numero 35, la ventiduesima per la Mercedes.[21] Al termine della sessione Vettel è costretto a sostituire il cambio, venendo così penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza.[22]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[23] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'27"238 1'26"210 1'25"232 1
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'26"764 1'26"088 1'25"400 2
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'28"053 1'26"613 1'26"285 3
4 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'28"198 1'27"563 1'26"632 4
5 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'28"472 1'27"258 1'26"960 5
6 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'28"308 1'27"335 1'27"104 6
7 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'28"329 1'27"602 1'27"140 7
8 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'28"279 1'27"570 1'27"335 8
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'28"061 1'27"016 1'27"402 9
10 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'27"958 1'27"052 senza tempo 15[22]
11 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'28"155 1'27"685 N.D. 10
12 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'28"469 1'28"002 N.D. 11
13 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Renault 1'28"074 1'28"039 N.D. 12
14 21 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 1'28"374 1'28"280 N.D. 13
15 20 Danimarca Kevin Magnussen Regno Unito McLaren-Mercedes 1'28"389 senza tempo N.D. 14
16 25 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Renault 1'28"194 senza tempo N.D. 21[14]
17 99 Germania Adrian Sutil Svizzera Sauber-Ferrari 1'28"563 N.D. N.D. 16
18 4 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Ferrari 1'29"586 N.D. N.D. 17
19 17 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Ferrari 1'30"177 N.D. N.D. 18
20 9 Svezia Marcus Ericsson Malesia Caterham-Renault 1'30"312 N.D. N.D. 19
21 10 Giappone Kamui Kobayashi Malesia Caterham-Renault 1'30"375 N.D. N.D. 20
22 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Renault senza tempo N.D. N.D. 22[24]
Tempo limite 107%: 1'32"837

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Lewis Hamilton, partito dalla pole position, mantiene la testa della gara, davanti a Nico Rosberg, Valtteri Bottas, Daniel Ricciardo, Romain Grosjean e le due Ferrari. Nel corso del primo giro vi è un contatto tra Kevin Magnussen e Sebastian Vettel, ma senza conseguenze per le due vetture. Per un altro contatto, tra Kamui Kobayashi e Pastor Maldonado, il venezuelano è penalizzato con 5 secondi da scontarsi durante il cambio gomme.

Al dodicesimo passaggio Vettel, ora in quattordicesima posizione, effettua il primo cambio gomme. Due giri dopo tocca a Ricciardo, poi a Grosjean, al giro 16 ad Alonso, mentre un giro dopo è il turno di Räikkönen. Hamilton va al cambio gomme al giro 18, al ventesimo tocca a Bottas, mentre un giro dopo è il turno di Rosberg. Al giro 25, dopo un tentativo nel giro precedente, Kimi Räikkönen infila Grosjean per il quinto posto. Dopo i pit stop Ricciardo ha preso una posizione a Bottas, entrando sul podio virtuale. Vettel risale fino alla nona posizione.

Anche con le seconde soste, effettuate tra il giro 34 e il giro 45 la classifica rimane invariata. Vettel scala altre due posizioni, ed è settimo. Rosberg cambia gli pneumatici due giri dopo Hamilton, restandogli però sempre distante al secondo posto. Negli ultimi giri però il tedesco si avvicina a Hamilton, che sconta un maggior degrado delle gomme. Fernando Alonso effettua la terza sosta al cinquantaquattresimo passaggio, ma viene subito passato, al rientro in pista, da Sebastian Vettel. Il tedesco passa, poco dopo, anche Räikkönen. Al giro 63 Vettel sorpassa Bottas ponendosi quarto: dietro Alonso passa il compagno di scuderia per il sesto posto.

Nico Rosberg si avvicina a Hamilton senza riuscire però a passarlo. Per il britannico è il ventiseiesimo successo, quarto consecutivo. Daniel Ricciardo conquista il suo primo podio nel mondiale.[25]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[26] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 66 1h41'05"155 1 25
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 66 +0"636 2 18
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 66 +49"014 3 15
4 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 66 +1'16"702 15 12
5 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 66 +1'19"293 4 10
6 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 66 +1'27"743 7 8
7 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 65 +1 giro 6 6
8 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 65 +1 giro 5 4
9 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 65 +1 giro 11 2
10 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 65 +1 giro 10 1
11 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 65 +1 giro 8
12 20 Danimarca Kevin Magnussen Regno Unito McLaren-Mercedes 65 +1 giro 14
13 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 65 +1 giro 9
14 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Renault 65 +1 giro 12
15 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Renault 65 +1 giro 22
16 99 Germania Adrian Sutil Svizzera Sauber-Ferrari 65 +1 giro 16
17 21 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 65 +1 giro 13
18 17 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Ferrari 64 +2 giri 18
19 4 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Ferrari 64 +2 giri 17
20 9 Svezia Marcus Ericsson Malesia Caterham-Renault 64 +2 giri 19
Rit 10 Giappone Kamui Kobayashi Malesia Caterham-Renault 34 Freni 20
Rit 25 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Renault 24 Scarico 21

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 197
2 Austria Red Bull Racing-Renault 84
3 Italia Ferrari 66
4 India Force India-Mercedes 57
5 Regno Unito Williams-Mercedes 46
6 Regno Unito McLaren-Mercedes 43
7 Italia STR-Renault 8
8 Regno Unito Lotus-Renault 4

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 4
2 Germania Nico Rosberg 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nugnes, Barcellona vuole cambiare la titolazione del suo Gp in omnicorse.it, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  2. ^ Incontro tra i team per ridurre i costi in gpupdate.net, 2 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  3. ^ Long Beach non ospiterà la F1 in gpupdate.net, 27 aprile 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  4. ^ F1 GP a Baku nel 2015 o già nel 2014 al posto di Sochi? in f1passion.it, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  5. ^ Luca Ferrari, F1 Pirelli: pneumatici hard e medium a Barcellona in f1passion.it, 5 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  6. ^ Piccole modifiche alle vie di fuga di Barcellona in omnicorse.it, 7 maggio 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.
  7. ^ Luca Ferrari, F1 Sostituzione telaio Vettel già programmata ad inizio stagione in f1passion.it, 7 maggio 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.
  8. ^ Matteo Sala, F1 Sauber alleggerita, ma solo con Gutierrez sotto il peso minimo in f1passion.it, 7 maggio 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.
  9. ^ Luca Ferrari, F1 Niente “sound box” nelle libere del Gran Premio di Spagna in f1passion.it, 9 maggio 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  10. ^ Danny Sullivan commissario FIA a Barcellona in omnicorse.it, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  11. ^ F1, Pirelli title sponsor per Gp in Spagna e Ungheria in Tuttosport, 5 marzo 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  12. ^ a b Franco Nugnes, Barcellona, Libere 1: Hamilton ok, guai per Rosberg in omnicorse.it, 9 maggio 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  13. ^ Matteo Nugnes, Barcellona, Libere 2: Hamilton sembra inarrestabile in omnicorse.it, 9 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  14. ^ a b Jean-Éric Vergne è penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza per essere stato mandato in pista con una ruota non fissata correttamente durante le prove libere. GP Spagna: Vergne penalizzato di 10 posizioni in griglia in f1grandprix.motorionline.com, 9 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  15. ^ Matteo Nugnes, Barcellona, Libere 3: Rosberg risponde ad Hamilton in omnicorse.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  16. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  17. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Sessione di prove libere del sabato
  19. ^ Matteo Nugnes, Barcellona, Q1: Maldonado sbatte ed è eliminato in omnicorse.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  20. ^ Matteo Nugnes, Barcellona, Q2: Alonso passa per pochi millesimi in omnicorse.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  21. ^ Matteo Nugnes, Hamilton vince il derby Mercedes per la pole in omnicorse.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  22. ^ a b Sebastian Vettel è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio. Cambio sostituito: Vettel perde 5 posizioni in griglia in omnicorse.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  23. ^ Sessione di qualifica
  24. ^ Pastor Maldonado pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche è ammesso alla partenza su decisione degli steward.
  25. ^ Antonio Caruccio, Montmelò - Gara-Poker di Hamilton che doma Rosberg in italiaracing.net, 11 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  26. ^ Risultati del Gran Premio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2014
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2013
Gran Premio di Spagna
Edizione successiva:
2015
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1