Circuito di Fiorano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Ogni singolo pezzo della pista, deve poter mettere a dura prova il comportamento dinamico dell'auto in modo tale da rendere facile l'individuazione dei problemi di ogni macchina. Da questo momento in poi, voglio che nessuna Ferrari affronti la pista o la produzione di serie senza che abbia superato a pieni voti l'esame Fiorano.[fonte 1] »
(Enzo Ferrari)

Coordinate: 44°32′06″N 10°51′26″E / 44.535°N 10.857222°E44.535; 10.857222

Circuito di Fiorano
Tracciato di Circuito di Fiorano
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Fiorano Modenese
Dati generali
Inaugurazione 1972
Lunghezza 2.976 m
Curve 13
Categorie
Formula 1
Sport prototipo
Gran Turismo da competizione
Altre serie Gran Turismo stradali
Formula 1
Tempo record 55"999
Stabilito da Michael Schumacher
su Ferrari F2004
Sport prototipo
Tempo record 1'11.90
su Ferrari 333 SP

Il circuito di Fiorano è un tracciato di proprietà della Scuderia Ferrari che lo usa per effettuare i propri test privati (in rari casi ha invitato altre scuderie). È situato a Fiorano Modenese, nei pressi di Maranello.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni cinquanta e sessanta le scuderie motoristiche di Modena e dintorni utilizzavano per i loro collaudi l'aerautodromo di Modena, un impianto sportivo posto all'immediata periferia della città, adiacente alla via Emilia[1]. L'impianto aveva molteplici altri impieghi, venendo utilizzato anche come aeroporto, circuito per gare di auto e moto, nonché scuola di pilotaggio (Piero Taruffi vi dirigeva i corsi della Scuderia Centro Sud, che aveva la sua sede di fronte all'Aerautodromo[2]), soffrendo quindi di problemi di convivenza tra le varie esigenze, tanto che all'inizio degli anni settanta la Scuderia Ferrari, che vi testava anch'essa le proprie auto da competizione, viste le sempre maggiori limitazioni all'uso dell'impianto (oramai inglobato nel tessuto urbano) decise per la realizzazione di una propria pista di collaudo, il circuito di Fiorano, inaugurato nel 1972 su un'area adiacente lo stabilimento di Maranello[1]

Il tracciato[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del circuito di Fiorano

L'autodromo, espressamente voluto da Enzo Ferrari, è equipaggiato con diversi sofisticati apparecchi per la telemetria ed un raffinato sistema di telecamere interrate a circuito chiuso. La costruzione è iniziata nel 1971 ed è stata completata in quasi 7 mesi. La lunghezza del percorso è di 3021 metri. La velocità media di percorrenza è di oltre 160 km/h, con una velocità di punta superiore a 290 km/h. All'interno del perimetro del tracciato, Ferrari fece costruire anche una casa per sé, nella quale è tuttora conservato pressoché intatto l'ufficio dove lavorava.

L'uso che ne fa la Ferrari è legato soprattutto allo sviluppo degli pneumatici. Storicamente chiuso al pubblico, il tracciato di Fiorano è visitabile a partire dal mese di agosto 2010. Da allora i visitatori della Galleria Ferrari possono effettuare visite guidate del circuito a bordo di bus navetta[3]. Inoltre, come è sempre accaduto, i tifosi possono osservare le auto in prova in alcuni punti lungo il perimetro del complesso.

La Ferrari ha dedicato al circuito la 599 GTB Fiorano. Il circuito appare anche in quattro videogiochi di guida dedicati alla casa di Maranello: Ferrari Challenge Trofeo Pirelli uscito nel 2007-2008, Ferrari F355 Challenge uscito nel 1999, Ferrari Virtual Academy uscito nel 2010 e Test Drive Ferrari Racing Legends uscito nel 2012.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Collaudo sul bagnato di una Ferrari F430 a Fiorano nel 2004

Attualmente il record del circuito appartiene a Michael Schumacher che con la F2004 ha fatto segnare 55"999, mentre il record delle Gran Turismo stradali appartiene a Fernando Alonso sulla Ferrari LaFerrari in versione pre-serie, che il 16 dicembre 2012 ha girato in 1'20.00.

Vettura Record Pilota Data Note
Monoposto Formula 1
Ferrari F2004 0'55.999 Germania Michael Schumacher 2004
Ferrari F2003GA 0'56.330 Germania Michael Schumacher 2003
Ferrari 248 F1 0'57.099 Brasile Felipe Massa 2006
Ferrari F2005 0'57.146 Germania Michael Schumacher 2005
Ferrari F2002 0'57.476 Germania Michael Schumacher 2002
Ferrari F2007 0'58.366 Brasile Felipe Massa 2007
Ferrari F310B 0'59.00 Germania Michael Schumacher 1997
Ferrari F2008 0'59.111 Italia Mirko Bortolotti 2008
Ferrari F399 1'00.226 Italia Luca Badoer 1999
Ferrari 412 T1 1'00.31 Francia Jean Alesi 1994
Sport prototipi e Gran Turismo da competizione
Ferrari 333 SP 1'11.90 gomme slick
Ferrari 333 SP 1'13.00 gomme slick & air restrictor
Ferrari FXX 1'16.00 Italia Andrea Bertolini 2007
Ferrari 360 GT 1'17.00
Ferrari 360 N-GT 1'18.90 Regno Unito Ian Harold Brown 2003
Ferrari 360 Challenge 1'22.40 2003
Maserati Trofeo 1'23.85
Ferrari 355 Challenge 1'25.40 alettone posteriore
Ferrari 348 Challenge 1'33.00
Gran Turismo stradali
Ferrari LaFerrari 1'20.00 Spagna Fernando Alonso 2012 versione pre-serie
Ferrari F12berlinetta 1'23.00 Brasile Felipe Massa 2012
Ferrari 458 Speciale 1'23.5 2013
Ferrari Enzo 1'24.9 2002
Ferrari 458 Italia 1'25.00
Maserati MC12 1'25.2
Ferrari 599 GTB Fiorano 1'26.500 2006
Ferrari F50 1'27.00
Ferrari F430 1'27.00 Autobild 2007
Ferrari 360 Challenge Stradale 1'28.00
Ferrari F40 1'29.60
Ferrari 360 Modena 1'31.00
Ferrari 550 Maranello 1'32.528
Ferrari F355 F1 1'33.00 1997
Ferrari F355 1'34.00 1994
Ferrari F512M 1'35.00 1995
Ferrari 512TR 1'35.00 1992
Ferrari 456GT 1'35.00
Maserati Coupé 4.2 1'35.00
Ferrari 288 GTO 1'36.00
Ferrari Testarossa 1'36.00 1984
Ferrari 348TB 1'37.00 1989
Porsche 959 1'37.00
Ferrari 328 GTB 1'44.00

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Guido De Carli, MODENA, AERAUTODROMO, www.gdecarli.it. URL consultato il 15 gennaio 2012.
  2. ^ Nunzia Manicardi, Scuderie storiche: Centro-Sud, www.motorvalley.it. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  3. ^ Alla scoperta della Pista di Fiorano

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Citato in Nel 1972 una svolta: nasce la pista di Fiorano, I sessant'anni Ferrari, 11a puntata, Repubblica.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]