Nigel Stepney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nigel Stepney (al centro) all'interno dei box della Scuderia Ferrari, assieme a Jean Todt, durante il weekend di gara del Gran Premio d'Italia 2005.

Nigel Thomas Stepney (Ufton, 14 novembre 1958) è un meccanico britannico di Formula Uno.

Iniziò la sua carriera nella Shadow nel 1977, poi seguì Elio de Angelis alla Lotus, per poi passare alla Benetton alla fine degli anni ottanta. Infine, all'inizio degli anni novanta, si trasferì con Michael Schumacher e Ross Brawn alla Ferrari, dove fu all'inizio capo meccanico ed in seguito direttore di corsa.

Nel 2007 fu implicato nella Spy Story che coinvolse Ferrari e McLaren; quest'ultima a causa della vicenda si era vista annullare il punteggio ottenuto nel Mondiale Costruttori del 2007. Il tecnico è stato accusato di aver versato un integratore nel serbatoio della monoposto di Kimi Räikkönen al Gran Premio di Monaco 2007 per provocare il "grippaggio" del motore, e per aver passato i progetti della monoposto Ferrari a Mike Coughlan, capo progettista McLaren. Coughlan fu scoperto da un negoziante britannico, al quale era stato chiesto di fotocopiare la documentazione rubata. Nel 2010 Stepney è stato condannato a 20 mesi di carcere, pena poi sospesa, più 600 euro di multa per danneggiamento, tentate lesioni, appropriazione indebita, frode sportiva e rivelazione di segreti industriali.[senza fonte]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— 8 novembre 2004[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Quirinale.it - Dettaglio decorato - Stepney Sig. Nigel Thomas