Andrea Moda Formula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Moda Formula
Sede Italia Italia
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attività dal 1992 al 1992
Fondatore Andrea Sassetti
Formula 1
Anni partecipazione 1992
Miglior risultato -
Gare disputate 1

Andrea Moda Formula è stato un team italiano di Formula 1 nella stagione 1992, creato dopo aver rilevato il materiale della squadra Coloni nel settembre precedente. La squadra doveva essere un veicolo promozionale per l'azienda Andrea Moda dell'imprenditore Andrea Sassetti, ma si rivelò un'esperienza fallimentare[1], riuscendo a prendere parte a un solo Gran Premio.

Dopo aver acquistato il materiale Coloni, Sassetti rilevò dalla Simtek Research il progetto di una vettura ideata nel 1990 per BMW, equipaggiandola con motori Judd. La macchina però non era ancora pronta, e così la squadra si presentò al Gran Premio del Sud Africa con le vecchie vetture Coloni e i piloti Alex Caffi e Enrico Bertaggia, ma non fu accettata per non aver pagato la tassa di iscrizione per nuove squadre (Sassetti sosteneva di avere invece acquistato i diritti della Coloni), mentre in Messico la squadra si presentò ma non corse. Queste tensioni condussero al licenziamento di entrambi i piloti.

Finalmente al Gran Premio del Brasile la Andrea Moda si presentò con la prima vettura battezzata S921 ma Roberto Moreno non riuscì a qualificarsi mentre a Perry McCarthy fu negata la superlicenza FIA, indispensabile per correre. L'unica partecipazione in gara fu al Gran Premio di Monaco dove Moreno si qualificò ultimo (26°) e si ritirò dopo appena 11 giri per problemi al motore.

Da lì in poi la situazione, se possibile, continuò a peggiorare: i piloti non riuscirono mai ad andare oltre le pre-qualifiche, in Canada problemi di trasporto (o forse un mancato pagamento) fecero sì che la vettura restò senza motori Judd, mentre in Francia i camion della squadra restarono bloccati da uno sciopero. Durante il Gran Premio del Belgio Sassetti venne arrestato nei box per false fatturazioni relative alla sua attività imprenditoriale, e così al successivo appuntamento di Monza la squadra fu rifiutata in base alla clausola di aver "danneggiato la reputazione dello sport".

McCarthy, che non avrà altre occasioni di correre in Formula 1, ha consegnato la storia di una stagione non ortodossa alla sua autobiografia Flat Out, Flat Broke: Formula 1 the Hard Way!.

Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1992 C4B
S921
Judd GV G Alex Caffi ES NPR 0 16º
Roberto Moreno NPQ NPQ NPQ Rit NPQ NA NPQ NPQ NQ NQ NPR
Enrico Bertaggia ES NPR
Perry McCarthy NPR NPQ NPQ NPQ NPR NA NPQ ES NPQ NQ NPR

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I 6 team peggiori nella storia della F1, redbull.com. URL consultato il 14 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]