Gran Premio di Germania 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Gran Premio di Germania 2010
831º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 11 di 19 del Campionato 2010
Hockenheimring
Hockenheimring
Data 25 luglio 2010
Nome ufficiale LXXI Großer Preis Santander von Deutschland
Circuito Hockenheimring
Percorso 4,574 km / 2,842 US mi
Pista permanente
Distanza 67 giri, 306,458 km/ 190,414 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Germania Sebastian Vettel
RBR-Renault in 1'13"791 RBR-Renault in 1'15"824
(nel giro 67)
Podio
1. Spagna Fernando Alonso
Ferrari
2. Brasile Felipe Massa
Ferrari
3. Germania Sebastian Vettel
RBR-Renault

Il Gran Premio di Germania 2010 è l'undicesima prova della stagione 2010 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corso domenica 25 luglio 2010 sull'Hockenheimring. La gara è stata vinta dal pilota spagnolo Fernando Alonso su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

Era stato messo in dubbio l'utilizzo dell'Hockenheimring quale sede del Gran Premio di Germania, a cause della difficoltà finanziare in cui si dibatteva la struttura.[1] Tuttavia nel settembre 2009 venne esteso il contratto con la FOA per ospitare la manifestazione fino al 2018, con l'impegno della stessa di coprire eventuali perdite.[2]

La Bridgestone, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo supersoft e dure. Per questo gran premio quindi vengono fornite mescole con due step di discontinuità.[3]

Alcuni team mettono in dubbio la regolarità dell'alettone anteriore utilizzato da Ferrari e Red Bull; lo stesso non sarebbe rigido ma flessibile, cosa vietata dal regolamento. Le vetture sono comunque considerate regolari dai commissari.[4]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Bruno Senna torna al volante della sua HRT, mentre Sakon Yamamoto prende il posto di Karun Chandhok.[5] Nella prima sessione di prove libere del venerdì Fairuz Fauzy ha sostituito Heikki Kovalainen alla Lotus.[6] L'ex pilota Danny Sullivan viene nominato quale commissario aggiunto dalla FIA.[7]

La Sauber festeggia il quarantesimo anno dalla sua fondazione ponendo sulle vetture un logo celebrativo.[8]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del venerdì[9] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'25"701 20
2 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'26"850 + 1"149 27
3 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'26"936 + 1"235 16

Nella seconda sessione del venerdì[10] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'16"265 35
2 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'16"294 +0"029 26
3 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'16"438 +0"173 37

Nella sessione del sabato mattina[11] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'15"103 18
2 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'15"387 +0"284 21
3 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'15"708 +0"605 16

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

La Q1 viene interrotta con bandiera rossa a causa di un incidente che coinvolge Vitantonio Liuzzi. La sua vettura esce troppo rapida dall'ultima curva, finendo leggermente oltre il cordolo; parte in testacoda andando a sbattere contro il muretto sull'altro lato della pista. Il pilota è incolume ma la vettura risulta inutilizzabile per il resto della sessione. I molti detriti lasciati sul tracciato rendono necessaria l'interruzione della sessione.

Nella Q2 esce a sorpresa la Mercedes GP di Michael Schumacher. In Q3 tutti i dieci qualificati escono immediatamente sul tracciato, al fine di anticipare l'eventuale arrivo della pioggia. La pole è conquistata per la decima volta su undici gare della stagione da una Red Bull. Sebastian Vettel, undicesima pole in carriera, precede di soli due millesimi Fernando Alonso. La seconda fila è anch'essa occupata da Ferrari e Red Bull.

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'15"152 1'14"249 1'13"791 1
2 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'14"808 1'14"081 1'13"793 2
3 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'15"216 1'14"478 1'14"290 3
4 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'15"334 1'14"340 1'14"347 4
5 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'15"823 1'14"716 1'14"427 5
6 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'15"505 1'14"488 1'14"566 6
7 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 1'15"736 1'14"835 1'15"079 7
8 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 1'16"398 1'14"698 1'15"109 8
9 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'16"178 1'15"018 1'15"179 9
10 10 Germania Nico Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 1'16"387 1'14"943 1'15"339 10
11 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'16"084 1'15"026 11
12 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'15"951 1'15"084 12
13 12 Russia Vitalij Petrov Francia Renault 1'16"521 1'15"307 13
14 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'16"220 1'15"467 19[12]
15 22 Spagna Pedro de la Rosa Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'16"450 1'15"550 14
16 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'16"664 1'15"588 15
17 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'16"029 1'15"974 16
18 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 1'17"583 17
19 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 1'18"300 18
20 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 1'18"343 23[13]
21 21 Brasile Bruno Senna Spagna HRT-Cosworth 1'18"592 20
22 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 1'18"952 21
23 20 Giappone Sakon Yamamoto Spagna HRT-Cosworth 1'19"844 22
24 25 Brasile Lucas Di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth senza tempo 24[12]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alla partenza Sebastian Vettel chiude verso destra per proteggersi da Fernando Alonso; ne approfitta l'altro ferrarista, Felipe Massa, che passa in testa. La manovra del tedesco ha poca fortuna, visto che viene passato anche dallo spagnolo.

Nel corso del primo giro, alla staccata dopo la Parabolika, Lewis Hamilton scalza Mark Webber dalla quarta posizione. Nelle retrovie Jaime Alguersuari tampona il compagno di scuderia, Sébastien Buemi: lo svizzero vede strapparsi l'alettone posteriore ed è costretto al ritiro. Al termine della prima tornata Massa guida su Alonso, Vettel, Hamilton, Webber, Button, Robert Kubica, Michael Schumacher, Nico Rosberg e Kamui Kobayashi.

Michael Schumacher torna dopo quattro anni a correre nel Gran Premio di Germania.

I due ferraristi sono capaci di imprimere un buon ritmo alla gara e riescono a distanziare Vettel che è il primo dei piloti in alta classifica a cambiare gli pneumatici al giro 12. Nei giri seguenti c'è la girandola dei pit, al termine della quale Button si ritrova in testa davanti alle due Ferrari e a Vettel. Kubica, dopo la sua sosta, si difende bene da un attacco di Schumacher.

Al 20esimo giro, sfruttando il rallentamento dovuto a un doppiaggio, Alonso cerca di passare Massa, sempre al tornate, ma senza successo. Il pilota asturiano si lamenta via radio dicendo "this is ridiculous" ("questo è ridicolo"), in quanto riteneva che il compagno di squadra avrebbe dovuto farlo passare. Dopo due giri anche Button cambia le gomme; il britannico si ritrova quinto davanti a Webber, mentre le due Ferrari ritornano prima e seconda.

I due mantengono le rispettive posizioni fino al 48esimo giro, quando in seguito ad una comunicazione radio col suo ingegnere di pista Massa rallenta all'uscita del tornante, facendo passare il compagno di squadra. L'ordine di squadra, proibito dal regolamento dal 2003, fu poi sanzionato con una multa per la squadra, ma nessuna penalizzazione per i piloti. La classifica resta di fatto congelata fino all'arrivo, senza che Vettel riesca a impensierire Massa per il secondo posto. La Ferrari conquista la seconda vittoria della stagione, la 212esima nella sua storia in Formula 1.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio sono i seguenti:

Pos Pilota Team Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 67 1h27'38"684 2 25
2 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 67 +4"196 3 18
3 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 67 +5"121 1 15
4 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 67 +26"896 6 12
5 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 67 +29"482 5 10
6 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 67 +43"606 4 8
7 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 66 +1 Giro 7 6
8 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 66 +1 Giro 9 4
9 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 66 +1 Giro 11 2
10 12 Russia Vitalij Petrov Francia Renault 66 +1 Giro 13 1
11 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 66 +1 Giro 12
12 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 66 +1 Giro 8
13 10 Germania Nico Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 66 +1 Giro 10
14 22 Spagna Pedro de la Rosa Svizzera BMW Sauber-Ferrari 66 +1 Giro 14
15 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 66 +1 Giro 15
16 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 65 +2 Giri 21
17 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 65 +2 Giri 19
18 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 64 +3 Giri 23
19 21 Brasile Bruno Senna Spagna HRT-Cosworth 63 +4 Giri 20
Rit 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 56 Collisione 18
Rit 25 Brasile Lucas Di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth 50 Cambio 24
Rit 20 Giappone Sakon Yamamoto Spagna HRT-Cosworth 19 Motore 22
Rit 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 3 Cambio 17
Rit 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1 Collisione 16

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Regno Unito McLaren-Mercedes 300
2 Austria RBR-Renault 272
3 Italia Ferrari 208
4 Germania Mercedes GP 132
5 Francia Renault 96
6 India Force India-Mercedes 47
7 Regno Unito Williams-Cosworth 31
8 Svizzera BMW Sauber-Ferrari 15
9 Italia STR-Ferrari 10

Decisioni della FIA[modifica | modifica sorgente]

La FIA ha multato la Scuderia Ferrari di 100 000 $ per aver violato il divieto di impartire ordini di scuderia ai piloti. La scuderia italiana avrebbe, infatti, imposto a Massa di farsi superare da Alonso; in particolare i commissari di gara si sono concentrati sulla comunicazione radio tra l'ingegnere di pista di Massa ed il pilota immediatamente precedente allo scambio di posizioni. La scuderia stessa è stata deferita al Consiglio mondiale della Federazione.[14] L'udienza si tiene a Parigi l'8 settembre 2010 senza che la FIA prenda ulteriori provvedimenti.[15] Negli atti del processo, pubblicati all'indomani dell'udienza, il Consiglio Mondiale specifica di aver riconosciuto "incoerenza dell’applicazione del concetto di ordine di squadra negli anni recenti".[16]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hockenheim dice no al GP di Germania, it.f1-live.com, 25 giugno 2009. URL consultato il 25 giugno 2009.
  2. ^ (EN) Hockenheim holds on to German GP, news.bbc.co.uk, 30 settembre 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  3. ^ Bridgestone presenta gomme differenti per la Germania, f1.gpupdate.net, 21 giugno 2010. URL consultato il 21 giugno 2010.
  4. ^ Esplode una nuova polemica sulle ali flessibili in F1, f1grandprix.motorionline.com, 25 luglio 2010. URL consultato il 1º agosto 2010.
  5. ^ Yamamoto prende il posto di Chandhok, italiaracing.net, 17 luglio 2010. URL consultato il 17 luglio 2010.
  6. ^ Fauzy nelle libere anche a Hockenheim, italiaracing.net, 21 luglio 2010. URL consultato il 23 luglio 2010.
  7. ^ Danny Sullivan commissario FIA ad Hockenheim, omnicorse.it, 21 luglio 2010. URL consultato il 21 luglio 2010.
  8. ^ (EN) 40 years of Sauber Motorsport – a tale of the unexpected - the story, sauber-motorsport.com. URL consultato il 25 luglio 2010.
  9. ^ (disputatasi sul bagnato)Prima sessione di prove libere del venerdì
  10. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  11. ^ Sessione di prove libere del sabato
  12. ^ a b Adrian Sutil e Lucas Di Grassi penalizzati di 5 posizioni per aver sostituito il cambio. (EN) FORMULA 1 GROSSER PREIS SANTANDER VON DEUTSCHLAND 2010, formula1.com. URL consultato il 25 luglio 2010.
  13. ^ Timo Glock penalizzato con due penalità di 5 posizioni per aver sostituito due cambi. (EN) FORMULA 1 GROSSER PREIS SANTANDER VON DEUTSCHLAND 2010, formula1.com. URL consultato il 25 luglio 2010.
  14. ^ Ferrari multata di centomila dollari, gpupdate.net, 25 luglio 2010. URL consultato il 26 luglio 2010.
  15. ^ Nessuna sanzione ulteriore per la Ferrari, italiaracing.net, 8 settembre 2010. URL consultato l'8 settembre 2010.
  16. ^ Ferrari, dentro la sentenza: team order? No, team strategy, grandchelem.it, 10 settembre 2010. URL consultato il 10 settembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2010
Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2009
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
2011
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1