Gran Premio di Monaco 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 2012
864º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 20 del Campionato 2012
Monte Carlo Formula 1 track map.svg
Data 27 maggio 2012
Nome ufficiale LXX Grand Prix de Monaco
Circuito Montecarlo
Percorso 3,34 km / 2,08 US mi
Circuito cittadino
Distanza 78 giri, 260,52 km/ 162,24 US mi
Clima Nuvoloso con pioggia nel finale di gara
Risultati
Pole position Giro più veloce
Australia Mark Webber Messico Sergio Pérez
Red Bull Racing-Renault in 1'14"381 Sauber-Ferrari in 1'17"296
(nel giro 49)
Podio
1. Australia Mark Webber
Red Bull Racing-Renault
2. Germania Nico Rosberg
Mercedes
3. Spagna Fernando Alonso
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 2012 è stata la sesta prova della stagione 2012 del campionato mondiale di Formula 1. Si è disputata domenica 27 maggio 2012 sul circuito di Montecarlo. La gara è stata vinta da Mark Webber su Red Bull Racing-Renault davanti a Nico Rosberg su Mercedes e Fernando Alonso su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Bernie Ecclestone annuncia che tutte le dodici scuderie del mondiale hanno firmato la nuova versione del Patto della Concordia, che regola il funzionamento della Formula 1, e che varrà fino al 2020.[1] La CVC Partners, che è la proprietaria dei diritti sul campionato, cede il 20% delle sue quote, in vista della prossima quotazione del campionato nella Borsa di Singapore.[2] Nel frattempo il manager austriaco Peter Brabeck è nominato presidente della Formula 1.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Pirelli, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo morbido e super-morbido.[4]

In seguito all'incidente di Sergio Pérez, nel corso delle qualifiche della precedente edizione del Gran Premio, vengono effettuate delle modifiche al tracciato. Viene riposizionata 14 metri più all'interno la protezione all'uscita dal Tunnel, luogo ove avvenne l'incidente. Inoltre è stato riassettato l'asfalto nel punto ove il pilota messicano perse il controllo della sua Sauber. Inoltre è stata allargata l'uscita della pit lane, e sono state sostituite, con materiali più moderni, alcune delle protezioni fatte prima con pneumatici, alla Santa Devota e alle Piscine.[5] Le modifiche al tracciato sono state apprezzate da Michael Schumacher, che ha elogiato la pronta disponibilità degli organizzatori a ricercare una migliore sicurezza.[6]

La FIA stabilisce sul rettilineo principale l'uso del DRS in gara, come nel 2011. Il dispositivo pertanto non può essere utilizzato sotto il Tunnel.[7]

La Williams ripara per tempo il telaio della FW34 di Bruno Senna, che fu danneggiata dal grande incendio nel box della scuderia britannica al termine del vittorioso Gran Premio di Spagna.[8]

Viene contestata sulla Red Bull RB8 la presenza di un foro sul fondo nella parte posteriore della monoposto.[9]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Michael Schumacher è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver causato l'incidente a Bruno Senna nel gran premio precedente.[10]

Nigel Mansell, campione del mondo di Formula 1 nel 1992, viene nominato commissario aggiunto dalla FIA. È il suo terzo incarico dopo i Gran Premi di Gran Bretagna e Belgio nel 2011.[11]

Il Lotus F1 Team festeggia i 500 Gran Premi della scuderia che, nel corso della stagioni, ha assunto i nomi di Toleman, Benetton, Renault e, da questa stagione, Lotus. La scuderia presenta una livrea speciale ispirata ad Angry Birds.[12]

Romain Grosjean e Fernando Alonso indossano dei caschi celebrativi della gara. Jean-Éric Vergne indossa un casco ispirato a quello di Jean Alesi, impegnato nella 500 Miglia di Indianapolis. Kimi Räikkönen indossa invece una replica del casco di James Hunt.[13]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Fernando Alonso ha fatto segnare il tempo migliore nella prima sessione di prove del giovedì. Il ferrarista ha preceduto Romain Grosjean su Lotus-Renault e Sergio Pérez della Sauber. Le prove sono state interrotte con nove minuti d'anticipo per la rottura del propulsore sulla Caterham di Heikki Kovalainen, avvenuta sotto il Tunnel, ciò che ha reso difficile la visibilità per i piloti. Michael Schumacher ha danneggiato l'ala anteriore sui cordoli, mentre Kimi Räikkönen è rimasto a lungo fermo per la necessità di sostituire lo sterzo, tanto da non far segnare tempi validi.[14]

L'arrivo della pioggia ha caratterizzato la seconda sessione del giovedì. Il miglior tempo è stato fatto da Jenson Button nei primi minuti delle prove, col britannico che montava gomme super-soft. Si sono piazzati dietro al pilota della McLaren Romain Grosjean e Felipe Massa. La pioggia ha colpito il tracciato circa un quarto d'ora dall'inizio della sessione e nessun pilota è più stato in grado di far segnare tempi validi. L'intensità della precipitazione ha costretto i piloti a montare gomme intermedie.[15]

Nico Rosberg della Mercedes fa segnare il tempo migliore nelle libere del sabato mattino, in cui precede Felipe Massa e Sebastian Vettel. La sessione è stata caratterizzata da due incidenti: Paul Di Resta, della Force India rompe l’alettone anteriore, dopo un errore al termine della curva del Tunnel; Pastor Maldonado arriva largo al Casinò, urta le barriere con la posteriore destra e sbatte al Mirabeau. Quest'ultimo incidente ha portato alla sospensione della qualifica a quattro minuti dal termine.[16] Maldonado viene anche considerato colpevole per un contatto con Sergio Pérez: per tale ragione viene penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza. Nico Hülkenberg viene invece solo ammonito per una manovra scorretta sullo stesso Pérez.[17]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del giovedì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'16"265 22
2 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'16"630 +0"365 17
3 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'16"711 +0"446 19

Nella seconda sessione del giovedì[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'15"746 17
2 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'16"138 +0"392 19
3 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'16"602 +0"856 21

Nella sessione del sabato mattina[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'15"159 25
2 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'15"197 +0"038 21
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'15"209 +0"050 20

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Il messicano Sergio Pérez della Sauber sbatte all'inizio delle prove alle Piscine; una ruota si stacca dalla sua monoposto. Ciò costringe all'esposizione della bandiera rossa e all'interruzione della sessione. Nel prosieguo della Q1 anche l'altro pilota della Sauber, Kamui Kobayashi, sfiora le barriere alla Santa Devota, ma senza conseguenze. Il miglior tempo è di Nico Hülkenberg, ottenuto con le super-soft. Anche altri piloti delle scuderie più competitive sono costretti a montare le gomme più performanti tenere per evitare l'eliminazione, come Kimi Räikkönen e Sebastian Vettel. Vengono eliminati i sei piloti di Caterham, Marussia, HRT assieme a Pérez che non aveva fatto segnare tempi.

In Q2 tutti montano subito le gomme super-soft. Il migliore è, all'inizio, Nico Rosberg, battuto nel secondo tentativo da Felipe Massa. Kimi Räikkönen conquista l'accesso alla Q3 solo all'ultimo tentativo. Vengono eliminati i due piloti della Force India, i due della Toro Rosso, Kamui Kobayashi, Bruno Senna e Jenson Button.

Michael Schumacher al termine delle qualifiche

Nella fase decisiva il primo ad andare in testa è Romain Grosjean, battuto in seguito da Rosberg. Nell'ultimo tentativo Mark Webber batte il tempo di Rosberg ma, a sua volta, l'australiano è battuto da Michael Schumacher. Per il tedesco la miglior prestazione non vale la pole, a causa della penalizzazione dovuta per l'incidente con Senna nel Gran Premio di Spagna. Per Webber è la pole numero dieci nel mondiale.[21]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 1'15"873 1'15"062 1'14"301 6[10]
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'16"013 1'15"035 1'14"381 1
3 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'15"900 1'15"022 1'14"448 2
4 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"063 1'15"166 1'14"583 3
5 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'15"718 1'15"219 1'14"639 4
6 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'16"153 1'15"128 1'14"948 5
7 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'15"983 1'14"911 1'15"049 7
8 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'15"889 1'15"322 1'15"199 8
9 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'16"017 1'15"026 1'15"245 24[17]
10 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'15"757 1'15"234 senza tempo 9
11 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'15"418 1'15"421 10
12 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'15"648 1'15"508 11
13 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"399 1'15"536 12
14 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 1'15"923 1'15"709 13
15 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'16"062 1'15"718 14
16 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'16"360 1'15"878 15
17 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'16"491 1'16"885 16
18 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 1'16"538 17
19 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 1'17"404 18
20 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 1'17"947 19
21 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 1'18"096 20
22 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 1'18"476 21
23 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 1'19"310 22
Tempo limite 107%: 1'20"697
24 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari senza tempo 23[17]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alla partenza tutti i piloti optano per gomme super-soft, tranne Sebastian Vettel e Jenson Button. Mark Webber prende al via il comando della gara, seguito da Nico Rosberg, Lewis Hamilton, Fernando Alonso, Felipe Massa e Sebastian Vettel. Romain Grosjean cerca di passare Massa, stringe però Michael Schumacher contro le barriere: le due vetture si toccano, Grosjean va in testacoda ed è costretto al ritiro. Anche altri piloti vengono coinvolti nell'incidente: sono costretti a fermarsi anche Pastor Maldonado e Pedro de la Rosa in quanto è danneggiato il suo alettone posteriore. Viene messa in pista la Safety car per quattro giri.

Al reinizio della gara le posizioni rimangono consolidate. La pioggia viene indicata come imminente sul circuito, questo spinge le scuderie a far posticipare il più possibile il primo cambio gomme. Il primo ai box è Nico Rosberg, che rientra con gomme soft. Intanto Kimi Räikkönen, in crisi con gli pneumatici, crea un trenino con diverse vetture alle sue spalle. Al giro 29 vanno ai box Mark Webber e Lewis Hamilton. Quando, il giro dopo, Fernando Alonso va al cambio gomme, conquista una posizione sul britannico della McLaren. Ora in testa si trova Sebastian Vettel (che non ha ancora cambiato), seguito da Webber, Rosberg, Alonso, Hamilton e Massa. Al quarantesimo giro Sergio Pérez deve scontare un drive-through a causa di una scorrettezza ai danni di Räikkönen, compiuto al momento dell'entrata nei box.

Al giro 46 Vettel va al cambio gomme: rientra in pista quarto, riuscendo a passare Hamilton per pochi centimetri. I primi sei piloti sono molto vicini e, negli ultimi giri, una leggera pioggia arriva sul tracciato tanto che Vergne monta gomme intermedie. Nessuno dei battistrada fa altrettanto: la classifica resta congelata con Mark Webber che precede sul traguardo Nico Rosberg e Fernando Alonso. Per Webber è l'ottavo successo della carriera; è il sesto vincitore diverso nelle prime sei gare. Sergio Pérez conquista il primo giro veloce in gara della carriera.[23]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[24] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 78 1h46'06"557 1 25
2 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 78 +0"643 2 18
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 78 +0"947 5 15
4 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 78 +1"343 9 12
5 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 78 +4"101 3 10
6 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 78 +6"195 7 8
7 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 78 +41"537 14 6
8 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 78 +42"562 10 4
9 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 78 +44"036 8 2
10 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 78 +44"516 13 1
11 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 77 +1 giro 23
12 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 77 +1 giro 16
13 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 77 +1 giro 17
14 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 77 +1 giro 19
15 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 76 +2 giri 22
16 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 70 Collisione[25] 12
Rit 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 65 Sterzo 15
Rit 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 64 Elettronica 21
Rit 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 63 Pressione carburante 6
Rit 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 15 Elettronica 18
Rit 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 5 Collisione 11
Rit 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 0 Collisione 20
Rit 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 0 Incidente 24
Rit 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 0 Incidente 4

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ecclestone: "Tutti i team hanno firmato", gpupdate.net, 25 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  2. ^ La F.1 sbarca in borsa a Singaporee cede il 20% in operazioni pre-quotazione, italiaracing.net, 23 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  3. ^ (EN) Keith Weir, Exclusive: F1 chairman puts brake on IPO talk, reuters.com, 25 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  4. ^ Pirelli, le mescole per le gare di F1 in Bahrain, Spagna e Monaco, f1grandprix.motorionline.com, 3 aprile 2012. URL consultato il 3 aprile 2012.
  5. ^ Giorgio Mulliri, GP Monaco ’12, Tracciato: modifiche per la sicurezza, duemotori.com, 23 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  6. ^ Lorena Bianchi, Schumacher elogia la sicurezza del circuito di Monaco, f1grandprix.motorionline.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 25 maggio 2012.
  7. ^ Unica zona DRS a Monaco, formula1news.it, 27 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  8. ^ Nuova polemica sul fondo della Red Bull, f1grandprix.motorionline.com, 27 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  9. ^ Lorena Bianchi, Bruno Senna correrà a Monaco con la Williams danneggiata nell’incendio di Barcellona, f1grandprix.motorionline.com, 23 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  10. ^ a b Penalità a Schumacher per collisione con Senna, f1passion.it, 13 maggio 2012. URL consultato il 13 maggio 2012.
  11. ^ Nigel Mansell commissario FIA a Montecarlo, omnicorse.it, 22 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  12. ^ Lorena Bianchi, Lotus, a Monaco tra celebrazioni e speranze di vittoria, f1grandprix.motorionline.com, 22 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  13. ^ Alessandro Marinai, Gp di Monaco: una questione di caschi, toscananews24.it, 24 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  14. ^ Lorena Bianchi, GP Monaco, Prove Libere 1: Alonso domina davanti a Grosjean, f1grandprix.motorionline.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 24 maggio 2012.
  15. ^ Lorena Bianchi, GP Monaco, Prove Libere 2: Button al top, poi la pioggia rovina i piani, f1grandprix.motorionline.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 25 maggio 2012.
  16. ^ Lorena Bianchi, GP Monaco, Prove Libere 3: Rosberg precede Massa, f1grandprix.motorionline.com, 26 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  17. ^ a b c Pastor Maldonado è penalizzato di 10 posizioni sulla griglia di partenza per un contatto avvenuto con Sergio Pérez durante la terza sessione di prove libere.
    GP Monaco: Maldonado penalizzato di 10 posizioni in griglia, f1grandprix.motorionline.com, 26 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
    Su decisione dei commissari Sergio Pérez partecipa alla gara nonostante non abbia fatto registrare nessun tempo in Q1.
    Maldonado e Pérez sostituiscono il cambio sulla propria vettura perdendo cinque posizioni sulla griglia.
    Maldonado e Pérez sostituiscono il cambio, omnicorse.it, 27 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  18. ^ Prima sessione di prove libere del giovedì
  19. ^ Seconda sessione di prove libere del giovedì
  20. ^ Sessione di prove libere del sabato
  21. ^ Lorena Bianchi, GP Monaco, Schumacher in pole davanti a Webber, Alonso 6°, f1grandprix.motorionline.com, 26 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  22. ^ Sessione di qualifica
  23. ^ Lorena Bianchi, GP Monaco, Webber vince davanti a Rosberg, Alonso 3°, f1grandprix.motorionline.com, 27 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  24. ^ Risultati del gran premio
  25. ^ Jenson Button risulta essere classificato avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2012
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2011
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
2013
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1