Gran Premio di Monaco 2001

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 2001
670º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 17 del Campionato 2001
Monte Carlo 2000.jpg
Data 27 maggio 2001
Circuito Circuito di Monaco
Percorso 3,370 km
circuito cittadino
Distanza 78 giri, 262,860 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito David Coulthard Regno Unito David Coulthard
McLaren - Mercedes in 1'17"430 McLaren - Mercedes in 1'19"424
(nel giro 68)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
3. Regno Unito Eddie Irvine
Jaguar - Ford

Il Gran Premio di Monaco 2001 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 27 maggio 2001 sul Circuito di Monaco. La gara fu vinta da Michael Schumacher su Ferrari, davanti al compagno di squadra Rubens Barrichello e a Eddie Irvine su Jaguar.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

L'avveniristica soluzione portata dalla Arrows per l'appuntamento monegasco.

Per la gara del Principato le scuderie portarono diverse novità tecniche, alcune estreme, per massimizzare il carico aerodinamico delle proprie monoposto.[1] La Arrows fece infatti installare un flap che sosteneva un alettone della larghezza di cinquanta centimetri poco più avanti delle ruote anteriori.[1] Anche la Jordan decise di sistemare un profilo davanti all'abitacolo.[1] Entrambe le soluzioni vennero giudicate pericolose dai commissari di gara e non furono dunque applicate né in qualifica né in gara.[1]

Meno estreme le soluzioni portate dalle altre scuderie. La Ferrari portò un nuovo alettone anteriore caratterizzato dal raddoppio dei flap, soluzione già provata nel 1997, e utilizzò nuovi sfoghi per l'aria nella zona posteriore del mezzo.[1] Anche la McLaren apportò alcune modifiche: anzitutto venne usato un nuovo alettone posteriore con tre profili, poi sulla vettura di Häkkinen vennero applicate nuove ciminiere e, infine, la Hitco fornì nuovi dischi dei freni.[1] Soluzione simile a quella del team inglese per l'alettone posteriore venne utilizzata pure dalla Williams.[1] Dal canto suo la Benetton modificò gli sfoghi d'aria nelle fiancate e montò la vecchia carrozzeria in quanto garantiva un miglior smaltimento del calore.[1] Diverse poi le nuove soluzioni adottate dalla Jaguar: fu infatti rinnovata completamente la parte posteriore del mezzo, con un nuovo profilo estrattore, e vennero adottate nuove prese d'aria dei freni.[1] Infine la Prost fu la squadra che più di tutte rinnovò le proprie monoposto.[1] Furono portati tre differenti tipi di alettone, uno con raddoppio del flap e due che presentavano forme diverse nel musetto, un nuovo profilo estrattore e una nuova sospensione posteriore.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La Ferrari e la Vodafone annunciarono un accordo di sponsorizzazione a partire dal 2002. Chris Gert, titolare del colosso telefonico, spiegò che la collaborazione avrebbe riguardato anche un potenziamento dei servizi Internet e delle comunicazioni tra box e pilota.[2] Vennero inoltre rinnovati i contratti di Schumacher e Barrichello, per il tedesco fino al 2004 per il brasiliano di un anno, anche se non vennero rese note le cifre dell'operazione.[3] Infine Jarno Trulli fu eletto presidente della GPDA insieme a Schumacher e Coulthard.[4]

Prove libere[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le prove libere furono tutte disputate con tempo sereno e pista asciutta. Nella sessione di sabato mattina Burti ebbe un violento incidente alla prima curva causato da un problema ai freni. Il pilota brasiliano dovette quindi utilizzare la versione non aggiornata della Prost per il resto del week-end.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì,[5] si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'21"577
2 Regno Unito David Coulthard McLaren-Mercedes 1'22"404
3 Italia Jarno Trulli Jordan-Honda 1'22"667

Nella seconda sessione del venerdì,[5] si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Mercedes 1'19"853
2 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'20"316
3 Germania Ralf Schumacher Williams-BMW 1'20"938

Nella prima sessione del sabato,[5] si ebbe la seguente situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Mercedes 1'18"282
2 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'18"456
3 Germania Ralf Schumacher Williams-BMW 1'18"725

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

David Coulthard, autore della pole position, la sua prima nel Principato, durante le qualifiche.

David Coulthard ottenne la seconda pole position della stagione, facendo segnare il miglior tempo negli ultimi minuti della sessione. Michael Schumacher si piazzò secondo sulla griglia di partenza, ma al suo ultimo tentativo a disposizione sbagliò l'entrata alla curva del Portier, danneggiando la vettura contro le barriere esterne. Terzo tempo per Häkkinen, deluso però dal fatto di non essere riuscito a portare la sua monoposto in prima fila a causa di problemi di sottosterzo dovuti all'assetto adottato nel suo giro più veloce.[6] Al quarto posto si qualificò Barrichello, seguito da Ralf Schumacher e da Irvine, autore di un'ottima prestazione con una Jaguar migliorata rispetto alle prime gare. Dietro di loro si qualificarono Montoya, Jarno Trulli, Jacques Villeneuve. Fisichella e Alesi fecero registrare il decimo e l'undicesimo tempo nonostante delle vetture scarsamente competitive; delusero le Sauber, solo in ottava fila, che precedevano Jenson Button e Fernando Alonso, capace di portare la sua Minardi davanti a monoposto più accreditate.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Pneumatici Tempo Distacco
1 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes B 1'17"430
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 1'17"631 +0"201
3 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes B 1'17"749 +0"319
4 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 1'17"856 +0"426
5 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 1'18"029 +0"599
6 18 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 1'18"432 +1"002
7 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 1'18"751 +1"321
8 12 Italia Jarno Trulli Jordan - Honda B 1'18"921 +1"491
9 10 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 1'19"086 +1"656
10 7 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Renault M 1'19"220 +1"790
11 22 Francia Jean Alesi Prost - Acer M 1'19"245 +1"815
12 9 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 1'19"294 +1"864
13 11 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Honda B 1'19"316 +1"886
14 19 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 1'20"033 +2"603
15 17 Finlandia Kimi Räikkönen Sauber - Petronas B 1'20"081 +2"651
16 16 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 1'20"261 +2"831
17 8 Regno Unito Jenson Button Benetton - Renault M 1'20"342 +2"912
18 21 Spagna Fernando Alonso Minardi - European M 1'20"788 +3"358
19 14 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Asiatech B 1'20"823 +3"393
20 15 Brasile Enrique Bernoldi Arrows - Asiatech B 1'21"366 +3"906
21 23 Brasile Luciano Burti Prost - Acer M 1'21"771 +4"341
22 20 Brasile Tarso Marques Minardi - European M 1'22"201 +4"771

Warm-up[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Tempo
1 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'20"944
2 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Mercedes 1'21"017
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'21"650

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Prima della partenza sulla vettura di Coulthard si spense il motore a causa un problema al launch control. Come in Spagna lo scozzese fu quindi costretto ad una difficile rimonta dal fondo dello schieramento. La gara sembrò subito volgere a favore di Michael Schumacher, che, approfittando dell'assenza del pilota della McLaren davanti a lui, scattò bene e prese il comando della corsa davanti a Häkkinen, Barrichello, Ralf Schumacher, Montoya ed Irvine. Il pilota colombiano della Williams commise un errore nel corso del terzo giro, andando a sbattere e dovendo ritirarsi. I primi due fecero il vuoto, mentre nelle retrovie Coulthard faticò a rimontare, rimanendo bloccato in diciottesima posizione dietro a Bernoldi. Il pilota della Arrows tenne dietro lo scozzese per addirittura trentatré giri, suscitando delle ingiustificate polemiche da parte del box McLaren a fine gara. Al tredicesimo giro Häkkinen, unico rivale di Schumacher per la vittoria, accusò un problema al differenziale, che faceva tirare la macchina verso destra: il finlandese rientrò ai box per effettuare dei controlli, ma il problema continuò a presentarsi e Häkkinen decise di ritirarsi.

Schumacher si trovò quindi con la vittoria in pugno, potendosi permettere di amministrare la gara davanti al compagno di squadra. Alle spalle dei ferraristi il ritiro di Ralf Schumacher per un problema tecnico consegnò la terza posizione a Irvine, che conquistò così il primo podio per la Jaguar. Villeneuve, bloccato nelle prime fasi di gara alle spalle di Trulli, chiuse in quarta posizione davanti a Coulthard, che, dopo una difficile rimonta, conquistò il quinto posto approfittando di una foratura occorsa ad Alesi mentre il francese occupava la quinta posizione. Il pilota della Prost riuscì comunque a conquistare l'ultimo punto a disposizione, portando alla Prost il primo piazzamento in zona punti dal 1999. In Campionato Schumacher aumentò notevolmente il proprio vantaggio su Coulthard così come la Ferrari, che portò a trentadue punti il margine sulla McLaren in classifica Costruttori.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Pneumatici Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 78 1h47'22"561 2 10
2 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 78 +0"431 4 6
3 18 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 78 +30"698 6 4
4 10 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 78 +32"454 9 3
5 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes B 77 + 1 giro 1 2
6 22 Francia Jean Alesi Prost - Acer M 77 + 1 giro 11 1
7 8 Regno Unito Jenson Button Benetton - Renault M 77 + 1 giro 17
8 14 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Asiatech B 77 + 1 giro 19
9 15 Brasile Enrique Bernoldi Arrows - Asiatech B 76 + 2 giri 20
10 17 Finlandia Kimi Räikkönen Sauber - Petronas B 73 + 5 giri 15
Rit 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 57 Elettronica (3°) 5
Rit 20 Brasile Tarso Marques Minardi - European M 56 Trasmissione (11°) 22
Rit 21 Spagna Fernando Alonso Minardi - European M 54 Trasmissione (10°) 18
Rit 11 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Honda B 49 Incidente (7°) 13
Rit 7 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Renault M 43 Cambio (6°) 10
Rit 12 Italia Jarno Trulli Jordan - Honda B 30 Impianto idraulico (5°) 8
Rit 23 Brasile Luciano Burti Prost - Acer M 24 Freni (16°) 21
Rit 19 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 18 Impianto idraulico (10°) 14
Rit 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes B 15 Differenziale (16°) 3
Rit 9 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 13 Sterzo (20°) 12
Rit 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 2 Incidente (5°) 7
Rit 16 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 0 Incidente (15°) 16

3

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 76
2 Regno Unito McLaren - Mercedes 44
3 Regno Unito Williams - BMW 18
4 Irlanda Jordan - Honda 13
5 Regno Unito BAR - Honda 12
= Svizzera Sauber - Petronas 12
7 Regno Unito Jaguar - Ford 4
8 Francia Prost - Acer 1
= Regno Unito Arrows - Asiatech 1
= Italia Benetton - Renault 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Giorgio Piola, Sulle ali della fantasia in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 50.
  2. ^ Ferrari chiama Vodafone risponde in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 48.
  3. ^ Schummy, stipendio da 84 miliardi in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 46.
  4. ^ Gpda: Trulli neoeletto «boccia» Michael in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 46.
  5. ^ a b c Tutti i tempi delle prove in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 44.
  6. ^ Coulthard strappa la pole in extremis in Autosprint, 29 maggio 2001, p. 43.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.22/2001


Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2001
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2000
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
2002
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1