Gran Premio di Monaco 1984

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 1984
394º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 16 del Campionato 1984
Circuit de Monaco 1976.png
Data 3 giugno 1984
Nome ufficiale XLII Grand Prix Automobile de Monaco
Circuito Montecarlo
Percorso 3,312 km
Distanza 31[1] giri, 102,672 km
Clima Piovoso
Note Gara interrotta per pioggia al 31º giro con punteggi finali dimezzati
Risultati
Pole position Giro più veloce
Francia Alain Prost Brasile Ayrton Senna
McLaren-TAG Porsche in 1'22"661 Toleman-Hart in 1'54"334
(nel giro 24)
Podio
1. Francia Alain Prost
McLaren-TAG Porsche
2. Brasile Ayrton Senna
Toleman-Hart
3. Francia René Arnoux
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 1984, XLII Grand Prix Automobile de Monaco di Formula 1 e sesta gara del campionato di Formula 1 del 1984, si è disputato il 3 giugno sul circuito di Montecarlo ed è stato vinto da Alain Prost su McLaren-TAG Porsche.

Aspetti Sportivi[modifica | modifica sorgente]

Corrado Fabi sostituisce il fratello Teo alla Brabham.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

La pole position viene conquistata da Prost, davanti a Mansell, Arnoux, Alboreto, Warwick, Tambay, De Cesaris, Lauda, Piquet e Rosberg. Vengono ammessi alla gara solo 20 piloti, non si qualificano: Surer, Brundle, Cheever, Baldi, Boutsen, Palmer e Alliot

Gara[modifica | modifica sorgente]

Sul circuito monegasco fin dalla mattina si abbatte un violento temporale. La partenza viene ritardata di 45 minuti in attesa di un miglioramento del tempo, inoltre i piloti chiedono che il tunnel venga bagnato. Al via Prost mantiene il comando seguito da Mansell e Arnoux, alla St.Devote Warwick si tocca con Arnoux e finisce contro le barriere, dietro Tambay si tocca con De Cesaris e va a sbattere contro la Renault del compagno di squadra; nelle retrovie Patrese e De Angelis rimangono bloccati dalle due Renault e sono costretti a fermarsi per far manovra. Entrambi i piloti della Renault ne escono malconci. Warwick scende dalla sua vettura zoppicando mentre Tambay viene portato via in barella dai commissari, e, portato in infermeria, gli viene riscontrata la frattura di un tallone causata da una sospensione che nell'impatto ha bucato la scocca. Prost guida la corsa seguito da Mansell, Arnoux, Alboreto, Lauda e Rosberg. Al 4º giro Lauda infila Alboreto al tornante Loews e si porta in quarta posizione. Due giri dopo alla salita del Beaurivage Lauda riesce a superare l'altra Ferrari di Arnoux. Al 9° Fabi rimane fermo in pista, un commissario tenta di spingerlo ma Prost non lo vede e lo colpisce ad una gamba: fortunatamente il commissario non riporta danni, tutto questo va a vantaggio di Mansell che riesce a passarlo. Intanto dalle retrovie si fa luce il giovane Ayrton Senna che con la sua Toleman gommata Michelin riesce a girare sui tempi dei primi. Al 16º giro il colpo di scena: Mansell, al comando della corsa, a causa dell'aquaplaning perde il controllo della sua Lotus a metà della salita del Beaurivage, e sbatte contro il guard-rail. L'alettone posteriore si piega, Mansell cerca di continuare ma al Mirabeau viene infilato da Prost e l'inglese si gira nuovamente, riparte ma si ferma pochi metri dopo. Intanto il giovane Senna si libera prima di Rosberg e poi di Arnoux e inizia a pressare Niki Lauda. Al 19º giro lo supera sul rettilineo d'arrivo portandosi in seconda posizione. Intanto anche Bellof gira su tempi interessanti e al 23º giro supera Rosberg all'uscita del Tunnel. Al 24º giro Lauda finisce in testacoda alla curva del Casino, tocca il marciapiede e rompe una sospensione. Arnoux e Bellof adesso si ritrovano in battaglia per il terzo posto, il tedesco prova a superare Arnoux alla salita del Beaurivage ma Arnoux si difende. Bellof gli rimane attaccato e al 27º giro, al Mirabeau, lo attacca, Arnoux cerca di resistere ma il tedesco non molla e lo passa. Prost è sempre al comando ma Senna inizia a rimontare su di lui. La pioggia si fa sempre più forte e al 29º giro sul rettilineo d'arrivo Prost agita la mano per chiedere di sospendere la corsa. Al 32º giro Senna è a solo 2 secondi da Prost quando il direttore di gara Jacky Ickx espone da bandiera rossa e la bandiera a scacchi. Gara conclusa, vince Prost davanti a Senna, Bellof, Arnoux, Rosberg e De Angelis. Visto che non si è coperto il 75% della gara vengono assegnati metà dei punti previsti. Dopo il GP di Detroit e la squalifica della Tyrrell il terzo posto passa ad Arnoux mentre Rosberg passa 4°, De Angelis 5° e Alboreto 6°

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti[2]
1 7 Francia Alain Prost McLaren-TAG Porsche 31 1:01:07.740 1 4.5
2 19 Brasile Ayrton Senna Toleman-Hart 31 + 7.446 13 3
3 28 Francia René Arnoux[3] Ferrari 31 + 29.077 3 2
4 6 Finlandia Keke Rosberg[4] Williams-Honda 31 + 35.246 10 1.5
5 11 Italia Elio de Angelis[5] Lotus-Renault 31 + 44.439 11 1
6 27 Italia Michele Alboreto[6] Ferrari 30 + 1 Giro 4 0.5
7 24 Italia Piercarlo Ghinzani Osella-Alfa Romeo 30 + 1 Giro 19  
8 5 Francia Jacques Laffite Williams-Honda 30 + 1 Giro 16  
SQ 4 Germania Stefan Bellof[7] Tyrrell-Ford 31 Squalificato 20  
Rit 22 Italia Riccardo Patrese Alfa Romeo 24 Sterzo 14  
Rit 8 Austria Niki Lauda McLaren-TAG Porsche 23 Testacoda 8  
Rit 14 Germania Manfred Winkelhock ATS-BMW 22 Testacoda 12  
Rit 12 Regno Unito Nigel Mansell Lotus-Renault 15 Testacoda 2  
Rit 1 Brasile Nelson Piquet Brabham-BMW 14 Probl. Elettrici 9  
Rit 25 Francia François Hesnault Ligier-Renault 12 Probl. Elettrici 17  
Rit 2 Italia Corrado Fabi Brabham-BMW 9 Probl. Elettrici 15  
Rit 20 Venezuela Johnny Cecotto Toleman-Hart 1 Testacoda 18  
Rit 16 Regno Unito Derek Warwick Renault 0 Collisione 5  
Rit 15 Francia Patrick Tambay Renault 0 Collisione 6  
Rit 26 Italia Andrea de Cesaris Ligier-Renault 0 Incidente 7  
NQ 17 Svizzera Marc Surer Arrows-Ford    
NQ 3 Regno Unito Martin Brundle Tyrrell-Ford    
NQ 23 Stati Uniti Eddie Cheever Alfa Romeo    
NQ 18 Belgio Thierry Boutsen Arrows-BMW    
NQ 10 Regno Unito Jonathan Palmer RAM-Hart    
NQ 21 Italia Mauro Baldi Spirit-Hart    
NQ 9 Francia Philippe Alliot RAM-Hart        

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren-TAG Porsche 46,5
2 Italia Ferrari 24,5
3 Francia Renault 21
4 Regno Unito Lotus-Renault 17
5 Regno Unito Williams-Honda 11,5
6 Italia Alfa Romeo 6
7 Regno Unito Toleman-Hart 5
8 Francia Ligier-Renault 3
9 Regno Unito Arrows-Ford 3

Note[modifica | modifica sorgente]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da The Official Formula 1 website.

  1. ^ Corsa prevista su 77 giri, interrotta per la pioggia.
  2. ^ A causa della brevità della gara vengono attribuiti solo la metà dei punti previsti.
  3. ^ 4° Sul traguardo, beneficerà della successiva squalifica delle Tyrrell per i fatti del Gran Premio di Detroit
  4. ^ 5° Sul traguardo, beneficerà della successiva squalifica delle Tyrrell per i fatti del Gran Premio di Detroit
  5. ^ 6° Sul traguardo, beneficerà della successiva squalifica delle Tyrrell per i fatti del Gran Premio di Detroit
  6. ^ 7° Sul traguardo, beneficerà della successiva squalifica delle Tyrrell per i fatti del Gran Premio di Detroit
  7. ^ 3° sul traguardo, i risultati della Tyrrell saranno successivamente annullati in conseguenza dei fatti del Gran Premio di Detroit
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1984
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of France.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of the United States.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Portugal.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1983
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1985
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1