Gran Premio di Monaco 1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 1998
620º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 16 del Campionato 1998
Montecarlo 1998.jpg
Data 24 maggio 1998
Circuito Circuito di Monaco
Percorso 3,367 km / 2,092 US mi
circuito cittadino
Distanza 78 giri, 262,626 km/ 163,196 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Mika Häkkinen Finlandia Mika Häkkinen
McLaren in 1:19.798 McLaren in 1:22.948
(nel giro 29)
Podio
1. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren
2. Italia Giancarlo Fisichella
Benetton
3. Regno Unito Eddie Irvine
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 1998 è stato il sesto appuntamento mondiale della stagione di Formula 1 1998. Disputatosi il 24 maggio sul Circuito di Monaco, ha visto la vittoria di Mika Häkkinen su McLaren, seguito da Giancarlo Fisichella e da Eddie Irvine. Giunsero a punti pure Mika Salo, Jacques Villeneuve e Pedro Diniz.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione della gara[modifica | modifica wikitesto]

L'evento venne organizzato dall'Automobile Club di Monaco. Per la prima volta si decise di non far disputare come gara di contorno il Gran Premio di Monaco di Formula 3, sostituendolo con quello di Formula 3000.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

In occasione della gara monegasca venne trovato l'accordo per il rinnovo del Patto della Concordia per la spartizione dei premi e dei diritti tv, dopo che McLaren, Williams e Tyrrell si erano a lungo dichiarate in disaccordo con la linea tenuta dalla Federazione.[1]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nell'angusto circuito cittadino di Montecarlo, caratterizzato dalla difficoltà nell'effettuare sorpassi, l'esito delle qualifiche è molto importante; ancora una volta, la McLaren si dimostra la vettura più competitiva, piazzando Häkkinen in pole position (la quinta nella carriera del finlandese) e Coulthard alle sue spalle. Ottimo il terzo tempo di Fisichella, che sfrutta la competitività delle gomme Bridgestone; seguono Michael Schumacher, Frentzen, Wurz, Irvine e Salo, sorprendentemente ottavo con la Arrows. Solo tredicesimo il Campione del Mondo in carica, Villeneuve, mai a suo agio sulle strade del Principato; ancora fuori dal limite del 107% la Tyrrell di Rosset.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 8 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:19.798
2 7 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:20.137 +0.339
3 5 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 1:20.368 +0.570
4 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:20.702 +0.904
5 2 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 1:20.729 +0.931
6 6 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 1:20.955 +1.157
7 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:21.712 +1.914
8 17 Finlandia Mika Salo Arrows 1:22.144 +2.346
9 15 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 1:22.157 +2.359
10 12 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 1:22.238 +2.440
11 14 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 1:22.257 +2.459
12 17 Brasile Pedro Diniz Arrows 1:22.355 +2.557
13 1 Canada Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 1:22.468 +2.670
14 18 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:22.540 +2.742
15 9 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 1:23.151 +3.353
16 10 Germania Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 1:23.263 +3.465
17 19 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 1:23.411 +3.613
18 11 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 1:23.536 +3.738
19 22 Giappone Shinji Nakano Minardi - Ford 1:23.957 +4.159
20 21 Giappone Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 1:24.024 +4.226
21 23 Argentina Esteban Tuero Minardi - Ford 1:24.031 +4.233
NQ 20 Brasile Ricardo Rosset Tyrrell - Ford 1:25.737 +5.939[2]

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Il via procede regolarmente, con Häkkinen che mantiene la testa della corsa davanti a Coulthard, Fisichella, Michael Schumacher, Wurz, Frentzen, Alesi, Trulli ed Herbert; già nel corso del primo giro si ritira Tuero, che va a sbattere alla curva Massenet. Le posizioni si consolidano subito, con le Mclaren più veloci di circa un secondo al giro rispetto a Fisichella. Nel corso del decimo passaggio, Frentzen allarga la traiettoria al lentissimo tornante del Loews; prova ad approfittarne Irvine, che si infila all'interno. Il tedesco chiude però la traiettoria e i due finiscono per venire a contatto; ne fa le spese il pilota della Williams, che urta le barriere e si ritira. Un giro più tardi si ritira anche Barrichello, con una sospensione rotta. Nel corso della 16ª tornata, sulla vettura di Coulthard cede improvvisamente il motore, all'uscita del tunnel. Häkkinen comincia i doppiaggi e il vantaggio su Fisichella cala a circa 10".

Schumacher, che si trova dietro Fisichella, anticipa la propria sosta e grazie alle difficoltà incontrate dal pilota italiano nei doppiaggi riuscirà a sopravanzarlo dopo il pit stop del rivale. Al 35º giro Häkkinen conduce davanti a Wurz, Schumacher, Fisichella, Irvine, Salo, Alesi, Trulli ed Herbert. Due passaggi dopo Wurz viene rallentato da dei doppiaggi e si fa infilare da Schumacher al Loews; l'austriaco resiste a ruotate e ripassa al Portier. Il ferrarista non demorde e tenta nuovamente il sorpasso; anche questa volta, però, le vetture si toccano e la sospensione del tedesco ne esce danneggiata. Schumacher rientra ai box, scendendo dalla sua monoposto, ma il DT Ross Brawn lo invita a tornare in macchina mentre i meccanici provvedono alla riparazione, che gli costa però due giri di ritardo. Al 42º giro anche Wurz, appena rientrato dai box, sbatte violentemente all'uscita del tunnel, scivolando fino alle barriere di protezione della chicane del Tabaccaio.

Dopo le soste Häkkinen mantiene la testa della corsa davanti a Fisichella, Irvine, Salo, Alesi, Villeneuve, Diniz e Herbert. Nel finale si ritirano le due Prost, prima Panis al 49º giro, poi Trulli al 56°; nello stesso giro Fisichella compie un errore alla Rascasse e finisce in testacoda, riuscendo tuttavia a ripartire. Intanto comincia a levarsi del fumo dalla Sauber di Alesi,che deve abbandonare per guai al cambio. Infine Schumacher, pur doppiato dal pilota della Arrows, tenta un inutile sorpasso a Diniz, finendo in testacoda, ma riuscendo ad evitare l'incolpevole brasiliano. Häkkinen ottiene così la sua quarta vittoria stagionale davanti a Fisichella, che negli ultimi giri recupera molti secondi al finlandese; terzo gradino del podio per la Ferrari di Irvine. Chiudono la zona punti Salo, per la prima volta a punti, Villeneuve e Diniz, che porta altri punti alla Arrows.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 8 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 78 1:51:24.4 1 10
2 5 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 78 +11.475 3 6
3 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 78 +41.378 7 4
4 17 Finlandia Mika Salo Arrows 78 +1:00.363 8 3
5 1 Canada Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 77 +1 giro 13 2
6 16 Brasile Pedro Diniz Arrows 77 +1 giro 12 1
7 15 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 77 +1 giro 9
8 9 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 76 +2 giri 15
9 22 Giappone Shinji Nakano Minardi - Ford 76 +2 giri 19
10 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 76 +2 giri 4
11 21 Giappone Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 76 +2 giri 20
12 14 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 72 Cambio 11
Rit 12 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 56 Cambio 10
Rit 11 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 49 Ruota 18
Rit 10 Germania Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 44 Sospensione 16
Rit 6 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 42 Incidente 6
Rit 19 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 30 Sospensione 17
Rit 7 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 17 Motore 2
Rit 18 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 11 Sospensione 14
Rit 2 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 5 Collisione con E.Irvine 5
Rit 23 Argentina Esteban Tuero Minardi - Ford 0 Testacoda 21

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Mercedes 75
2 Italia Ferrari 39
3 Italia Benetton - Playlife 16
3 Regno Unito Williams - Mecachrome 16
5 Regno Unito Arrows 4
5 Svizzera Sauber - Petronas 4
7 Regno Unito Stewart - Ford 2

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato il 6 ottobre 2008.

o da GPupdate.net. URL consultato il 18 febbraio 2008.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1998
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1997
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cristiano Chiavegato, Nuovo patto per premi tv in La Stampa, 21 maggio 1998, p. 37.
  2. ^ Ricardo Rosset non si qualifica per il Gran Premio in quanto il tempo da lui fatto segnare è superiore al 107% di quello ottenuto da Mika Häkkinen in pole position
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1