Gran Premio di Monaco 1955

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco GP di Monaco 1955
GP d'Europa 1955
43º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 7 del Campionato 1955
Monte Carlo circuit 1955-1971.png
Data 22 maggio 1955
Nome ufficiale XIII Grand Prix Automobile de Monaco
XV Grand Prix d'Europe
Circuito Circuito di Monaco
Percorso 3,145 km
Distanza 100 giri, 314,500 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Argentina Juan Manuel Fangio Argentina Juan Manuel Fangio
Mercedes in 1'41.1 Mercedes in 1'42.4
Podio
1. Francia Maurice Trintignant
Ferrari
2. Italia Eugenio Castellotti
Lancia
3. Francia [[Jean Behra

Italia Cesare Perdisa]]
Maserati

Il Gran Premio di Monaco 1955 fu la seconda gara della stagione 1955 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 22 maggio sul Circuito di Monaco.

Stirling Moss, dopo aver firmato per la Mercedes per la prossima stagione, viene sostituito alla Maserati da Jean Behra.

Il pilota monegasco Louis Chiron grazie alla presenza in questo Gran Premio diventa il pilota più anziano ad aver preso parte ad un Gran Premio di Formula 1, record ancora imbattuto nel 2012. [1]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

I risultati delle prove ufficiali sanciscono la superiorità di Juan Manuel Fangio, di Alberto Ascari e del giovane Stirling Moss su tutti gli altri. Fangio ed Ascari, addirittura, segnano il medesimo tempo, ma Moss, con la seconda Mercedes, è staccato di appena 1/10 di secondo. Bene anche Castellotti, che riesce a spiccare il quarto miglior tempo ed a piazzarsi così in seconda fila. Gli altri due alfieri della Lancia sono più staccati: Villoresi è settimo, Chiron è 19°, cioè penultimo. Le Ferrari non brillano (Maurice Trintignant, il miglior ferrarista, è in quarta fila con il nono tempo) mentre le Maserati appaiono relativamente più veloci (Jean Behra quinto, Roberto Mières sesto, Luigi Musso ottavo). La Gordini meglio piazzata, quella di Robert Manzon, è appena tredicesima, preceduta dalla Vanwall di Mike Hawthorn.

Pos Pilota Auto Squadra Tempo Distacco
1 2 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes-Benz W196 Daimler-Benz AG 1:41.1 -
2 26 Italia Alberto Ascari Lancia D50 Scuderia Lancia 1:41.1 +0.0
3 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes W196 Daimler-Benz AG 1:41.2 +0.1
4 30 Italia Eugenio Castellotti Lancia D50 Scuderia Lancia 1:42.0 +0.9
5 34 Francia Jean Behra Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:42.6 +1.5
6 36 Argentina Roberto Mieres Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:43.7 +2.6
7 28 Italia Luigi Villoresi Lancia D50 Scuderia Lancia 1:43.7 +2.6
8 38 Italia Luigi Musso Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:44.3 +3.2
9 44 Francia Maurice Trintignant Ferrari 625 Scuderia Ferrari 1:44.4 +3.3
10 4 Francia Andre Simon Mercedes W196 Daimler-Benz AG 1:45.5 +4.4
11 40 Italia Cesare Perdisa Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:45.6 +4.5
12 18 Regno Unito Mike Hawthorn Vanwall VW1 Vandervell Products Ltd. 1:45.6 +4.5
13 8 Francia Robert Manzon Gordini Tipo 16 Equipe Gordini 1:46.0 +4.9
14 42 Italia Nino Farina Ferrari 625 Scuderia Ferrari 1:46.0 +4.9
15 48 Italia Piero Taruffi Ferrari 555 Scuderia Ferrari 1:46.0 +4.9
16 12 Francia Elie Bayol Gordini Tipo 16 Equipe Gordini 1:46.5 +5.4
17 14 Francia Louis Rosier Maserati 250F Ecurie Rosier 1:46.7 +5.6
18 46 Stati Uniti Harry Schell Ferrari 555 Scuderia Ferrari 1:46.8 +5.7
19 32 Monaco Louis Chiron Lancia D50 Scuderia Lancia 1:47.3 +6.2
20 10 Francia Jacques Pollet Gordini Tipo 16 Equipe Gordini 1:49.4 +8.3
DNQ 22 Regno Unito Lance Macklin Maserati 250F Stirling Moss Ltd. 1:49.4 +8.3
DNQ 24 Regno Unito Ted Whiteaway HWM 54-Alta Privato 1:57.2 +16.1
DNQ 4 Germania Hans Herrmann Mercedes W196 Daimler-Benz AG Ferito in prova

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Ascari non è autore di una partenza azzeccata, ed al primo giro si ritrova in quarta posizione, preceduto da Fangio, dal compagno di squadra Castellotti e da Moss. Al 10º giro, dietro al leader Fangio, troviamo Moss, poi Ascari che ha appena superato Castellotti, e la Maserati di Behra. Quest'ultimo però rinviene fortissimo e ri-supera prima Castellotti e poi anche Ascari, portandosi al terzo posto alle spalle del duo Mercedes. Al 35º giro, Castellotti è costretto al box per far controllare una ruota ma anche per rabboccare il carburante. Al 40º giro la situazione è: 1° Fangio, 2° Moss (molto vicino al compagno di marca), 3° Behra a 43” e 4° Ascari a 50”, 5° il sorprendente Maurice Trintignant con la Ferrari (staccato però di 1’20” da Fangio), 6° Mières e 7° Villoresi. Al 42º giro, Behra si ferma lungamente al box per sistemare un raccordo della tubazione dell'olio e viene doppiato. Alla Maserati si pensa di far passare Behra alla guida della macchina di Cesare Perdisa (in miglior posizione), mentre al bolognese non resta che sistemarsi al volante della più attardata macchina di Behra. Poco prima di metà gara, il primo vero colpo di scena di questo Gran Premio: Fangio si ritira per la rottura del ponte. Passa così a condurre Moss, con 1’22” di vantaggio sulla D50 di Ascari. Tutti gli altri sono già stati doppiati: Trintignant è 3°, Mières è 4°.

Malgrado l'enorme vantaggio, Stirling Moss continua a tirare come un ossesso, forse per giungere a doppiare anche Ascari, che è l'ultimo concorrente a pieni giri. Ecco che quando mancano venti giri al termine Moss è fermato da un guasto di motore e Ascari si trova in testa; i numerosi italiani presenti si accingono a festeggiare il nuovo leader della corsa, quando il milanese, alla “chicane” del porto, finisce in mare.

Come riferito dallo stesso Ascari nelle ore successive, la causa del guaio sarebbe stata il bloccaggio del freno anteriore destro, che avrebbe innescato una sbandata verso l'esterno, incontrollabile: dovendo scegliere tra un muretto di sabbia, una piccola tribuna affollata e l'acqua, il pilota finisce per scegliere quest'ultima, considerandola il male minore. Una seconda ipotesi è quella della sbandata sull'olio lasciato sul tracciato dal motore in avaria della Mercedes di Stirling Moss, transitata poco prima. Alberto comunque sguscia dalla macchina inabissata e risale a galla raggiungendo il sommozzatore che già si è tuffato in suo soccorso. Anche se ricoverato precauzionalmente all'ospedale di Monte Carlo, il pilota è praticamente illeso.

Al comando del Gran Premio viene così a trovarsi il regolare Trintignant con la Ferrari. Il solo ulteriore momento entusiasmante della corsa è dato dall'inseguimento di Castellotti, che si porta a 15” dal nuovo leader e riduce poi il distacco fino a soli 11”. L'inseguimento però non ha successo, e nelle ultime tornate il lodigiano della Lancia è costretto a ridurre il ritmo, tanto che alla fine il distacco sale nuovamente a 20”. La corsa si conclude con la prima vittoria in Formula 1 di Maurice Trintignant (coltivatore di viti in quel di Nimes e zio dell’attore Jean-Louis), con il posto d'onore di Castellotti con la D50, con la terza piazza della Maserati di Behra condotta anche dal giovane Cesare Perdisa

Pos Pilota Auto Giri Tempo/Causa Ritiro Pos. griglia Punti
1 44 Francia Maurice Trintignant Ferrari 100 2:58:09.8 9 8
2 30 Italia Eugenio Castellotti Lancia 100 +20.2 sec 4 6
3 34 Francia Jean Behra
Italia Cesare Perdisa
Maserati 99 +1 giro 5 2
2
4 42 Italia Nino Farina Ferrari 99 +1 giro 14 3
5 28 Italia Luigi Villoresi Lancia 99 +1 giro 7 2
6 32 Monaco Louis Chiron Lancia 95 +5 giri 19
7 10 Francia Jacques Pollet Gordini 91 +9 giri 20
8 48 Italia Piero Taruffi
Belgio Paul Frère
Ferrari 86 +14 giri 15
9 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes 81 +19 giri 3
Ret 40 Italia Cesare Perdisa
Francia Jean Behra
Maserati 86 Uscita di pista 11
Ret 26 Italia Alberto Ascari Lancia 80 Incidente 2
Ret 46 Stati Uniti Harry Schell Ferrari 68 Motore 18
Ret 36 Argentina Roberto Mieres Maserati 64 Trasmissione 6
Ret 12 Francia Elie Bayol Gordini 63 Trasmissione 16
Ret 2 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes 49 Trasmissione 1 1
Ret 8 Francia Robert Manzon Gordini 38 Cambio 13
Ret 4 Francia André Simon Mercedes 24 Motore 10
Ret 18 Regno Unito Mike Hawthorn Vanwall 22 Acceleratore 12
Ret 14 Francia Louis Rosier Maserati 8 Perdita carburante 17
Ret 38 Italia Luigi Musso Maserati 7 Trasmissione 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) LOUIS CHIRON - THE MONEGASQUE GENTLEMAN DRIVER, flyandrive.com. URL consultato il 27 settembre 2011.
  • Risultati di gara dal sito formula1.com. URL consultato il 16 ottobre 2008.
  • Informazioni sulla corsa da F1db.com. URL consultato il 16 ottobre 2008.
  • Informazioni aggiuntive da allf1.info. URL consultato il 16 ottobre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1955
Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1952
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1956
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1