Gran Premio di Monaco 2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 2004
719º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 18 del Campionato 2004
Monte Carlo Formula 1 track map.svg
Data 23 maggio 2004
Circuito circuito di Monaco
Percorso 3,340 km
circuito cittadino
Distanza 78 giri, 257,180 km
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Jarno Trulli Germania Michael Schumacher
Renault in 1:13.985 Ferrari in 1:14.439
(nel giro 23)
Podio
1. Italia Jarno Trulli
Renault
2. Regno Unito Jenson Button
BAR - Honda
3. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 2004 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 23 maggio 2004 al circuito di Monaco. La gara ha visto la prima vittoria in Formula 1 di Jarno Trulli, su Renault.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Jarno Trulli conquista la prima pole position della sua carriera, battendo per circa tre decimi Ralf Schumacher; il pilota tedesco viene però retrocesso di dieci posizioni sullo schieramento per aver sostituito il motore sulla sua vettura ed il secondo posto viene assegnato a Button, seguito da Alonso,Schumacher , Räikkönen, Barrichello, Sato e Coulthard; chiudono la top ten Montoya e Fisichella.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 7 Italia Jarno Trulli Renault 1:13.985
2 9 Regno Unito Jenson Button BAR - Honda 1:14.396 +0.411
3 8 Spagna Fernando Alonso Renault 1:14.408 +0.423
4 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:14.516 +0.531
5 6 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes 1:14.592 +0.607
6 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1:14.716 +0.731
7 10 Giappone Takuma Sato BAR - Honda 1:14.827 +0.842
8 5 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:14.951 +0.966
9 3 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1:15.039 +1.054
10 11 Italia Giancarlo Fisichella Sauber - Petronas 1:15.352 +1.367
11 14 Australia Mark Webber Jaguar - Cosworth 1:15.725 +1.740
12[1] 4 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1:14.345 +0.360
13 17 Francia Olivier Panis Toyota 1:15.859 +1.874
14 15 Austria Christian Klien Jaguar - Cosworth 1:15.919 +1.934
15 16 Brasile Cristiano da Matta Toyota 1:16.169 +2.184
16 12 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas 1:16.248 +2.263
17 18 Germania Nick Heidfeld Jordan - Ford 1:16.488 +2.503
18 19 Italia Giorgio Pantano Jordan - Ford 1:17.443 +3.458
19 21 Ungheria Zsolt Baumgartner Minardi - Cosworth 1:20.060 +6.075
20 20 Italia Gianmaria Bruni Minardi - Cosworth 1:20.115 +6.130

Gara[modifica | modifica sorgente]

La procedura di partenza deve essere ripetuta dopo che la Toyota di Panis rimane ferma in griglia, all'avvio del giro di formazione; il pilota francese riesce a rimettere in moto la vettura solo grazie all'aiuto dei meccanici, partendo poi dalla corsia box.

Al via scatta bene Trulli, che mantiene la prima posizione; alle sue spalle si piazzano Alonso, Button e Sato, partito benissimo dalla settima posizione; seguono Räikkönen, Michael Schumacher e Barrichello. Già durante il primo giro dal retrotreno della vettura di Sato comincia a fuoriuscire del fumo, in modo via via più evidente: il pilota giapponese continua però la sua gara e nel corso del terzo passaggio il motore Honda della sua BAR cede di schianto, inondando la pista d'olio e creando un enorme nuvola di fumo. La visibilità nel punto in cui il motore della vettura anglo-giapponese ha ceduto si riduce pressoché a zero: tutti rallentano, ma Fisichella arriva sul luogo dell'incidente ad una velocità eccessiva, centrando in pieno la vettura di Coulthard. La Sauber del romano si cappotta, ma fortunatamente il pilota rimane illeso.

Per sgombrare la pista dai detriti e dalle vetture incidentate, la direzione gara fa entrare in pista la safety car, che rientra ai box al settimo passaggio. Montoya approfitta della ripartenza per sorpassare Barrichello alla prima curva, conquistando la sesta posizione; in testa alla corsa le due Renault allungano sugli inseguitori. Il primo ad effettuare il proprio pit stop, nel corso del 13º giro, è Montoya; il colombiano è imitato cinque tornate più tardi da Button e sei da Räikkönen. Nei giri successivi riforniscono anche tutti gli altri piloti di testa e al termine della prima serie di soste ai box Trulli continua a condurre davanti ad Alonso, Michael Schumacher (autore anche del giro più veloce in gara nel tentativo riuscito di sopravanzare Button e Räikkönen), Button e Räikkönen: il finlandese è però costretto al ritiro al 27º giro, quando sulla sua McLaren si verifica un guasto al motore.

Nello stesso momento, Montoya supera Heidfeld, conquistando la settima posizione: il colombiano paga però il rifornimento anticipato, che lo fa arretrare dietro a Barrichello e Da Matta. I piloti di testa duellano a distanza, allontanandosi o avvicinandosi tra di loro a seconda della presenza di doppiati; Trulli sembra però quello più a suo agio, mentre Alonso deve forzare parecchio per tenere il ritmo del compagno di squadra. Al 40º passaggio, il giovane spagnolo si trova alle spalle di Ralf Schumacher: il pilota tedesco, rallentato da un problema al cambio, non gli dà strada, facendogli perdere molto tempo. Innervosito, Alonso affianca il rivale sotto il tunnel, dove però l'asfalto, fuori dalla traiettoria ideale, è molto sporco: la Renault dell'asturiano si intraversa, sbatte violentemente contro le barriere e si ferma poco dopo l'uscita del tunnel, seminando detriti per tutta la pista. Entra di nuovo la safety car e tutti tranne i ferraristi ne approfittano per effettuare il secondo rifornimento. Michael Schumacher si trova così in testa, seguito da Montoya (quarto e doppiato), Trulli e Button. Nel corso del 45º giro la vettura di sicurezza si prepara a farsi da parte: per scaldare le gomme, Schumacher frena bruscamente all'uscita del tunnel cogliendo di sorpresa Montoya, che lo tampona.

La vettura del tedesco si intraversa, andando a sbattere contro le barriere e danneggiandosi irreparabilmente; a fine gara, Montoya e Schumacher saranno convocati in direzione gara, senza però che a nessuno dei due vengano inflitte sanzioni per l'incidente. La vettura di sicurezza rientra comunque ai box; alla ripartenza, Trulli conduce davanti a Button, Barrichello, Montoya, Da Matta, Massa, Heidfeld, Ralf Schumacher, Panis e Baumgartner. Il pilota italiano incrementa immediatamente il proprio vantaggio sugli inseguitori, mentre Barrichello, con un rifornimento effettuato in meno, non riesce ad insidiare Button che lo precede. Al 52º giro Da Matta deve effettuare un drive-through di penalità per aver superato il limite di velocità in corsia box, perdendo la quinta posizione a vantaggio di Massa. A quattro giri dal termine si ritira Ralf Schumacher; Trulli controlla la rimonta di Button, che negli ultimi giri recupera gran parte dello svantaggio dal pilota italiano e conquista la prima vittoria in carriera davanti all'inglese e a Barrichello, ultimo pilota a pieni giri. A punti chiudono Montoya, Massa, Da Matta, Heidfeld e Panis.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 7 Italia Jarno Trulli Renault 77[2] 1:45:46.601 1 10
2 9 Regno Unito Jenson Button BAR - Honda 77 +0.497 2 8
3 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 77 +1:15.766 6 6
4 3 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 76 +1 giro 9 5
5 12 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas 76 +1 giro 16 4
6 16 Brasile Cristiano da Matta Toyota 76 +1 giro 15 3
7 18 Germania Nick Heidfeld Jordan - Ford 75 +2 giri 17 2
8 17 Francia Olivier Panis Toyota 74 +3 giri 13 1
9 21 Ungheria Zsolt Baumgartner Minardi - Cosworth 71 +6 giri 19
10 4 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 69 Cambio (8º) 12
Ritirato 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 45 Incidente (1º) 4
Ritirato 8 Spagna Fernando Alonso Renault 41 Incidente (2º) 3
Ritirato 6 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes 27 Motore (5º) 5
Ritirato 20 Italia Gianmaria Bruni Minardi - Cosworth 15 Cambio 20
Ritirato 19 Italia Giorgio Pantano Jordan - Ford 12 Cambio (12º) 18
Ritirato 14 Australia Mark Webber Jaguar - Cosworth 11 Trasmissione (8º) 11
Ritirato 10 Giappone Takuma Sato BAR - Honda 2 Motore (4º) 7
Ritirato 5 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 2 Incidente (10º) 8
Ritirato 11 Italia Giancarlo Fisichella Sauber - Petronas 2 Incidente (11º) 10
Ritirato 15 Austria Christian Klien Jaguar - Cosworth 0 Incidente 14

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 88
2 Francia Renault 52
3 Regno Unito BAR - Honda 40
4 Regno Unito Williams - BMW 35
5 Svizzera Sauber - Petronas 7
6 Regno Unito McLaren - Mercedes 5
7 Giappone Toyota 4
8 Irlanda Jordan - Ford 2
9 Regno Unito Jaguar - Cosworth 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.21/2004

o da LiveDecade.com. URL consultato il 06/02/2009.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ralf Schumacher viene arretrato di dieci posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il motore
  2. ^ La distanza di gara viene ridotta di un giro per la ripetizione della procedura di partenza, resasi necessaria dopo che la vettura di Olivier Panis era rimasta ferma sullo schieramento all'avvio del giro di formazione.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2004
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2003
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
2005
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1