Gran Premio di Monaco 1987

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 1987
440º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 16 del Campionato 1987
Montecarlo 1986.jpg
Data 31 maggio 1987
Nome ufficiale 45e Grand Prix de Monaco
Circuito Circuito di Monaco, Montecarlo, Monaco
Percorso 3,328 km / 2,068 US mi
Circuito cittadino
Distanza 78 giri, 259,584 km/ 161,298 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Brasile Ayrton Senna
Williams - Honda in 1'23"039[1] Lotus - Honda in 1'27"685[2]
(nel giro 72[2])
Podio
1. Brasile Ayrton Senna
Lotus - Honda
2. Brasile Nelson Piquet
Williams - Honda
3. Italia Michele Alboreto
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 1987 è stato il 440° Gran Premio di Formula 1 della storia, corso il 31 maggio sul tracciato cittadino di Monaco. Fu la quarta gara del Campionato mondiale di Formula 1 1987.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione della gara[modifica | modifica wikitesto]

La gara venne organizzata dall'Automobile Club di Montecarlo. Per l'occasione furono impiegate 1500 persone, per la maggior parte volontari, di cui 550 commissari di percorso.[3]

La principale novità riguardò il numero dei piloti ammessi alla gara, solitamente inferiore rispetto a quello di tutti gli altri circuiti, a causa della natura stretta e tortuosa del tracciato. Nel 1987 fu concessa per la prima volta una griglia completa di 26 auto, secondo alcuni, in accordo con la FISA, per rendere lineari le griglie di tutti i Gran Premi, anche se un'altra interpretazione differente affermava che ciò accadde per diminuire al minimo i non-qualificati e tranquillizzare gli sponsor. In questo modo si diffusero però preoccupazioni sul sovraffollamento della pista e le differenze di velocità fra le vetture in gara.

Come gara di contorno venne inoltre previsto il tradizionale appuntamento della gara di Formula 3.

Prove libere[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Durante le prove libere Michele Alboreto e Christian Danner si scontrarono, creando un grave incidente: la Ferrari fu scaraventata in aria ma fortunatamente atterrò sul tracciato. La FISA decise di squalificare Danner per tutto il week-end, cosa che accadde per la prima volta nella storia del Campionato mondiale di Formula 1.

Ci furono proteste e discussioni in tutto il paddock, in quanto a dir di molti la punizione inflitta a Danner fu troppo severa. Infatti, in passato ci furono incidenti ben peggiori nelle prove libere e Danner, nell'incidente, non ebbe una responsabilità maggiore rispetto ai piloti coinvolti nei precedenti incidenti.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La pole position fu conquistata da Nigel Mansell su Williams, davanti ad Ayrton Senna (Lotus) e al compagno Nelson Piquet.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo[1] Distacco[2]
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Honda 1'23"039
2 11 Brasile Ayrton Senna Lotus - Honda 1'23"711 +0"672
3 6 Brasile Nelson Piquet Williams - Honda 1'24"755 +1"716
4 1 Francia Alain Prost McLaren - TAG Porsche 1'25"083 +2"044
5 27 Italia Michele Alboreto Ferrari 1'26"102 +3"063
6 18 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Megatron 1'26"175 +3"136
7 2 Svezia Stefan Johansson McLaren - TAG Porsche 1'26"317 +3"278
8 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1'26"323 +3"284
9 20 Belgio Thierry Boutsen Benetton - Ford 1'26"630 +3"591
10 7 Italia Riccardo Patrese Brabham - BMW 1'26"763 +3"724
11 17 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Megatron 1'27"294 +4"255
12 19 Italia Teo Fabi Benetton - Ford 1'27"622 +4"583
13 24 Italia Alessandro Nannini Minardi - Motori Moderni 1'27"731 +4"692
14 9 Regno Unito Martin Brundle Zakspeed 1'27"894 +4"855
15 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford 1'28"088 +5"049
16 21 Italia Alex Caffi Osella - Alfa Romeo 1'28"233 +5"194
17 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Honda 1'28"890 +5"851
18 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Ford 1'29"114 +6"075
19 16 Italia Ivan Capelli March - Ford 1'29"147 +6"108
20 26 Italia Piercarlo Ghinzani Ligier - Megatron 1'29"258 +6"219
21 8 Italia Andrea De Cesaris Brabham - BMW 1'29"827 +6"788
22 25 Francia René Arnoux Ligier - Megatron 1'30"000 +6"961
23 4 Francia Philippe Streiff Tyrrell - Ford 1'30"143 +7"104
24 14 Francia Pascal Fabre AGS - Ford 1'31"667 +8"628

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la partenza la top 3 restò immutata; al terzo giro Philippe Streiff, ancora non del tutto ripresosi dal brutto incidente di Spa, andò nuovamente a sbattere in maniera violenta contro le barriere. La leadership di Mansell durò fino al 30º giro, quando l'inglese dovette ritirarsi a causa di un calo di potenza del turbo. Questo consegnò il primo posto a Senna, che dominò il resto della gara, fermandosi per un cambio gomme senza però perdere la leadership e facendo segnare il giro più veloce della gara.

I piloti della Arrows, Derek Warwick ed Eddie Cheever, si ritirarono quasi contemporaneamente, rispettivamente per un problema al cambio ed al motore. Alain Prost si ritirò mentre era terzo a soli due giri dall'arrivo, a causa di un guasto al motore, regalando ad Alboreto il terzo posto. Quarto fu Berger, davanti a Jonathan Palmer ed Ivan Capelli (entrambi partecipanti al Jim Clark Trophy).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Team Giri Tempo/Ritiro Partenza Punti
1 12 Brasile Ayrton Senna Lotus - Honda 78 1h57'54"085 2 9
2 6 Brasile Nelson Piquet Williams - Honda 78 + 33"212 3 6
3 27 Italia Michele Alboreto Ferrari 78 + 1'12"839 5 4
4 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 77 + 1 giro 8 3
5 (1) 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford 76 + 2 giri 15 2
6 (2) 16 Italia Ivan Capelli March - Ford 76 + 2 giri 19 1
7 9 Regno Unito Martin Brundle Zakspeed 76 + 2 giri 14
8 19 Italia Teo Fabi Benetton - Ford 76 + 2 giri 12
9 1 Francia Alain Prost McLaren - TAG Porsche 75 Motore 4
10 11 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Honda 75 + 3 giri 17
11 25 Francia René Arnoux Ligier - Megatron 74 + 4 giri 22
12 26 Italia Piercarlo Ghinzani Ligier - Megatron 74 + 4 giri 20
13 (3) 14 Francia Pascal Fabre AGS - Ford 71 + 7 giri 24
Rit 18 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Megatron 59 Surriscaldamento 6
Rit 17 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Megatron 58 Cambio 11
Rit 2 Svezia Stefan Johansson McLaren - TAG Porsche 57 Motore 7
Rit 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Ford 42 Motore 18
Rit 7 Italia Riccardo Patrese Brabham - BMW 41 Problema elettrico 10
Rit 21 Italia Alex Caffi Osella - Alfa Romeo 39 Problema elettrico 16
Rit 8 Italia Andrea de Cesaris Brabham - BMW 38 Sospensione 21
Rit 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Honda 29 Turbo 1
Rit 24 Italia Alessandro Nannini Minardi - Motori Moderni 21 Problema elettrico 13
Rit 4 Francia Philippe Streiff Tyrrell - Ford 9 Incidente 23
Rit 20 Belgio Thierry Boutsen Benetton - Ford 5 Trasmissione 9
NP 23 Spagna Adrián Campos Minardi - Motori Moderni 0 Infortunio 0
ES 10 Germania Christian Danner Zakspeed Escluso (guida pericolosa)

Tra parentesi le posizioni valide per il Jim Clark Trophy, per le monoposto con motori N/A

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

* Team Punti
1 Regno Unito McLaren - TAG Porsche 31
2 Regno Unito Williams - Honda 22
3 Regno Unito Lotus - Honda 18
4 Italia Ferrari 14
5 Australia Brabham - BMW 4
6 Regno Unito Arrows - Megatron 3
7 Regno Unito Benetton - Ford 2
Germania Zakspeed 2
Gran Bretagna Tyrrell - Ford 2
10 Francia Ligier - Megatron 1
Gran Bretagna March - Ford 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Monaco 1987 - Starting grid, statsf1.com. URL consultato il 7-05-2010.
  2. ^ a b c (EN) 1987 Grand Prix of Monaco, teamdan.org. URL consultato il 7-05-2010.
  3. ^ Organizzazione in Rombo, nº 22, 1987, p. 19.

Salvo ove diversamente indicato, le classifiche sono tratte dal Sito Ufficiale della Formula 1

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1987
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1986
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1988
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1