Campionato mondiale di Formula 1 2001

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato mondiale di Formula 1 2001
Edizione n. 52 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio 4 marzo
Termine 14 ottobre
Prove 17
Titoli in palio
Piloti Michael Schumacher
su Ferrari F2001
Costruttori Scuderia Ferrari su Ferrari F2001
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 2001 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è, nella storia della categoria, la 52ª ad assegnare il Campionato Piloti, vinto da Michael Schumacher, e la 44ª ad assegnare il Campionato Costruttori, andato alla Scuderia Ferrari. È iniziata il 4 marzo ed è terminata il 14 ottobre, dopo 17 gare.

La pre-stagione[modifica | modifica wikitesto]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Gara Nome ufficiale del Gran Premio Circuito Sede Data Ora
Locale UTC
1 Australia Qantas Australian Grand Prix Albert Park Circuit Melbourne 4 marzo 14:00 3:00
2 Malesia Petronas Malaysia Grand Prix Sepang International Circuit Sepang 18 marzo 15:00 7:00
3 Brasile Grande Prêmio do Brasil Autódromo José Carlos Pace San Paolo 1º aprile 14:00 17:00
4 San Marino Gran Premio Warsteiner di San Marino Autodromo Enzo e Dino Ferrari Imola 15 aprile 14:00 12:00
5 Spagna Gran Premio Marlboro de España Circuit de Catalunya Barcellona 29 aprile 14:00 12:00
6 Austria Großer A1 Preis von Österreich A1-Ring Spielberg 13 maggio 14:00 12:00
7 Monaco Grand Prix de Monaco Circuit de Monaco Montecarlo 27 maggio 14:00 12:00
8 Canada Grand Prix Air Canada Circuit Gilles Villeneuve Montréal 10 giugno 13:00 17:00
9 Europa Warsteiner Grand Prix of Europe Nürburgring Nürburg 24 giugno 14:00 12:00
10 Francia Mobil 1 Grand Prix de France Circuito di Magny Cours Magny-Cours 1º luglio 14:00 12:00
11 Regno Unito Foster's British Grand Prix Silverstone Circuit Silverstone 15 luglio 14:00 13:00
12 Germania Großer Preis Mobil 1 von Deutschland Hockenheimring Hockenheim 29 luglio 14:00 12:00
13 Ungheria Marlboro Magyar Nagydíj Hungaroring Hungaroring 19 agosto 14:00 12:00
14 Belgio Foster's Belgian Grand Prix Circuit de Spa-Francorchamps Francorchamps 2 settembre 14:00 12:00
15 Italia Gran Premio Campari d'Italia Autodromo Nazionale di Monza Monza 16 settembre 14:00 12:00
16 Stati Uniti SAP United States Grand Prix Indianapolis Motor Speedway Indianapolis 30 settembre 14:00 20:00
17 Giappone Fuji Television Japanese Grand Prix Suzuka Circuit Suzuka 14 ottobre 14:30 5:30

Cambiamenti[modifica | modifica wikitesto]

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Inizio Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione[modifica | modifica wikitesto]

Team[modifica | modifica wikitesto]

Pneumatici[modifica | modifica wikitesto]

Dopo sedici stagioni di assenza la Michelin tornò in Formula 1, accordandosi con Williams, Benetton, Jaguar, Minardi e Prost per la fornitura di pneumatici. La casa francese pose in questo modo fine al monopolio della Bridgestone iniziato nel 1999 con il ritiro dalle competizioni della Goodyear.

Piloti e Team[modifica | modifica wikitesto]

Scuderia Costruttore Telaio Motore Gomme N. Piloti GP Collaudatore(i)
Italia Scuderia Ferrari Marlboro Ferrari F2001 Ferrari 050 3.0 V10 B 1 Germania Michael Schumacher Tutti Italia Luca Badoer
Italia Fabrizio Giovanardi
2 Brasile Rubens Barrichello Tutti
Regno Unito West McLaren Mercedes McLaren MP4-16 Mercedes FO110K 3.0 V10 B 3 Finlandia Mika Häkkinen Tutti Austria Alexander Wurz
4 Regno Unito David Coulthard Tutti
Regno Unito BMW WilliamsF1 Team Williams FW23 BMW P80 3.0 V10 M 5 Germania Ralf Schumacher Tutti Spagna Marc Gené
6 Colombia Juan Pablo Montoya Tutti
Italia Mild Seven Benetton Renault Benetton B201 Renault RS21 3.0 V10 M 7 Italia Giancarlo Fisichella Tutti Australia Mark Webber
Regno Unito Oliver Gavin
8 Regno Unito Jenson Button Tutti
Regno Unito Lucky Strike BAR Honda BAR 003 Honda RA001E 3.0 V10 B 9 Francia Olivier Panis Tutti Regno Unito Anthony Davidson
Regno Unito Darren Manning
Francia Patrick Lemarié
Giappone Takuma Sato
10 Canada Jacques Villeneuve Tutti
Irlanda B&H Jordan Honda Jordan EJ11 Honda RA001E 3.0 V10 B 11 Germania Heinz-Harald Frentzen 1-7, 9-11 Brasile Ricardo Zonta
Brasile Ricardo Zonta 8, 12
Italia Jarno Trulli 13-17
12 1-12
Francia Jean Alesi 13-17
Regno Unito Orange Arrows Asiatech Arrows A22 Asiatech 001 3.0 V10 B 14 Paesi Bassi Jos Verstappen Tutti Regno Unito Johnny Herbert
15 Brasile Enrique Bernoldi Tutti
Svizzera Red Bull Sauber Petronas Sauber C20 Ferrari 049 3.0 V10 B 16 Germania Nick Heidfeld Tutti Brasile Felipe Massa
17 Finlandia Kimi Räikkönen Tutti
Regno Unito Jaguar Racing Jaguar R2 Cosworth CR-3 3.0 V10 M 18 Regno Unito Eddie Irvine Tutti Sudafrica Tomas Scheckter
19 Brasile Luciano Burti 1-4
Spagna Pedro de la Rosa 5-17
Italia European Minardi F1 Minardi PS01
PS01B
European 3.0 V10 M 20 Brasile Tarso Marques 1-14 Malesia Alex Yoong
Malesia Alex Yoong 15-17
21 Spagna Fernando Alonso Tutti
Francia Prost Acer Prost AP04 Ferrari 3.0 V10 M 22 Francia Jean Alesi 1-12 Francia Stéphane Sarrazin
Spagna Pedro de la Rosa
Francia Jonathan Cochet
Germania Heinz-Harald Frentzen 13-17
23 Argentina Gastón Mazzacane 1-4
Brasile Luciano Burti 5-14
Rep. Ceca Tomáš Enge 15-17

Modifiche al regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Soluzioni aerodinamiche[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2001 le modifiche del regolamento riguardarono soprattutto l'aerodinamica.[1] Venne imposto alle scuderie di Formula 1 di portare a dieci centimetri l'altezza dal suolo dell'alettone anteriore, in modo da ridurre la creazione di carico deportante e rallentare così le monoposto.[1] Contemporaneamente la FIA ridusse a tre i profili che potevano essere utilizzati nell'ala posteriore, mentre fino alla stagione precedente non vi era alcun tipo di limitazione.[1]

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Anche in tema di sicurezza vi furono ampi interventi da parte della federazione. Vennero imposti crash test laterali su quattro differenti punti del telaio, a differenza di uno, come avveniva in passato.[2] Vennero poi resi più severi i crash test sul roll bar, che portò i vari team ad appesantire ulteriormente i telai.[3]

Riassunto della stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio d'Australia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Australia 2001.

La stagione inizia nello stesso modo in cui è finita quella precedente: con Michael Schumacher e la Ferrari a dominare le scene. Dopo aver ottenuto la pole in qualifica, il tedesco è riuscito a mantenere la testa della corsa per tutti i 58 giri. Sul secondo gradino del podio lo scozzese David Coulthard (McLaren-Mercedes), terzo Rubens Barrichello (Ferrari), protagonista di un contatto con la Jordan Mugen Honda di Heinz-Harald Frentzen nelle fasi iniziali della corsa. Inoltre, il Gran Premio è stato segnato dal terribile incidente che ha coinvolto Jacques Villeneuve (BAR Honda) e Ralf Schumacher (Williams-BMW); un commissario di pista è morto in seguito ai traumi riportati dall'impatto contro un grosso detrito volato via dalla BAR Honda del canadese.

Da segnalare l'esordio di tre giovani piloti che saranno protagonisti negli anni successivi: Kimi Räikkönen (Sauber-Petronas), Juan Pablo Montoya (Williams-BMW) e Fernando Alonso (Minardi-Asiatech); il finlandese terminerà sesto, prendendo così i primi punti in carriera, il colombiano non finirà la gara e lo spagnolo di Oviedo, disponendo della vettura più lenta del lotto, naviga nelle retrovie. Punti iridati anche per la Sauber Petronas di Nick Heidfeld, giunto quarto, e per la Jordan Mugen Honda di Frentzen, quinto. Olivier Panis, classificato quarto, viene penalizzato di 25" ed esce dalla zona punti. Stessa sorte per Jos Verstappen (Arrows-Asiatech), mentre il vice-campione in carica Mika Häkkinen (McLaren-Mercedes) si ritira per incidente.

Gran Premio della Malesia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio della Malesia 2001.
Jenson Button al GP di Francia

Prima doppietta stagionale per la Ferrari e seconda per Michael Schumacher, protagonisti di una gara davvero emozionante. Alla partenza, le due Ferrari partono bene, sebbene Rubens Barrichello abbia un piccolo contatto con Ralf Schumacher, che nelle qualifiche ha sfiorato la pole con una Williams-BMW sempre più competitiva, ma dopo pochissimi giri vanno entrambe fuori pista a causa dell'olio perso dalla BAR Honda di Olivier Panis che fa scivolare le vetture del cavallino. Nemmeno il tempo di rendersi conto che Jarno Trulli è passato in testa, che comincia a piovere, anzi a diluviare; 5 minuti di pioggia tropicale che bastano a scombinare le strategie delle squadre, a mandare fuori pista diversi piloti (Villeneuve, Heidfeld, Bernoldi ed Irvine), a far uscire la safety car per ovvi motivi di sicurezza e a rivoluzionare la classifica: in testa abbiamo Coulthard, poi Frentzen, Verstappen, Häkkinen e Trulli, mentre Barrichello è scivolato in 10ª posizione, Schumacher è 11°. Alla ripartenza, le Rosse di Maranello in una rimonta d'antologia e in una decina di giri tornano al comando. Questo avviene perché le macchine che occupano le prime posizioni montano tutte gomme da bagnato, mentre le Ferrari hanno le gomme intermedie.

Negli ultimi giri succede poco o nulla, con Verstappen che tenacemente resiste ai ripetuti attacchi di Häkkinen, Frentzen e Ralf Schumacher; alla fine arriverà solo 7°, mentre il finlandese della McLaren Mercedes, dopo essersi fatto infilare dal tedesco della Jordan Mugen Honda giunge 6º.

Gran Premio del Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Brasile 2001.

Dopo un duello sul filo dei decimi di secondo tra i fratelli Schumacher, alla fine la spunta Michael Schumacher, che ottiene così la settima pole consecutiva, se si considerano le quattro pole consecutive ottenute nelle ultime quattro prove del mondiale 2000.

Partenza movimentata con Mika Häkkinen che non riesce a partire e il contatto tra Barrichello e Ralf Schumacher, che costringe al ritiro entrambi i piloti. Nuova delusione per il brasiliano in casa sua. Per consentire ai commissari di ripulire per bene l'asfalto dai detriti, la direzione gara fa uscire la safety car; alla ripartenza, Juan Pablo Montoya, facendo tesoro delle esperienze accumulate nelle gare americane, dove la neutralizzazione della corsa tramite pace-car è all'ordine del giorno, si mette subito in luce infilando nientemeno che Schumacher alla prima curva e passa in testa. Il colombiano, alla sua terza gara in Formula 1, sembra non avere molte difficoltà a contenere gli avversari, ma al 38º giro viene tamponato dall'Arrows-Asiatech di Jos Verstappen ed è costretto al ritiro. Intanto comincia a piovere e i piloti si fermano ai box a montare le gomme da bagnato. Schumacher, passato in testa, ha molte difficoltà a mantenere la vettura in pista e, dopo un paio di fuoripista, viene superato da Coulthard, che conquista così la sua prima vittoria stagionale e si candida come sfidante più credibile di Schumacher per il titolo piloti.

Primo podio in carriera per Nick Heidfeld con la Sauber Petronas, primi punti per la BAR Honda (con Panis, giunto 4º) e Benetton Renault (un grande Fisichella riesce a portare la vettura al 6º posto). Quinto posto per Jarno Trulli con la Jordan Mugen Honda.

Gran Premio di San Marino[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di San Marino 2001.

Prima vittoria in carriera per Ralf Schumacher, prima vittoria per la Williams-BMW dal 1997, prima vittoria per la BMW dal GP del Messico del 1986 e prima battuta d'arresto per il fratello Michael, costretto al ritiro per una foratura. Dopo aver monopolizzato la prima fila, la McLaren Mercedes si deve accontentare del 2º posto con David Coulthard, che raggiunge Schumacher in testa al campionato piloti, e solo del 4º posto con Häkkinen, lontano di ben 22 punti dai primi dopo solo 4 gran premi. Entrambe le Jordan Mugen Honda finiscono a punti con Trulli (quinto) e Frentzen (sesto). Prove incoraggianti per Alonso con la Minardi Asiatech e Räikkönen con la Sauber Petronas, costretti al ritiro da problemi meccanici delle loro macchine.

La Ferrari si mantiene saldamente in vetta al mondiale costruttori grazie al terzo posto conquistato da Barrichello.

Gran Premio di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Spagna 2001.

Nella gara che vede l'introduzione delle nuove norme sull'elettronica, Michael Schumacher ottiene la sua terza vittoria stagionale grazie alle disgrazie della McLaren Mercedes: David Coulthard non parte durante il giro di ricognizione e viene retrocesso in fondo allo schieramento, mentre Mika Häkkinen si ritira a meno di 5 chilometri all'arrivo a causa della rottura del motore Mercedes quando era in testa con quasi un minuto di vantaggio sul suo più immediato inseguitore, Schumacher. Sul podio, insieme al tedesco di Kerpen, vanno la Williams BMW Juan Pablo Montoya, brillantemente giunto secondo (primo podio in carriera), e Jacques Villeneuve, terzo, che regala alla BAR Honda il primo podio da quando è in F1. Quarto giunge Jarno Trulli, quinto con la Jordan Mugen Honda arriva David Coulthard con la McLaren Mercedes dopo una difficile rimonta e al sesto posto troviamo la Sauber Petronas di Nick Heidfeld. Ritiri per Rubens Barrichello, Ralf Schumacher e Heinz-Harald Frentzen, uscito fuori gara con lo spagnolo Pedro de la Rosa della Jaguar Ford al 5º giro.

La classifica piloti vede Schumacher guadagnare 8 punti su Coulthard, mentre Häkkinen sembra già tagliato fuori dalla lotta al titolo iridato. Discorso simile per i Costruttori, con la Ferrari che ha 18 punti di vantaggio sulla McLaren Mercedes.

Gran Premio d'Austria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Austria 2001.

Dal Gran Premio d'Austria emerge che la lotta per il campionato sembra ristretta a due soli piloti: la Ferrari di Michael Schumacher e la McLaren Mercedes di David Coulthard. Häkkinen, che prima della gara era ancora considerato da Schumacher il rivale più pericoloso, sembrerebbe quasi tagliato fuori, avendo raccolto soltanto 4 punti in 6 gare. La Ferrari invece inizia ad attuare i giochi di squadra già a Zeltweg: Barrichello, secondo alle spalle di Coulthard fino a pochi metri dalla fine, è stato costretto da un ordine di scuderia a rallentare fino a far passare il suo compagno di squadra.

La gara poteva avere un esito diverso da come è andata se sia Schumacher sia Barrichello, avessero sfruttato l'occasione che hanno avuto per vincerla, ma qualcosa non è andato per il verso giusto. Schumacher non è partito bene, lasciandosi superare sia da Montoya sia dal fratello Ralf, mentre Barrichello è riuscito a mantenere la 4ª posizione, anche se per un attimo è stato alle spalle di Coulthard.

Il ritiro della Williams BMW di Ralf Schumacher per un problema ai freni ha consentito a Michael di lanciarsi all'inseguimento di Montoya ed è probabilmente in questa fase che il ferrarista ha perso la gara. Tentando di superare il colombiano, infatti, Schumi è stato costretto ad allargare la traiettoria, poiché il pilota della Williams-BMW ha "toccato" fuori dalla piosta il ferrarista, già lanciato nel suo attacco. Michael ha così perso ben quattro posizioni, che è poi riuscito a rimontare solo in parte.

Dopo l'episodio tra Montoya e Schumacher,Barrichello ha preso in mano le redini della corsa, che sembrava poter controllare agevolmente. Ancora una volta è stata fatale la sosta ai box e la strategia delle due scuderie. Ma la McLaren Mercedes di David Coulthard è rimasto in pista due giri più di Barrichello e in quei due giri ha fatto i propri tempi migliori. Oltretutto, mentre lo scozzese della McLaren Mercedes era ai box per il proprio pit stop, Rubens Barrichello con la Ferrari è stato rallentato da due doppiati prima dell'uscita box, perdendo altri decimi che alla fine sono stati decisivi per il sorpasso dello scozzese. Da qui alla fine, Coulthard, Barrichello e Schumacher sono andati avanti "a elastico", ma le posizioni non sono cambiate sino all'ordine ,dato a Barrichello dal muretto Ferrari, di dare strada a Schumacher. I due ferraristi, come logico, sono parsi entrambi scontenti a fine gara. Schumacher diceva: "La macchina non è partita come avrebbe dovuto e ho fatto una partenza manuale. Sono poi arrabbiato con Montoya: non doveva fare così quella curva e in questo modo mi ha portato fuori. Non è stata una manovra ideale." Barrichello: "Avevo quasi vinto il Gran Premio: Poi Coulthard ha girato qualche giro più di me prima del pit stop ed è riuscito a passarmi".

La classifica del mondiale dopo la gara austriaca vede: 42 punti per Michael Schumacher, 38 per Coulthard, 18 per Barrichello. Difficile che qualcuno possa inserirsi nella lotta tra i due piloti di testa.

Gran Premio di Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Monaco 2001.

Dopo aver faticosamente conquistato la preziosa pole position nelle qualifiche del sabato, David Coulthard è costretto a partire dal fondo del gruppo poiché la sua McLaren Mercedes si spegne al via del giro di ricognizione.

Michael Schumacher ne approfitta subito e allo start va in testa davanti a Mika Häkkinen e Rubens Barrichello, mentre la corsa di Montoya finisce già al terzo giro quando il colombiano sbatte e si ritira. Coulthard invece, impegnato in una difficile rimonta tra le strette strade del circuito di Montecarlo, resta bloccato alle spalle della Arrows-Asiatech dell'esordiente brasiliano Enrique Bernoldi per quasi metà gara, senza trovare lo spiraglio per superarlo fino a quando rientra ai box per rifornire.

La Ferrari invece si trova la gara in pugno quando la McLaren Mercedes di Mika Häkkinen appieda il suo pilota per un guasto al differenziale: Schumacher e Barrichello con le due Ferrari rallentano il ritmo e amministrano il cospicuo vantaggio accumulato, avviandosi così ad una facile doppietta.

Al 30º giro Trulli va KO per l'ennesimo guasto alla sua Jordan Mugen Honda, l'abruzzese era 5° davanti alla BAR-Honda di Jacques Villeneuve. Poco dopo anche l'altro italiano della Benetton-Renault, Fisichella, accusa problemi al cambio e va a sbattere alla prima curva; riesce a continuare ma qualche giro dopo andrà a sbattere nuovamente nello stesso punto, e stavolta sarà costretto al ritiro.

Jean Alesi riesce così ad issare la sua modesta Prost-Acer fino al 5º posto, anche grazie al contemporaneo ritiro della Williams-BMW Ralf Schumacher che era 3°, ma una foratura nelle fasi finali lo costringe ad una sosta supplementare che gli fa perdere la posizione in favore della McLaren Mercedes di David Coulthard. Il francese comunque conclude 6º e porta il primo punto stagionale alla Prost-Acer, che dal canto suo non andava a punti dal 1999.

Michael Schumacher e Barrichello vincono agevolmente davanti all'ottimo Irvine, terzo sulla Jaguar-Ford, poi Villeneuve, Coulthard e Alesi. In classifica generale Schumacher allunga a +12 su Coulthard (52 a 40) e anche nel costruttori la Ferrari con la doppietta compie un buon passo avanti nei confronti delle McLaren Mercedes.

Gran Premio del Canada[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Canada 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ralf Schumacher (Williams)
  2. Michael Schumacher (Ferrari)
  3. Mika Häkkinen (McLaren)
  4. Kimi Räikkönen (Sauber)
  5. Jean Alesi (Prost)
  6. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  7. Ricardo Zonta (Jordan)
  8. Luciano Burti (Prost)
  9. Tarso Marques (Minardi)
  10. Jos Verstappen (Arrows)
  11. Jarno Trulli (Jordan)

Gran Premio d'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Europa 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Michael Schumacher (Ferrari)
  2. Juan Pablo Montoya (Williams)
  3. David Coulthard (McLaren)
  4. Ralf Schumacher (Williams)
  5. Rubens Barrichello (Ferrari)
  6. Mika Häkkinen (McLaren)
  7. Eddie Irvine (Jaguar)
  8. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  9. Jacques Villeneuve (BAR)
  10. Kimi Räikkönen (Sauber)
  11. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  12. Luciano Burti (Prost)
  13. Jenson Button (Benetton)
  14. Fernando Alonso (Minardi)

Gran Premio di Francia[modifica | modifica wikitesto]

Alesi al GP di Francia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Francia 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Michael Schumacher (Ferrari)
  2. Ralf Schumacher (Williams)
  3. Rubens Barrichello (Ferrari)
  4. David Coulthard (McLaren)
  5. Jarno Trulli (Jordan)
  6. Nick Heidfeld (Sauber)
  7. Kimi Räikkönen (Sauber)
  8. Heinz-Harald Frentzen (Jordan)
  9. Olivier Panis (BAR)
  10. Luciano Burti (Prost)
  11. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  12. Jean Alesi (Prost)
  13. Jos Verstappen (Arrows)
  14. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  15. Tarso Marques (Minardi)

Gran Premio di Gran Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Gran Bretagna 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mika Häkkinen (McLaren)
  2. Michael Schumacher (Ferrari)
  3. Rubens Barrichello (Ferrari)
  4. Juan Pablo Montoya (Williams)
  5. Kimi Räikkönen (Sauber)
  6. Nick Heidfeld (Sauber)
  7. Heinz-Harald Frentzen (Jordan)
  8. Jacques Villeneuve (BAR)
  9. Eddie Irvine (Jaguar)
  10. Jos Verstappen (Arrows)
  11. Jean Alesi (Prost)
  12. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  13. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  14. Enrique Bernoldi (Arrows)
  15. Jenson Button (Benetton)
  16. Fernando Alonso (Minardi)

Gran Premio di Germania[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Germania 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ralf Schumacher (Williams)
  2. Rubens Barrichello (Ferrari)
  3. Jacques Villeneuve (BAR)
  4. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  5. Jenson Button (Benetton)
  6. Jean Alesi (Prost)
  7. Olivier Panis (BAR)
  8. Enrique Bernoldi (Arrows)
  9. Jos Verstappen (Arrows)
  10. Fernando Alonso (Minardi)

Gran Premio d'Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Ungheria 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Michael Schumacher (Ferrari)
  2. Rubens Barrichello (Ferrari)
  3. David Coulthard (McLaren)
  4. Ralf Schumacher (Williams)
  5. Mika Häkkinen (McLaren)
  6. Nick Heidfeld (Sauber)
  7. Kimi Räikkönen (Sauber)
  8. Juan Pablo Montoya (Williams)
  9. Jacques Villeneuve (BAR)
  10. Jean Alesi (Jordan)
  11. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  12. Jos Verstappen (Arrows)

Gran Premio del Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Belgio 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Michael Schumacher (Ferrari)
  2. David Coulthard (McLaren)
  3. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  4. Mika Häkkinen (McLaren)
  5. Rubens Barrichello (Ferrari)
  6. Jean Alesi (Jordan)
  7. Ralf Schumacher (Williams)
  8. Jacques Villeneuve (BAR)
  9. Heinz-Harald Frentzen (Prost)
  10. Jos Verstappen (Arrows)
  11. Olivier Panis (BAR)
  12. Enrique Bernoldi (Arrows)
  13. Tarso Marques (Minardi)

Gran Premio d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Italia 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Juan Pablo Montoya (Williams)
  2. Rubens Barrichello (Ferrari)
  3. Ralf Schumacher (Williams)
  4. Michael Schumacher (Ferrari)
  5. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  6. Jacques Villeneuve (BAR)
  7. Kimi Räikkönen (Sauber)
  8. Jean Alesi (Jordan)
  9. Olivier Panis (BAR)
  10. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  11. Nick Heidfeld (Sauber)
  12. Tomas Enge (Prost)
  13. Fernando Alonso (Minardi)

Gran Premio degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio degli Stati Uniti 2001.
Tifosi statunitensi

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mika Häkkinen (McLaren)
  2. Michael Schumacher (Ferrari)
  3. David Coulthard (McLaren)
  4. Jarno Trulli (Jordan)
  5. Eddie Irvine (Jaguar)
  6. Nick Heidfeld (Sauber)
  7. Jean Alesi (Jordan)
  8. Giancarlo Fisichella (Benetton)
  9. Jenson Button (Benetton)
  10. Heinz-Harald Frentzen (Prost)
  11. Olivier Panis (BAR)
  12. Pedro de la Rosa (Jaguar)
  13. Enrique Bernoldi (Arrows)
  14. Tomas Enge (Prost)

Gran Premio del Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Giappone 2001.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Michael Schumacher (Ferrari)
  2. Juan Pablo Montoya (Williams)
  3. David Coulthard (McLaren)
  4. Mika Häkkinen (McLaren)
  5. Rubens Barrichello (Ferrari)
  6. Ralf Schumacher (Williams)
  7. Jenson Button (Benetton)
  8. Jarno Trulli (Jordan)
  9. Nick Heidfeld (Sauber)
  10. Jacques Villeneuve (BAR)
  11. Fernando Alonso (Minardi)
  12. Heinz-Harald Frentzen (Prost)
  13. Olivier Panis (BAR)
  14. Enrique Bernoldi (Arrows)
  15. Jos Verstappen (Arrows)
  16. Alex Yoong (Minardi)
  17. Giancarlo Fisichella (Benetton)

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Risultati dei Gran Premi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Team vincitore Resoconto
1 Australia Gran Premio d'Australia Circuito Albert Park Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
2 Malesia Gran Premio della Malesia Circuito di Sepang Germania Michael Schumacher Finlandia Mika Häkkinen Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
3 Brasile Gran Premio del Brasile Circuito di Interlagos Germania Michael Schumacher Germania Ralf Schumacher Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren-Mercedes resoconto
4 San Marino Gran Premio di San Marino Autodromo Enzo e Dino Ferrari Regno Unito David Coulthard Germania Ralf Schumacher Germania Ralf Schumacher Regno Unito Williams-BMW resoconto
5 Spagna Gran Premio di Spagna Circuito di Catalogna Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
6 Austria Gran Premio d'Austria A1-Ring Germania Michael Schumacher Regno Unito David Coulthard Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren-Mercedes resoconto
7 Monaco Gran Premio di Monaco Circuito di Monaco Regno Unito David Coulthard Regno Unito David Coulthard Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
8 Canada Gran Premio del Canada Circuito di Montreal Germania Michael Schumacher Germania Ralf Schumacher Germania Ralf Schumacher Regno Unito Williams-BMW resoconto
9 Europa Gran Premio d'Europa Nürburgring Germania Michael Schumacher Colombia Juan Pablo Montoya Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
10 Francia Gran Premio di Francia Circuito di Magny Cours Germania Ralf Schumacher Regno Unito David Coulthard Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
11 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Circuito di Silverstone Germania Michael Schumacher Finlandia Mika Häkkinen Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren-Mercedes resoconto
12 Germania Gran Premio di Germania Hockenheimring Colombia Juan Pablo Montoya Colombia Juan Pablo Montoya Germania Ralf Schumacher Regno Unito Williams-BMW resoconto
13 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Hungaroring Germania Michael Schumacher Finlandia Mika Häkkinen Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
14 Belgio Gran Premio del Belgio Circuito di Spa-Francorchamps Colombia Juan Pablo Montoya Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto
15 Italia Gran Premio d'Italia Autodromo di Monza Colombia Juan Pablo Montoya Germania Ralf Schumacher Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito Williams-BMW resoconto
16 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti Indianapolis Motor Speedway Germania Michael Schumacher Colombia Juan Pablo Montoya Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren-Mercedes resoconto
17 Giappone Gran Premio del Giappone Circuito di Suzuka Germania Michael Schumacher Germania Ralf Schumacher Germania Michael Schumacher Italia Ferrari resoconto

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti
1 Germania Michael Schumacher 1 1 2 Rit 1 2 1 2 1 1 2 Rit 1 1 4 2 1 123
2 Regno Unito David Coulthard 2 3 1 2 5 1 5 Rit 3 4 Rit Rit 3 2 Rit 3 3 65
3 Brasile Rubens Barrichello 3 2 Rit 3 Rit 3 2 Rit 5 3 3 2 2 5 2 15 * 5 56
4 Germania Ralf Schumacher Rit 5 Rit 1 Rit Rit Rit 1 4 2 Rit 1 4 7 3 Rit 6 49
5 Finlandia Mika Häkkinen Rit 6 Rit 4 9 * Rit Rit 3 6 NP 1 Rit 5 4 Rit 1 4 37
6 Colombia Juan Pablo Montoya Rit Rit Rit Rit 2 Rit Rit Rit 2 Rit 4 Rit 8 Rit 1 Rit 2 31
7 Canada Jacques Villeneuve Rit Rit 7 Rit 3 8 4 Rit 9 Rit 8 3 9 8 6 Rit 10 12
8 Germania Nick Heidfeld 4 Rit 3 7 6 9 Rit Rit Rit 6 6 Rit 6 Rit 11 6 9 12
9 Italia Jarno Trulli Rit 8 5 5 4 SQ Rit 11 * Rit 5 Rit Rit Rit Rit Rit 4 8 12
10 Finlandia Kimi Räikkönen 6 Rit Rit Rit 8 4 10 4 10 7 5 Rit 7 Rit 7 Rit Rit 9
11 Italia Giancarlo Fisichella 13 Rit 6 Rit 14 Rit Rit Rit 11 11 13 4 Rit 3 10 8 17 * 8
12 Regno Unito Eddie Irvine 10 Rit Rit Rit Rit 7 3 Rit 7 Rit 9 Rit Rit Rit Rit 5 Rit 6
13 Germania Heinz-Harald Frentzen 5 4 11 * 6 Rit Rit Rit Rit 8 7 Rit 9 Rit 10 12 6
14 Francia Olivier Panis 7 Rit 4 8 7 5 Rit Rit Rit 9 Rit 7 Rit 11 9 11 13 5
15 Francia Jean Alesi 9 9 8 9 10 10 6 5 15 * 12 11 6 10 6 8 7 Rit 5
16 Spagna Pedro de la Rosa Rit Rit Rit 6 8 14 12 Rit 11 Rit 5 12 Rit 3
17 Regno Unito Jenson Button 14 * 11 10 11 15 Rit 7 Rit 13 16 * 15 5 Rit Rit Rit 9 7 2
18 Paesi Bassi Jos Verstappen 11 7 Rit Rit 12 6 8 10 * Rit 13 10 9 12 10 Rit Rit 14 1
19 Brasile Ricardo Zonta 7 Rit 0
20 Brasile Luciano Burti 8 10 Rit 11 11 11 Rit 8 12 10 Rit Rit Rit Rit 0
21 Brasile Enrique Bernoldi Rit Rit Rit 10 Rit Rit 9 Rit Rit Rit 14 8 Rit 12 Rit 13 15 0
22 Brasile Tarso Marques Rit 14 9 Rit 16 Rit Rit 9 Rit 15 NQ Rit Rit 13 0
23 Spagna Fernando Alonso 12 13 Rit Rit 13 Rit Rit Rit 14 17 * 16 10 Rit Rit 13 Rit 11 0
24 Rep. Ceca Tomáš Enge 12 14 Rit 0
25 Argentina Gastón Mazzacane Rit 12 Rit Rit 0
26 Malesia Alex Yoong Rit Rit 16 0
Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Classifica Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Pilota AUS
Australia
MAL
Malesia
BRA
Brasile
SMR
San Marino
SPA
Spagna
AUT
Austria
MON
Monaco
CAN
Canada
EUR
Europa
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
UNG
Ungheria
BEL
Belgio
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
GIA
Giappone
Punti
1 Italia Ferrari M. Schumacher 1 1 2 Rit 1 2 1 2 1 1 2 Rit 1 1 4 2 1 179
Barrichello 3 2 Rit 3 Rit 3 2 Rit 5 3 3 2 2 5 2 15 5
2 Regno Unito McLaren-Mercedes Häkkinen Rit 6 Rit 4 9 Rit Rit 3 6 NP 1 Rit 5 4 Rit 1 4 102
Coulthard 2 3 1 2 5 1 5 Rit 3 4 Rit Rit 3 2 Rit 3 3
3 Regno Unito Williams-BMW R. Schumacher Rit 5 Rit 1 Rit Rit Rit 1 4 2 Rit 1 4 7 3 Rit 6 80
Montoya Rit Rit Rit Rit 2 Rit Rit Rit 2 Rit 4 Rit 8 Rit 1 Rit 2
4 Svizzera Sauber-Petronas Heidfeld 4 Rit 3 7 6 9 Rit Rit Rit 6 6 Rit 6 Rit 11 6 9 21
Räikkönen 6 Rit Rit Rit 8 4 10 4 10 7 5 Rit 7 Rit 7 Rit Rit
5 Irlanda Jordan-Honda Frentzen 5 4 11 6 Rit Rit Rit Rit 8 7 19
Trulli Rit 8 5 5 4 SQ Rit 11 Rit 5 Rit Rit Rit Rit Rit 4 8
Zonta 7 Rit
Alesi 10 6 8 7 Rit
6 Regno Unito BAR-Honda Panis 7 Rit 4 8 7 5 Rit Rit Rit 9 Rit 7 Rit 11 9 11 13 17
Villeneuve Rit Rit 7 Rit 3 8 4 Rit 9 Rit 8 3 9 8 6 Rit 10
7 Italia Benetton-Renault Fisichella 13 Rit 6 Rit 14 Rit Rit Rit 11 11 13 4 Rit 3 10 8 Rit 10
Button 14 11 10 12 15 Rit 7 Rit 13 16 15 5 Rit Rit Rit 9 7
8 Regno Unito Jaguar-Cosworth Irvine 10 Rit Rit Rit Rit 7 3 Rit 7 Rit 9 Rit Rit Rit Rit 5 Rit 9
de la Rosa Rit Rit Rit 6 8 14 12 Rit 11 Rit 5 12 Rit
Burti 8 10 Rit 11
9 Francia Prost-Acer Alesi 9 9 8 9 10 10 6 5 15 12 11 6 4
Mazzacane Rit 12 Rit Rit
Frentzen Rit 9 Rit 10 12
Burti 11 11 Rit 8 12 10 Rit Rit Rit Rit
Enge 12 14 Rit
10 Regno Unito Arrows-Asiatech Verstappen 11 7 Rit Rit 12 6 8 10 Rit 13 10 9 12 10 Rit Rit 14 1
Bernoldi Rit Rit Rit 10 Rit Rit 9 Rit Rit Rit 14 8 Rit 12 Rit 13 15
11 Italia Minardi-European Marques Rit 14 9 Rit 16 Rit Rit 9 Rit 15 NQ Rit Rit 13 0
Alonso 12 13 Rit Rit 13 Rit Rit Rit 14 17 16 10 Rit Rit 13 Rit 11
Yoong Rit Rit 16
Pos Team Pilota AUS
Australia
MAL
Malesia
BRA
Brasile
SMR
San Marino
SPA
Spagna
AUT
Austria
MON
Monaco
CAN
Canada
EUR
Europa
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
UNG
Ungheria
BEL
Belgio
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
GIA
Giappone
Punti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Piola, pag. 22.
  2. ^ Piola, pag. 23.
  3. ^ Piola, pag. 24.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1