Campionato mondiale di Formula 1 1964

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato mondiale di Formula 1 1964
Edizione n. 15 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio 10 maggio
Termine 25 ottobre
Prove 10
Titoli in palio
Piloti John Surtees
su Ferrari 158
Costruttori Ferrari
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 1964 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è stata, nella storia della categoria, la 15ª ad assegnare il Campionato Piloti e la 7ª ad assegnare il Campionato Costruttori. È iniziata il 10 maggio e terminata il 25 ottobre, dopo 10 gare. Il titolo dei piloti è andato per la prima volta a John Surtees e il titolo costruttori per la seconda volta alla Ferrari.

Riassunto della stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il Campionato 1964, combattuto tra Jim Clark, John Surtees e Graham Hill, fu deciso al Gran Premio del Messico. Hill si trovò 2 giri di distacco dopo una collisione con la Ferrari di Lorenzo Bandini. Clark fu costretto a fermarsi a causa di una perdita d'olio all'ultimo giro e la Ferrari segnalò allo stesso Bandini di far passare il compagno di squadra Surtees, che con il secondo posto conquistò il Titolo Mondiale con un punto di vantaggio su Hill. Tra gli altri avvenimenti della stagione si rilevano il debutto dell'Honda in Formula 1 (al Gran Premio di Germania), l'incidente fatale di Carel Godin de Beaufort allo stesso Gran Premio di Germania nonché il ritiro di Maurice Trintignant dalle corse a 46 anni, dopo una delle più lunghe carriere automobilistiche di sempre.

Piloti e team[modifica | modifica wikitesto]

Nome del Team Costruttore Modello Motore Gomme Piloti
Regno Unito Bob Gerard Racing Cooper T73 Cosworth D Regno Unito John Taylor
Regno Unito Brabham Racing Organisation Brabham BT7
BT11
Climax D Australia Jack Brabham
Stati Uniti Dan Gurney
Regno Unito British Racing Partnership Lotus 24 BRM D Regno Unito Innes Ireland
Regno Unito Trevor Taylor
BRP Mk1
Mk2
Regno Unito Cooper Car Company Cooper T66
T73
Climax D Stati Uniti Phil Hill
Nuova Zelanda Bruce McLaren
Flag of Rhodesia (1964).svg John Love
Regno Unito Derrington-Francis Derrington-Francis Derrington-Francis ATS G Portogallo Mário Araújo de Cabral
Regno Unito DW Racing Enterprises Brabham BT11 CLimax D Regno Unito Bob Anderson
Ecurie Maarsbergen Porsche 718 Porsche D Paesi Bassi Carel Godin de Beaufort
Equipe Scirocco Belge Scirocco Scirocco Climax D Belgio André Pilette
Fabre Urbain Cooper T60 Climax D Svizzera Jean-Claude Rudaz
Giappone Honda R&D Co Honda RA271 Honda D Stati Uniti Ronnie Bucknum
Regno Unito Ian Raby Racing Brabham BT3 BRM D Regno Unito Ian Raby
John Willment Automobiles Brabham BT10 Ford D Australia Frank Gardner
Stati Uniti North American Racing Team Ferrari 1512
156
158
Ferrari D Italia Lorenzo Bandini
Regno Unito John Surtees
Messico Pedro Rodríguez
Regno Unito Owen Racing Organisation BRM P261
P67
BRM D Regno Unito Graham Hill
Stati Uniti Richie Ginther
Regno Unito Richard Attwood
Regno Unito Reg Parnell Racing Lotus 25
24
BRM
Climax
D Nuova Zelanda Chris Amon
Regno Unito Mike Hailwood
Stati Uniti Peter Revson
Revson Racing Lotus 24 BRM D Stati Uniti Peter Revson
Regno Unito Rob Walker Racing Team Brabham BT7
BT11
BRM
Climax
D Svezia Jo Bonnier
Italia Geki
Stati Uniti Hap Sharp
Austria Jochen Rindt
Svizzera Jo Siffert
Cooper T66 Germania Ovest Edgar Barth
Italia Scuderia Centro Sud BRM P57 BRM D Sudafrica Tony Maggs
Italia Giancarlo Baghetti
Italia Scuderia Ferrari SpA SEFAC Ferrari 156
158
Ferrari D Italia Lorenzo Bandini
Regno Unito John Surtees
Italia Ludovico Scarfiotti
Siffert Racing Team Brabham BT11 BRM D Svizzera Jo Siffert
Regno Unito Team Lotus Lotus 25
33
Climax D Regno Unito Mike Spence
Regno Unito Jim Clark
Stati Uniti Walt Hansgen
Regno Unito Peter Arundell
Germania Ovest Gerhard Mitter
Messico Moisés Solana
Bernard Collomb (privato) Lotus 24 Climax D Francia Bernard Collomb
Maurice Trintignant (privato) BRM P57 BRM D Francia Maurice Trintignant

Gare Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio di Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Monte Carlo - 10 maggio 1964 - XXII Grand Prix Automobile de Monaco

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Monaco 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Graham Hill (BRM)
  2. Richie Ginther (BRM)
  3. Peter Arundell (Lotus-Climax)
  4. Jim Clark (Lotus-Climax)
  5. Jo Bonnier (Cooper-Climax)
  6. Mike Hailwood (Lotus-BRM)

Gran Premio d'Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Olanda 1964.

Zandvoort - 24 maggio 1964 - XIII Grote Prijs van Nederland

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. John Surtees (Ferrari)
  3. Peter Arundell (Lotus-Climax)
  4. Graham Hill (BRM)
  5. Chris Amon (Lotus-BRM)
  6. Bob Anderson (Brabham-Climax)

Gran Premio del Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Circuit de Spa-Francorchamps - 14 giugno 1964 - XXIV Grote Prijs van Belgie

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Belgio 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  3. Jack Brabham (Brabham-Climax)
  4. Richie Ginther (BRM)
  5. Graham Hill (BRM)
  6. Dan Gurney (Brabham-Climax)

Gran Premio di Francia[modifica | modifica wikitesto]

Circuit Rouen les Essarts - 28 giugno 1964 - L Grand Prix de l'A.C.F.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Francia 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dan Gurney (Brabham-Climax)
  2. Graham Hill (BRM)
  3. Jack Brabham (Brabham-Climax)
  4. Peter Arundell (Lotus-Climax)
  5. Richie Ginther (BRM)
  6. Bruce McLaren (Cooper-Climax)

Gran Premio di Gran Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

Brands Hatch - 11 luglio 1964 - XVII RAC British Grand Prix, Grand Prix d'Europe

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Gran Bretagna 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. Graham Hill (BRM)
  3. John Surtees (Ferrari)
  4. Jack Brabham (Brabham-Climax)
  5. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  6. Phil Hill (Cooper-Climax)

Gran Premio di Germania[modifica | modifica wikitesto]

Nürburgring - 2 agosto 1964 - XXVI Großer Preis von Deutschland

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio di Germania 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. John Surtees (Ferrari)
  2. Graham Hill (BRM)
  3. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  4. Jo Siffert (Brabham-BRM)
  5. Maurice Trintignant (BRM)
  6. Tony Maggs (BRM)

Gran Premio d'Austria[modifica | modifica wikitesto]

Aerodromo Hinterstoisser-Zeltweg - 23 agosto 1964 - II Großer Preis von Österreich

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Austria 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  2. Richie Ginther (BRM)
  3. Bob Anderson (Brabham-Climax)
  4. Tony Maggs (BRM)
  5. Innes Ireland (BRP-BRM)
  6. Jo Bonnier (Brabham-Climax)

Gran Premio d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Autodromo Nazionale di Monza - 6 settembre 1964 - XXXV Gran Premio d'Italia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio d'Italia 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. John Surtees (Ferrari)
  2. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  3. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  4. Richie Ginther (BRM)
  5. Innes Ireland (BRP-BRM)
  6. Mike Spence (Lotus-Climax)

Gran Premio degli Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Watkins Glen - 4 ottobre 1964 - VII United States Grand Prix

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio degli Stati Uniti d'America 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Graham Hill (BRM)
  2. John Surtees (Ferrari)
  3. Jo Siffert (Brabham-BRM)
  4. Richie Ginther (BRM)
  5. Walt Hansgen (Lotus-Climax)
  6. Trevor Taylor (BRP-BRM)

Gran Premio del Messico[modifica | modifica wikitesto]

Autodromo de la Ciudad de Mexico Magdalena Mixhuca - 25 ottobre 1964 - III Gran Premio de México

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gran Premio del Messico 1964.

Ordine d'arrivo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dan Gurney (Brabham-Climax)
  2. John Surtees (Ferrari)
  3. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  4. Mike Spence (Lotus-Climax)
  5. Jim Clark (Lotus-Climax)
  6. Pedro Rodríguez (Ferrari)

Risultati e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio Data Circuito Pilota vincitore Team vincitore Resoconto
1 Monaco Gran Premio di Monaco 10 maggio Monte Carlo Regno Unito Graham Hill Regno Unito BRM Resoconto
2 Paesi Bassi Gran Premio d'Olanda 24 maggio Zandvoort Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax Resoconto
3 Belgio Gran Premio del Belgio 14 giugno Spa-Francorchamps Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax Resoconto
4 Francia Gran Premio di Francia 28 giugno Rouen-Les-Essarts Stati Uniti Dan Gurney Regno Unito Brabham-Climax Resoconto
5 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 11 luglio Brands Hatch Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax Resoconto
6 Germania Gran Premio di Germania 2 agosto Nürburgring Regno Unito John Surtees Italia Ferrari Resoconto
7 Austria Gran Premio d'Austria 23 agosto Zeltweg Italia Lorenzo Bandini Italia Ferrari Resoconto
8 Italia Gran Premio d'Italia 6 settembre Monza Regno Unito John Surtees Italia Ferrari Resoconto
9 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti 4 ottobre Watkins Glen Regno Unito Graham Hill Regno Unito BRM Resoconto
10 Messico Gran Premio del Messico 25 ottobre Autodromo Hermanos Rodríguez Stati Uniti Dan Gurney Regno Unito Brabham-Climax Resoconto

Gare non valide per il mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nome Circuito Data Pilota vincitore Team vincitore
Regno Unito II Daily Mirror Trophy Snetterton 14 marzo Regno Unito Innes Ireland Regno Unito BRP-BRM
Regno Unito I News of the World Trophy Goodwood 30 marzo Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax
Italia XIII Gran Premio di Siracusa Siracusa 12 aprile Regno Unito John Surtees Italia Ferrari
Regno Unito IX Aintree 200 Aintree 18 aprile Australia Jack Brabham Regno Unito Brabham-Climax
Regno Unito XVI BRDC International Trophy Silverstone 2 maggio Australia Jack Brabham Regno Unito Brabham-Climax
Germania XIV Solitude Grand Prix Solitudering 19 luglio Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax
Italia III Gran Premio del Mediterraneo Pergusa 16 agosto Svizzera Jo Siffert Regno Unito Brabham-BRM
Sudafrica VII Gran Premio del Rand Kyalami 12 dicembre Regno Unito Graham Hill Regno Unito Brabham-BRM
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Formula Tasman stagione 1964.

Nella stagione venne anche disputata la prima edizione della Formula Tasman; la serie impiegava vecchie vetture di Formula 1.

Classifica Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema di punteggio prevedeva l'attribuzione ai primi sei classificati rispettivamente di 9, 6, 4, 3, 2 e un punto. Per la classifica finale valevano i migliori sei risultati e per questo motivo Surtees divenne campione del mondo: Hill totalizzò 41 punti di cui 39 validi, mentre Surtees registrò 40 punti, tutti validi. Nella colonna Punti sono indicati i punti effettivamente validi per il campionato, tra parentesi i punti totali conquistati.

Pos. Pilota Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti
1 Regno Unito John Surtees Rit 2 Rit Rit 3 1 Rit 1 2 2 40
2 Regno Unito Graham Hill 1 4 5 2 2 2 Rit Rit 1 11 39 (41)
3 Regno Unito Jim Clark 4 1 1 Rit 1 Rit Rit Rit 7 5 32
4 Italia Lorenzo Bandini 10 Rit Rit 9 5 3 1 3 Rit 3 23
5 Stati Uniti Richie Ginther 2 11 4 5 8 7 2 4 4 8 23
6 Stati Uniti Dan Gurney Rit Rit 6 1 13 10 Rit 10 Rit 1 19
7 Nuova Zelanda Bruce McLaren Rit 7 2 6 Rit Rit Rit 2 Rit 7 13
8 Regno Unito Peter Arundell 3 3 9 4 11
= Australia Jack Brabham Rit Rit 3 3 4 12 9 14 Rit Rit 11
10 Svizzera Jo Siffert 8 13 Rit Rit 11 4 Rit 7 3 Rit 7
11 Regno Unito Bob Anderson 7 6 NP 12 7 Rit 3 11 5
12 Sudafrica Tony Maggs NP NP Rit 6 4 4
= Regno Unito Mike Spence 9 8 Rit 6 Rit 4 4
14 Regno Unito Innes Ireland NP 10 Rit 10 5 5 Rit 12 4
15 Svezia Jo Bonnier 5 9 Rit Rit Rit 6 12 Rit Rit 3
16 Nuova Zelanda Chris Amon NQ 5 Rit 10 Rit 11 Rit Rit Rit 2
= Francia Maurice Trintignant Rit 11 NQ 5 Rit 2
= Stati Uniti Walt Hansgen 5 2
19 Regno Unito Mike Hailwood 6 12 8 Rit Rit 8 Rit 8 Rit 1
= Stati Uniti Phil Hill 9 8 Rit 7 6 Rit Rit Rit 9 1
= Regno Unito Trevor Taylor Rit 7 Rit Rit Rit NQ 6 Rit 1
= Messico Pedro Rodríguez 6 1
Italia Giancarlo Baghetti 10 8 12 Rit 7 8 0
Germania Gerhard Mitter 9 0
Italia Ludovico Scarfiotti 9 0
Messico Moisés Solana 10 0
Stati Uniti Peter Revson NQ SQ NP Rit 14 13 0
Stati Uniti Hap Sharp NC 13 0
Stati Uniti Ronnie Bucknum 13 Rit Rit 0
Regno Unito John Taylor 14 0
Paesi Bassi Carel Godin de Beaufort Rit NQ 0
Belgio André Pilette Rit NQ 0
Regno Unito Ian Raby Rit NQ 0
Australia Frank Gardner Rit 0
Germania Edgar Barth Rit 0
Austria Jochen Rindt Rit 0
Portogallo Mário de Araújo Cabral Rit 0
Regno Unito Richard Attwood NP 0
Svizzera Jean-Claude Rudaz NP 0
Francia Bernard Collomb NQ 0
Rhodesia John Love NQ 0
Italia Geki NQ 0
Pos. Pilota Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

Classifica Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Punti
1 Italia Ferrari 45 (49)
2 Regno Unito BRM 42 (51)
3 Regno Unito Lotus-Climax 37 (40)
4 Regno Unito Brabham-Climax 30
5 Regno Unito Cooper-Climax 16
6 Regno Unito Brabham-BRM 7
7 Regno Unito BRP-BRM 5
8 Regno Unito Lotus-BRM 3
Regno Unito Derrington-Francis-ATS 0
Giappone Honda 0
Germania Porsche 0
Regno Unito Scirocco-Climax 0
Regno Unito Brabham-Ford 0
Regno Unito Cooper-Ford 0
  • Solo i migliori 6 risultati contarono per il Campionato Costruttori. I numeri fuori parentesi sono i punti validi in Campionato; i numeri in parentesi sono i punti totali conquistati.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1