Jochen Rindt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jochen Rindt
Rindt, Jochen 1968.jpg
Dati biografici
Nome Jochen Karl Rindt
Nazionalità Austria Austria
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1964-1970
Scuderie Brabham, Cooper, Lotus
Mondiali vinti 1 (1970)
GP disputati 62
GP vinti 6
Podi 13
Pole position 10
Giri veloci 3
unico pilota ad aver vinto un titolo mondiale post-mortem
Statistiche aggiornate al Gran Premio d'Italia 1970

Jochen Karl Rindt (Mainz, 18 aprile 1942Monza, 5 settembre 1970) è stato un pilota automobilistico austriaco, campione del mondo di Formula 1 nel 1970. Il titolo gli fu, però, assegnato postumo dopo che il pilota trovò la morte in un incidente sul circuito di Monza.

Dotato di uno stile di guida aggressivo e spettacolare,[1] era considerato uno dei migliori piloti automobilistici della sua epoca.[1] Durante la sua intera carriera agonistica, pur mantenendo fino alla sua morte la cittadinanza tedesca, corse sotto licenza austriaca, Paese in cui si trasferì dopo la morte dei genitori avvenuta a causa di un bombardamento degli Alleati durante la seconda guerra mondiale.[1]

Rindt trascorse buona parte della sua carriera in Formula 1, categoria in cui vinse sei Gran Premi, ma ottenne successi pure in altre categorie, quali la Formula 2 e le competizioni a ruote coperte, in cui conquistò la 24 Ore di Le Mans del 1965.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Jochen Rindt nacque a Magonza nel 1942, durante la seconda guerra mondiale. I suoi genitori vennero uccisi durante un bombardamento aereo due anni dopo e venne adottato da nonni residenti a Graz, in Austria.[2] Sviluppò, però, fin dalla tenera età una gran passione per l'automobilismo e, nel 1961, decise di vendere l'azienda lasciatagli dal padre in eredità per cominciare a gareggiare,[2] comprando una Simca Monthlery in modo da poter correre nelle competizioni rallystiche, poi in seguito nel campionato turismo con una Giulietta Ti.

Il suo debutto in monoposto avvenne nel 1963, con la partecipazione al campionato di Formula Junior, dove ebbe l'occasione di competere con altri piloti di rilievo come Stewart e Siffert. L'anno seguente passò alla Formula 2, categoria che lo vide protagonista assoluto fino al tragico epilogo della sua carriera. Raccolse in questa categoria un numero impressionante di pole e vittorie (circa 45 in 6 anni), misurandosi sempre con piloti come Jim Clark e Graham Hill. Sempre nel 1964 balzò all'onore della cronaca sportiva vincendo la famosa gara internazionale di F2 sul circuito di Crystal Palace nei pressi di Londra, battendo in quell'occasione Clark, Hill e Stewart.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Jochen Rindt con la Cooper-Climax T77 al Nürburgring nel 1965.

Sempre in quell'anno debutta in Formula 1 nel Gran Premio d'Austria sulla pista ricavata dall'aerodromo di Zeltweg al volante di una Brabham della scuderia di Rob Walker. Parte tredicesimo ma dovrà ritirarsi per un guasto al cambio. Nel 1965 approda stabilmente al campionato di F1 con la Cooper, al fianco di Bruce McLaren. Nella stagione 1966 alla guida della Cooper-Maserati ottiene diversi risultati a podio e il terzo posto finale nel campionato. In seguito, nel 1968 entra a far parte della scuderia Brabham, ma in F1 non riesce ad ottenere grandi risultati, se non alcune pole position e giri veloci in gara, per via della scarsa competitività della monoposto.

Rindt era un pilota velocissimo sul giro, tanto che la stampa specializzata prese a chiamarlo "Grindt" visto il suo temperamento focoso in pista. I tifosi lo chiamavano anche "Dynamite" per via del suo piede destro molto pesante. Curioso il soprannome che gli diedero alcuni giornalisti, "Tiger" per via del suo naso che era schiacciato come quello del famoso felino. Il decano dei giornalisti inglesi Denis Jenkinson disse che secondo lui Rindt era velocissimo ma senza testa, tanto che se avesse vinto un Gran Premio si sarebbe tagliato per scommessa la sua famosa barba. Jenkinson per inciso si tagliò la barba nel 1969 quando Jochen vinse il suo primo Gp al volante della Lotus.

In questi anni, oltre che in F1, Rindt, partecipò anche ad altre gare automobilistiche ottenendo anche ottimi risultati, come la vittoria alla 24 ore di Le Mans nel 1965 al volante di una Ferrari in coppia con l'americano Masten Gregory.

Rindt impegnato alla guida della sua Lotus 49B al Gran Premio di Germania 1969.

Alla fine del 1968 entrò nel team della Lotus come compagno di Graham Hill. Nella stagione successiva fu vittima di un grave incidente al GP di Spagna dove si ruppe la mascella e subì una commozione cerebrale che gli procurò disturbi alla vista e all'equilibrio per qualche tempo. Ristabilitosi, conquistò il suo primo successo sul circuito di Watkins Glen, dove il suo compagno di scuderia, Hill, si fratturò le gambe.

Nel 1970 diventò il pilota di punta della Lotus e riuscì a vincere cinque gare. Approdò al Gran Premio d'Italia primo in classifica generale, con un consistente vantaggio sugli inseguitori e con l'obiettivo di vincere matematicamente il titolo mondiale.

L'incidente fatale[modifica | modifica sorgente]

Durante le qualifiche del sabato perse il controllo della vettura appena prima della curva Parabolica, andando a sbattere contro il guard-rail. La vettura si disintegrò e Rindt morì sul colpo.
Le cause dell'impatto sono tuttora ignote. Molto probabilmente le vettura di Rindt accusò un problema all'impianto frenante; l'ipotesi più accreditata riguarda la rottura dell'alberino di supporto del disco freno entrobordo che si tranciò di netto a causa del cedimento strutturale del materiale, troppo sollecitato dall'assenza degli alettoni che rendevano molto instabile la Lotus 72. Questa scelta tecnica fu attuata per contenere la differenza di prestazioni con le Ferrari su un circuito veloce come quello di Monza. La brusca decelerazione prima della Parabolica portò la vettura verso il guard-rail. L'angolo di impatto non era dei peggiori, ma la ruota sinistra si infilò sotto il parapetto, dove probabilmente dei tifosi avevano scavato una buca per entrare clandestinamente nell'autodromo, e questo causò l'inizio di una rapidissima rotazione. Il medico che per primo intervenne sul luogo dell'incidente verificò che, nonostante le ferite evidenti al torace e agli arti inferiori, non c'era fuoriuscita di sangue in quanto era avvenuto un arresto cardiaco al momento dell'impatto con il rail. Le pupille risultavano molto dilatate. Clinicamente era ancora vivo ma dopo il primo massaggio cardiaco il polso era ancora debolissimo.

La morte certamente fu causata principalmente dal piantone dello sterzo che sfondò lo sterno del pilota austriaco: le cinture di sicurezza si strapparono parzialmente dai sei punti di ancoraggio alla scocca e non ressero alla decelerazione dell'impatto, proiettando il pilota in avanti verso il volante. La decelerazione fortissima e la totale perdita dell'avantreno dovuta all'impatto, fecero sì che anche gli arti inferiori subissero danni pesanti seppur non fatali. Il piede sinistro, il più danneggiato dall'angolo d'impatto, era separato quasi di netto dalla caviglia. Ai soccorritori che per primi giunsero sul luogo apparve una scena raccapricciante: Rindt era disteso nell'abitacolo con gli arti inferiori completamente esposti. Spirò pochi minuti dopo nell'ambulanza che lo stava trasportando all'ospedale Niguarda di Milano. Fu aperta un'inchiesta dalla magistratura italiana che mise sotto accusa la Lotus e Colin Chapman per la scarsa solidità delle sue vetture.

Da riportare che Jochen mal sopportava l'utilizzo del casco integrale, che riduceva a suo giudizio il campo visivo quando era alla guida. Rindt soffriva anche di mal d'auto.

La vittoria di Emerson Fittipaldi al Gran Premio degli Stati Uniti impedì a Jacky Ickx di superare l'austriaco in classifica generale, in tal modo Rindt fu il primo (ed unico ad oggi) campione del mondo postumo.

Rindt è tutt'oggi inumato nel Cimitero centrale di Graz.

Vittorie[modifica | modifica sorgente]

1965
1969
  • Stati Uniti GP Stati Uniti - Lotus 49B-Cosworth DFV
1970
  • Monaco GP Monaco - Lotus 49C-Cosworth DFV
  • Paesi Bassi GP Olanda - Lotus 72-Cosworth DFV
  • Francia GP Francia - Lotus 72-Cosworth DFV
  • Gran Bretagna GP Gran Bretagna - Lotus 72-Cosworth DFV
  • Germania GP Germania - Lotus 72-Cosworth DFV
  • Campione del Mondo di F1

Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

1964 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti Pos.
Brabham BT11 Rit 0
1965 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti Pos.
Cooper T73 e T77 Rit NQ 11 Rit 14 Rit 4 8 6 Rit 4 13º
1966 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti Pos.
Cooper T81 Rit 2 4 5 Rit 3 4 2 Rit 22 (24)
1967 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Canada.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Punti Pos.
Cooper T81, T81B e T86 Rit Rit Rit 4 Rit Rit Rit Rit 4 Rit 6 13º
1968 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Brabham BT24 e BT26 3 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 3 Rit Rit Rit Rit 8 12º
1969 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Lotus 49B Rit Rit Rit Rit 4 Rit 2 3 1 Rit 22
1970 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Lotus 49C e 72 13 Rit 1 Rit 1 1 1 1 Rit NP 45
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Casamassima, op. cit., pag. 698.
  2. ^ a b Ludovico Basalù, Grande e sfortunato in Rombo, 12 settembre 2000, p. 34.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1, Calderini Edagricole, 1996. ISBN 88-8219-394-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22949132 LCCN: n00042488