Emerson Fittipaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« La velocità, per me, è essere primo davanti a tutti »
(Emerson Fittipaldi)
Emerson Fittipaldi
Fittipaldirindo.jpg
Dati biografici
Nazionalità Brasile Brasile
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1, Champ Car
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1970-1980
Scuderie Team Lotus, McLaren, Fittipaldi
Mondiali vinti 2
GP disputati 149 (144 partenze)
GP vinti 14
Podi 35
Punti ottenuti 281
Pole position 6
Giri veloci 6
 

Emerson Fittipaldi (San Paolo, 12 dicembre 1946) è un ex pilota automobilistico brasiliano di origini italiane e russo-polacche, soprannominato "Emmo" ma anche "O Rato" (cioè "Il Topo") per la sua dentatura caratteristica. È stato campione del Mondo di Formula 1 nel 1972 e 1974, vincendo un totale di 14 Gran Premi. Ha poi tentato senza fortuna di fondare una propria scuderia Fittipaldi insieme al fratello Wilson, anch'egli pilota. Si è, quindi, trasferito in America dove ha vinto un campionato CART e due 500 Miglia di Indianapolis a suo tempo unica gara del campionato USAC che assegnano al brasiliano anche 2 titoli americani. Dopo A.J. Foyt, Michael Schumacher e Rick Mears, è il pilota più titolato nei massimi campionati a ruote scoperte insieme a Juan Manuel Fangio e Mario Andretti.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Fittipaldi entrò nel mondo dei motori come meccanico. Cominciò la sua carriera nelle moto per poi seguire le orme del fratello maggiore Wilson e iniziare a correre nei karting all'età di 16 anni: entrambi passarono presto alle macchine. Nel 1966 passò alla Formula Vee e nel 1967, suo secondo anno di permanenza vinse il titolo di campione brasiliano.

Nel 1969, poi il pilota brasiliano arrivò in Europa e gareggiò in Formula Ford: dopo un inizio difficile, si unì al team di Denny Rowland, col quale ottenne ottimi risultati tanto che in tre mesi passò alla F3 inglese. Qui, alla guida di una Lotus fornitagli dal team di Jim Russell, si mostrò intelligente e molto veloce, tanto che conquistò il titolo.

Ciò attirò l'attenzione di Colin Chapman, patron del Team Lotus, che lo mise al volante di una sua Formula 2. Non vinse alcuna gara ma attirò su di sé il mondo della Formula 1 per l'abilità nella gestione del mezzo e il suo talento nel sviluppare la vettura.

I primi anni in F1[modifica | modifica wikitesto]

Il 1970[modifica | modifica wikitesto]

Fittipaldi guida la sua Lotus al Gp di Germania del 1971

Così alla fine dell'anno, Fittipaldi passò alla categoria regina dell'automobilismo: infatti, Chapman stava cercando un terzo pilota per supportare Jochen Rindt, ormai lanciato alla vittoria del mondiale, e naturalmente scelse il suo pupillo. Fittipaldi fu così lanciato nel circo della Formula 1 a soli 23 anni, alla guida della vettura dell'anno precedente; la sua prima partecipazione risale al GP di Gran Bretagna, in cui ottenne in qualifica un poco consolante ventunesimo posto. Terminò poi la gara con un'ottima ottava posizione. Ma già al secondo GP, in Germania, si fece notare. Infatti dopo essere partito dalla tredicesima piazza riuscì a conquistare una quarta posizione di grande valore, mentre il suo caposquadra Rindt conquistava la sua ultima vittoria nel mondiale.

Dopo la gara dell'Austria, in cui si ritrovò quindicesimo, giunse il terribile appuntamento di Monza. Il giorno prima della gara Jochen Rindt perse il controllo della vettura per un problema ai freni, urtò un terrapieno e morì sul colpo. Naturalmente il team Lotus e lo stesso Fittipaldi si ritirarono dall'evento. Alcuni giorni dopo, la seconda guida del team, John Miles, traumatizzato dalla morte dell'austriaco, annunciò il suo improvviso e immediato ritiro. Fittipaldi, con soli tre Gran Premi all'attivo si ritrovò da terza guida a leader del team. Dopo che la squadra Lotus ha saltato anche il GP del Canada per lutto, Emmo si mostrò il naturale successore del defunto Rindt nel cruciale GP degli Stati Uniti, a Watkins Glen. Terzo in prova, dopo una brutta partenza, fece una poderosa rimonta, al termine della quale, a nove giri dalla fine, superò Pedro Rodríguez, andando a vincere una gara alla sua quarta partecipazione ad un GP, e impedendo a Jacky Ickx di togliere il titolo allo sfortunato Jochen Rindt, grazie anche alla possibilità di usare la nuova Lotus 72. Anche il suo nuovo compagno di squadra, il debuttante Reine Wisell, effettuò una stupenda prestazione giungendo terzo. All'ultima gara della stagione, il GP del Messico, Fittipaldi fu costretto al ritiro da un problema al motore.

Il 1971[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1971 prometteva di essere brillante per il brasiliano. Sfortunatamente, così non accadde. Innanzitutto, prima dell'inizio del campionato, Fittipaldi fu vittima assieme alla moglie di un incidente stradale, nel quale fu ferito dai pezzi dei vetri della vettura. Da un punto di vista tecnico, Chapman spese quest'anno a progettare una Formula 1 a turbina. Il progetto, per il quale furono spesi un mucchio di tempo ed energie, si rivelò un autentico disastro e fu abbandonato alla fine dell'anno. Fittipaldi ha dovuto lottare per il campionato con una non perfetta Lotus 72D, e non ha potuto fare meglio di due terzi posti, in Francia al Paul Ricard e in Gran Bretagna, a Silverstone, concludendo al sesto posto in campionato con 16 punti, mentre il compagno di squadra Wisell arrivò nono con 9 punti.

I duelli con Stewart e il primo titolo mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il 1972[modifica | modifica wikitesto]

Fittipaldi alla guida di una Lotus nel 1972

Nel 1972 la Lotus, chiamata ora ufficialmente col marchio JPS, migliorò la 72D permettendo a Emerson Fittipaldi, confermato ancora come prima guida, di cogliere vittorie, nonostante la concorrenza delle Tyrrell, campioni nel 1971, sembrasse forte. In realtà le vetture di Jackie Stewart e François Cévert avevano perso molto del loro potenziale durante l'inverno, ed Emerson beneficiò di questo fatto. Accanto a lui fu chiamato l'australiano Dave Walker, già collaudatore della Lotus a turbina dell'anno prima, al posto dello svedese Reine Wisell, passato alla BRM.

Prima dell'inizio della stagione, Fittipaldi riuscì a vincere la "Race of Champions", a Brands Hatch. Dopo un ritiro nella prima gara, in Argentina, sotto la pioggia, il brasiliano finì secondo a Kyalami, in Sud Africa, alle spalle di Denny Hulme; in seguito aprì la stagione europea con un'indiscutibile vittoria sul circuito bagnato di Jarama, al GP di Spagna, il 1º maggio. A Monaco, Emerson ottenne la sua prima pole position, ma in gara, sotto una pioggia battente, non ha potuto nulla contro la BRM di Jean-Pierre Beltoise e giunse terzo, dietro anche alla Ferrari di Jacky Ickx. La gara successiva, in Belgio, sul tracciato di Nivelles segnò il weekend perfetto, con pole e vittoria facile su Cevert. In questo momento guida la classifica del mondiale con nove punti di vantaggio su Hulme.

Fittipaldi al termine del vittorioso Gran Premio d'Italia 1972, vittoria che lo laureeò campione del mondo.

Al GP di Francia sul tracciato di Clermont-Ferrand che non conosceva ottenne un tranquillo secondo posto. Nella stessa gara fu però protagonista involontario di un terribile incidente: dopo otto giri, una pietra sollevata dalla sua Lotus colpì in un occhio il pilota austriaco Helmut Marko, ponendo fine alla sua carriera.

Al successivo GP di Gran Bretagna a Brands Hatch ottenne una facile vittoria grazie al ritiro della Ferrari di Ickx. Dopo un ritiro in Germania per problemi al cambio, Fittipaldi raccolse un altro successo, in Austria, che lo proiettò in testa al campionato con un vantaggio di 25 punti su Stewart e Hulme. L'incoronazione a campione era vicina. A Monza, gara che poteva essere facilmente vinta dalla Ferrari, costretta però ad abbandonare, vinse Fittipaldi e, a 25 anni, si laureò campione del mondo con due gare d'anticipo, dopo un duello con Jackie Stewart. Emerson diventò il più giovane campione della Formula 1 a poco più di venticinque anni. Il suo record ha resistito fino al 2005 quando è stato battuto dallo spagnolo Fernando Alonso.

Proprio grazie a questo risultato, l'anno successivo, il regista brasiliano Roberto Farias girò un film biografico sul brasiliano, intitolandolo Il favoloso Fittipaldi (O fabuloso Fittipaldi), film documentario sulla vita e le imprese del pilota suo connazionale.

Le due gare finali, dominate dalle rinate Tyrrell, non portarono punti al brasiliano, che comunque, grazie al suo risultato, fece rinascere in Brasile la passione per i motori e aprì le porte alle carriere di Carlos Pace, Nelson Piquet e, ovviamente, Ayrton Senna

Il 1973[modifica | modifica wikitesto]

Per il 1973 la Lotus migliorò ulteriormente il modello 72, in configurazione "E", chiaramente sperando di ripetere il risultato dell'anno prima. Ma quell'anno il brasiliano si ritrovò a convivere con un compagno di squadra molto più forte di Wisell o Walker (che l'anno prima, con la vettura campione del mondo, non ottenne nemmeno un punto): il velocissimo svedese Ronnie Peterson. E i rapporti tra i due furono molto tesi. Eppure l'inizio di mondiale fu subito favorevole al brasiliano: vincitore in Argentina, riuscì nell'impresa di vincere nella sua corsa di casa, il GP del Brasile a Interlagos, per la prima volta valido per il mondiale. Terzo in Sudafrica, tornò alla vittoria in Spagna al Montjuïc, dove però beneficiò del ritiro del leader, che era proprio il suo compagno di squadra Peterson. In quel momento stava guidando il mondiale con 12 punti di vantaggio su Stewart.

Emerson Fittipaldi nel 1972, in sella a una Moto Guzzi

Nelle due successive gare, in Belgio a Zolder e a Montecarlo, lo scozzese vinse ed Emmo non riuscì a far meglio di un terzo e un secondo posto, che furono comunque il male minore. Il peggio stava però per cominciare. In Svezia fu tradito dai freni mentre era secondo, in Francia si ritirò per un incidente, in Gran Bretagna si ruppe il giunto, in Olanda ebbe problemi fisici che lo costrinsero al ritiro dopo soli due giri. Riuscì poi a portare a casa un punto in Germania, prima di essere di nuovo costretto al ritiro in Austria. Inutile dire che, dopo una tale serie negativa, Stewart riuscì a involarsi in testa al campionato, grazie anche alla ritrovata competitività della Tyrrell col modello 006. In verità, durante questo periodo, Peterson, approfittando dei guai del proprio compagno di squadra, riuscì a raccogliere molti punti. Furioso, Fittipaldi accusò Chapman di penalizzarlo a vantaggio dello svedese, mentre egli gli era ancora davanti in campionato. L'atmosfera in casa Lotus si fece sempre più pesante. Il culmine fu raggiunto a Monza, quando Peterson vinse davanti a Fittipaldi, non lasciando passare il brasiliano che necessitava di una vittoria per poter rimanere in lotta per il campionato del mondo. Ma lo svedese non si curò di ciò e Stewart vinse facilmente il suo terzo e ultimo mondiale. Quanto a Chapman, riuscì a ottenere la vittoria nel mondiale costruttori grazie all'ultima vittoria di Peterson, a Watkins Glen. Emerson, molto amareggiato e deluso dal comportamento della sua squadra, prese la decisione di abbandonare la Lotus a fine anno.

I duelli con la Ferrari e il secondo titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1974[modifica | modifica wikitesto]

Fittipaldi alla guida della McLaren nel 1974

Fittipaldi si accordò col team McLaren Ford Cosworth, che aveva fatto una bella stagione 1973 e sembrava avere davanti a sé un ottimo futuro con la M23 progettata da Gordon Coppuck. Accanto a sé il brasiliano aveva il campione del mondo 1967 Denny Hulme. In sintesi ha fatto la scelta giusta, in quanto la Lotus si è trovata in grande difficoltà.

La stagione 1974 cominciò in Argentina con un misero decimo posto, immediatamente risollevato da una strepitosa vittoria nel GP di casa a Interlagos. Alcuni giorni dopo vinse anche la gara fuori campionato svoltasi a Brasilia. Ma dopo ciò tutto si è complicato. Solo settimo a Kyalami, Fittipaldi dovette soffrire l'arrivo in Europa per la grande e spietata concorrenza delle Ferrari di Clay Regazzoni e Niki Lauda, le cui vetture erano superiori a quelle degli uomini di Teddy Mayer. Così non ha potuto far meglio di un terzo posto al Jarama, mentre la squadra del Cavallino ha ottenuto una doppietta. Riuscì però a vincere il GP del Belgio proprio davanti a Niki Lauda, vittoria che gli consentì di prendere la testa del campionato. In seguito però non ha potuto far altro che gestire il margine, con Ferrari e Tyrrell a occupare le prime posizioni. È finito quinto a Monaco, quarto ad Anderstorp, terzo a Zandvoort, risultati che gli permisero di mantenere la leadership della classifica. Un problema al motore Cosworth lo relegò in Francia dietro ai piloti Ferrari. Ormai il campionato si giocava tra Fittipaldi, Lauda, Regazzoni e Scheckter su Tyrrell. Buon secondo a Brands Hatch, Emmo ha dovuto ritirarsi al "Ring", in Germania. Altro motore rotto in Austria, dove però fortunatamente anche i suoi avversari si sono dovuti fermare. Ma a tre gare dalla fine, il brasiliano era solo quarto, nove punti dietro a Regazzoni. Comunque, la tendenza si invertì: a Monza finì secondo, dietro il suo vecchio "amico" Peterson, mentre Regazzoni fu costretto al ritiro, mentre in Canada colse addirittura la vittoria, la terza stagionale, davanti allo svizzero. I due rivali si trovarono in perfetta parità prima dello scontro finale a Watkins Glen, ultima gara della stagione. Le Ferrari, vittime di problemi alle sospensioni, non furono mai una minaccia per Fittipaldi, che terminò la gara con un saggio quarto posto, mentre il suo rivale Regazzoni finì in una disastrosa undicesima posizione. Emerson Fittipaldi è così campione del mondo per la seconda volta.

Il 1975[modifica | modifica wikitesto]

Fittipaldi impegnato al Gran Premio d'Argentina 1975.

Ovviamente Fittipaldi firmò per un'altra stagione con la McLaren, sperando di conquistare la terza corona iridata. Con il ritiro di Denny Hulme, è Jochen Mass che diventa suo compagno di squadra. La M23 stava per iniziare la terza stagione di corse e il designer Gordon Coppuck cominciò a migliorarla cambiando l'anteriore della vettura per eliminare i problemi di maneggevolezza.

Fittipaldi cominciò bene l'anno, con una vittoria davanti a James Hunt in Argentina e un secondo posto in Brasile dietro al suo connazionale Carlos Pace. Per Emmo sfortunatamente era già l'inizio della fine. La M23 versione 1975 deluse enormemente, soprattutto a causa di una scarsa tenuta di strada. La squadra McLaren passò il 1975 a tentare di risolvere inutilmente questo problema tramite parecchie soluzioni, come per esempio l'installazione di elementi tipo "minigonna" sotto la carrozzeria della vettura per il GP di Germania, senza successo. Malgrado il suo talento, Emerson non ha potuto far altro che raccogliere pochi risultati e fu costretto a cedere la corona a Niki Lauda, la cui Ferrari stava dominando il campionato. Riuscì quanto meno a raccogliere un secondo posto a Montecarlo, ma le sue motivazioni stavano calando. Il suo talento però era intatto, tanto che a Silverstone colse sotto la pioggia quella che forse è considerata la sua vittoria più bella. Mentre una leggera pioggia stava cadendo sulla pista, lui azzardò, e rimase in pista con gomme da asciutto mentre altri piloti si fermavano per mettere le "rain". La pioggia smise di cadere ed Emerson, non essendosi fermato, si ritrovò in testa alla gara. Alla fine ci fu un acquazzone che lo costrinse a fermarsi, ma la gara fu stoppata dai commissari, mantenendolo in testa alla fine della gara. Nessuno poteva ancora immaginarlo, ma da quel giorno non si sarebbe mai più rivisto Emerson Fittipaldi sul gradino più alto del podio in Formula 1.

Tutto sommato riuscì a finire vice-campione del mondo grazie a due secondi posti alla fine dell'anno, ma il cuore non era più lo stesso. Teddy Mayer voleva ingaggiare per il 1976 l'inglese James Hunt e per Fittipaldi questo fu troppo. Decise così di lasciare il team a fine anno.

Il passaggio a pilota-costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Il 1976[modifica | modifica wikitesto]

Emerson Fittipaldi guida la Copersucar nel 1976

Il fratello di Emerson, pur valido pilota in Brasile, non ha ripetuto i risultati nel vecchio continente. La sua carriera non riuscì mai a decollare ma alla fine del 1974 decise di dare il via ad un progetto per creare una nuova Formula 1, brasiliana al 100%, sfruttando anche la popolarità del fratello. Wilson beneficiò anche dei finanziamenti dello zuccherificio nazionale brasiliano, la Copersucar, che in origine diede anche il nome alla squadra. Jo Ramirez fu nominato direttore sportivo, Ricardo Divila ingegnere, mentre il pilota era lo stesso Wilson, con Arturo Merzario che ne prese il posto a Monza. Sfortunatamente la prima annata fu molto difficile da un punto di vista tecnico e la squadra non ottenne alcun punto. Alla fine dell'anno, Wilson decise di limitarsi al ruolo di team manager e convinse il fratello a prenderne il posto alla guida della vettura. Emerson portò la sua esperienza, ma anche alcuni ingegneri britannici e il progettista Maurice Philippe, suo amico, ex progettista Lotus. Accanto a Fittipaldi fu schierato per alcune gare il connazionale Ingo Hoffman

Il 1976 fu per Emerson un nuovo punto di partenza. In effetti, il due volte campione del mondo dovette cominciare ad abituarsi ai bassifondi della griglia. La monoposto si rivelò ben presto un fiasco e, nonostante un quinto posto nella griglia in Brasile, fu spesso confinata in fondo al gruppo. Ramirez e Divila pagarono il prezzo dell'insuccesso e il loro posto venne preso da Dave Baldwin. Malgrado ciò riuscì a racimolare tre sesti posti, sui tortuosi tracciati di Long Beach e Monaco, e su quello veloce di Brands Hatch, ma dovette anche subire l'onta della mancata qualificazione in Belgio. La stagione finì con soli tre punti che valsero al bi-campione del mondo il 16º posto in classifica iridata.

Il 1977[modifica | modifica wikitesto]

Dopo quest'anno pessimo, il team, ulteriormente rinforzato di meccanici inglesi, provò a spiccare definitivamente il volo. La nuova monoposto, la F5, fu pronta solo dopo un terzo di stagione, così il brasiliano dovette cominciare la stagione con la vettura '76. Nonostante ciò, l'inizio di stagione fu buono: al primo GP della stagione, in Argentina, finì in un'ottima quarta posizione, risultato ripetuto in casa, ad Interlagos, davanti ai suoi tifosi. A questi risultati bisogna aggiungere il quinto posto sul circuito cittadino di Long Beach. La nuova F5 arrivò in Belgio, dove cominciarono i problemi: la vettura mancava di potenza ed Emerson non riuscì a spremere cavalli in alcun modo. Malgrado i problemi derivassero principalmente dal motore Cosworth, Baldwin fu messo alla porta e rimpiazzato da Shahab Ahmed. La situazione precipitò: a Hockenheim e a Monza, Fittipaldi non riuscì nemmeno a qualificarsi. Il solo acuto avvenne a Zandvoort, con una macchina stranamente rinvigorita. Ma fu un fuoco di paglia. Il team Copersucar rinunciò alla trasferta finale in Giappone per concentrarsi sul 1978.

Il 1978[modifica | modifica wikitesto]

La nuova vettura sembrava promettere bene: ma la stagione si aprì in Argentina, con una prestazione incolore per Fittipaldi, che si rilanciò in Brasile: settimo in griglia, con una prestazione superba conquistò la seconda posizione. Fu il primo podio della sua squadra. Sfortunatamente, c'erano tutti gli elementi per credere che quest'ottima prestazione fosse dovuta a delle gomme particolarmente buone fornite dalla Goodyear per la gara di casa. Fittipaldi si ritrovò ben presto in fondo allo schieramento, nonostante la vettura avesse del potenziale. In Francia infatti, partito 21º, riuscì a rimontare fino all'ottava posizione. La seconda parte della stagione fu migliore grazie a una vettura rinnovata: arrivò quarto in Germania e in Austria e quinto negli Stati Uniti nonostante problemi alla frizione. Altri punti erano arrivati in Svezia con un 6º posto e in Olanda con un quinto. Alla fine, fu la miglior stagione per la squadra che chiuse al settimo posto nella classifica costruttori con 17 punti. Ma la direzione del team cominciò seriamente a pesare su Emerson.

Il 1979[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1979 fu realmente un incubo. Emerson aveva convinto i progettisti Peter McIntosh e Ralph Bellamy a passare dalla Lotus alla sua squadra. I due importarono la tecnologia Lotus delle minigonne, ma senza i risultati del team di Chapman. Iniziato il campionato con la vecchia vettura, Emerson racimolò un solo punto, in Argentina. La nuova vettura si dimostrò un vero disastro: lenta e poco affidabile, non consentì al pilota di racimolare alcun altro punto durante l'anno. Questi spese l'intero anno per rendere la vettura più affidabile, e alla fine dell'anno riuscì a concludere le ultime tre gare, senza però alcun punto. Fittipaldi finì 21º in campionato, con un misero punto, quello di Buenos Aires.

Alla fine dell'anno, il Team Fittipaldi sembrava sul punto di sparire, senza soldi e senza i finanziamenti della Copersucar, stanca dei risultati scarsi della squadra. Ma il team Wolf, proprietà del miliardario austro-canadese Walter Wolf, era in vendita. Così i due team si fusero e venne creata la Fittipaldi Automotive, derivata dalla rifondazione del vecchio team Copersucar. Dalla Wolf giunsero il direttore sportivo Peter Warr e il direttore tecnico Harvey Postlethwaite, che in futuro lavorerà anche in Ferrari. Pe la prima volta in quella squadra, ad Emerson venne affiancato ufficialmente un compagno di squadra: si trattava del finlandese Keke Rosberg, pilota Wolf nel '79.

Il 1980[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1980 cominciò bene per il team: Rosberg giunse in terza posizione dopo una gara maiuscola. In Brasile il finlandese compì un sorpasso per lo meno duro su Emmo, che uscì di pista: questa manovra gli costerà una tirata d'orecchie da parte del brasiliano. A Long Beach fu Emerson a condurre una buona gara e finire terzo, nel giorno della prima vittoria del suo connazionale Nelson Piquet, ma anche in quello dell'incidente del suo rivale del 1974 Clay Regazzoni, che da quel giorno sarà costretto sulla sedia a rotelle. A Monaco, partito 18º riuscì a concludere sesto. Dopo quest'ottimo inizio di stagione, i risultati peggiorarono: arrivò anche una nuova vettura, che però, mancando d'affidabilità, non brillò. Solo Rosberg riuscì a cogliere due punti, a Imola.

Dopo essere stato spesso stato dietro al proprio compagno di squadra, Emerson alla fine dell'anno prese la decisione di chiudere propria carriera in Formula 1. A 34 anni, dopo 10 passati nella categoria regina, dalla quale ha avuto gloria, delusioni, ma anche due titoli mondiali nel 1972 e 1974, il paulista decise di concludere la propria carriera sportiva per concentrarsi solamente sul ruolo di team manager.

Dopo l'abbandono: il ruolo di team manager e il ritiro della Fittipaldi[modifica | modifica wikitesto]

Emerson rimase come team manager nel paddock della Formula 1 nel 1981. La Fittipaldi Automotive era in una cattiva situazione: senza sponsor, una macchina molto lenta. Rosberg e Chico Serra, il sostituto di Fittipaldi, passarono l'anno in fondo alla griglia e spesso non si qualificarono. L'unico momento di gloria per il team fu il giro d'onore effettuato da Emerson Fittipaldi al volante della sua vettura prima del GP del Brasile, con tanto di ovazione del pubblico festante. In Austria il team non si presentò nemmeno a causa dell'assenza dei motori. Harvey Postlethwaite e Peter Warr decisero di lasciare la squadra. Alla fine dell'anno, il team non marcò nemmeno un punto, per la prima volta nella sua breve storia.

Ciò nonostante il team si ripresentò al via del mondiale 1982 con una sola vettura per Chico Serra, essendo Rosberg passato alla Williams, con la quale alla fine della stessa stagione riuscì addirittura a vincere il mondiale. Ricardo Divila, tornato nel team, cercò di assemblare una vettura, la F8D capace almeno di passare le qualifiche. Serra si impegnò al massimo e al GP del Belgio, il giorno dopo la morte di Gilles Villeneuve, riuscì addirittura a conquistare un punto, nonostante un alettone storto e un cambio difettoso. Ma i risultati positivi si limitarono a questo.

Dopo quest'orribile stagione, Emerson e Wilson decisero di abbandonare l'avventura. In questa maniera il nome Fittipaldi sparì dall'ambiente della F1: dieci anni dopo il nome ritornerà grazie a Christian Fittipaldi, figlio di Wilson e nipote di Emerson, che rimase nell'ambiente per 3 anni guidando per Minardi e Footwork.

Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1970 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Lotus 49C e 72C 8 4 15 NP 1 Rit 12 10º
1971 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 56B, 72C e 72D Rit Rit 5 3 3 Rit 2 8 7 NC 16
1972 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 72D Rit 2 1 3 1 2 1 Rit 1 1 11 Rit 61
1973 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 72D 1 1 3 1 3 2 12 Rit Rit Rit 6 Rit 2 2 6 55
1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
McLaren M23 10 1 7 3 1 5 4 3 Rit 2 Rit Rit 2 1 4 55
1975 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
McLaren M23 1 2 NC NP 2 7 8 Rit 4 1 Rit 9 2 2 45
1976 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Fittipaldi FD03 e FD04 13 7 6 Rit NQ 6 Rit Rit 6 13 Rit Rit 15 Rit 9 Rit 3 17º
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Fittipaldi FD04 4 4 10 5 14 Rit Rit 18 11 Rit NQ 11 4 NQ 13 Rit 11 12º
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
Fittipaldi F5A 9 2 Rit 8 9 Rit Rit 6 Rit Rit 4 4 5 8 5 Rit 17 10º
1979 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Fittipaldi F5 e F6 6 11 13 Rit 11 9 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 8 8 7 1 21º
1980 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Fittipaldi F7 e F8 NC 15 8 3 Rit 6 Rit 12 Rit 11 Rit Rit Rit Rit 5 15º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

CART[modifica | modifica wikitesto]

Emerson Fittipaldi alla guida nel campionato CART

Abbandonata la Formula 1 Fittipaldi nel 1984 decise di partecipare al campionato americano CART, diventando presto uno degli idoli del pubblico. Trovò un volante al team Patrick Racing in cui rimase fino al 1989. Nel 1990 passò poi alla scuderia di Roger Penske, dove rimase fino al 1995, anno in cui passò alla Lola. Nel 1996, però un grave incidente pose fine alla carriera del brasiliano.

Nel suo palmarès conta due 500 miglia di Indianapolis, che allora faceva parte del calendario della categoria, vinte nel 1989 e nel 1993. Proprio nel 1989 Fittipaldi trionfò anche nella classifica generale CART.

Il pilota di San Paolo è di recente tornato a correre nella categoria Grand Prix Masters, riservata ai vecchi campioni della Formula 1, in cui ha ottenuto un secondo posto nella gara inaugurale in Sudafrica e ora fa parte del team brasiliano in A1 Grand Prix.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Emerson Fittipaldi ha due parenti impegnati nelle corse: il fratello Wilson e il nipote Christian. È inoltre sposato e ha cinque figli, tre avuti dalla prima moglie, Maria Helena, e due avuti dall'attuale moglie Teresa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) E. Fittipaldi; E. Hayward, Flying on the ground, W. Kimber, 1973, ISBN 0-7183-0013-0.
  • (DE) R. Benoit, Emerson Fittipaldi, Copress-Verlag, 1974.
  • (EN) G. Kirby, Emerson Fittipaldi, Hazleton, 1990, ISBN 0-905138-78-3.
  • (EN) K. Ludvigsen, Emerson Fittipaldi: Heart of a Racer, Haynes, 2002, ISBN 1-85960-837-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 61667071 LCCN: n2003106102