Alfa Romeo Giulietta (1955)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo Giulietta
Paris - Mondial de l'automobile 2010 - Alfa Roméo Giulietta Berlina - 001.JPG
Alfa Romeo Giulietta IIIª serie del 1961
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Tipo principale Berlina
Altre versioni Promiscua
Spider
Sprint
SZ
Produzione dal 1955 al 1965
Sostituita da Alfa Romeo Giulia
Esemplari prodotti circa 131.876
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.980 mm
Larghezza 1.550 mm
Passo 2.380 mm
Massa 870 kg
Altro
Assemblaggio Stabilimento del Portello, Milano
Altre antenate Alfa Romeo 1900
Stessa famiglia Alfa Romeo Giulietta Sprint
Alfa Romeo Giulietta Spider
Alfa Romeo Giulietta SZ
Auto simili Fiat 1400
Ford Taunus 15M
Opel Rekord
Peugeot 403
Sunbeam Rapier
Hillman Minx
Singer Gazelle
Volkswagen 1500
Volvo Amazon
Note La TI è stata venduta fino al 1964
MHV Alfa-Romeo Giulietta 02.jpg

L'Alfa Romeo Giulietta è un'autovettura prodotta dal 1955 al 1965 dall'Alfa Romeo.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Già dalla fissazione degli obiettivi nel piano industriale, nel 1950, fu chiaro alla dirigenza che il nuovo modello "Giulietta" sarebbe stato il più importante nella storia dell'Alfa Romeo, rappresentando il passaggio alla modernità industriale.

Fino al modello "1900" le officine del Portello mantenevano una tipologia produttiva artigianale che consentiva di costruire una ventina di esemplari al giorno. Con la "Giulietta" si trattava di entrare nell'ambito della cd "motorizzazione di massa", con una produzione di almeno 200 vetture al giorno.

Il problema si presentava enorme, sia dal punto di vista organizzativo, sia da quello economico. Per risolvere l'aspetto economico l'azienda decise di avviare una sottoscrizione pubblica di capitali, attraverso l'emissione di cartelle fondiarie dell'IRI, con l'impegno di mettere in vendita il nuovo modello entro il 1954. Per allettare i risparmiatori all'investimento fu anche decisa una lotteria a estrazione mensile e vincita di una vettura, a partire dal gennaio 1955.

All'Alfa Romeo non erano certo i progettisti d'ingegno a scarseggiare, tuttavia risultava assente la figura di una valida guida tecnica, in grado di concertare il lavoro dei progettisti e industrializzare il prodotto. Tale incarico, era stato egregiamente ricoperto da Ugo Gobbato, purtroppo assassinato nel 1945. Per sostituirlo fu reclutato l'ingegnere austriaco Rudolf Hruska che aveva già seguito l'industrializzazione della "Maggiolino", al fianco di Ferdinand Porsche.

Il piano industriale fu avviato nel 1951, con la denominazione del progetto in "Tipo 750", che faceva pensare ad una vettura utilitaria, nell'intento di depistare i giornalisti e mantenere il più assoluto riserbo sul tipo della futura automobile.

Progettazione e prototipi[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione del motore fu demandata al gruppo capeggiato da Giuseppe Busso, mentre il gruppo di Orazio Satta Puliga studiava la restante parte meccanica e telaistica. Contemporaneamente il centro stile guidato da Giuseppe Scarnati tracciava la linea delle carrozzerie berlina e coupé, e la compagine di Hruska si occupava delle linee di produzione e montaggio.

Il lavoro delle quattro converticole tecniche procedette speditamente e in perfetta armonia per oltre due anni, restituendo buoni frutti. Nei primi mesi del 1953 il propulsore era già stato ampiamente testato, così come molti organi meccanici, e si procedette alla costruzione dei primi prototipi da provare su strada.

I risultati furono entusiasmanti per le prestazioni rilevate e stabilità della vettura. Una grave pecca era però rappresentata dalla scarsa insonorizzazione dell'abitacolo. Dopo molti tentativi e modifiche il problema non venne risolto e questo impediva di completare la linea di assemblaggio della carrozzeria e, soprattutto, di definire le specifiche dei contratti di fornitura per i componenti prodotti all'esterno dell'azienda.

Alla fine del 1953 la situazione si fece grave e Hruska chiese un incontro con la dirigenza dell'azienda per illustrare la situazione. Secondo il tecnico tedesco era impensabile mettere sul mercato una vettura con rumorosità molto superiore alla concorrenza, in particolare considerando che in due mesi di tentativi, non era stato possibile ridurla in maniera consistente. Hruska propose quindi di presentare prima il modello coupé, facendolo realizzare a carrozzieri esterni, per il quale la rumorosità nell'abitacolo sarebbe stata più facilmente tollerata o, addirittura, gradita dalla clientela. Così facendo si poteva recuperare il tempo necessario per eliminare il difetto.

La dirigenza rifiutò la proposta di Hruska che, per tutta risposta, minacciò le immediate dimissioni. Visto lo stato di impasse, il presidente Giuseppe Luraghi si schierò con Hruska e venne decisa la presentazione anticipata della versione coupé, rispetto alla berlina.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Alfa Romeo Giulietta Sprint.

La vettura[modifica | modifica wikitesto]

Al salone dell'automobile di Torino del 1955 l'Alfa Romeo presenta la Giulietta, l'automobile che doveva rappresentare la definitiva riscossa. E il successo arrivò. Ne saranno costruite quasi 132.000 nello Stabilimento del Portello a Milano, numeri di produzione impressionanti per l'epoca. Questa vettura compare sulla copertina del numero 1 della rivista Quattroruote.

Muso e coda della Giulietta berlina Iª serie del 1955

Mai prima d'ora si era vista una vettura tanto potente, ma anche parca nei consumi, con una frenata eccezionale e un grande bagagliaio offerta a un prezzo tutto sommato, abbordabile. La Giulietta "berlina" condivideva la meccanica della splendida e filante coupé Alfa Romeo Giulietta Sprint presentata al pubblico esattamente un anno prima nel 1954.

Il nome dell'autovettura, scelto per analogia con la celebre opera Shakespeariana, venne ripreso dalla casa del biscione per denominare un modello del ventennio successivo, ed ancora per denominare un nuovo modello nel 2010.

La tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il motore della prima versione, un 4 cilindri di 1290cm³, erogava una potenza di 50 cavalli ed era dotato di un cambio al volante manuale a 4 marce. Nel 1957 venne presentata la versione più potente, denominata Giulietta TI (Turismo Internazionale) con lievi modifiche estetiche al cofano che perdeva la freccia stilizzata, alla ghiera dei fanali ed alle luci posteriori, più in alto ed incassate, e, soprattutto, dotata del motore da 65cv: venne utilizzata con successo nei rally, nelle gare in salita e quelle di durata.

Restyling 1959[modifica | modifica wikitesto]

Muso e coda della Giulietta berlina IIª serie del 1959

Al salone dell'automobile di Francoforte debuttò la versione aggiornata della Giulietta: il bocchettone del serbatoio era ora inserito nel parafango posteriore destro ed era dotato di sportellino, il muso venne ridefinito, con parafanghi più bombati, fanali incassati, nuove ghiere dei fari e mascherina anteriore rielaborata con barre orizzontali. I parafanghi posteriori avevano le estremità a pinna e i nuovi fanalini con relativo catarifrangente. Negli interni era molto più curata ed il cruscotto portava strumenti allungati comprendendo anche il contagiri.

La 100.000.esima Giulietta[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 1961, l'attrice Giulietta Masina tiene a battesimo l'esemplare 100.001 della serie "Giulietta": il raggiungimento di questo traguardo - all'epoca davvero significativo - sta a dimostrare il successo commerciale delle Giulietta nelle diverse versioni[1].

Restyling 1961[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961 la TI venne potenziata a 74 CV (54 kW); con questa nuova motorizzazione era in grado di raggiungere la velocità di quasi 160 km/h.

Alla fine della sua carriera fu motorizzata con il propulsore unificato della Giulia 1300, che la rimpiazzò solo nel 1964.

Le versioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Tra le versioni speciali si ricordano la Colli Promiscua, una familiare prodotta in 90 unità (71 nel 1959 e 19 nel 1960)[2]

Nel 1956 ne fu prodotto un prototipo destinato alle competizioni denominato 750 Competizione. Realizzato da Carlo Abarth, il mezzo face parte di un progetto segreto mirato a riportare l'Alfa Romeo nell'ambito delle competizioni riservate a vetture sport. Come propulsore venne scelta una versione potenziata a 1500 cc del motore da 1300 cc che equipaggiava la Giulietta, mentre il telaio avvolto da una carrozzeria in configurazione barchetta realizzato da Boano era in lamiera scatolata. Il progetto non arrivò mai ad un'effettiva produzione di serie in quanto parte della dirigenza della casa del biscione si oppose al ritorno nelle competizioni per timore che tale operazione sottraesse uomini e materiali cruciali per lo sviluppo delle vetture di serie.[3]

La denominazione "Giulietta"[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della denominazione "Giulietta", sebbene chiaramente riferita all'opera shakespeariana Romeo e Giulietta, è stata oggetto di varie versioni e aneddoti. Il più curioso racconta che nell'ottobre 1950 una delegazione di otto dirigenti dell'Alfa Romeo fu inviata al Salone dell'automobile di Parigi per la presentazione del nuovo modello "1900". Nel corso di una cena offerta in loro onore dal concessionario francese dell'Alfa Romeo, in un noto ristorante parigino, i dirigenti furono scherzosamente apostrofati da un decaduto principe russo che, per sbarcare il lunario, si esibiva nei locali pubblici inventando filastrocche e poesiole all'indirizzo dei clienti. Quella sera il "poeta burlesco", per canzonare l'atteggiamento austero e compassato degli ospiti d'onore, recitò: «Je vois huit Roméo, mais aucune Juliette!» (Vedo otto Romeo, ma nessuna Giulietta!). L'episodio venne ricordato da alcuni di questi dirigenti nella riunione per decidere il nome commerciale del nuovo modello "tipo 750" e la scelta cadde su "Giulietta", di fatto ispirato da un artista di strada franco-russo.

Dati tecnici Giulietta 1955[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo Giulietta 1.3- 1955
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea ciclo Otto in lega leggera Cilindrata: Alesaggio x corsa = 70 x 75 mm: totale 1.290 cm³
Distribuzione: 2 alberi a camme in testa Alimentazione:
Prestazioni motore Potenza: 50 CV (37 kw) a 5.200 rpm
Frizione: monodisco a secco Cambio: a 4 marc
Telaio
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti / posteriori: a ponte rigido
Prestazioni dichiarate
Velocità: 136 km/h Accelerazione:

Le immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio storico Alfa Romeo
  2. ^ Storia delle SW Alfa Romeo
  3. ^ 1956 A.R.750 COMPETIZIONE. URL consultato il 3 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giancenzo Madaro, Alfa Romeo "Giulietta", Quattroruote - Fascicolo n.4 del maggio 1956 - Editoriale Domus
  • Elvio Deganello , Alfa Romeo Giulietta Sprint, Ruoteclassiche - Fascicolo n.46 del dicembre 1991 - Editoriale Domus

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili