Campionato mondiale di Formula 1 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato mondiale di Formula 1 2009
Edizione n. 60 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio 29 marzo
Termine 1 novembre
Prove 17
Titoli in palio
Piloti Jenson Button
su BGP 001
Costruttori Brawn GP
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 2009 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è stata, nella storia della categoria, la 60ª ad assegnare il Campionato Piloti e la 52ª ad assegnare il Campionato Costruttori. Il campionato piloti è stato vinto per la prima volta dall'inglese Jenson Button, mentre quello costruttori dalla scuderia esordiente Brawn GP-Mercedes, per cui ha corso lo stesso Button.

La pre-stagione[modifica | modifica sorgente]

Il calendario[modifica | modifica sorgente]

Per la stagione 2009 è stato introdotto l'obbligo di utilizzare gomme slick, ossia prive di scanalature.
  • Contrariamente a quanto annunciato nel 2007, il 12 maggio 2008 Bernie Ecclestone ha annunciato che, dal 2009, non si correrà il Gran Premio di Francia a Magny-Cours. In assenza di altri candidati credibili, il Gran Premio di Francia non è stato compreso nel calendario della stagione 2009. Per le stagioni successive, sembra che una possibilità possa essere quella di un Gran Premio su un tracciato cittadino nei dintorni di Parigi.[1][2]
  • In maniera analoga al Gran Premio di Francia, anche quello di Gran Bretagna sembra essere a rischio. Mentre sono in corso importanti lavori di rifacimento delle infrastrutture, Ecclestone ha richiesto un consistente aumento, per gli organizzatori, del costo per ospitare l'evento sul proprio circuito.[3] Proprio in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna, la FIA ha annunciato ufficialmente che la gara, dal 2010, si terrà sul tracciato di Donington Park.[4]
  • La mancanza di accordo fra FOM ed organizzatori ha fatto sì che anche il Gran Premio del Canada non sia stato inserito nel calendario 2009.
  • È stato invece inserito, come gara conclusiva, il Gran Premio di Abu Dhabi, da tenersi su un tracciato in via di realizzazione (ad inizio 2009).[5]
Gara Nome ufficiale del gran premio Gran Premio Circuito Giri Sede Data Ora
Locale Italiana
1 Australia ING Australian Grand Prix GP d'Australia Melbourne Grand Prix Circuit 58 Melbourne 29 marzo 17:00 08:00
2 Malesia Petronas Malaysian Grand Prix GP della Malesia Sepang International Circuit 56 Sepang 5 aprile 17:00 11:00
3 Cina Chinese Grand Prix GP della Cina Shanghai International Circuit 56 Shanghai 19 aprile 15:00 09:00
4 Bahrein Gulf Air Bahrain Grand Prix GP del Bahrain Bahrain International Circuit 57 Manama 26 aprile 15:00 14:00
5 Spagna Gran Premio de España Telefónica GP di Spagna Circuit de Catalunya 66 Barcellona 10 maggio 14:00 14:00
6 Monaco Grand Prix de Monaco GP di Monaco Circuit de Monaco 78 Montecarlo 24 maggio 14:00 14:00
7 Turchia ING Turkish Grand Prix GP di Turchia Istanbul Park 58 Istanbul 7 giugno 15:00 14:00
8 Regno Unito Santander British Grand Prix GP di Gran Bretagna Silverstone Circuit 60 Silverstone 21 giugno 13:00 14:00
9 Germania Großer Preis Santander von Deutschland GP di Germania Nürburgring 60 Nürburgring 12 luglio 14:00 14:00
10 Ungheria ING Magyar Nagydíj GP d'Ungheria Hungaroring 70 Hungaroring 26 luglio 14:00 14:00
11 Europa Telefónica Grand Prix of Europe GP d'Europa Valencia Street Circuit 57 Valencia 23 agosto 14:00 14:00
12 Belgio ING Belgian Grand Prix GP del Belgio Circuit de Spa-Francorchamps 44 Francorchamps 30 agosto 14:00 14:00
13 Italia Gran Premio Santander d'Italia GP d'Italia Autodromo Nazionale di Monza 53 Monza 13 settembre 14:00 14:00
14 Singapore SingTel Singapore Grand Prix GP di Singapore Singapore Street Circuit 61 Singapore 27 settembre 20:00 14:00
15 Giappone Fuji Television Japanese Grand Prix GP del Giappone Suzuka Circuit 53 Suzuka 4 ottobre 14:00 07:00
16 Brasile Grande Prêmio Petrobras do Brasil GP del Brasile Autódromo José Carlos Pace 71 San Paolo 18 ottobre 14:00 18:00
17 Emirati Arabi Uniti Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix GP di Abu Dhabi Yas Marina Circuit 55 Abu Dhabi 1º novembre 17:00 14:00

Presentazioni delle vetture[modifica | modifica sorgente]

Costruttore Vettura Presentazione Luogo
Italia Ferrari F60 12 gennaio[6] Mugello, Italia
Giappone Toyota TF109 15 gennaio[7] Online[8]
Regno Unito McLaren-Mercedes MP4-24 16 gennaio[9] Woking, Regno Unito
Francia Renault R29 19 gennaio[10] Portimão, Portogallo
Regno Unito Williams-Toyota FW31 19 gennaio[11] Portimão, Portogallo
Germania BMW Sauber F1.09 20 gennaio[7] Valencia, Spagna
Austria RBR-Renault RB5 9 febbraio[12] Jerez, Spagna
India Force India-Mercedes VJM02 1º marzo[13] Jerez, Spagna
Regno Unito Brawn-Mercedes BGP 001 6 marzo[14] Silverstone, Regno Unito
Italia STR-Ferrari STR4 9 marzo[15] Circuit de Catalunya, Spagna

Accordi e fornitori[modifica | modifica sorgente]

Dopo diversi tentativi di contenere i costi mediante modifiche al regolamento tecnico, la FIA propone un limite al budget dei vari team, da applicare, a partire dal 2009, in scaglioni successivi fino al 2011. La proposta ha lo scopo, alla luce delle difficoltà dei team minori, di rendere la partecipazione al mondiale più sopportabile per i soggetti che non siano supportati in modo ufficiale da una casa automobilistica. Inoltre, potrebbe limitare il rischio che le case costruttrici che non riescano ad ottenere i risultati sperati a fronte di importanti investimenti, decidano di abbandonare la serie.[16]

Piloti e costruttori[modifica | modifica sorgente]

Squadra Costruttore Telaio Motore No.[17] Pilota GP Collaudatori
Regno Unito Vodafone McLaren Mercedes McLaren MP4-24[9] Mercedes FO 108W 1 Regno Unito Lewis Hamilton[18] Tutti Spagna Pedro de la Rosa[19]
Regno Unito Gary Paffett[19]
2 Finlandia Heikki Kovalainen[20] Tutti
Italia Scuderia Ferrari Marlboro Ferrari F60 Ferrari 056 3 Brasile Felipe Massa[21] 1-10 Italia Luca Badoer[22]
Spagna Marc Gené[22]
Italia Luca Badoer 11-12
Italia Giancarlo Fisichella[23] 13-17
4 Finlandia Kimi Räikkönen[24] Tutti
Germania BMW Sauber F1 Team BMW Sauber F1.09[7] BMW P86/9 5 Polonia Robert Kubica[25] Tutti Austria Christian Klien[25]
6 Germania Nick Heidfeld[25] Tutti
Francia ING Renault F1 Team
Francia Renault F1 Team
Renault R29[10] Renault RS27 7 Spagna Fernando Alonso[26] Tutti Francia Romain Grosjean[27]
Brasile Lucas Di Grassi
8 Brasile Nelson Piquet Jr.[26] 1-10
Francia Romain Grosjean 11-17
Giappone Panasonic Toyota Racing Toyota TF109[7] Toyota RVX-09 9 Italia Jarno Trulli[28] Tutti Giappone Kamui Kobayashi[29]
10 Germania Timo Glock[30] 1-15
Giappone Kamui Kobayashi[31] 16-17
Italia Scuderia Toro Rosso Toro Rosso STR4 Ferrari 056 11 Francia Sébastien Bourdais[32] 1-9 Spagna Jaime Alguersuari[33]
Nuova Zelanda Brendon Hartley[34]
Regno Unito David Coulthard[35]
Spagna Jaime Alguersuari[36] 10-17
12 Svizzera Sébastien Buemi[37] Tutti
Austria Red Bull Racing Red Bull RB5 Renault RS27 14 Australia Mark Webber[38] Tutti
15 Germania Sebastian Vettel[39] Tutti
Regno Unito AT&T Williams F1 Team Williams FW31[11] Toyota RVX-09 16 Germania Nico Rosberg[40] Tutti Germania Nico Hülkenberg[40]
17 Giappone Kazuki Nakajima[40] Tutti
India Force India F1 Team Force India VJM02 Mercedes FO 108W[41] 20 Germania Adrian Sutil[42] Tutti Italia Vitantonio Liuzzi[42]
21 Italia Giancarlo Fisichella[42] 1-12
Italia Vitantonio Liuzzi[43] 13-17
Regno Unito Brawn GP F1 Team[44] Brawn BGP 001[44] Mercedes FO 108W 22 Regno Unito Jenson Button[44] Tutti Regno Unito Anthony Davidson[45]
Austria Alexander Wurz[46]
23 Brasile Rubens Barrichello[44] Tutti

Tutte le scuderie corrono con pneumatici Bridgestone B .

† Brendon Hartley non ha ottenuto la superlicenza in tempo per i primi quattro appuntamenti del mondiale, Australia, Malesia, Cina e Bahrain, così David Coulthard è indicato come riserva ufficiale.[47] Dal Gran Premio di Spagna Hartley diviene ufficialmente pilota di riserva della Red Bull Racing.[48]

Piloti[modifica | modifica sorgente]

Pochi i cambiamenti di casacca nell'inverno precedente la stagione 2009.

  • Sebastian Vettel è passato, come annunciato nel corso della stagione 2008, dalla Scuderia Toro Rosso alla Red Bull, dove si è ritirato dall'attività agonistica David Coulthard.
  • Il posto del tedesco in Toro Rosso è stato occupato dall'esordiente svizzero Sébastien Buemi.
  • Jenson Button e Rubens Barrichello, piloti della Honda che ha annunciato il ritiro nel corso dell'inverno, sono stati confermati dalla Brawn GP, squadra nata dalla struttura Honda, gestita successivamente da Ross Brawn.
  • Per tantissimo tempo si è parlato di un posto come guida ufficiale di un team per Gary Paffett, collaudatore della McLaren ma per un certo tempo contendente di Hamilton al posto di Juan Pablo Montoya nello stesso team. All'inizio del 2008 si era parlato della Prodrive, che poi si è ritirata, mentre a fine 2008 si è fatta avanti l'idea di guidare una Force India F1 grazie alle forniture della McLaren.[49]

Scuderie[modifica | modifica sorgente]

Il 4 dicembre 2008 la Honda ha annunciato il ritiro dalle competizioni in Formula 1, ponendo in vendita la propria scuderia, che rimaneva comunque iscritta al mondiale.[50][51] Ross Brawn, ex-direttore tecnico di Benetton, Ferrari e Honda, ha acquistato la struttura, denominandola Brawn GP, confermando i piloti. Il fornitore di motori è diventato la Mercedes, e la scuderia ha preso parte alla stagione nonostante il ritardo accumulato.[52]

Modifiche al regolamento[modifica | modifica sorgente]

Regolamento tecnico[modifica | modifica sorgente]

(N.B. Qualora non sia indicato il riferimento, si consideri la comunicazione ufficiale FIA del 18 marzo 2009)

  • Il regolamento prevede il ritorno alla disputa del campionato con gomme lisce, al posto delle gomme scanalate, introdotte nel 1998. Il regime di monogomma dovrebbe comunque limitare l'aumento delle prestazioni, mentre l'aumentata aderenza di origine meccanica dovrebbe consentire ai piloti di viaggiare più vicini, con minore criticità.
  • Nella stessa linea si inserisce la limitazione delle appendici aerodinamiche, responsabili di una buona parte del carico aerodinamico nel recente passato. Queste appendici rendevano le vetture critiche in condizioni aerodinamiche non perfette, ad esempio nella scia di un'altra vettura. Il risultato più evidente delle modifiche al regolamento aerodinamico sono gli alettoni anteriori, più larghi che in passato, e quelli posteriori, più stretti.
  • Viene permesso di utilizzare alcune superfici aerodinamiche mobili: la mobilità è limitata a 6º di variazione di incidenza, per l'ala anteriore, tramite un comando azionato direttamente dal pilota. Questa facoltà si può utilizzare solo due volte in ogni giro, ed in ogni momento le superfici mobili devono rimanere all'interno dei limiti dimensionali stabiliti dal regolamento.
  • Viene permesso l'utilizzo (facoltativo) di un dispositivo per il recupero di energia in frenata, denominato KERS. L'energia recuperata può essere utilizzata per un certo numero di secondi al giro, a discrezione del pilota, tramite un comando posto sul volante. Per alcuni secondi, la vettura dispone di una maggior potenza.

Regolamento sportivo[modifica | modifica sorgente]

(N.B. Qualora non sia indicato il riferimento, si consideri la comunicazione ufficiale FIA del 24 marzo 2009)

  • Ogni pilota dispone per la disputa di tutta la stagione di otto motori, di cui può scegliere l'utilizzo a proprio piacimento. Dall'utilizzo del nono motore in avanti, ogni cambio di motore porta ad una penalità in griglia di 10 posizioni.
  • Il cambio deve durare quattro eventi consecutivi, dove per evento si considerano le prove del sabato e la gara della domenica.

Eventi significativi nel corso della stagione[modifica | modifica sorgente]

Piloti[modifica | modifica sorgente]

  • Il 25 luglio Felipe Massa è rimasto vittima di un grave incidente nelle qualifiche del Gran Premio d'Ungheria. Il brasiliano è stato colpito da una molla persa dalla vettura di Rubens Barrichello, e ha riportato un taglio alla fronte, una lesione alla parte sinistra del cranio ed una commozione cerebrale, per le cui conseguenze ha dovuto saltare tutti i restanti Gran Premi della stagione. Il 29 luglio la Ferrari ha annunciato che Massa sarebbe stato sostituito da Michael Schumacher.[54] L'11 agosto Schumacher rinuncia a sostituire Massa per problemi al collo. La Ferrari ha quindi scelto come sostituto l'attuale collaudatore Luca Badoer.[55]

Squadre[modifica | modifica sorgente]

  • Nel corso del Gran Premio d'Ungheria, Fernando Alonso è stato vittima di un pericoloso incidente: una ruota fissata male ai box è stata persa dal pilota spagnolo nel giro di uscita, con gravi rischi. I commissari FIA hanno ritenuto la Renault colpevole di aver lasciato partire il proprio pilota sapendo che la ruota non era fissata correttamente, e hanno deciso di squalificare la squadra dal successivo Gran Premio d'Europa, a Valencia.[61][62] La Renault ha presentato appello, che è stato discusso il 17 agosto: il Tribunale di Appello ha deliberato una sanzione di 50 000 dollari, ma ha consentito la partecipazione al Gran Premio d'Europa.[63]

Controversie FIA-FOTA[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della stagione, si è venuta a creare una situazione di forte tensione fra la FIA e la FOTA, associazione che riunisce i costruttori partecipanti al Campionato mondiale di Formula 1.

Sistema di punteggio[modifica | modifica sorgente]

  • Il 17 marzo 2009 la FIA aveva annunciato un significativo cambiamento nella modalità di stilare la classifica: pur rimanendo invariato il sistema di punteggio (i team avevano proposto un 12-9-7-5-4-3-2-1[64]) il titolo mondiale sarebbe andato a chi avrebbe conseguito più vittorie nel corso della stagione.[65]
  • Il 20 marzo 2009 a Londra, la FIA revoca le decisioni intraprese circa la proposta di una modifica del regolamento che avrebbe assegnato il titolo mondiale al pilota che, nel corso del campionato, avrebbe totalizzato più vittorie. L'energica opposizione di gran parte dei team partecipanti ha fatto sì che la mozione venga discussa solo con l'apertura del mondiale 2010. Quindi sia il sistema di attribuzione dei punteggi, che l'assegnazione del titolo mondiale piloti rimarrà identico a quello del 2008.[66]

Budget Cap[modifica | modifica sorgente]

L'altro punto di scontro riguarda le proposte della FIA per ridurre drasticamente la spesa necessaria per disputare una stagione di Formula 1. Nelle intenzioni della Federazione, l'abbassamento dei costi avrebbe permesso l'ingresso di nuovi soggetti e l'aumento dello spettacolo, mentre secondo i Costruttori, non avrebbe permesso di mantenere il ruolo di prestigio tecnologico della serie, viste le limitazioni imposte al regolamento tecnico.

  • A dicembre 2008 la Cosworth ha vinto l'asta indetta dalla FIA per la fornitura di propulsori standardizzati per il 2010 mentre Xtrac and Ricardo Transmissions quella per la realizzazione della trasmissione. Chi non sceglierà il propulsore standard può mantenere i motori V8 "congelati" alla fine del 2007 o realizzati in proprio ma secondo le nuove normative e le specifiche elaborate da Cosworth. Le scuderie hanno espresso parere negativo e pensano ad una proposta alternativa al fine di ridurre i costi in quanto questa regola porterebbe nel 2009 a ridurre tutti gli investimenti nel propulsore.[67]
  • Il 29 aprile 2009 il Consiglio Mondiale degli Sport Motoristici (WMSC) ha stabilito l'introduzione di un tetto di spesa di 40 milioni di sterline e agevolazioni per chi rispetterà tale limitazione, fra cui un motore non limitato nel regime di rotazione e nel numero, e libertà di sviluppo delle parti aerodinamiche, utilizzo della trazione integrale, uso illimitato della galleria del vento e possibilità di test illimitati. Ciò ha portato a una situazione conflittuale fra la FIA e l'associazione FOTA, che raggruppa tutti i team partecipanti, in quel momento, al Campionato.[16][68] La FIA ha inoltre stabilito che al momento di iscriversi al Campionato, dal 22 al 29 maggio 2009, ogni squadra avrebbe dovuto scegliere a quale regime regolamentare aderire.[69]
  • Il 12 maggio 2009 il CDA Ferrari ha deciso che la scuderia non prenderà parte al prossimo mondiale se la FIA non ritirerà il nuovo regolamento.[70] Simile orientamento anche per la Renault.[71]
  • Nel fine settimana del Gran Premio di Monaco ha visto riunioni fra i membri della FOTA, per cercare di raggiungere una posizione comune da opporre quella della FIA, con l'apparente raggiungimento di un compromesso con la stessa FIA.[72]
  • Il 25 maggio 2009 la Williams ha presentato la sua iscrizione al Campionato mondiale di Formula 1 2010, ed è stata successivamente sospesa dalla FOTA.[73][74] Oltre alla Williams, risultano iscritte al mondiale altre squadre esordienti, tra le quali la FIA avrebbe poi operato una selezione.
  • Alla scadenza del 29 maggio 2009, anche gli altri team FOTA hanno presentato la propria iscrizione, condizionandola ad alcune modifiche regolamentari proposte alla FIA.[75]
  • Nei giorni successivi il Gran Premio di Turchia, si sono fatte più concrete le possibilità di una serie alternativa, gestita dalla FOTA.[76]
  • Il 12 giugno 2009 la FIA ha pubblicato la lista delle iscrizioni per la stagione 2010. La lista comprendeva tutti i team FOTA, alcuni dei quali con una nota in cui si spiegava che l'iscrizione era condizionata. Nella lista sono presenti anche tre nuove squadre (Campos Grand Prix, Manor Grand Prix e Team USF1), scelte dalla FIA secondo un criterio di selezione successivamente molto discusso.[77]
  • All'approssimarsi della scadenza richiesta per lo scioglimento delle riserve, la FOTA ha dichiarato esplicitamente di puntare ad un campionato alternativo, in caso le sue richieste non fossero state soddisfatte.[78] Dopo un lungo periodo di tensione, il Consiglio Mondiale del 24 giugno ha stabilito che il campionato 2010 si sarebbe corso con le stesse regole del 2009, venendo incontro alle richieste della FOTA, in cambio dell'impegno a ridurre i costi a determinati livelli entro il 2011-2012.[79]
  • Max Mosley ha poi annunciato, con una lettera del 15 luglio, la sua intenzione di non concorrere per un ulteriore mandato, come garantito in passato, contrariamente a quanto dichiarato nel periodo più caldo della crisi FIA-FOTA.[80]
  • Il nuovo Presidente della FIA in successione di Max Mosley è stato eletto il 23 ottobre 2009 ed è Jean Todt.

Il Crashgate[modifica | modifica sorgente]

Il 30 agosto 2009, la FIA apre un'inchiesta sull'incidente accaduto a Nelson Piquet Jr. nel corso del Gran Premio di Singapore 2008, durante il tredicesimo giro della gara. La televisione brasiliana Rede Globo sostiene che l'incidente è stato fittiziamente causato al fine di favorire la vittoria di Fernando Alonso.[81]

La FIA ha convocato per il 21 settembre 2009 la Renault per esaminare il caso in questione.[82] In seguito alla inchiesta della FIA in merito all'incidente la Renault comunica il 16 settembre 2009 che Flavio Briatore e Pat Symonds hanno lasciato la scuderia.[83] Il Consiglio Mondiale della FIA decide la squalifica a vita dalle competizioni motoristiche per Briatore e una squalifica per 5 anni per Symonds, inoltre il team Renault viene squalificato per due anni ma con la condizionale. Non vi sono condanne né per Piquet né per Alonso.[84] Il 5 gennaio 2010, dopo il ricorso di Flavio Briatore, il tribunale di Parigi annulla la radiazione e condanna la FIA a pagare 15 000 euro a Briatore per danni d'immagine.[85] La FIA conferma comunque che la sua decisione resta in vigore fino al termine di tutti i possibili appelli.[86]

Test per giovani piloti[modifica | modifica sorgente]

Dal 1º dicembre 2009 per tre giorni il Circuito di Jerez ospita il Young Driver Test riservato a piloti che abbiano disputato meno di tre GP nel mondiale.

Data Circuito Pilota più rapido Team Tempo Giri
1º dicembre Spagna Circuito di Jerez Spagna Andy Soucek Regno Unito Williams-Toyota 1:19.158[87] 87
2 dicembre Regno Unito Gary Paffett Regno Unito McLaren-Mercedes 1:18.718[88] 80
3 dicembre Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull-Renault 1:17.418[89] 77

Risultati e classifiche[modifica | modifica sorgente]

Gran Premi[modifica | modifica sorgente]

Rd. Gran Premio Data Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Team vincitore Resoconto
1 Australia GP d'Australia 29 marzo Melbourne Regno Unito Jenson Button Germania Nico Rosberg Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
2 Malesia GP della Malesia 5 aprile Sepang Regno Unito Jenson Button Regno Unito Jenson Button Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
3 Cina GP di Cina 19 aprile Shanghai Germania Sebastian Vettel Brasile Rubens Barrichello Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault Resoconto
4 Bahrein GP del Bahrain 26 aprile Sakhir Italia Jarno Trulli Italia Jarno Trulli Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
5 Spagna GP di Spagna 10 maggio Barcellona Regno Unito Jenson Button Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
6 Monaco GP di Monaco 24 maggio Montecarlo Regno Unito Jenson Button Brasile Felipe Massa Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
7 Turchia GP di Turchia 7 giugno Istanbul Park Germania Sebastian Vettel Regno Unito Jenson Button Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
8 Regno Unito GP di Gran Bretagna 21 giugno Silverstone Germania Sebastian Vettel Germania Sebastian Vettel Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault Resoconto
9 Germania GP di Germania 12 luglio Nürburgring Australia Mark Webber Spagna Fernando Alonso Australia Mark Webber Austria RBR-Renault Resoconto
10 Ungheria GP d'Ungheria 26 luglio Hungaroring Spagna Fernando Alonso Australia Mark Webber Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
11 Unione europea GP d'Europa 23 agosto Circuito urbano di Valencia Regno Unito Lewis Hamilton Germania Timo Glock Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
12 Belgio GP del Belgio 30 agosto Spa Italia Giancarlo Fisichella Germania Sebastian Vettel Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari Resoconto
13 Italia GP d'Italia 13 settembre Monza Regno Unito Lewis Hamilton Germania Adrian Sutil Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes Resoconto
14 Singapore GP di Singapore 27 settembre Singapore Street Circuit Regno Unito Lewis Hamilton Spagna Fernando Alonso Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
15 Giappone GP del Giappone 4 ottobre Suzuka Germania Sebastian Vettel Australia Mark Webber Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault Resoconto
16 Brasile GP del Brasile 18 ottobre Interlagos Brasile Rubens Barrichello Australia Mark Webber Australia Mark Webber Austria RBR-Renault Resoconto
17 Emirati Arabi Uniti GP di Abu Dhabi 1º novembre Abu Dhabi Regno Unito Lewis Hamilton Germania Sebastian Vettel Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault Resoconto

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

N.B. Quelle riportate di seguito sono le posizioni sulla griglia di partenza, considerando sia i risultati delle qualifiche che le eventuali penalizzazioni.

Pilota AUS Australia MAL Malesia CIN Cina BHR Bahrein SPA Spagna MON Monaco TUR Turchia GBR Regno Unito GER Germania UNG Ungheria EUR Unione europea BEL Belgio ITA Italia SIN Singapore GIA Giappone BRA Brasile ABU Emirati Arabi Uniti
1 Regno Unito Lewis Hamilton 15* 13 9 5 14 16* 16 19 5 4 1 12 1 1 3 18 1
2 Finlandia Heikki Kovalainen 14 14 12 11 18 7 14 13 6 6 2 15 4 10 9* 17 13*
3 Brasile Felipe Massa 7 16 13 8 4 5 7 11 8 10
Italia Luca Badoer 20 20
Italia Giancarlo Fisichella 14 18 16 20 20
4 Finlandia Kimi Räikkönen 9 9 8 10 16 2 6 9 9 7 6 6 3 13 8 5 11
5 Polonia Robert Kubica 4 8 18 13 10 18 10 12 16 19 10 5 13 9 13 8 7
6 Germania Nick Heidfeld 11 11 11 14 13 17 11 15 11 16 11 3 15 8 6 19 8
7 Spagna Fernando Alonso 12 10 2 7 8 9 8 10 12 1 8 13 8 6 12* 10 16
8 Brasile Nelson Piquet Jr. 17 17 17 15 12 12 17 14 10 15
Francia Romain Grosjean 14 19 12 19 18 13 19
9 Italia Jarno Trulli 8# 2 6 1 7 19 5 4 14 12 18 2 11 15 2 4 6
10 Germania Timo Glock 6# 5 14* 2 6 20 13 8 19# 14 13 7 16 7 14
Giappone Kamui Kobayashi 11 12
11 Francia Sébastien Bourdais 20 15 16 20 17 14 20 17 20
Spagna Jaime Alguersuari 20 19 17 20 17 15 12 15
12 Svizzera Sébastien Buemi 16 20 10 17 15 11 18 20 17 11 15 16 19 14 10* 6 10
14 Australia Mark Webber 10 7 3 19 5 8 4 3 1 3 9 9 10 4 20 2 3
15 Germania Sebastian Vettel 3 3† 1 3 2 4 1 1 4 2 4 8 9 2 1 16 2
16 Germania Nico Rosberg 5 6 7 9 9 6 9 7 15 5 7 10 18 3 11 7 9
17 Giappone Kazuki Nakajima 13 12 15 12 11 10 12 5 13 9 17 18 17 11 17 9 14
20 Germania Adrian Sutil 19 19 19 16 19 15 15 18 7 18 12 11 2 16 4* 3 18
21 Italia Giancarlo Fisichella 18 18 20 18 20 13 19 16 18 17 16 1
Italia Vitantonio Liuzzi 7 20 19* 15* 17
22 Regno Unito Jenson Button 1 1 5 4 1 1 2 6 3 8 5 14 6 12 7* 14 5
23 Brasile Rubens Barrichello 2 4* 4 6 3 3 3 2 2 13 3 4 5 5* 5* 1 4
Pilota AUS Australia MAL Malesia CIN Cina BHR Bahrein SPA Spagna MON Monaco TUR Turchia GBR Regno Unito GER Germania UNG Ungheria EUR Unione europea BEL Belgio ITA Italia SIN Singapore GIA Giappone BRA Brasile ABU Emirati Arabi Uniti

° Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di tre posizioni sulla griglia di partenza.

* Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di cinque posizioni sulla griglia di partenza.

† Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di dieci posizioni sulla griglia di partenza.

# Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi in ultima fila sulla griglia di partenza.

Classifica Piloti[modifica | modifica sorgente]

Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Regno Unito Jenson Button 1 1 3 1 1 1 1 6 5 7 7 Rit 2 5 8 5 3 95
2 Germania Sebastian Vettel 13 * 15 * 1 2 4 Rit 3 1 2 Rit Rit 3 8 4 1 4 1 84
3 Brasile Rubens Barrichello 2 5 4 5 2 2 Rit 3 6 10 1 7 1 6 7 8 4 77
4 Australia Mark Webber 12 6 2 11 3 5 2 2 1 3 9 9 Rit Rit 17 1 2 69,5
5 Regno Unito Lewis Hamilton SQ 7 6 4 9 12 13 16 18 1 2 Rit 12 * 1 3 3 Rit 49
6 Finlandia Kimi Räikkönen 15 * 14 10 6 Rit 3 9 8 Rit 2 3 1 3 10 4 6 12 48
7 Germania Nico Rosberg 6 8 15 9 8 6 5 5 4 4 5 8 16 11 5 Rit 9 34,5
8 Italia Jarno Trulli 3 4 Rit 3 Rit 13 4 7 17 8 13 Rit 14 12 2 Rit 7 32,5
9 Spagna Fernando Alonso 5 11 9 8 5 7 10 14 7 Rit 6 Rit 5 3 10 Rit 14 26
10 Germania Timo Glock 4 3 7 7 10 10 8 9 9 6 14 10 11 2 INF 24
11 Brasile Felipe Massa Rit 9 Rit 14 6 4 6 4 3 INF 22
12 Finlandia Heikki Kovalainen Rit Rit 5 12 Rit Rit 14 Rit 8 5 4 6 6 7 11 12 11 22
13 Germania Nick Heidfeld 10 2 12 19 7 11 11 15 10 11 11 5 7 Rit 6 Rit 5 19
14 Polonia Robert Kubica 14 * Rit 13 18 11 Rit 7 13 14 13 8 4 Rit 8 9 2 10 17
15 Italia Giancarlo Fisichella 11 18 * 14 15 14 9 Rit 10 11 14 12 2 9 13 12 10 16 8
16 Svizzera Sébastien Buemi 7 16 * 8 17 Rit Rit 15 18 16 16 Rit 12 13 Rit Rit 7 8 6
17 Germania Adrian Sutil 9 17 * 17 16 Rit 14 17 17 15 Rit 10 11 4 Rit 13 Rit 17 5
18 Giappone Kamui Kobayashi 9 6 3
19 Francia Sébastien Bourdais 8 10 11 13 Rit 8 18 Rit Rit 2
20 Giappone Kazuki Nakajima Rit 12 Rit Rit 13 15 * 12 11 12 9 18 13 10 9 15 Rit 13 0
21 Brasile Nelson Piquet Jr. Rit 13 16 10 12 Rit 16 12 13 12 0
22 Italia Vitantonio Liuzzi Rit 14 14 11 15 0
23 Francia Romain Grosjean 15 Rit 15 Rit 16 13 18 0
24 Spagna Jaime Alguersuari 15 16 Rit Rit Rit Rit 14 Rit 0
25 Italia Luca Badoer 17 14 0
Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

  • Nel Gran Premio della Malesia non è stato coperto il 75% della distanza prevista, quindi i punti assegnati sono la metà di quelli previsti per la distanza completa.

Classifica Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Costruttore Pilota AUS Australia MAL Malesia CIN Cina BHR Bahrein SPA Spagna MON Monaco TUR Turchia GBR Regno Unito GER Germania UNG Ungheria EUR Unione europea BEL Belgio ITA Italia SIN Singapore GIA Giappone BRA Brasile ABU Emirati Arabi Uniti Punti
1 Regno Unito Brawn-Mercedes Button 1 1 3 1 1 1 1 6 5 7 7 Rit 2 5 8 5 3 172
Barrichello 2 5 4 5 2 2 Rit 3 6 10 1 7 1 6 7 8 4
2 Austria RBR-Renault Webber 12 6 2 11 3 5 2 2 1 3 9 9 Rit Rit 17 1 2 153,5
Vettel 13* 15* 1 2 4 Rit 3 1 2 Rit Rit 3 8 4 1 4 1
3 Regno Unito McLaren-Mercedes Hamilton SQ 7 6 4 9 12 13 16 18 1 2 Rit 12* 1 3 3 Rit 71
Kovalainen Rit Rit 5 12 Rit Rit 14 Rit 8 5 4 6 6 7 11 12 11
4 Italia Ferrari Massa Rit 9 Rit 14 6 4 6 4 3 INF 70
Räikkönen 15* 14 10 6 Rit 3 9 8 Rit 2 3 1 3 10 4 6 12
Badoer 17 14
Fisichella 9 13 12 10 16
5 Giappone Toyota Trulli 3 4 Rit 3 Rit 13 4 7 17 8 13 Rit 14 12 2 Rit 7 59,5
Glock 4 3 7 7 10 10 8 9 9 6 14 10 11 2 INF
Kobayashi 9 6
6 Germania BMW Sauber Kubica 14* Rit 13 18 11 Rit 7 13 10 13 8 4 Rit 8 9 2 10 36
Heidfeld 10 2 12 19 7 11 11 15 14 11 11 5 7 Rit 6 Rit 5
7 Regno Unito Williams-Toyota Rosberg 6 8 15 9 8 6 5 5 4 4 5 8 16 11 5 Rit 9 34,5
Nakajima Rit 12 Rit Rit 13 15* 12 11 12 9 18 13 10 9 15 Rit 13
8 Francia Renault Alonso 5 11 9 8 5 7 10 14 7 Rit 6 Rit 5 3 10 Rit 14 26
Piquet Jr. Rit 13 16 10 12 Rit 16 12 13 12
Grosjean 15 Rit 15 Rit 16 13 18
9 India Force India-Mercedes Sutil 9 17 17 16 Rit 14 17 17 15 Rit 10 11 4 Rit 13 Rit 17 13
Fisichella 11 18* 14 15 14 9 Rit 10 11 14 12 2
Liuzzi Rit 14 14 11 15
10 Italia STR-Ferrari Bourdais 8 10 11 13 Rit 8 18 Rit Rit 8
Buemi 7 16* 8 17 Rit Rit 15 18 16 16 Rit 12 13 Rit Rit 7 8
Alguersuari 15 16 Rit Rit Rit Rit 14 Rit
Pos Costruttore Pilota AUS Australia MAL Malesia CIN Cina BHR Bahrein SPA Spagna MON Monaco TUR Turchia GBR Regno Unito GER Germania UNG Ungheria EUR Unione europea BEL Belgio ITA Italia SIN Singapore GIA Giappone BRA Brasile ABU Emirati Arabi Uniti Punti
Colore Risultati
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finita, a punti
Blu Finita, senza punti
Finita, non classificato (NC)
Viola Non finita (Rit)
Rosso Non qualificato (NQ)
Non pre-qualificato (NPQ)
Nero Squalificato (SQ)
Bianco Non partito (NP)
Celeste Disputa solo le prove (SP)
Iscritto alle prove libere - Terzo pilota (TP)
- dal 2003 al 2006
Vuoto Non prende parte alle prove (NPR)
Iscritto ma non presente, non arrivato (NA)
Ritirato prima dell'evento (WD)
Infortunato (INF)
Escluso (ES)
Gara cancellata (C)

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

  • Nel Gran Premio della Malesia non è stato coperto il 75% della distanza prevista, quindi i punti assegnati sono la metà di quelli previsti per la distanza completa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Bernie looks to Paris street race, grandprix.com. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  2. ^ (EN) 2008 marks the end for Magny Cours says Ecclestone, pitpass.com. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  3. ^ (EN) Time running out for Silverstone?, pitpass.com. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  4. ^ (EN) Official: British GP to be staged at Donington from 2010, pitpass.com. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  5. ^ (EN) 2009 FIA Formula One World Championship Race Calendar, Formula One, 18 ottobre 2008. URL consultato il 19 ottobre 2008.
  6. ^ Ecco la nuova Ferrari: si chiama F60, sport.sky.it, 12 gennaio 2009. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  7. ^ a b c d (EN) BMW, Toyota confirm launch dates, F1-Live.com, 26 novembre 2008. URL consultato il 2 dicembre 2008.
  8. ^ (EN) Toyota reveal new car, itv-f1.com, 15 gennaio 2009. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  9. ^ a b (EN) McLaren MP4-24 to launch on January 16, itv-f1.com, 2 dicembre 2008. URL consultato il 2 dicembre 2008.
  10. ^ a b (EN) Renault to launch R29 in Portugal, gpupdate.net, 12 dicembre 2008. URL consultato il 12 dicembre 2008.
  11. ^ a b (EN) Williams to unveil FW31 on January 19, manipef1.com, 18 dicembre 2008. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  12. ^ (EN) Red Bull reveals RB5 launch date, itv-f11.com, 5 gennaio 2009. URL consultato il 5 gennaio 2009.
  13. ^ (EN) Force India on track for March debut, formula1.com, 30 gennaio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  14. ^ (EN) Button shakes down new Brawn car at Silverstone, formula1.com, 6 marzo 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  15. ^ (EN) Matt Beer, Toro Rosso to unveil STR4 next week, autosport.com, 4 marzo 2009. URL consultato il 4 marzo 2009.
  16. ^ a b Andrea Cremonesi, Mosley non si ferma Sì al tetto dei costi, Gazzetta dello Sport, 30 aprile 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  17. ^ (EN) 2009 FIA Formula One World Championship Entry List, FIA. URL consultato il 25 marzo 2009.
  18. ^ (EN) Lewis extends McLaren stay until 2012, manipef1, 18 gennaio 2008. URL consultato il 19 maggio 2008.
  19. ^ a b (EN) New McLaren title-challenger revealed, itv-f1.com, 16 gennaio 2009. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  20. ^ (EN) McLaren confirm Kovalainen for 2009, autosport.com, 31 luglio 2008. URL consultato il 31 luglio 2008.
  21. ^ (EN) Massa extends Ferrari stay until 2010, manipef1.com, 16 ottobre 2007. URL consultato il 20 maggio 2008.
  22. ^ a b (EN) Ferrari retain Badoer, Gene as testers, autosport.com, 29 settembre 2008. URL consultato il 29 settembre 2008.
  23. ^ Comunicato stampa, ferrari.com, 3 settembre 2009. URL consultato il 4 settembre 2009.
  24. ^ (EN) Ferrari confirm Räikkönen to end of 2010, formula1.com, 12 settembre 2008. URL consultato il 12 settembre 2008.
  25. ^ a b c (EN) Kubica and Heidfeld stay with BMW, bbc.co.uk, 6 ottobre 2008. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  26. ^ a b La Renault conferma Alonso per il 2009 e 2010, Piquet per il 2009, f1grandprix.it, 5 novembre 2008. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  27. ^ (EN) F1: Renault unveil the R29, en.f1-live.com, 19 gennaio 2009. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  28. ^ (EN) Trulli signs new Toyota contract, bbc.co.uk, 28 luglio 2006. URL consultato il 20 ottobre 2006.
  29. ^ (EN) Kobayashi stays on as Toyota reserve, autosport.com, 15 gennaio 2009. URL consultato il 15 gennaio 2009.
  30. ^ (EN) Toyota to retain Glock for 2009, itv-f1.com, 4 agosto 2008. URL consultato il 4 agosto 2008.
  31. ^ (EN) Timo Glock to miss Brazilian Grand Prix, toyota-f1.com, 11 ottobre 2009. URL consultato il 12 ottobre 2009.
  32. ^ (EN) Bourdais returns at Toro Rosso, f1.gpupdate.net, 6 febbraio 2009. URL consultato il 6 febbraio 2009.
  33. ^ Jaime Alguersuari nominato terzo pilota Red Bull e Toro Rosso, italiaracing.it, 1º luglio 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  34. ^ (EN) Hartley gets double role, grandprix.com, 10 marzo 2009. URL consultato l'11 marzo 2009.
  35. ^ (EN) Coulthard confirms retirement decision, itv-f1.com, 3 luglio 2008. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  36. ^ Toro Rosso, Alguersuari al posto di Bourdais, lastampa.it, 20 luglio 2009. URL consultato il 20 luglio 2009.
  37. ^ (EN) Toro Rosso confirm Buemi for 2009, autosport.com, 9 gennaio 2009. URL consultato il 9 gennaio 2009.
  38. ^ (EN) Red Bull confirm Webber for 2009, manipef1.com, 3 luglio 2008. URL consultato il 3 luglio 2008.
  39. ^ (EN) Sebastian Vettel to join Red Bull for 2009, formula1.com, 17 luglio 2008. URL consultato il 17 luglio 2008.
  40. ^ a b c (EN) Williams names unchanged line-up for '09, crash.net, 1º ottobre 2008. URL consultato il 1º ottobre 2008.
  41. ^ (EN) Force India confirm Mercedes deal, autosport.com, 8 novembre 2008. URL consultato l'8 novembre 2008.
  42. ^ a b c La Force India conferma Fisico e Sutil, f1.gpupdate.net, 14 dicembre 2008. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  43. ^ a b Liuzzi rimpiazza Fisichella, it.f1-live.com, 7 settembre 2009. URL consultato il 7 settembre 2009.
  44. ^ a b c d Addio Honda, ecco la Brawn GP. L'ex team manager compra tutto, repubblica.it, 6 marzo 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  45. ^ (EN) Davidson is Brawn test driver, grandprix.com, 25 marzo 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  46. ^ (EN) F1: Wurz Stays On At Brawn GP, speedtv.com, 11 marzo 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  47. ^ Coulthard sarà pilota di riserva della Red Bull, f1.gpupdate.net, 25 marzo 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  48. ^ (FR) Hartley nommé chez Red Bull, fr.f1-live.com, 4 maggio 2009. URL consultato il 4 maggio 2009.
  49. ^ Paffet pronto per la Force India, gpupdate.net, 9 dicembre 2008. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  50. ^ Honda, addio alla F.1, gazzetta.it. URL consultato il 5 dicembre 2008.
  51. ^ Tutte le dieci scuderie confermate per il prossimo mondiale, f1grandprix.it. URL consultato il 14 gennaio 2009.
  52. ^ Ross Brawn ha comprato la scuderia Honda di F1, it.f1-live.com. URL consultato il 6-3-09.
  53. ^ (EN) Alguersuari takes Toro Rosso ride, motorsport.com, 20 luglio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  54. ^ Schumi torna sulla Ferrari! "Lo faccio per gratitudine", gazzetta.it, 29 luglio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  55. ^ Clamoroso: Schumi rinuncia "Problemi al collo", gazzetta.it, 11 agosto 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  56. ^ (EN) Renault confirms Grosjean to replace Piquet, motorsport.com, 18 agosto 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  57. ^ Giancarlo Fisichella alla Ferrari !, it.f1-live.com, 3 settembre 2009. URL consultato il 3 settembre 2009.
  58. ^ Glock non partirà a Suzuka, it.f1-live.com, 4 ottobre 2009. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  59. ^ Kobayashi al posto di Glock a San Paolo, italiaracing.net, 11 ottobre 2009. URL consultato l'11 ottobre 2009.
  60. ^ Kobayashi finirà la stagione, it.f1-live.com, 27 ottobre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  61. ^ (EN) Stewards ban Renault from Valencia GP, motorsport.com, 26 luglio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  62. ^ (EN) Renault appeals its ban from European GP, motorsport.com, 26 luglio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  63. ^ (EN) FIA oveturns Renault ban on appeal, motorsport.com, 17-8--2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  64. ^ C'è l'accordo tra i costruttori. Cambia il punteggio nel GP, 5 marzo 2009. URL consultato il 17 marzo 2009.
  65. ^ Mondiale a chi vince di più. Nuova rivoluzione in F.1, gazzetta.it, 17 marzo 2009. URL consultato il 17 marzo 2009.
  66. ^ La Fia fa marcia indietro Nuove regole solo dal 2010, 20 marzo 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  67. ^ Cosworth vince la gara d'appalto per il motore unico, gpupdate.net, 5 dicembre 2008. URL consultato il 9 dicembre 2008-12.
  68. ^ (EN) An analysis of the 2010 F1 regulations, motorsport.com, 25 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  69. ^ (EN) World Motor Sport Council notes 2009-04-30, motorsport.com, 30 aprile 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  70. ^ CDA Ferrari: Niente F1 nel 2010 se le regole non cambiano, ferrari.com, 12 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  71. ^ (EN) Renault reconsidering 2010 entry, motorsport.com, 13 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  72. ^ (EN) FIA, FOTA close to compromise, motorsport.com, 24 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  73. ^ (EN) Williams submits official 2010 entry, motorsport.com, 25 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  74. ^ (EN) Action taken by FOTA, Williams suspended, motorsport.com, 27 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  75. ^ (EN) Ferrari leads group Formula One sign-up, motorsport.com, 29 maggio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  76. ^ (EN) Now champ Hamilton issues F1 quit threat, motorsport.com, 8 giugno 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  77. ^ (EN) 2010 FIA Formula One World Championship Entry List, motorsport.com, 12 giugno 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  78. ^ (EN) FOTA calls Formula One quits, motorsport.com, 18 giugno 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  79. ^ (EN) Peace in our time, Formula One war is over, motorsport, 24 giugno 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  80. ^ (EN) Mosley writes FIA members: I'm going, really, motorsport.com, 15 luglio 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  81. ^ F1: Fia indaga su Gp Singapore '08, raisport.rai.it, 30 settembre 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  82. ^ Fissata l'udienza della Renault alla FIA, f1.gpupdate.net, 4 settembre 2009. URL consultato il 6 settembre 2009.
  83. ^ La Renault licenzia Briatore e Symonds, it.f1-live.com, 16 settembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2009.
  84. ^ Briatore radiato dalla F.1. Renault sospesa, ma corre, gazzetta.it, 21 settembre 2009. URL consultato il 21 settembre 2009.
  85. ^ La corte riabilita Briatore. Radiazione annullata, gazzetta.it, 5 gennaio 2010. URL consultato il 5 gennaio 2010.
  86. ^ Briatore riabilitato-Ma la Fia non si arrende, gazzetta.it, 6 gennaio 2010. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  87. ^ (EN) Jerez day one - Soucek fastest at young driver test, formula1.com, 1º dicembre 2009. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  88. ^ (EN) Jerez day two - Paffett leads younger rivals for McLaren, formula1.com, 2 dicembre 2009. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  89. ^ (EN) Jerez day three - Ricciardo on top as test ends, formula1.com, 3 dicembre 2009. URL consultato il 3 dicembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1