Circuito di Rouen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circuito di Rouen-Les-Essarts
Tracciato di Circuito di Rouen-Les-Essarts
Ubicazione
Stato Francia Francia
Località Rouen
Dati generali
Inaugurazione 1950
Lunghezza 5.542 m
Curve 13
Il circuito non è più esistente
Categorie
Formula 1
Formula 2
Motomondiale

Il circuito di Rouen-Les-Essarts era un circuito motoristico semipermanente francese posto nelle vicinanze dell'omonima cittadina, capoluogo dell'Alta Normandia. Ha ospitato cinque edizioni del Gran Premio di Francia di Formula 1 (nel 1952, nel 1957, nel 1962, nel 1964 e nel 1968) e due del Gran Premio di Francia del Motomondiale (nel 1953 e nel 1965).

Il tracciato[modifica | modifica wikitesto]

La configurazione originale di 5.100 metri utilizzata nel 1952

Il circuito venne costruito negli anni cinquanta sulla base di un circuito più piccolo allestito prima della seconda guerra mondiale. Situato nell'immediata periferia di Les Essart, pochi chilometri a Sud di Rouen, era un tracciato molto veloce ed impegnativo che utilizzava in gran parte strade nazionali e dipartimentali. Da notare, in questa pista immersa in un bosco, il forte dislivello altimetrico, la ridotta sede stradale e la quasi totale assenza di vie di fuga, in quanto si sviluppava lungo i fianchi di una stretta vallata. Nella prima versione, risalente al 1951, era lungo 5.100 metri e già aveva le caratteristiche che lo avrebbero reso temibile tra i piloti, come la paurosa discesa che dal traguardo portava al tornante Virage du Noveau Monde attraversando, a velocità ben superiori ai 200km/h, tre curve impegnative, tra cui la Six Fréres.

La configurazione di 6.542 metri utilizzata nel 1957, nel 1962, nel 1964 e nel 1968

Nel 1955 si decise di estenderlo a Nord e venne portato fino a 6.542 metri, proseguendo dopo la Courbe de l'étoile lungo la statale fino alla curva Gresil dove, svoltando a destra su un lungo rettifilo, si raggiungeva la curva la Scierie per poi svoltare ancora a destra e arrivare alla ora velocissima Virage du Paradis, che reimmetteva sul tracciato originale all'altezza del rettilineo di partenza. Questo tracciato è quello che ha lasciato i maggiori ricordi negli appassionati, in quanto è quello su cui si sono disputate le gare di Formula 1. Nel 1972 il circuito dovette essere ridotto per lasciare spazio alla nuova Autostrada A13 che attraversa il vecchio tracciato e si approfittò dell'occasione per sottoporlo a lavori di adeguamento ai nuovi standard di sicurezza. Il nuovo disegno somigliava molto a quello originale in quanto venne creata una sinuosa bretella a ridosso dell'autostrada per poter collegare nuovamente Courbe de l'étoile e Virage du Paradis, quest'ultima ritornata ad essere un secco tornante. Durante le prove della gara di Formula 2 del 1973, ci fu un incidente alla curva Six Fréres fatale per Gerry Birrell, causato dall'esplosione di uno pneumatico. Per la gara si installò, sul tratto che precedeva il luogo dell'impatto, una chicane provvisoria fatta di balle di paglia che fu distrutta durante la gara.[1] Nel 1974 si decise di ridisegnare la curva Six Fréres rallentandola di molto e ridenominandola Virage des Roches.[2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'unico pilota ad imporsi per due volte fu Dan Gurney. Nell'edizione del 1968 il francese Jo Schlesser perse la vita schiantandosi alla curva Six Fréres con la sua Honda, che in seguito prese fuoco, in quello che ufficialmente era il primo Gran Premio di Francia;[3] prima di quell'anno infatti il nome ufficiale era di Gran Premio dell'A.C.F (Automobil Club de France). Dopo la morte di Schlesser la Formula 1 abbandonò il circuito considerandolo troppo veloce e pericoloso. Una volta persa la massima formula, gli organizzatori cercarono una categoria che la sostituisse e guardarono alla Formula 2; dopo la cancellazione della gara prevista nel 1969[4] (in quel fine settimana si disputò solo l'annuale gara di Formula 3),[5] organizzarono nel 1970 una gara non valevole per il campionato,[6] mentre dal 1971[7] al 1978[8] l'appuntamento fece parte del campionato europeo di questa specialità. Relegato in seguito alle categorie minori, il circuito fu utilizzato fino al 1993, quando i ricorrenti problemi di sicurezza imposero la chiusura del tracciato. Le strutture dell'impianto furono lasciate nel degrado e, quando ormai erano irrecuperabili, nel 1999 furono abbattute completamente. Un'associazione, Moto Les Essarts, si batte per salvaguardare ciò che resta del circuito e organizza manifestazioni motociclistiche su di esso,[9] la prima delle quali si è svolta nel 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 8W - Where? - Rouen-les-Essarts
  2. ^ 8W - Where? - Rouen-les-Essarts
  3. ^ 8W - Where? - Rouen-les-Essarts
  4. ^ Elenco gare di Formula 2 del 1969, www.formula2.net. URL consultato il 16-04-2011.
  5. ^ Risultati "Coupe de Vitesse de l'A.C. Normand 1969", www.formula2.net. URL consultato il 16-04-2011.
  6. ^ risultati del "XVIII Grand Prix de Rouen 1970", www.formula2.net. URL consultato il 16-04-2011.
  7. ^ risultati del "XIX Grand Prix de Rouen-les-Essarts 1971, www.formula2.net. URL consultato il 16-04-2011.
  8. ^ risultati del "XXVI Grand Prix de Rouen 1978", www.formula2.net. URL consultato il 16-04-2011.
  9. ^ Sito dell'associazione "Moto Les Essarts"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]