Gran Premio di Gran Bretagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la competizione motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna.
Gran Premio di Gran Bretagna
Sport Casco Kubica BMW.svg Automobilismo
Categoria Formula 1
Federazione FIA
Paese Regno Unito Regno Unito
Luogo Circuito di Silverstone
Cadenza Annuale
Formula Gran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione 1926; valevole per il mondiale dal GP 1950
Numero edizioni 67 di cui 65 valevoli per il mondiale
Ultima edizione GP 2014

Il Gran Premio di Gran Bretagna è una gara automobilistica di Formula 1 che si svolge a partire dal 1948 dopo due edizioni nel 1926 e 1927 nell'epoca dei Grand Prix svoltesi sul circuito di Brooklands. Insieme al Gran Premio d'Italia questa è la corsa sempre presente nel campionato mondiale di Formula 1.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi Gran Premi furono organizzati in Gran Bretagna da Henry Segrave all'autodromo di Brooklands dopo le sue vittorie nel Gran Premio di Francia del 1923 e l'anno seguente nel Gran Premio di Spagna che accrebbero l'interesse nello sport. La prima edizione del Gran Premio di Gran Bretagna fu vinta dal team francese di Louis Wagner e Robert Sénéchal alla guida di una Delage 155B. Durante gli anni trenta, la corsa era nota come Gran Premio di Donington in quanto si svolgeva sulla pista omonima.

È stata sempre presente nel calendario del Campionato Mondiale dal 1950, edizione che è stata la prima gara ufficialmente valida per il neonato Campionato e che si svolse sul circuito di Silverstone. Prese anche il nome di Gran premio di Europa, alla sua XI edizione, e per la prima volta organizzata dal Royal Automobile Club (RAC, Reale Automobile Club del Regno Unito). Nonostante Silverstone sia la sede storica e anche quella attuale (dopo molte modifiche al tracciato), il Gran Premio di Gran Bretagna si è svolto negli anni anche sul circuito di Aintree e sul circuito di Brands Hatch.

Prima delle pesanti modifiche apportate nel 1991, Silverstone era una delle piste più veloci presenti nel calendario di Formula 1. I piloti amavano la sfida rappresentata dalle curve veloci Copse, Stowe e Club. Il campione del mondo 1982 Keke Rosberg mantenne per 16 anni il giro di qualifica più veloce nella storia della Formula 1 ottenuto nel corso dell'edizione 1985 con la media di 258,983 km/h. Negli ultimi anni Silverstone è stata luogo di belle vittorie da parte di corridori britannici. In particolare John Watson (1981), Nigel Mansell (1987, 1991 e 1992), Damon Hill (1994), David Coulthard (1999 e 2000) e Lewis Hamilton (2008).

Una disputa tra i proprietari del circuito di Silverstone, il British Racing Drivers' Club (BRDC), e le autorità della Formula 1 nel 2003 sui fondi necessari per i lavori alle strutture del circuito portò a dubbi relativi al futuro della gara.

Nell'ottobre 2004 il Gran Premio di Gran Bretagna fu lasciato fuori dal calendario preliminare per il 2005 a causa del rifiuto della BRDC di pagare la cifra richiesta da Ecclestone. Comunque, dopo mesi di negoziati tra la BRDC, Ecclestone e i costruttori di Formula 1, un accordo fu raggiunto per mantenere il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone fino all'anno 2009. Dal 2010, il circus avrebbe dovuto tornare, per 10 anni, a Donington Park, anche se le difficoltà finanziarie del circuito fecero temere per il mantenimento della gara nel calendario,[1] il suo spostamento al 2011,[2] oppure un ritorno a Silverstone.[3]

Nel calendario per il 2010, presentato il 21 settembre 2009, venne confermato il suo spostamento a Donington Park.[4] A seguito della rinuncia degli organizzatori di Donington viene firmato un accordo tra Ecclestone e il circuito di Silverstone per far ospitare per 17 anni il gran premio del circuito sito vicino Northampton.[5]

Nonostante le controversie ed i problemi politici che hanno circondato il futuro della corsa negli ultimi anni, il Gran Premio di Gran Bretagna rimane uno degli eventi principali nel mondo delle corse automobilistiche.

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Il trofeo assegnato ogni anno, il Royal Automobile Club Trophy, è il più antico tra tutti quelli del campionato e fu realizzato nel 1871. Ai vincitori spetta una replica.[6]
  • La vittoria della Ferrari nell'edizione del 1951 è stata la prima vittoria nel campionato del mondo di Formula 1 per la squadra di Maranello.
  • L'edizione del 1975 è da ricordare per il violento nubifragio che pose fine di fatto alla gara quando 3 delle 4 macchine di testa andarono in aquaplaning ed uscirono di strada nella stessa curva. Alla fine rimasero in corsa solo 6 vetture. Il RAC dichiarò conclusa la gara al giro (55) in cui la maggior parte delle macchine erano ancora in pista.
  • L'edizione del 1976 è stata l'unica gara del mondiale di Formula 1 a vedere l'iscrizione di due donne pilota: Lella Lombardi e Divina Galica. Nessuna delle due riuscì a qualificarsi per la gara.
  • L'edizione del 1977 vide la prima apparizione del pilota canadese Gilles Villeneuve in Formula 1.
  • La vittoria del 1979 è stata la prima per la Williams in un Gran Premio.
  • L'edizione del 1983 è stato l'ultimo Gran Premio di Gran Bretagna svoltosi di sabato.
  • Nell'edizione del 1998 Michael Schumacher tagliò il traguardo dalla pitlane mentre scontava una penalità di stop and go di 10 secondi.
  • L'edizione del 2003 viene ricordata anche per l'invasione di pista da parte di Neil Horan sull'Hangar Straight che causò l'ingresso della Safety car e lo sconvolgimento della gara.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Validi per il Campionato Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

data circuito ordine di arrivo: Pos. - Pilota - Nazionalità - Auto
6 luglio 2014 Silverstone
1 Lewis Hamilton (Regno Unito Regno Unito) Mercedes
2 Valtteri Bottas (Finlandia Finlandia) Williams-Mercedes
3 Daniel Ricciardo (Australia Australia) Red Bull-Renault
30 giugno 2013 Silverstone
1 Nico Rosberg (Germania Germania) Mercedes
2 Mark Webber (Australia Australia) Red Bull
3 Fernando Alonso (Spagna Spagna) Ferrari
8 luglio 2012 Silverstone
1 Mark Webber (Australia Australia) Red Bull
2 Fernando Alonso (Spagna Spagna) Ferrari
3 Sebastian Vettel (Germania Germania) Red Bull
10 luglio 2011 Silverstone
1 Fernando Alonso (Spagna Spagna) Ferrari
2 Sebastian Vettel (Germania Germania) Red Bull
3 Mark Webber (Australia Australia) Red Bull
11 luglio 2010 Silverstone
1 Mark Webber (Australia Australia) Red Bull
2 Lewis Hamilton (Regno Unito Regno Unito) McLaren
3 Nico Rosberg (Germania Germania) Mercedes GP
21 giugno 2009 Silverstone
1 Sebastian Vettel (Germania Germania) Red Bull
2 Mark Webber (Australia Australia) Red Bull
3 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Brawn GP
6 luglio 2008 Silverstone
1 Lewis Hamilton (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Mercedes
2 Nick Heidfeld (Germania Germania) BMW Sauber
3 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Honda
8 luglio 2007 Silverstone
1 Kimi Raikkonen (Finlandia Finlandia) Ferrari
2 Fernando Alonso (Spagna Spagna) McLaren-Mercedes
3 Lewis Hamilton (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Mercedes
11 luglio 2006 Silverstone
1 Fernando Alonso (Spagna Spagna) Renault
2 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
3 Kimi Raikkonen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
10 luglio 2005 Silverstone
1 Juan Pablo Montoya (Colombia Colombia) McLaren-Mercedes
2 Fernando Alonso (Spagna Spagna) Renault
3 Kimi Raikkonen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
11 luglio 2004 Silverstone
1 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
2 Kimi Raikkonen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
3 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Ferrari
20 luglio 2003 Silverstone
1 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Ferrari
2 Juan Pablo Montoya (Colombia Colombia) Williams-BMW
3 Kimi Raikkonen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
7 luglio 2002 Silverstone
1 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
2 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Ferrari
3 Juan Pablo Montoya (Colombia Colombia) Williams-BMW
15 luglio 2001 Silverstone
1 Mika Hakkinen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
2 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
3 Rubens Barrichello (Brasile Brasile) Ferrari
23 aprile 2000 Silverstone
1 David Coulthard (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Mercedes
2 Mika Hakkinen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
3 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
11 luglio 1999 Silverstone
1 David Coulthard (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Mercedes
2 Eddie Irvine (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
3 Ralf Schumacher (Germania Germania) Williams-Supertec
12 luglio 1998 Silverstone
1 Michael Schumacher (Germania Germania) Ferrari
2 Mika Hakkinen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
3 Eddie Irvine (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
13 luglio 1997 Silverstone
1 Jacques Villeneuve (Canada Canada) Williams-Renault
2 Jean Alesi (Francia Francia) Benetton-Renault
3 Alexander Wurz (Austria Austria) Benetton-Renault
14 luglio 1996 Silverstone
1 Jacques Villeneuve (Canada Canada) Williams-Renault
2 Gerhard Berger (Austria Austria) Benetton-Renault
3 Mika Hakkinen (Finlandia Finlandia) McLaren-Mercedes
16 luglio 1995 Silverstone
1 Johnny Herbert (Regno Unito Regno Unito) Benetton-Renault
2 Jean Alesi (Francia Francia) Ferrari
3 David Coulthard (Regno Unito Regno Unito) Williams-Renault
10 luglio 1994 Silverstone
1 Damon Hill (Regno Unito Regno Unito) Williams-Renault
2 Jean Alesi (Francia Francia) Ferrari
3 Mika Hakkinen (Finlandia Finlandia) McLaren-Peugeot
11 luglio 1993 Silverstone
1 Alain Prost (Francia Francia) Williams-Renault
2 Michael Schumacher (Germania Germania) Benetton-Ford
3 Riccardo Patrese (Italia Italia) Benetton-Ford
14 luglio 1992 Silverstone
1 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Williams-Renault
2 Riccardo Patrese (Italia Italia) Williams-Renault
3 Martin Brundle (Regno Unito Regno Unito) Benetton-Ford
14 luglio 1991 Silverstone
1 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Williams-Renault
2 Gerhard Berger (Austria Austria) McLaren-Honda
3 Alain Prost (Francia Francia) Ferrari
15 luglio1990 Silverstone
1 Alain Prost (Francia Francia) Ferrari
2 Thierry Boutsen (Belgio Belgio) Williams-Renault
3 Ayrton Senna (Brasile Brasile) McLaren-Honda
16 luglio 1989 Silverstone
1 Alain Prost (Francia Francia) McLaren-Honda
2 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
3 Alessandro Nannini (Italia Italia) Benetton-Ford
10 luglio 1988 Silverstone
1 Ayrton Senna (Brasile Brasile) McLaren-Honda
2 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Williams-Judd
3 Alessandro Nannini (Italia Italia) Benetton-Ford
12 luglio 1987 Silverstone
1 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Williams-Honda
2 Nelson Piquet (Brasile Brasile) Williams-Honda
3 Ayrton Senna (Brasile Brasile) Lotus-Honda
13 luglio 1986 Brands Hatch
1 Nigel Mansell (Regno Unito Regno Unito) Williams-Honda
2 Nelson Piquet (Brasile Brasile) Williams-Honda
3 Alain Prost (Francia Francia) McLaren-TAG
21 luglio 1985 Silverstone
1 Alain Prost (Francia Francia) McLaren-TAG
2 Michele Alboreto (Italia Italia) Ferrari
3 Jacques Laffite (Francia Francia) Ligier-Renault
22 luglio 1984 Brands Hatch
1 Niki Lauda (Austria Austria) McLaren-TAG
2 Derek Warwick (Regno Unito Regno Unito) Renault
3 Ayrton Senna (Brasile Brasile) Toleman-Hart
16 luglio 1983 Silverstone
1 Alain Prost (Francia Francia) Renault
2 Nelson Piquet (Brasile Brasile) Brabham-BMW
3 Patrick Tambay (Francia Francia) Ferrari
18 luglio 1982 Brands Hatch
1 Niki Lauda (Austria Austria) McLaren-Ford
2 Didier Pironi (Francia Francia) Ferrari
3 Patrick Tambay (Francia Francia) Ferrari
18 luglio 1981 Silverstone
1 John Watson (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Ford
2 Carlos Reutemann (Argentina Argentina) Williams-Ford
3 Jacques Laffite (Francia Francia) Ligier-Matra
13 luglio 1980 Brands Hatch
1 Alan Jones (Australia Australia) Williams-Ford
2 Nelson Piquet (Brasile Brasile) Brabham-Ford
3 Carlos Reutemann (Argentina Argentina) Williams-Ford
14 luglio 1979 Silverstone
1 Clay Regazzoni (Svizzera Svizzera) Williams-Ford
2 René Arnoux (Francia Francia) Renault
3 Jean-Pierre Jarier (Francia Francia) Tyrrell-Ford
16 luglio 1978 Brands Hatch
1 Carlos Reutemann (Argentina Argentina) Ferrari
2 Niki Lauda (Austria Austria) Brabham-Alfa Romeo
3 John Watson (Regno Unito Regno Unito) Brabham-Alfa Romeo
18 luglio 1977 Silverstone
1 James Hunt (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Ford
2 Niki Lauda (Austria Austria) Ferrari
3 Gunnar Nilsson (Svezia Svezia) Lotus-Ford
18 luglio 1976 Brands Hatch

vittoria di un Inglese dopo Jim Clark(1964). James Hunt squalificato per un'irregolarità tecnica della sua McLaren M23.

SQ. James Hunt (Regno Unito Regno Unito) McLaren-Ford
1 Niki Lauda (Austria Austria) Ferrari
2 Jody Scheckter (Sudafrica Sudafrica) Tyrrell-Ford
3 John Watson (Regno Unito Regno Unito) Penske-Ford
19 luglio 1975 Silverstone
1 Emerson Fittipaldi (Brasile Brasile) McLaren-Ford
2 Carlos Pace (Brasile Brasile) Brabham-Ford
3 Jody Scheckter (Sudafrica Sudafrica) Tyrrell-Ford
20 luglio1974 Brands Hatch
1 Jody Scheckter (Sudafrica Sudafrica) Tyrrell-Ford
2 Emerson Fittipaldi (Brasile Brasile) McLaren-Ford
3 Jacky Ickx (Belgio Belgio) Lotus-Ford
14 luglio 1973 Silverstone
1 Peter Revson (Stati Uniti Stati Uniti) McLaren-Ford
2 Ronnie Peterson (Svezia Svezia) Lotus-Ford
3 Denny Hulme (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) McLaren-Ford
17 luglio 1972 Brands Hatch
1 Emerson Fittipaldi (Brasile Brasile) Lotus-Ford
2 Jackie Stewart (Regno Unito Regno Unito) Tyrrell-Ford
3 Peter Revson (Stati Uniti Stati Uniti) McLaren-Ford
17 luglio 1971 Silverstone
1 Jackie Stewart (Regno Unito Regno Unito) Tyrrell-Ford
2 Ronnie Peterson (Svezia Svezia) March-Ford
3 Emerson Fittipaldi (Brasile Brasile) Lotus-Ford
18 luglio 1970 Brands Hatch
1 Jochen Rindt (Austria Austria) Lotus-Ford
2 Jack Brabham (Australia Australia) Brabham-Ford
3 Denny Hulme (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) McLaren-Ford
20 luglio 1969 Silverstone
1 Jackie Stewart (Regno Unito Regno Unito) Matra-Ford
2 Jacky Ickx (Belgio Belgio) Brabham-Ford
3 Bruce McLaren (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) McLaren-Ford
20 luglio 1968 Brands Hatch
1 Jo Siffert (Svizzera Svizzera) Lotus-Ford
2 Chris Amon (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Ferrari
3 Jacky Ickx (Belgio Belgio) Ferrari
15 luglio 1967 Silverstone
1 Jim Clark (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Ford
2 Denny Hulme (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Brabham-Repco
3 Chris Amon (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Ferrari
16 luglio 1966 Brands Hatch
1 Jack Brabham (Australia Australia) Brabham-Repco
2 Denny Hulme (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Brabham-Repco
3 Graham Hill (Regno Unito Regno Unito) BRM
10 luglio 1965 Silverstone
1 Jim Clark (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
2 Graham Hill (Regno Unito Regno Unito) BRM
3 John Surtees (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
11 luglio 1964 Brands Hatch
1 Jim Clark (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
2 Graham Hill (Regno Unito Regno Unito) BRM
3 John Surtees (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
20 luglio 1963 Silverstone
1 Jim Clark (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
2 John Surtees (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
3 Graham Hill (Regno Unito Regno Unito) BRM
21 luglio 1962 Aintree
1 Jim Clark (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
2 John Surtees (Regno Unito Regno Unito) Lola-Climax
3 Bruce McLaren (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Cooper-Climax
15 luglio 1961 Aintree
1 Wolfgang von Trips (Germania Germania) Ferrari
2 Phil Hill (Stati Uniti Stati Uniti) Ferrari
3 Richie Ginther (Stati Uniti Stati Uniti) Ferrari
16 luglio 1960 Silverstone
1 Jack Brabham (Australia Australia) Cooper-Climax
2 John Surtees (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
3 Innes Ireland (Regno Unito Regno Unito) Lotus-Climax
18 luglio 1959 Aintree
1 Jack Brabham (Australia Australia) Cooper-Climax
2 Stirling Moss (Regno Unito Regno Unito) BRM
3 Bruce McLaren (Nuova Zelanda Nuova Zelanda) Cooper-Climax
19 luglio 1958 Silverstone
1 Peter Collins (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
2 Mike Hawthorn (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
3 Roy Salvadori (Regno Unito Regno Unito) Cooper-Climax
20 luglio 1957 Aintree
1 Tony Brooks
Stirling Moss
(Regno Unito Regno Unito)
(Regno Unito Regno Unito)
Vanwall
2 Luigi Musso (Italia Italia) Ferrari
3 Mike Hawthorn (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
14 luglio 1956 Silverstone
1 Juan Manuel Fangio (Argentina Argentina) Ferrari
2 Alfonso de Portago
Peter Collins
(Spagna Spagna)
(Regno Unito Regno Unito)
Ferrari
3 Jean Behra (Francia Francia) Maserati
16 luglio 1955 Aintree
1 Stirling Moss (Regno Unito Regno Unito) Mercedes-Benz
2 Juan Manuel Fangio (Argentina Argentina) Mercedes-Benz
3 Karl Kling (Germania Germania) Mercedes-Benz
17 luglio 1954 Silverstone
1 Froilan Gonzalez (Argentina Argentina) Ferrari
2 Mike Hawthorn (Regno Unito Regno Unito) Ferrari
3 Onofre Marimon (Argentina Argentina) Maserati
18 luglio 1953 Silverstone
1 Alberto Ascari (Italia Italia) Ferrari
2 Juan Manuel Fangio (Argentina Argentina) Maserati
3 Nino Farina (Italia Italia) Ferrari
19 luglio 1952 Silverstone
1 Alberto Ascari (Italia Italia) Ferrari
2 Piero Taruffi (Italia Italia) Ferrari
3 Mike Hawthorn (Regno Unito Regno Unito) Cooper-Bristol
14 luglio 1951 Silverstone
1 José Froilan Gonzalez (Argentina Argentina) Ferrari
2 Juan Manuel Fangio (Argentina Argentina) Alfa Romeo
3 Luigi Villoresi (Italia Italia) Ferrari
13 maggio 1950 Silverstone
1 Giuseppe Nino Farina (Italia Italia) Alfa Romeo
2 Luigi Fagioli (Italia Italia) Alfa Romeo
3 Reg Parnell (Regno Unito Regno Unito) Alfa Romeo

Prima del Campionato Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

anno circuito pilota vettura
1926 Brooklands Senechal e Wagner Delage
1927 Brooklands Robert Benoist Delage
1928
-
1947
Non disputatosi
1948 Silverstone Luigi Villoresi Maserati
1949 Silverstone Emmanuel de Graffenried Maserati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Formula 1: Ecclestone minaccia l'addio alla Gran Bretagna, gazzetta.it, 24 aprile 2009. URL consultato il 24 aprile 2009.
  2. ^ Ecclestone: Donington could be postponed to 2011, f1.gpupdate.net, 12 maggio 2009. URL consultato il 12 maggio 2009.
  3. ^ Formula 1: Ecclestone ammetterebbe un ritorno di Silverstone, f1grandprix.it, 27 aprile 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  4. ^ Svelato il calendario 2010, f1.gpupdate.net, 21 settembre 2009. URL consultato il 22 settembre 2009.
  5. ^ Il Gp d'Inghilterra a Silverston per 17 anni, f1.gpupdate.net, 7 dicembre 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  6. ^ La coppa di Silverstone, la più prestigiosa e antica della storia, F1WEB.it, 17 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1