Alfonso de Portago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso de Portago
Alfondo de Portago e Edmund Nelson.jpg
de Portago (a sinistra) assieme al navigatore Edmund Nelson alla partenza della Mille Miglia 1957
Dati biografici
Nome Alfonso Antonio Vicente Eduardo Ángel Blas Francisco de Borja Cabeza de Vaca y Leighton, marchese di Portago
Nazionalità Spagna Spagna
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1956-1957
Scuderie Ferrari
Miglior risultato finale 15º (1956)
GP disputati 5
Podi 1
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità bob a due
Palmarès
Campionato mondiale di bob a due 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Alfonso de Portago, nome completo Alfonso Antonio Vicente Eduardo Ángel Blas Francisco de Borja Cabeza de Vaca y Leighton, marchese di Portago (Londra, 11 ottobre 1928Guidizzolo, 12 maggio 1957), è stato un pilota automobilistico, bobbista e nobile spagnolo attivo in varie categorie, tra cui la Formula 1. È morto durante la Mille Miglia del 1957.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia aristocratica spagnola e di madre irlandese, trascorse l'infanzia a Biarritz in Francia, impegnandosi con successo in diversi sport. Nel 1953 l'incontro con l'importatore americano della Ferrari Luigi Chinetti lo portò a gareggiare come suo copilota nella Carrera Panamericana, per poi gareggiare con una Ferrari sport di sua proprietà nella Buenos Aires 1000 del 1954. Si trasferì poi in Europa per continuare a gareggiare con una Maserati.

De Portago su Ferrari

Nel 1955 comprò una Ferrari di Formula 1 che però andò presto distrutta in un incidente all'International Trophy di Silverstone in cui De Portago si ruppe una gamba. Ritornò nel 1956 come pilota ufficiale della Ferrari, ottenendo un secondo posto al Gran Premio di Gran Bretagna condiviso con Peter Collins.

De Portago partecipò anche alle Olimpiadi invernali del 1956 a Cortina d'Ampezzo, dove gareggiò nel bob. Nel 1957, ai campionati mondiali FIBT a St.Moritz, conquistò la medaglia di bronzo nel bob a due.

A lui è stata intitolata l'ultima curva prima del traguardo della pista Olympia Bobrun St. Moritz-Celerina[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tragedia di Guidizzolo.

Durante la Mille Miglia del 1957, sulla Goitese all'altezza della località di Guidizzolo (MN), alla guida di una Ferrari 335S, De Portago fu vittima di un incidente causato dal cedimento di uno pneumatico e morì sul colpo, insieme al copilota Edmund Nelson e a 9 spettatori tra cui 5 bambini.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1956 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Ferrari D50 Rit 2 Rit Rit 3[2] 15º
1957 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Pescara-Stemma.png Flag of Italy.svg Punti Pos.
Ferrari 801 5 1[3] 21º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mappa della pista Olympia Bobrun St. Moritz-Celerina
  2. ^ Nel Gran Premio di Gran Bretagna 1956 punteggio dimezzato per condivisione della vettura con Peter Collins.
  3. ^ Nel Gran Premio d'Argentina 1957 punteggio dimezzato per condivisione della vettura con José Froilán González.

Controllo di autorità VIAF: 20000886