McLaren MP4-16

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4-16
Mika Hakkinen 2001 Canada.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  McLaren
Categoria Formula 1
Squadra West McLaren Mercedes
Progettata da Adrian Newey
Sostituisce McLaren MP4/15
Sostituita da McLaren MP4-17
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Mercedes-Benz V10 da 2997cc
Trasmissione Trazione posteriore
Dimensioni e pesi
Passo 3.074 mm
Peso 600 kg
Altro
Carburante Mobil 1
Pneumatici Bridgestone
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia del 2001
Piloti 3. Mika Hakkinen
4. David Coulthard
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
17 4 2 6

La McLaren MP4-16 è una monoposto di Formula 1 costruita dalla casa automobilistica McLaren, per partecipare al Campionato mondiale di Formula 1 2001.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La vettura impiegava un propulsore Mercedes-Benz FO 110K con la solita configurazione V10 inclinata di 72º e gestito da un cambio sequenziale a sei rapporti, mentre il telaio era in configurazione monoscocca in fibra di carbonio. L'impianto frenante era costituito da quattro freni a disco ventilati.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Alla guida della MP4-16 furono confermati l'ex campione del mondo Mika Häkkinen e David Coulthard. La MP4-16, nei piani della scuderia, doveva rappresentare la monoposto del riscatto e capace di riconquistare i titoli mondiali che la Ferrari aveva conquistato nella stagione precedente. Häkkinen in particolare, privo del prestgioso numero 1 passato nelle mani di Michael Schumacher, è desideroso di rivincita dopo il combattutissimo 2000. La Mclaren si rivela però inferiore rispetto alla F2001, pur ottenendo la prima vittoria in Brasile con Coulthard: sfiora poi la vittoria con Häkkinen in Spagna, il quale vede sfumare il poker sul circuito catalano (sul quale il finlandese aveva trionfato nelle tre precedenti edizioni) a causa di un guasto al motore all'ultimo giro, regalando la vittoria a Schumacher. Un nuovo successo viene ottenuto in Austria, sempre con Coulthard, mentre non può nulla a Monaco, a fronte di una doppietta Ferrari, e nemmeno in Canada. Häkkinen torna alla vittoria solo a Silverstone, interrompendo un digiuno personale che durava dal Gran Premio del Belgio 2000. L'ultimo successo della monposto anglo-tedesca avviene a Indianapolis (dove nel 2000 perse tutto il suo vantaggio in classifica), che corrisponde inoltre all'ultimo successo in carriera per Häkkinen, che annuncierà il suo ritiro a fine stagione. In Giappone si conclude la stagione di questa monoposto sconfitta in più occasioni dall'italiana F2001. Al termine della stagione la McLaren si classificò al secondo posto nella Classifica Costruttori.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]