McLaren MP4-26

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4-26
Lewis Hamilton 2011 Malaysia FP1.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  McLaren
Sostituisce McLaren MP4-25
Sostituita da McLaren MP4-27
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio monoscocca in materiali compositi rinforzati con fibre di carbonio e nido d'ape
Motore Mercedes-Benz FO 108Y V8
Dimensioni e pesi
Peso 95 - 620 kg
Altro
Carburante ExxonMobil
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2011
Risultati sportivi
Debutto Australia Gran Premio d'Australia 2011
Piloti 3. Regno Unito Lewis Hamilton
4. Regno Unito Jenson Button
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
19 6 1 6

La McLaren MP4-26 è vettura di Formula 1, con la quale il team britannico partecipa al Campionato mondiale di Formula 1 2011.

È stata presentata il 4 febbraio 2011 a Berlino[1]. I piloti sono gli stessi della stagione 2010: gli inglesi Lewis Hamilton e Jenson Button.

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

La livrea è quella degli ultimi anni: grigia metallizzata in cui spiccano gli inserti rossi dello sponsor Vodafone.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2011#Modifiche al regolamento.

Scheda Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2011[modifica | modifica wikitesto]

Test[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Test F1 2010-2011.

La McLaren salta la prima sessione di test invernali a Valencia, dove il team si presenta con un'evoluzione della macchina dell'anno precedente, in attesa di mettere a punto il nuovo telaio.[2]

Il debutto avviene a Jerez de la Frontera il 10 febbraio, con Lewis Hamilton al volante.[3] Il giorno seguente è la volta di Jenson Button, che fa segnare il terzo miglior tempo.[4]

Nei primi test svolti sul Circuito di Barcellona (18-21 febbraio) la vettura ha fatto segnare tempi sempre attorno alla quarta-quinta posizione di giornata, tranne il terzo giorno in cui ha chiuso terza con Hamilton.[5] Nei test, svolti sempre sul circuito catalano, ma a marzo, Button ha fatto segnare il secondo tempo l'8 marzo,[6] Hamilton il quarto il giorno seguente e il terzo l'ultimo giorno, caratterizzato dalla pioggia.[7]

Tuttavia la monoposto comincia a soffrire in termini di affidabilità: alla fine delle prove invernali la McLaren sarà la squadra ad aver percorso meno chilometri fra i top-team[8]. Le cause delle difficoltà sono riconducibili al sistema di scarico frontale a cui la squadra decide di rinunciare a 4 giorni dalla partenza per Melbourne[9].

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

In campionato la vettura si dimostra molto più competitiva. Hamilton è secondo in Australia e vince in Cina, mentre Button coglie il secondo posto in Malesia ed il primo in Canada. A Montreal Button è autore di una grande rimonta: dopo un pit stop dovuto al cambio del musetto e a un drive through è capace di vincere dopo essersi trovato in 22esima posizione, grazie a ben 17 sorpassi in pista, e cogliere il primo posto, all'ultimo giro, dopo un errore commesso dal battistrada Sebastian Vettel.

Nella parte centrale della stagione la vettura s'impone in due occasioni, con Hamilton nel Gran Premio di Germania, gara nella quale il britannico parte dalla prima fila e conquista anche il giro più veloce e nel Gran Premio d'Ungheria con Button che sfrutta al meglio le condizioni mutevoli della pista.

Dopo la pausa estiva Jenson Button conquista quattro podi di fila, tra cui la vittoria nel Gran Premio del Giappone (in cui conquista anche il giro più veloce) e due secondi posti a Monza e Singapore. Nel Gran Premio di Corea Hamilton conquista la pole, spezzando una striscia di 16 gare consecutive in prima posizione nelle prove della Red Bull Racing. Col risultato del Gran Premio d'India la scuderia conquista il platonico titolo di vicecampione del mondo costruttori. L'ultima vittoria stagionale viene conquistata ad Abu Dhabi con Lewis Hamilton.

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda) (I risultati in Grassetto indicano una pole position; i risultati in Corsivo indicano un giro più veloce)

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
2011 McLaren Mercedes Mercedes-Benz F108Y 2.4 V8 P Regno Unito Hamilton 2 8 1 4 2 6 Rit 4 4 1 4 Rit 4 5 5 2 7 1 Rit 497
Regno Unito Button 6 2 4 6 3 3 1 6 Rit Rit 1 3 2 2 1 4 2 3 3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Svelata la nuova McLaren MP4-26. In corso la presentazione in f1grandprix.motorionline.com, 4 febbraio 2011. URL consultato il 4-2-2011.
  2. ^ Massimo Costa, Valencia - 1º turno:Subito duello Alonso-Vettel in italiaracing.net, 1-2-2011. URL consultato il 30-4-2011.
  3. ^ Massimo Costa, Test a Jerez - 1º giorno:Massa al top pensando a Kubica in italiaracing.net, 10-2-2011. URL consultato l'11-5-2011.
  4. ^ Massimo Costa, Test a Jerez - 2º giorno:Schumacher leader con la Mercedes in italiaracing.net, 11-2-2011. URL consultato l'11-5-2011.
  5. ^ Massimo Costa, Test a Barcellona - 3º giorno:Rosberg e Mercedes al comando in italiaracing.net, 20-2-2011. URL consultato l'11-5-2011.
  6. ^ Barcellona, 1º giorno: Webber da pole-Valsecchi impressiona con la Lotus in italiaracing.net, 8-3-2011. URL consultato l'11-5-2011.
  7. ^ Test a Barcellona - 5º giorno:La pioggia chiude i test collettivi 2011 in italiaracing.net, 12-3-2011. URL consultato il 2-5-2011.
  8. ^ Ferrari da record con 7000 km. Soffre la McLaren: solo i nuovi team fanno peggio in GrandChelem.it, 16 marzo 2011. URL consultato il 21-3-2011.
  9. ^ McLaren, dietrofront a 4 giorni dalla partenza: via gli scarichi frontali in GrandChelem.it, 21 marzo 2011. URL consultato il 21-3-2011.