McLaren MP4-24

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4-24
Hamilton McLaren MP4-24.jpg
Lewis Hamilton sulla MP4-24
Descrizione generale
Costruttore bandiera  McLaren
Categoria Formula 1
Sostituisce McLaren MP4-23
Sostituita da McLaren MP4-25
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Mercedes-Benz FO 108W 2.4 L
Altro
Carburante Mobil
Pneumatici Bridgestone
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2009
Piloti 1. Lewis Hamilton
2. Heikki Kovalainen
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
17 2 4 0

La McLaren MP4-24 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1 costruita dalla casa automobilistica McLaren, per partecipare al Campionato del Mondo 2009 di Formula 1. È stata presentata il 16 gennaio 2009 a Woking, presso la sede della scuderia.

Novità[modifica | modifica sorgente]

In virtù dei nuovi regolamenti imposti dalla FIA per la stagione 2009, la MP4-24 presenta numerose novità rispetto alla precedente MP4-23: è stato ridotto l'alettone posteriore ed è stato ampliato l'alettone anteriore (il cui flap potrà essere modificato direttamente dal pilota); sono state eliminate le feritoie di sfogo sulla carrozzeria; è stato introdotto il sistema KERS, realizzato in collaborazione con Mercedes-Benz High Performance Engines.

Scheda tecnica[modifica | modifica sorgente]

Piloti[modifica | modifica sorgente]

Stagione 2009[modifica | modifica sorgente]

La stagione inizia negativamente con la squalifica in cui incorre Lewis Hamilton nel corso del Gran Premio d'Australia. L'inglese, che inizialmente era stato classificato terzo ai danni di Jarno Trulli, è stato successivamente squalificato dalla FIA, sulla base di un comportamento giudicato antisportivo. Il fatto è stato scoperto dall'analisi delle registrazioni radio tra il pilota anglocaraibico della McLaren e il muretto, dal quale sarebbe partito l'ordine di rallentare per lasciarsi superare da Trulli in regime di safety car. L'inglese avrebbe poi negato di aver rallentato volontariamente. [1]

La parte iniziale della stagione è molto deludente con la macchina che spesso non raggiunge i punti. Dal Gran Premio d'Ungheria la vettura si dimostra più competitiva, conquistando la prima vittoria con Hamilton. Nel gran premio seguente le due vetture monopolizzano la prima fila e solo un disguido ai box impedisce a Hamilton di lottare per la vittoria finale con Barrichello[2]. Lewis Hamilton conquista due pole di fila (Monza e Singapore). Nella prima gara il podio viene perduto per un incidente del pilota all'ultimo giro, mentre nella gara asiatica l'inglese ottiene la seconda vittoria dell'anno[3]. Anche le prestazioni di Kovalainen testimoniano del miglioramento della vettura; il finlandese giunge per sei gare di fila in zona punti. Hamilton chiude la stagione con due podi (Giappone e Brasile) e la pole ad Abu Dhabi. La McLaren conquista il terzo posto nella classifica costruttori.

Risultati F1[modifica | modifica sorgente]

(Legenda) (I risultati in Grassetto indicano una pole position; i risultati in Corsivo indicano un giro più veloce)

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2009 McLaren Mercedes Mercedes-Benz FO 108W 2.4 V8 B Regno Unito Hamilton SQ 7 6 4 9 12 13 16 18 1 2 Rit 12 1 3 3 Rit 71
Finlandia Kovalainen Rit Rit 5 12 Rit Rit 14 Rit 8 5 4 6 6 7 11 12 11

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trulli riammesso in terza posizione
  2. ^ La McLaren pasticcia, vince Barrichello, it.f1-live.com, 23 agosto 2009. URL consultato il 25 agosto 2009.
  3. ^ Hamilton trionfa a Singapore, f1.gpupdate.net, 27 agosto 2009. URL consultato il 28 agosto 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sito ufficiale. URL consultato il 16-01-2009.

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1