McLaren MP4/3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4/3
McLaren MP4-3.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  McLaren
Categoria Formula 1
Squadra McLaren
Progettata da Steve Nichols
Sostituisce McLaren MP4/2
Sostituita da McLaren MP4/4
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore TAG Porsche TTE PO1
Dimensioni e pesi
Passo 2.794 mm
Peso 540 kg
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Brasile 1987
Piloti Stefan Johansson
Alain Prost
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
16 3 0 2

La McLaren MP4/3 fu una vettura di Formula 1 progettata da Steve Nichols, dopo l'abbandono del team da parte di John Barnard, in monoscocca in fibra di carbonio e spinta dal propulsore turbo TAG Porsche TTE PO1 V6 da 1.500 cc. La MP4/3 venne utilizzata nel corso della stagione 1987. Era gommata dalla Goodyear.

Fu la prima vettura interamente nuova dalla vincente serie di monoposto MP4/2, che avevano debuttato nel 1984.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

L'aerodinamica era completamente differente da quella della MP4/2; la vettura appare più affilata, al fine di rispondere alla limitazione della dimensione del serbatoio rispetto alle regole precedenti. Con l'aggiunta di radiatori laterali l'aspetto esteriore appare così più pulito. Tuttavia il modello mantiene la stessa geometria di sospensioni di quello precedente così come il sistema del cambio è il medesimo. Il propulsore resta lo stesso ma con alcuni cambiamenti nel rapporto di compressione e nel contralbero[1].

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

Prost iniziò la stagione con 2 vittorie (Brasile e Belgio) nelle prime tre gare, con una vettura che si dimostrò subito più equilibrata e facile da mettere a punto delle rivali Williams, Lotus e Ferrari. Tuttavia, nel corso della stagione emergeranno vari problemi di affidabilità, soprattutto all'elettronica del motore Tag Porsche, che impediranno a Prost di riconfermare il suo titolo, e in particolare lo fermeranno in Germania mentre era in testa a tre giri dalla fine. Il pilota transalpino riuscirà a vincere solo un'altra volta in Portogallo. I secondi posti saranno tre (due con Stefan Johansson e uno con Prost) e ben 6 i terzi (3 di Johansson, tra cui all'esordio in Brasile, e 3 di Prost).

In prova Prost partì per ben tre volte dal secondo posto, e conquistò due giri veloci (Belgio e Giappone). In totale la vettura fece suoi 76 punti (46 Prost 30 Johansson) consentendo alla McLaren di giungere seconda nel mondiale costruttori.

I telai[modifica | modifica wikitesto]

Cinque MP4/3 furono modellate in fibra di carbonio con l'assistenza della Hercules Aerospace, proseguendo quella collaborazione iniziata col modello MP4/1 nel 1981. I cinque telai, numerati dall'1 al 5, furono usati nel corso della stagione; già tre modelli furono disponibili per la gara d'esordio in Brasile[2].

Due MP4/3 furono distrutte nel corso del 1987, mentre tre modelli sono ancora esistenti: il telaio nr.4 è presente presso la Donington Grand Prix Collection, il nr.5 è ancora di proprietà McLaren, mentre il telaio nr.1, è l'unico nelle mani di un collezionista privato negli Stati Uniti.

1: Fu usato come muletto nei gran premi del Brasile, San Marino, Belgio, Monaco, Detroit, Francia, Gran Bretagna, Germania, Ungheria, Italia, Portogallo, Spagna, Giappone e Australia. Fu utilizzato solo nella prima partenza del Gran Premio d'Austria da Stefan Johansson.

2: Usato in gara da Johansson a Rio, Imola, Spa, Monaco, Detroit, Paul Ricard, Silverstone, Hockenheim e all'Hungaroring. La vettura fu distrutta nelle prove del Gran Premio d'Austria da Johansson in un terrificante incidente contro un cerbiatto che aveva invaso la pista.

3: Guidato da Alain Prost a Rio, Imola, Spa, Monaco, Detroit, e al Paul Ricard. Modificata per Johansson al fine di essere usato in gara all'Österreichring. Usato come muletto in Messico, venne poi guidato in gara da Johansson, ma abbandonato dopo un incidente al primo giro.

4: Con questo telaio Prost affrontò le gare di Silverstone, Hockenheim, Hungaroring, Österreichring, Monza, Estoril, Jerez, Suzuka, e Adelaide.

5: Johansson lo usò a Monza, Estoril, Jerez, Messico, Suzuka, e Adelaide.

Versione B[modifica | modifica wikitesto]

La MP4/3B ibrida in mostra al Museo Fangio.

Un sesto telaio, chiamato MP4/3B, fu utilizzato da Prost e Ayrton Senna come vettura test per provare il motore Honda che sarebbe stato montato nel 1988. Vettura mai utilizzata in gara, fu comunque utile nella interstagione 1987-88 fino all'arrivo della MP4/4. La MP4/3B si trova attualmente al Museo Juan Manuel Fangio a Balcarce, Argentina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autocourse 1987-88, p.48.
  2. ^ Autocourse 1987-88, p.58.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1