McLaren MP4/8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McLaren MP4/8
AyrtonSennaAtHockheimGP1993.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  McLaren
Categoria Formula 1
Squadra McLaren
Progettata da Neil Oatley
Sostituisce McLaren MP4/7
Sostituita da McLaren MP4/9
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Fibra di carbonio
Motore Ford Cosworth V8 a 75°
Trasmissione Semiautomatica
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Sud Africa 1993
Piloti Ayrton Senna
Mika Hakkinen
Michael Andretti
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
16 5 1 1

La McLaren MP4/8 fu la vettura del team McLaren di Formula 1 che prese parte al Campionato del Mondo 1993.

Progetto e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La vettura vantava un telaio monoscocca nato per sfruttare la leggerezza del motore V8 Ford così come numerosi sistemi di aiuto alla guida; oltre all'acceleratore elettronico disponeva di un sistema antipattinamento, di freni a controllo elettronico gestiti dal sistema TAG Electronic e (a partire dal Brasile) della telemetria bidirezionale. Riguardo l'aspetto aerodinamico, la carrozzeria era integrata nella scocca ed era caratterizzata da un muso stretto e scavato nella parte inferiore che lo faceva sembrare incurvato. Le fiancate erano alte e strette, dato che le masse radianti erano ridotte al minimo, mentre la parte posteriore rimase larga per favorire la fuoriuscita dell'aria dalle fiancate. Il cofano motore era più stretto per le dimensioni contenute del motore e per il serbatoio più piccolo. Una novità non da poco fu lo sviluppo delle sospensioni attive (con le quali la Williams nel 1992 aveva vinto entrambi i campionati) con attuatori Bilstein a schema push-rod. La McLaren perse nel 1993 la fornitura dei motori da parte della Honda e fu costretta ad affidarsi quindi a un Ford-Cosworth HB, con 8 cilindri a V di 75° del quale vi furono tre evoluzioni (VI, VII ed VIII), capace di erogare 720 CV a 13.500 giri/min con gestione TAG 2.12F. Il cambio era trasversale a 6 rapporti, semiautomatico, mentre gli pneumatici erano forniti dalla Goodyear.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1