Gran Premio di Turchia 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Turchia Gran Premio di Turchia 2009
810º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 17 del Campionato 2009
Istanbul park.svg
Data 7 giugno 2009
Nome ufficiale V Petrol Ofisi Turkish Grand Prix
Circuito Istanbul
Percorso 5,338 km / 3,317 US mi
Pista permanente
Distanza 58 giri, 309,396 km/ 192,290 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Regno Unito Jenson Button
Red Bull-Renault in 1:28.316 Brawn-Mercedes in 1:27.579
(nel giro 40)
Podio
1. Regno Unito Jenson Button
Brawn-Mercedes
2. Australia Mark Webber
Red Bull-Renault
3. Germania Sebastian Vettel
Red Bull-Renault

Il Gran Premio di Turchia 2009 è la settima prova della stagione 2009 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corso domenica 7 giugno 2009 sul circuito di Istanbul Park a Istanbul.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Bernie Ecclestone nel frattempo registra il marchio Gran Premio di Roma, GP che si dovrebbe disputare nella stagione 2011 accanto al Gran Premio d'Italia[1].

Iscrizioni al campionato 2010[modifica | modifica wikitesto]

La Williams si iscrive il 25 maggio al campionato del mondo 2010, venendo per questo sospesa temporaneamente dalla FOTA[2]. Anche la Prodrive annuncia la sua iscrizione al campionato 2010[3].

Il 29 maggio, data dell'ultimo termine utile per l'iscrizione al campionato 2010, tutti i team della FOTA decidono di iscriversi, con la riserva però della revisione delle nuove regole: in particolare, il regolamento in vigore nel 2009 non dovrà subire cambiamenti, tranne per le parti su cui si è già raggiunto un accordo fra la FIA e la FOTA. In più è richiesta la sottoscrizione del Patto della Concordia entro il 12 giugno[4]. Successivamente anche la Force India, come la Williams, decide di iscriversi al campionato senza condizioni[5].

Oltre ai team FOTA e alla Prodrive, alla Campos Grand Prix e al Team USGPE già iscritti prima del Gran Premio di Monaco, risultano aver inviato richiesta anche le rientranti March[6], Lola[7] e Brabham[8] (anche se Jack Brabham minaccia azioni legali contro la Formtech, ossia un'azienda tedesca che detiene il nome Brabham Gran Prix Ltd[9]) nonché le novità Team Superfund[10], Epsilon Euskadi[11] e Litespeed GP[12], quest'ultimo team di Formula 3, che potrebbe riportare in F1 il glorioso nome Lotus[13]. Vi è anche una candidatura di una scuderia italiana, la N. Technology, che già organizza la Formula Masters[14].

Alla domenica mattina vi è una riunione tra i piloti e i team FOTA (escluse le sospese Williams e Force India), in cui i piloti stessi dichiarano la loro disponibilità a seguire le decisioni dei loro team, anche nel caso di creazione di un campionato alternativo[15].

Aspetti controversi[modifica | modifica wikitesto]

Jenson Button in azione durante le prove libere

Alla luce dello scarso numero di spettatori per l'edizione 2009 del Gran Premio di Turchia (poco sopra i 30.000 spettatori), alcuni team manager dei top team hanno espresso il loro rammarico. La scarsa vendita dei biglietti, ancor peggio della stagione precedente, demoralizza le scuderie e nuoce all'immagine della Formula 1. Per questi motivi, è stato proposto a Bernie Ecclestone di rivedere i suoi impegni con la dirigenza del tracciato anche per tentare di avanzare delle manovre atte al miglioramento della situazione. In caso contrario questa splendida cattedrale nel deserto, come l'ha definita Flavio Briatore, sarebbe solo un considerevole dispendio di risorse.[16]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Bridgestone annuncia che per il gran premio porterà coperture di tipo morbido e di tipo duro[17]. La BMW Sauber adotta da questo gran premio sulle proprie vetture il doppio diffusore posteriore[18], mentre la Brawn GP porta una nuova ala anteriore[19]. La Toyota presenta una vettura modificata, ora con un alettone che scende fin quasi a terra (simile a quello della Red Bull) per ospitare il nuovo diffusore a due piani.

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[20], si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 16 Germania Nico Rosberg Regno Unito Williams-Toyota 1:28.952 24
2 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1:29.263 0.311 23
3 9 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:29.271 0.319 26

Nella seconda sessione del venerdì[21], si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 2 Finlandia Heikki Kovalainen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:28.841 37
2 7 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:28.847 0.006 35
3 5 Polonia Robert Kubica Germania BMW Sauber 1:29.056 0.215 35

Nella sessione del sabato mattina[22], si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 3 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1:27.983 26
2 9 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:28.022 0.039 21
3 10 Germania Timo Glock Giappone Toyota 1:28.094 0.111 23

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualificazione[23], si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Costruttore/Motore Q1 Q2 Q3 Giri Griglia Massa[24]
1 15 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1:27.330 1:27.016 1:28.316 17 1 649.5
2 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 1:27.355 1:27.230 1:28.421 22 2 655.5
3 23 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes 1:27.371 1:27.418 1:28.579 19 3 652.5
4 14 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1:27.466 1:27.416 1:28.613 20 4 656
5 9 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:27.529 1:27.195 1:28.666 24 5 652
6 4 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1:27.556 1:27.387 1:28.815 24 6 658
7 3 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1:27.508 1:27.349 1:28.858 23 7 654
8 7 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:27.988 1:27.473 1:29.075 20 8 644.5
9 16 Germania Nico Rosberg Regno Unito Williams-Toyota 1:27.517 1:27.418 1:29.191 27 9 660
10 5 Polonia Robert Kubica Germania BMW Sauber 1:27.788 1:27.455 1:29.357 20 10 664
11 6 Germania Nick Heidfeld Germania BMW Sauber 1:27.795 1:27.521 16 11 681.5
12 17 Giappone Kazuki Nakajima Regno Unito Williams-Toyota 1:27.691 1:27.629 20 12 680.4
13 10 Germania Timo Glock Giappone Toyota 1:28.160 1:27.795 18 13 689
14 2 Finlandia Heikki Kovalainen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:28.199 1:28.207 18 14 665
15 20 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1:28.278 1:28.391 18 15 668.5
16 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1:28.318 9 16 696.5
17 8 Brasile Nelson Piquet Jr. Francia Renault 1:28.582 8 17 689.6
18 12 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1:28.708 12 18 686.5
19 21 Italia Giancarlo Fisichella India Force India-Mercedes 1:28.717 11 19 688.5
20 11 Francia Sébastien Bourdais Italia STR-Ferrari 1:28.918 9 20 701

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al via scattano bene Vettel e Button in prima fila, mentre è disastrosa la partenza di Barrichello che viene sfilato da ben dieci vetture, ritrovandosi 13º al termine del primo giro. Nel corso della prima tornata, Vettel sbaglia alla curva numero 9 finendo sull'erba sintetica; viene quindi sorpassato da Button, che inizia a guadagnare nei confronti delle Red Bull dietro a lui. A pochi giri dall'inizio della gara, Fisichella rientra ai box per un problema ai freni: l'italiano è costretto al primo ritiro del pomeriggio. Intanto nelle retrovie è battaglia fra Kovalainen e Barrichello: i due si toccano proprio alla curva 9; ne risulta un testacoda per il brasiliano che lo relega al 16º posto. Deve poi cambiare l'ala danneggiata a seguito del contatto.

Alonso è il primo a fermarsi ai box, seguito da Vettel che decide di cambiare strategia e fare 3 pit-stop. Nei giri successivi si fermano per il rifornimento ed il cambio gomme quasi tutte le monoposto, esclusi Bourdais ed Hamilton che optano per una sosta sola. Vettel tenta di recuperare su Button: guadagna considerevolmente ma non riesce nel sorpasso e quindi vede fallire la sua strategia delle tre soste. Button riesce dunque ad accumulare un vantaggio incolmabile per le due Red Bull che lo seguono. Le emozioni proseguono dopo la sosta di Hamilton che subisce poi un duro sorpasso da parte di Piquet, il quale lo sopravanza con grandi rischi sulle ultime curve del tracciato. Dopo il secondo pit-stop da parte di tutte le vetture, le posizioni rimangono congelate, con Webber che riesce ad ottenere il 2º posto davanti al compagno di squadra, essendo su una strategia a due sole soste. Nelle battute finali, si ritira Barrichello per problemi al cambio, primo caso di inaffidabilità per la Brawn-Mercedes.

Button conquista la sua sesta vittoria stagionale su sette gare, rinforzando ancora di più la sua leadership. Primi punti della stagione per Kubica che termina un lungo digiuno. La Red-Bull riesce a guadagnare qualche punto in classifica costruttori grazie al ritiro di Barrichello, ma si trova ancora a 40 lunghezze dalla testa del campionato. Solamente 3 punti conquistati dalla Ferrari, grazie alla sesta piazza di Felipe Massa.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del GP sono stati i seguenti[25]:

Pos N Pilota Squadra-Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 22 Regno Unito Jenson Button Brawn-Mercedes 58 1:26:24.848 2 10
2 14 Australia Mark Webber Red Bull-Renault 58 +6.714 4 8
3 15 Germania Sebastian Vettel Red Bull-Renault 58 +7.461 1 6
4 9 Italia Jarno Trulli Toyota 58 +27.843 5 5
5 16 Germania Nico Rosberg Williams-Toyota 58 +31.539 9 4
6 3 Brasile Felipe Massa Ferrari 58 +39.996 7 3
7 5 Polonia Robert Kubica BMW Sauber 58 +46.247 10 2
8 10 Germania Timo Glock Toyota 58 +46.959 13 1
9 4 Finlandia Kimi Räikkönen Ferrari 58 +50.246 6
10 7 Spagna Fernando Alonso Renault 58 +1:02.420 8
11 16 Germania Nick Heidfeld BMW Sauber 58 +1:04.327 11
12 17 Giappone Kazuki Nakajima Williams-Toyota 58 +1:06.376 12
13 1 Regno Unito Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 58 +1:20.454 16
14 2 Finlandia Heikki Kovalainen McLaren-Mercedes 57 +1 Giro 14
15 12 Svizzera Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 57 +1 Giro 18
16 8 Brasile Nelson Piquet Jr. Renault 57 +1 Giro 17
17 20 Germania Adrian Sutil Force India-Mercedes 57 +1 Giro 15
18 11 Francia Sébastien Bourdais Toro Rosso-Ferrari 57 +1 Giro 20
Rit 23 Brasile Rubens Barrichello Brawn-Mercedes 47 Cambio 3
Rit 21 Italia Giancarlo Fisichella Force India-Mercedes 4 Freni 19

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Regno Unito Brawn-Mercedes 96
2 Austria RBR-Renault 56,5
3 Giappone Toyota 32,5
4 Italia Ferrari 20
5 Regno Unito McLaren-Mercedes 13
6 Regno Unito Williams-Toyota 11,5
7 Francia Renault 11
8 Germania BMW Sauber 8
9 Italia STR-Ferrari 5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F1: Ecclestone registra il marchio "GP di Roma", datasport.it, 2 giugno 2009. URL consultato il 2 giugno 2009.
  2. ^ La FOTA esclude provvisoriamente la Williams, it.f1-live.com, 27 maggio 2009. URL consultato il 27 maggio 2009.
  3. ^ Prodrive: Ufficializzata la candidatura al mondiale di Formula 1 del 2010, f1grandprix.it, 29 maggio 2009. URL consultato il 29 maggio 2009.
  4. ^ Mondiale 2010, Fota: tutti i team iscritti con riserva, tuttosport.com, 29 maggio 2009. URL consultato il 29 maggio 2009.
  5. ^ Force India iscritta senza condizioni, it.f1-live.com, 5 giugno 2009. URL consultato il 6 giugno 2009.
  6. ^ (EN) A return of March to Formula One, f1-live.com, 30 maggio 2009. URL consultato il 30 maggio 2009.
  7. ^ Lola conferma l'iscrizione al mondiale di Formula 1 2010, f1grandprix.it, 29 maggio 2009. URL consultato il 29 maggio 2009.
  8. ^ La Brabham pronta a tornare in F1, f1.gpupdate.net, 3 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  9. ^ Jack Brabham minaccia azioni legali contro la nuova Brabham, f1grandprix.it, 6 giugno 2009. URL consultato il 6 giugno 2009.
  10. ^ Wurz team manager del nuovo team Superfund, f1grandprix.it, 1º giugno 2009. URL consultato il 1º giugno 2009.
  11. ^ Epsilon Euskadi si è iscritta al mondiale F.1 del 2010, italiaracing.net, 1º giugno 2009. URL consultato il 2 giugno 2009.
  12. ^ Anche Litespeed si candida per la F1, 422race.com, 14 maggio 2009. URL consultato il 2 giugno 2009.
  13. ^ (EN) Lotus name could make F1 return in 2010, formula1.com, 7 giugno 2009. URL consultato il 7 giugno 2009.
  14. ^ La N. Technology nella lista dei candidati 2010, f1.gpupdate.net, 3 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  15. ^ Piloti compatti con la Fota Verso il campionato alternativo, gazzetta.it, 7 giugno 2009. URL consultato il 7 giugno 2009.
  16. ^ Flavio Briatore: "La bassa affluenza in Turchia non è positiva"
  17. ^ Bridgestone annuncia le specifiche degli pneumatici per i prossimi Gran Premi di Formula Uno, f1grandprix.it, 27 aprile 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  18. ^ La BMW avra' il doppio diffusore in Turchia, f1grandprix.it, 27 maggio 2009. URL consultato il 29 maggio 2009.
  19. ^ La Brawn Gp in Turchia con una nuova ala anteriore, f1.gpupdate.net, 3 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  20. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  21. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  22. ^ Sessione di prove libere del sabato
  23. ^ Sessione di qualificazione
  24. ^ Pesi monoposto Gp di Turchia
  25. ^ Risultati del GP

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2009
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2008
Gran Premio di Turchia
Edizione successiva:
2010
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1