Williams FW31

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Williams FW31
Nakajima 2009 Spain.jpg
Nakajima al Gran Premio di Spagna
Descrizione generale
Costruttore bandiera  WilliamsF1
Sostituisce Williams FW30
Sostituita da Williams FW32
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Toyota RVX-09 2.4 L V8
Trasmissione 7 marce + 1 retro
Dimensioni e pesi
Peso 605 kg
Altro
Pneumatici Bridgestone
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2009
Piloti 16. Nico Rosberg
17. Kazuki Nakajima
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
17 0 0 1

La Williams FW31 è una vettura di Formula 1, con cui il team britannico affronta il campionato 2009. È stata presentata al Autódromo Internacional do Algarve il 19 gennaio 2009.

Test[modifica | modifica wikitesto]

Il design della FW31 nella zona del diffusore che ha causato una controversia successivamente chiarita con decisione della FIA.

Le soluzioni tecniche adottate nella zona del diffusore posteriore portano a un reclamo ufficiale di Renault, Red Bull e Ferrari. Tale reclamo coinvolge oltre la FW31 anche le vetture presentate da Brawn GP e Toyota.[1] I commissari sportivi in Australia rigettano il ricorso: la FW31 è al via del primo gran premio stagionale senza modifiche, così come le altre monoposto "sospette".[2]

Stagione 2009[modifica | modifica wikitesto]

La stagione si apre in Australia con Nico Rosberg che conquista la quinta piazza nelle qualifiche e Nakajima la tredicesima. In gara Rosberg chiude sesto cogliendo il secondo gpv in carriera (il 130esimo della Williams). In Malesia Rosberg parte sesto e, grazie ad un'ottima partenza, conquista subito la testa della corsa, conducendo per 15 giri la gara che poi viene rivoluzionata dall'arrivo della pioggia. Il pilota tedesco è, alla fine, ottavo e conquista così un mezzo punto, visto che la gara viene interrotta prima del raggiungimento del 75% della distanza originaria. Nakajima è dodicesimo.

Il 15 aprile la FIA rigetta il ricorso contro le soluzioni tecniche adottate da Brawn GP, Williams e Toyota. Le classifiche del gran premio della Malesia e di quello d'Australia vengono così definitivamente confermate[3][4]. In Cina[5], sotto la pioggia, e in Bahrain[6] le Williams non ottengono un buon risultato: entrambe finiscono fuori dalla zona punti. Dal GP di Spagna, invece, la squadra inizia ad portare significativi aggiornamenti meccanici ed aerodinamici ad ogni gara. Le prestazioni della Williams subiscono così un lento ma continuo miglioramento, testimoniato dagli 8 arrivi a punti consecutivi di Nico Rosberg.

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda) (I risultati in Grassetto indicano una pole position; i risultati in Corsivo indicano un giro più veloce)

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2009 AT&T Williams Toyota RVX-09 2.4 V8 B Germania Rosberg 6 8 15 9 8 6 5 5 4 4 5 8 16 11 5 Rit 9 34,5
Giappone Nakajima Rit 12 Rit Rit 13 15 12 11 12 9 18 13 10 9 15 Rit 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Official Complaint against Diffusers
  2. ^ BBC SPORT | Motorsport | Formula 1 | Date set for F1 diffuser appeal
  3. ^ Il tribunale rifiuta l'appello, it.f1-live.com, 15 aprile 2009. URL consultato il 15 aprile 2009.
  4. ^ La FIA rende nota la decisione sui diffusori, f1.gpupdate.net, 20 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2009.
  5. ^ Williams F1: Un weekend anonimo in Cina, f1grandprix.it, 19 aprile 2009. URL consultato il 23 aprile 2009.
  6. ^ Niente punti per Nico e Kazuki, it.f1-live.com, 26 aprile 2009. URL consultato il 27 aprile 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1