Marussia MR01

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marussia MR01
Charles Pic 2012 Malaysia FP1.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Marussia F1 Team
Categoria Formula 1
Squadra Marussia F1 Team
Sostituisce Virgin MVR-02
Sostituita da Marussia MR02
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Cosworth CA2011
Altro
Carburante BP
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2012
Risultati sportivi
Debutto Australia Gran Premio d'Australia 2012
Piloti 24. Germania Timo Glock
25. Francia Charles Pic
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
20 0 0 0

La Marussia MR01 è una vettura di Formula 1 costruita dalla scuderia Marussia F1 Team, per partecipare al Campionato del Mondo 2012. Essa rappresenta la prima vettura per questo team, dopo il passaggio di proprietà alla casa automobilistica russa Marussia Motors, avvenuto nel 2011. I piloti sono il tedesco Timo Glock e il francese Charles Pic, al debutto in F1.

Il debutto è avvenuto sul Circuito di Silverstone il 5 marzo.[1]

Livrea e sponsor[modifica | modifica sorgente]

La vettura ha una livrea nera con un'ampia fascia rossa. Lo sponsor principale, da quest'anno, è la Marussia Motors, che tra l'altro dà il nome al team.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2012#Modifiche al regolamento.

A differenza della VR-01 e della MVR-02, le prime due monoposto costruite dalla scuderia, col vecchio nome, la MR01 non è stata interamente disegnata col sistema CFD. Nel fine settimana del Gran Premio di Gran Bretagna 2011 venne annunciata la firma di un patto di partenariato tecnologico tra la Virgin e la McLaren. La Virgin avrebbe avuto accesso al banco prova della McLaren al simulatore e alla sua galleria del vento. I tecnici della McLaren sarebbero stati inseriti nella struttura tecnica della Virgin. Tale accordo è rimasto in vigore con il cambio di denominazione.[2] Il 29 settembre 2011 la scuderia dispose di un modello in scala ridotta 6/10 per delle prove nella galleria del vento della McLaren. La vettura non dispone di KERS.[3] Come la McLaren MP4-27 la monoposto non presenta lo scalino sul musetto. La vettura è equipaggiata con motore Cosworth.

Piloti[modifica | modifica sorgente]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Germania Timo Glock 24
Francia Charles Pic 25
Collaudatori
Nazione Nome
Spagna María de Villota
Regno Unito Max Chilton

Nel team russo viene indicata come test driver la spagnola María de Villota. Figlia d'arte, suo padre Emilio de Villota ebbe qualche presenza in Formula 1 tra il 1976 e il 1983, è la prima donna pilota in Formula 1 dai tempi di Giovanna Amati, che tentò di qualificarsi in tre gran premi con la Brabham-Judd nel 1992.[4]

Dal Gran Premio del Giappone il pilota britannico Max Chilton è nominato pilota di riserva alla Marussia. Chilton ha chiuso al quarto posto nella GP2 Series.[5]

Stagione 2012[modifica | modifica sorgente]

Test[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Test F1 2011-2012.

A causa nel ritardo nel passare i crash-test obbligatori la vettura non partecipò a nessuno dei test previsti prima della stagione.[1]

Campionato[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2012.

La vettura si rivelò ben presto poco competitiva, contendendo alla HRT le ultime due file dello schieramento. Nelle qualifiche del Gran Premio d'Inghilterra, il francese Charles Pic non riuscì neppure a segnare un tempo sotto il 107%, ma fu comunque ammesso alla gara. Nel Gran Premio di Singapore, tuttavia, Glock tagliò il traguardo in dodicesima posizione, sfruttando lo svolgimento piuttosto rocambolesco della gara e conquistando il miglior risultato nella storia della scuderia, che poté così sopravanzare la Caterham nella classifica costruttori.

Nelle gare successive i piloti non ottennero risultati degni di nota, ad eccezione di un quattordicesimo posto di Glock nel Gran Premio di Abu Dhabi. Ciononostante la Marussia rimase davanti alla Caterham nel campionato costruttori fino all'ultima gara della stagione, il rocambolesco Gran Premio del Brasile, caratterizzato da diversi scrosci d'acqua che rimescolarono l'ordine del gruppo. Nelle fasi iniziali di gara Glock occupò anche le posizioni di vertice, arrivando fino al settimo posto; la gara del pilota tedesco fu, però, compromessa da un tamponamento di Jean-Éric Vergne. Pic lottò a lungo con Vitalij Petrov, ma a poche tornate dalla conclusione il russo ebbe la meglio, consegnando alla Caterham un undicesimo posto sufficiente a sopravanzare la Marussia in classifica. La scuderia russa chiuse quindi in undicesima posizione, con 0 punti.

Risultati F1[modifica | modifica sorgente]

(Legenda) (I risultati in Grassetto indicano una pole position; i risultati in Corsivo indicano un giro più veloce)

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
2012 Marussia F1 Team Cosworth CA 2012 P Germania Glock 14 17 19 19 18 14 Rit SP 18 22 21 15 17 12 16 18 20 14 19 16 0 11º
Francia Pic 15 20 20 Rit Rit Rit 20 15 19 20 20 16 16 16 Rit 19 19 Rit 20 12

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b La Marussia ha passato gli ultimi crash test in gpupdate.net, 6 marzo 2012. URL consultato il 12 aprile 2012.
  2. ^ Accordo tecnico fra Virgin e McLaren in 422race.com, 7 luglio 2011. URL consultato il 7 luglio 2011.
  3. ^ (EN) No Formula 1 KERS kit or big jump for Marussia Virgin in 2012 in F1SA.com, Formula One Supporters Association, 29 settembre 2011. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  4. ^ Maria de Villota test driver della Marussia in gpupdate.net, 7 marzo 2012. URL consultato l'8 marzo 2012.
  5. ^ Max Chilton nominato riserva dalla Marussia, omnicorse.it, 20 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]